Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

DADAISMO

No description
by

Sofia Polesel

on 5 March 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of DADAISMO

NONSENSO


non vuol dire nulla, nato aprendo a caso un vocabolario tedesco-francese
DADA è tutto e niente.
È libertà di essere dada e libertà di non esserlo.
È gioco e paradoso.
È arte e negazione dell’arte.
"Dichiaro che Tristan Tzara trovò la parola 'dada' l'otto febbraio 1916 alle sei di sera. Ero presente con i miei dodici figli quando Tzara pronunciò per la prima volta questa parola, che destò in noi un legittimo entusiasmo. Ciò accadeva al Cafè de la Terrasse di Zurigo, mentre portavo una brioche alla narice destra."

Hans Arp
Definizione
Obiettivi del dada:

• Negare qualsiasi valore del passato

• Riscattare l’umanità dalla follia della guerra

• Ridare la forza agli uomini di essere di nuovo uomini e non folli assassini

• Rifiutare ogni atteggiamento razionalistico

• Distruggere l'arte e crearne una nuova

Il suo inizio
canzonette ironiche, musica africana, poesie urlate in tedesco, francesce e inglese, balli surrealistici mascherati, distruzione di
opere d'arte

Rapporto col futurismo
Le serate al Cabaret Voltaire
Analogie:
l’intento di stupire con manifestazioni inusuali e provocatorie
l’intento dissacratorio e la ricerca di meccanismi nuovi del fare arte
Differenza: l’atteggiamento nei confronti della guerra.

Gli artisti
Ritratto di Tristan Tzara, 1916
Rilievo in legno picromo, 40x32, 5x9.3 cm, Zurigo, Kunsthaus
Ruota di biciletta, 1913
Marcel Duchamp
L.H.O.O.Q., 1919
Ready-made rettificato: La Gioconda con i baffi, 19x12 cm., New York
Fontana, 1916
Orinatorio in porcellana, altezza 61 cm., Londra, Tate Galle
Man Ray
Cadeau, 1921 (1917)
Ready-made rettificato: ferro da stiro con 14 chiodi saldati sulla piastra, altezza 17cm., Gerusalemme, Israel Museum
Violon d'Ingres, 1924
Forografia alla gelatina d'argento modificata
in fase di stampa, 30x24 cm., Los Angeles, The J. Paul Getty Museum
Hans Arp
Nato a Strasburgo nel 1887
Studia presso l'Accademia a Weimar e a Parigi
Influenze astratte
Legge del caso
Morto a Basilea nel 1966

Nato a Blainville 1887
Lavora in ambienti cubisti e futuristi a Parigi e New York
Carattere complesso e irrequieto
1913 ready-made = “prefabbricato” oggetti vita comune in arte
Provocazione = riproporre tali oggetti come oggetti d’arte
Muore Neuilly-sur-Seine nel 1968

Ready-made, 128x42x63cm.
New York, MOMA
http://www.arte.rai.it/articoli/duchamp-a-ruota-libera/23542/default.aspx
Nato a Filadelfia nel 1890
porta il dada al limite del nonsenso
architetto, creatore della fotografia astratta (solo camera oscura) e regista
Morto a Parigi nel 1976
Rrose Sélavy (Duchamp), 1920
http://www.sothebys.com/en/news-video/videos/2014/10/surreal-life-man-ray.html
ARTISTI
Robert Raushenberg (1925-2008)
studia a Parigi e a New York
nel 1954 conosce Jasper Johns
è l'icona del New Dada
Nel 1953 nascono i: combine-paintings
( assemblaggi di oggetti e materiali di varia natura)
fusione di pittura e scultura
Surrealismo
- Evoluzione del dadaismo;
- Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale;
-coinvolge arti visive, letteratura e cinema;
-principale teorico Andrè Breton che scrive il primo Manifesto surrealista nel 1924;
- Interpretazione dei sogni di Freud;

Prima definizione data di surrealismo:

« Automatismo psichico puro, attraverso il quale ci si propone di esprimere, con le parole o la scrittura o in altro modo, il reale funzionamento del pensiero. Comando del pensiero, in assenza di qualsiasi controllo esercitato dalla ragione, al di fuori di ogni preoccupazione estetica e morale. »

Il surrealismo è quindi quel processo in cui l'inconscio, quella parte di noi che emerge durante i sogni, emerge anche quando siamo svegli e ci permette di associare parole, pensieri e immagini senza freni inibitori e scopi.

