Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

! MONDO IN GUERRA 3!!

No description
by

susanne lenz

on 20 September 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of ! MONDO IN GUERRA 3!!

IL MONDO IN GUERRA
Giacomo Balla
USA
TERRITORIO:

Gli Stati Uniti affacciano su 2 oceani: oceano Atlantico e Pacifico. Con 9,37 milioni di km3 in totale e circa 318,9 milioni di abianti, gli Stati Uniti sono il quarto paese più grande per superficie e il terzo per popolazione. La geografia e il clima degli Stati Uniti sono molto vari, con deserti, pianure, foreste e montagne che sono anche sede di una grande varietà di fauna selvatica.
La Prima Guerra Mondiale
La France pendant la Première Guerre mondiale
CAUSA PRINCIPALE:
Attentato a Sarajevo, con l’assassinio dell’erede al trono austro-ungarico Francesco Ferdinando da parte di un indipendentista slavo.
LO SCOPPIO DELLA GUERRA:
L’Austria mandò immediatamente un ultimatum alla Serbia, la quale rifiutò di scendere a patti; quindi le fu dichiarata guerra il 28 luglio del 1914.
ALLEANZE:
TRIPLICE INTESA: Inghilterra, Francia, Russia.
TRIPLICE ALLEANZA: Germania, Austria.



INVASIONE DELLA FRANCIA DA PARTE DELLA GERMANIA;
L'INGHILTERRA DIFENDE LA FRANCIA;
SCOPPIA LA GUERRA DI TRINCEA.
IL RUOLO DELL'ITALIA:
L'Italia era neutrale, ed era divisa in 2 parti: da una c'erano gli interventisti e dall'altra i neutralisti. Il 26 aprile 1915, l'Italia si unì segretamente alla Triplice Intesa, stipulando il Patto di Londra, e, il 23 maggio di quello stesso anno, entrò in guerra.
1917
Ingresso Stati Uniti in Guerra;
ritiro della Russia, impegnata nella
sua rivoluzione;
sconfitta di Caporetto.

1918 FINE CONFLITTO
STORIA:

Gli Stati Uniti nacquero dalle 13 colonie inglesi situate lungo la costa atlantica. Le controversie tra la Gran Bretagna e le colonie americane hanno portato alla rivoluzione americana. Il 4 Luglio 1776 i delegati delle 13 colonie hanno emesso la dichiarazione di indipendenza, che ha dato ufficialmente vita agli Stati Uniti d'America.
ECONOMIA:

Il settore primario, ossia l'agricoltura è molto meccanizzata e ha un'elevata produttività. L'allevamento e la pesca sono molto redditizi. Il settore secondario, ossia l'industria, è all'avanguardia. Punti di eccellenza sull'industria Aereonautica, Aereospaziale, Informatica e Elettronica. Nel settore terziario è notevole l'influenza turistica.

Gabriele D' Annunzio
Il 12 marzo 1863 nasce a Pescara il grande poeta Gabriele D' Annunzio. Compie gli studi da liceale a Prato fino al 1881, e, in quello stesso anno, si trasferisce a Roma, dove conduce una vita sontuosa e piena di scandali.


L'Energia

Il Petrolio
Il Jazz
The First World War

Il Calcio

La Costituzione Italiana
1889
Pubblica "Il Piacere".
1892
D'Annunzio scopre la teoria di
Nietzsche.
1897
Si fa eleggere deputato della Destra
per poi passare alla Sinistra.
1910
Si trasferisce in Francia fino al 1915.
1938
Muore.

1915
Con l'entrata in guerra dell'Italia si
mostra intervenista.
1919
Compie l'impresa di Fiume per
denunciare l'insoddisfazione
dell'Italia dopo i trattati di pace.
IL VENTO SCRIVE

Su la docile sabbia il vento scrive con le penne dell'ala; e in sua favella
parlano i segni per le bianche rive.

Ma, quando il sol declina, d'ogni nota
ombra lene si crea, d'ogni ondicella,
quasi di ciglia su soave gota.

E par che nell'immenso arido viso
della pioggia s'immilli il tuo sorriso

Gabriele D’Annunzio

Parafrasi:
Il vento, con le sue ali, scrive sulla sabbia e le ondicelle che si vengono
a creare sono le "parole" del suo linguaggio.
Quando il Sole tramonta si creano delle ombre leggere come quelle proiettate dalle ciglia sulle guance. E, fra la pioggia, sembra che si molti-
plichi infinite volte il tuo sorriso.
Personificazione: “Il vento scrive con le penne dell’ala”.
Similitudine: “Quasi di ciglia su soave gota” e “s’immilli il tuo sorriso”.

Giacomo Balla nasce a Torino nel 1871; studia violino e comincia molto presto a disegnare e a dipingere. Intorno al 1891 frequenta per alcuni mesi l'Accademia Albertina. Al 1894 risale il primo dipinto conosciuto, un autoritratto. Nel 1895 si trasferisce a Roma con la madre, dopo una breve parentesi parigina. Nella capitale inizia a esporre regolarmente nell'ambito mostre degli "Amatori e Scultori". La sua pittura è inizialmente caratterizzata da una forte ispirazione sociale e da una tecnica divisionista. Nel 1913 mette all'asta tutte le sue opere figurative e annuncia: "Balla è morto. Qui si vendono le opere del fu Balla". Muore nel 1958 a Roma.
"Dinamismo di un cane al guinzaglio"
Questo quadro è stato realizzato da Giacomo Balla nel 1912 con la tecnica dell'olio su tela. Il protagonista di questo quadro è il cane, condotto al guinzaglio dalla padrona. Si rappresentano le diverse immagini assunte durante le fasi del movimento dalle varie parti del corpo del cane e della padrona: la coda, le zampe, il guinzaglio ed i piedi. Oggi, lo si può ammirare nella Albright-Knox Art Gallery di Buffalo, negli Stati Uniti d'America.