La caratteristica comune a tutte le manifestazioni surrealiste:
la critica alla razionalità e la liberazione delle potenzialità immaginative dell'inconscio per il raggiungimento della sur-realtà;

Il Surrealismo è la più "onirica" delle manifestazioni artistiche perché dà accesso a ciò che sta oltre il visibile;

Inoltre esso comprende immagini nitide e reali ma accostandole tra di loro senza alcun nesso logico;

Pensiero surrealista:
ribellione alle convenzioni culturali e sociali, concepita come una trasformazione della vita, attraverso la libertà di costumi, la poesia e l'amore;




Tematiche principali :


amore: inteso come fulcro della vita
sogno e follia: considerati i mezzi per superare la razionalità
liberazione: dell'individuo dalle convenzioni sociali.


Tecniche principalmente usate :

cadavre exquis (cadavere squisito) collaborazione di più artisti, uno comincia l'opera tracciando un disegno, una figura, poi il foglio deve essere passato a tutti che a loro volta faranno una figura (utilizzata anche in ambito poetico)
frottage (strofinamento)
grattage (grattamento, raschiamento)
collage
assemblage
dripping (Pollock)
NEW DADA e NOUVEAU REALISME
Obiettivi e caratteristiche:
non valore solo al gesto
non divino e spirituale
no soluzioni raffinate
ma...
quotidiano
materiali di recupero
oggetti senza valore estetico esaltati da mezzi di comunicazione di massa

binomio OGGETTI-MEZZI
premesse artistiche e cuturali per POP-ART
Nato negli anni '50 negli Stati Uniti con:
mostra "Dada 1916-1923", nel 1952 a New York presso la Sidney Janis Gallery ( esposte numerose opere di Duchamp)

collezione di opere di Duchamp detenuta da Louis e Walter Arensberg ceduta nel 1954 al Philadephia Museum of Art
Nato in Europa nel 1960
Creatività e sensibilità dell'artista = autentico realismo e soggetti veri di un'opera
ARTISTI
Robert Raushenberg (1925-2008)
studia a Parigi e a New York
nel 1954 conosce Jasper Johns
è l'icona del New Dada
Nel 1953 nascono i: combine-paintings
( assemblaggi di oggetti e materiali di varia natura)
fusione tra pittura e scultura
Bed (letto), 1955, New York, Museum of Modern Art
modificazione radicale della funzione
Page 1, Paragraph 8, Paragraph 8 (stories)- 2000, Collezione privata
Gli artisti
Max Ernst
Joan Mirò
Renè Magritte
Salvador Dalì

Max Ernst
(1891-1976)
''La pittura al di là della pittura''
Nato a Colonia
Da dadaista a surrealista
Si trasferisce a Parigi
Internato in campo di prigionia francese allo scoppio della Seconda guerra
Sposa Peggy Guggenheim e si reca anche negli Stati Uniti
Dal 1953 è di nuovo in Francia fino alla morte.

Usa:
frottage (disegno o pittura basati sul principio dello sfregamento)
collage
decalcomania (''adesivi in serie'')
''Au premier mot limpide'' 1923
''La vestizione della sposa'' 1940
Joan Mirò (1893-1983)
''Quando dipingo accarezzo quello che faccio''
Nasce a Barcellona
Si reca a Parigi nel 1920
Vive tra Francia e Spagna
Nel 1924 aderisce al Surrealismo dopo aver conosciuto Breton
Divisionismo, Fauves, Cubismo e Espressionismo
Depressione durante la guerra, unico scopo di vita la realizzazione di ''Costellazioni''
''Il carnevale di Arlecchino'' 1924-1925

''Ho cercato di plasmarvi le allucinazioni provocate dalla fame che soffrivo''