Molti milioni di anni fa esistevano sulla Terra numerosi mari interni, lagune, golfi. In questi specchi d'acqua tranquilla vivevano i piccoli organismi vegetali e animali che oggi chiamiamo plancton. Questi micro-organismi sono stati ricoperti dalle sabbie e dalle argille trasportate ai fiumi, che si sono trasformate in rocce sedimentarie. Sepolti negli strati di roccia, sono scesi con esse a grandi profonità, schiacciati dai nuovi strati che si formavano. Il plancton, sottratto al contatto con l'aria, si è trasformato un pò alla volta in idrocarburi, sostanze oleose formate da idrogeno e carbonio.
Il petrolio, ovvero "olio di pietra", è un liquido denso e oleoso, di colore variabile dal nero al giallo bruno, con peso specifico inferiore a quello dell'acqua. Il petrolio greggio è un miscuglio di idrocarburi, costituiti soprattutto da carbonio e, in parte, da idrogeno. Il petrolio non si usa direttamente, ma viene "frazionato" nei suoi componenti, cioè benzina, gasolio, kerosene, gas etc. che sono combustibili. Il petrolio greggio si misura in barili ( 1 barile=159 litri ).
Come si forma il
petrolio
Dalla savana del Kenia ai sentieri che solcano la catena dell'Atlante in Marocco; dall'altopiano della Patagonia al calore dell'India meridionale seguiamo Jackson, Zahira, Carlito e Samuel, quattro bambini con il desiderio di imparare. Per soddisfare questo desiderio (e come milioni di loro coetanei nel mondo) affrontano, nella maggioranza dei casi quotidianamente, percorsi lunghissimi e spesso pericolosi. Ognuno di loro ha un sogno di emancipazione che nessun ostacolo può frenare: Jackson, 10 anni, percorre, mattina e sera con la sorellina, quindici chilometri in mezzo alla savana e agli animali selvaggi; Zahira, 11 anni, che percorre una giornata di faticoso cammino per raggiungere la scuola in cui resterà per una settimana, con le sue due amiche; Samuel, 11 anni, ogni giorno viaggia in India per otto chilometri, anche se non ha l'uso delle gambe, spinto nella sua carrozzina dai due fratelli minori; e Carlito, 11 anni, attraversa le pianure della Patagonia a cavallo per oltre venticinque chilometri, portando con se la sua sorellina.
CASO DI STUDIO: "Vado a scuola", un film di Plisson
Il jazz è un genere musicale nato negli Stati Uniti, tra l'ottocento e il novecento dall'incrocio di canti di lavoro africani, portati in America come schiavi, e cultura di coloni bianchi. Siamo nel tempo in cui i neri venivano trattati come schiavi, senza alcun diritto civile, gli era permesso solamente intonare canti nelle ore di lavoro (work song). Questi canti servivano anche come ulteriore sfogo e spesso avevano funzioni responsoriali: succedeva che una persona intonando una frase faceva scattare una serie di risposte ritmate. Gli unici che trattavano con un po' di umanità i neri erano i pastori protestanti che cercavano di convertirli alla religione cristiana. È da qui che nascono altri tipi di canti, i canti religiosi o meglio conosciuti con il nome di “gospel song” e gli “spirituals”, ispirati alla Bibbia. I neri riprendevano spunto dai versi della Bibbia per i loro canti, spesso capitava che vi aggiungevano motivi sincopatici, parole dialettali e motivi improvvisati.
Louis Armstrong
Louis Armstrong nasce il 4 agosto 1901 a New Orleans.
Ha un’infanzia difficile – il padre abbandona la famiglia quando è appena nato per poi farlo crescere con la nonna materna– la passione per la musica si manifesta fin da subito, incominciando a suonare in un gruppo all’età di undici anni. Studia musica in riformatorio, dove viene mandato in seguito al furto di un fucile e, una volta in libertà, riesce a entrare nelle simpatie del musicista Joe "King" Oliver, di cui prende il posto nella the Kid Ory Band quando costui si trasferisce a Chicago. Armstrong ha la sua prima hit nel 1926 con "Muskrat ramble" per poi diventare ancora più conosciuto grazie al suo gruppo Louis Armstrong & His Stompers. Nel 1964 riesce a raggiungere un altro successo con la canzone principale del musical Hello, Dolly!, brano che vince anche un Grammy come “best vocal performance”. Questi consensi vengono ripetuti quattro anni più tardi con "What a wonderful world", che conquista la vetta della classifica nell’aprile del 1968. All’inizio degli anni Settanta dirada le esibizioni dal vivo: muore all’età di 69 anni il 6 giugno 1971.
La notte di Natale 1914, nelle trincee del fronte occidentale (Francia e Belgio) ci fu una tregua. Si trattò di una eccezionale circostanza dettata dalla spontaneità di un sentimento di fratellanza universale, più forte persino del rombo dei cannoni. Non la ordinarono i comandi supremi che, invece, fecero di tutto per condannarla ed accertarsi che mai più si ripetesse in futuro. Soldati britannici e tedeschi scelsero di attuare un "cessate il fuoco" momentaneo. A Ypres, nelle Fiandre, la tregua di Natale andò oltre e partorì l'impensabile: una partita di calcio!
Il calcio fu inventato verso la fine del 1800 in Inghilterra. Fu inserito nelle discipline olimpiche alle Olimpiadi di Londra nel 1908. Nel 1930 si disputarono i primi campionati del mondo; a vincerli fu l’Uruguay. Il Calcio è uno sport a squadre praticato all'aperto, su un campo rettangolare, da due squadre composte da undici giocatori, di cui uno è il portiere, che tentano di far entrare nella porta avversaria un pallone. Vince la squadra che realizza il maggior numero di reti nel tempo concesso, di regola due periodi di 45 minuti più eventuale recupero. Si ottiene un goal quando il pallone, toccato regolarmente, supera la linea di fondo passando tra i pali e sotto la traversa della porta. Il pallone può essere giocato di piede e di testa. Solo il portiere può usare le mani, all'interno della cosiddetta area di rigore. Gli altri giocatori possono farlo solo per rimettere in gioco la palla uscita lateralmente dal campo. A far rispettare le regole di gioco provvede un arbitro, assistito da due guardalinee e dal cosiddetto "quarto uomo", che in caso di impedimento dell'arbitro può sostituirlo e che, allo scadere dei due tempi regolamentari, segnala da bordo campo, tramite una tabella luminosa, i minuti di recupero decisi dall'arbitro.
Sono molte le ragioni per cui la Prima Guerra Mondiale si differenziò
da tutte quelle che la precedettero. Per la prima volta furono coinvolte,
in un conflitto nato nel cuore dell'Europa, anche le potenze extra-europee, come Giappone e Stati Uniti. Fu caratterizzata dall'utilizzo
da parte di tutte le nazioni coinvolte di uno spiegamento di forze
senza precedenti e dall’utilizzo di nuove armi: gli aerei, carri armati
e sottomarini. Ma il motivo principale che differenziò la Prima
Guerra Mondiale da tutti gli altri conflitti antecedenti furono gli
effetti: si trattò proprio di una guerra “totale”, che coinvolse
tutta la compagine degli Stati belligeranti: non solo a livello
bellico, ma anche economico, amministrativo e politico.

L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. L'energia può essere di due tipi: cinetica e potenziale. Si parla di energia potenziale se un corpo può compiere un lavoro in base alla sua posizione, si parla invece di energia cinetica se un corpo compie un lavoro in quanto è in movimento. Esistono varie forme di energia: elettrica, meccanica, termica, nucleare etc. per tutte queste vale la legge della conservazione dell'energia: L'energia non si crea e non si distrugge. Essa può trasformarsi da una forma all'altra, può trasferirsi da un corpo all'altro, ma la sua quantità totale rimane invariata. In tutte queste trasformazioni di energia, una parte si degrada sempre sotto forma di calore. Chiamiamo fonte di energia tutto ciò che con opportuni procedimenti può produrre energia. Le fonti di energia non rinnovabili sono quelle materie prime, combustibili fossili e materiale radioattivo, che vengono estratte dalla Terra dove sono presenti in quantità enorme, ma pur sempre limitata. I combustibili fossili sono sostanze di origine organico-biologica presenti nel sottosuolo, dove si sono accumulate con un processo di lenta trasformazione durato milioni di anni.
Il Mondo in Guerra
(Prima Guerra Mondiale)

La Conferenza di Pace di Parigi penalizzò duramente i paesi perdenti, in particolar modo la Germania, facendo prevalere gli interessi delle due potenze europee: Francia ed Inghilterra. All’Italia furono concessi i territori di Trentino, Alto Adige, Trieste ed Istria. Nacquero nuove realtà territoriali e politiche: l’Ungheria, la Cecoslovacchia e la Jugoslavia. Rimase però sospesa la questione della città di Fiume; quindi, nel settembre del 1919, un gruppo di volontari guidato dal poeta Gabriele D’Annunzio, prese possesso della città. In seguito, la città di Fiume venne liberata con il trattato di Rapallo, stipulato tra Italia e Jugoslavia.
La Globalizzazione
Con il termine globalizzazione si indica il fenomeno di interdipendenze economiche, sociali, culturali, politiche e tecnologiche i cui effetti positivi e negativi hanno una rilevanza planetaria, tendendo ad uniformare il commercio, le culture, i costumi e il pensiero. Si determina quindi una decisa convergenza economica e culturale tra i Paesi del mondo.
Movimento new-global, Movimento no-global o movimento anti-globalizzazione è una locuzione nata intorno al 1999 che indica un insieme di gruppi, organizzazioni non governative, associazioni e singoli individui accomunati dalla critica all'attuale sistema economico neoliberista.
La critica principale del movimento è volta verso le multinazionali: secondo gli aderenti, il loro potere è così forte da condizionare le scelte dei singoli governi verso politiche non sostenibili da un punto di vista ambientale ed energetico, imperialiste, non rispettose delle peculiarità locali, e dannose per le condizioni dei lavoratori.
"Con l'entrata in guerra, gli italiani scoprirono per la prima volta l'appartenenza a un unico destino di popolo.
I soldati italiani, in maggioranza contadini, provenienti da storie e regioni diverse, scoprirono per la prima volta, nel senso del dovere, nella silenziosa rassegnazione, nella condizione di precarietà, l'appartenenza a un unico destino di popolo e di nazione.
Oggi i popoli che si scontrarono durante la Prima guerra mondiale sono "legati da saldi vincoli di amicizia e di collaborazione e dal comune futuro europeo."
Così il nostro attuale Presidente della Repubblica, Mattarella, ha commentato durante una cerimonia per il Centenario dell'entrata in guerra dell'Italia.
The first World War was fought by a lot of countries; it started in 1914 and it ended in 1918 and more than 40 milion people were killed! It started because the Archduke Francis Ferdinand, who was the heir to the Austro-Hungarian throne, was killed in june 1914. This provoked a series of events that meant France, Italy, the USA and Japan fought aganist Austria-Hungary, Germany, Bulgaria and Turkey. It was the first war where aereoplanes and submarines were used. It was mostly fought in Europe and the battles happened on different fronts. The Western Front was where most of the fighting between Germany and the Allies happened. On this front there was a large system of trenches where the soldiers would stay when they had to fight. The Estern Front was in Cetral and Eastern Europe. The war was ended by the signing of many different treaties, the most important was the Treaty of Versailles in 1919.
Lorsque la France entra en guerre dans l'août de 1914 peuple français s'unit dans la défense du pays, en mettant de côté les âpres conflits sociaux et politiques des décennies précédentes. Les armées allemandes avancèrent jusqu'à peu à de kilomètres de Paris avant être repoussées dans la bataille du Marne, au début de septembre.
Dans les quatre ans qui suivirent, les opérations militaires sur le front occidental eurent un impressionnant coût en vies humaines. À la fin de 1914 la France comptait 300.000 morts et au-delà de 600.000 entre des blessés, des prisonniers ou dispersés. Après je hésite désastreux de l'offensive du printemps de 1917, parmi les divisions françaises on répandit la désertion, pendant que dans le pays ils croissaient les malaises produites de la guerre, des grèves et des demandes d'une négociation de la paix. Le général Henri-Philippe Pétain et un nouveau Cabinet guidé de Georges Clemenceau réussirent à étouffer le défaitisme et à continuer la guerre.
Attualità: Il ricordo dell'entrata in guerra
La Costituzione della Repubblica italiana è stata emanata dalla Costituente il 22 dicembre 1947, con 453 voti a favore e 62 contro. L'Assemblea Costituente è stata eletta dal suffragio universale il 2 giugno del 1946 in seguito ad un referendum per l'abolizione della monarchia. La Costituzione è entrata in vigore il 1° gennaio 1948, un secolo dopo l’emanazione dello Statuto Albertino.
I primi 12 articoli della nostra Costituzione contengono i Principi fondamentali sui quali si basa la vita politica, economica e sociale dello Stato italiano.
Dall’art. 13 all’art. 54 sono trattati i diritti e i doveri dei cittadini (Parte I): rapporti civili, etico-sociali, economici e politici.
Dall’art. 55 all’art. 159 è trattato l’ordinamento della Repubblica (Parte II): Parlamento, Presidente della Repubblica, Governo, Magistratura, Autonomie locali, Garanzie costituzionali.
La Costituzione si chiude con le disposizioni transitorie e finali (Art. I - XVIII).


Full transcript