Ambientato dentro un atelier con vista su Tour Eiffel
Scala verso evasione dalla realtà
''Collage'' 1929
Renè Magritte
(1898-1967)
Il gioco sottile dei non sensi
1929 anno di svolta nell'arte di Mirò
''rifiuto di fare cose belle''

antidipinto: forma di collage che fa uso di materiali inconsueti e sgradevoli a tatto e olfatto.
inserzione di figure dai rotocalchi
tecnica del "transfer"
''La scala dell' evasione'' 1940
metodo automatico di pittura
sfondo = risultato pulitura pennelli
tutti e 23 i dipinti sono tra loro collegati a livello cromatico
forme riconoscibili
margini dell' astrattismo
JASPER JOHNS (1930)
''Blu III''
studia alla University of South Carolina
nel 1949 si reca a New York e si iscrive all'Hunter College
nel 1954 conosce Rauschenberg (con il quale lavora come vetrinista)
nel 1959 incontra diretta Duchamp
Si concentra sull'uso di oggetti elementari e sulle più semplici espressioni di comunicazione
Si sposta dal Belgio alla Francia e incontra a Parigi Breton e i Surrealisti
Ritorno in belgio nel 1930 per contrasti con Breton
Gruppo dei Surrealisti belgi


ricerca sul nonsenso delle cose
rapporti tra visione e linguaggio
creazione di situazioni inattese con valorizzazione di oggetti usuali
il protagonista non è l'inconscio ma la veglia
stile rigido e regolare
è richiamato un legame con l'Espressionismo, ma è prossimo all'Astrattismo
Flag (Bandiera) 1954-1955, New York, Museum of Modern Art
tecnica: encausto, olio, collage su tessuto su compensato
regolarià apparente perché le strisce sono tracciate con savature
sotto il colore sono incollati brendelli di quotidiani = elementi originali, autonomi
Incontro con l'opera di de Chirico
''L'uso della parola'' 1928-1929
differenza tra oggetto reale e la rappresentazione
proprietà e caratteristiche differenti
equivoco quotidiano causato dalla convenzione che lega ogni oggetto a un nome
uso del corsivo come le tavole scolastiche
contraddizione che genera uno shock
oltre all'arte in sé invita a riflettere sull'arte stessa
''La bella prigioniera'' 1947
Painting with Two Balls (Pittura con due palle), 1960, Filadelfia, Philadelphia Museum of Art
tre elementi: roccia, tela e tuba infuocata
alla tuba viene data una proprietà non sua
il dipinto mostra ciò che copre della spiaggia
paesaggio esiste simultaneamente
la tela riflette le fiamme della tuba
Le grazie naturali'' 1963
Salvador Dalì (1904-1989)

''Le grazie naturali'' 1963
colori violenti con pennellate rapide e quasi ansiose (c.f.r. Espressionismo astratto)
materiali: fogli di giornale incollati su supporto
titolo,data e nome scritti con monografi = impersonalità dovuta al consumismo
Nasce in Catalogna
Nel 1927 è a Parigi e conosce Picasso
Grazie all' amico Mirò entra a far parte dei Surrealisti ma mantiene un atteggiamento distaccato e altezzoso
Con lo scoppio della guerra si rifugia negli Stati Uniti dove crea il suo personaggio enigmatico e imprevedibile e diventa uno degli artisti più ricercati
Negli ultimi anni diventa schiavo del suo stesso personaggio
Muore nella natia Figueres
Il metodo paranoico-critico:
consiste nell'interpretazione e nella restituzione più diretta e impersonale possibile dei fenomeni deliranti.

“Durante l’intera giornata, seduto davanti al cavalletto fissavo la tela come un medium per vederne sorgere gli elementi della mia immaginazione. Quando le immagini si collocavano esattamente nel quadro io le dipingevo immediatamente, a caldo. Ma, a volte, dovevo aspettare delle ore e restare in ozio con il pennello immobile in mano prima di vedere nascere qualcosa”.


'' stipo antropomorfo'' 1936
''Giraffa infuocata'' 1936-1937
guerra civile spagnola
''Apparizione di un volto e di una fruttiera sulla spiaggia'' 1938
da paranoia a sogno
no contorni definiti
personaggi possono assumere i significati più vari
JEAN TINGUELY (1925-1991)
nasce a Friburgo in Svizzera
frequenta la Scuola di Arti Applicate di Basilea
nel 1953 si trasferisce a Parigi e successivamente conosce Duchamp
é influenzato dai "mobiles" di Calder
è uno dei fondatori del Nouveau Réalisme
Ingres, La Bagnante di Valpinçon, 1808. Olio su tela, 146x97cm., Parigi, Louvre.
Macchine celibi, L'Avanguardia, 1988, Basilea, Museum Tinguely
"Macchine Celibi":
sculture in grado di muoversi al pari di quelle di Calder
parlano il linguaggio disamonico e ruomoroso della contemporaneità
si muovono in maniera disarticolata (imprevedibili scatti e relazioni)
prime macchine criticano l'ossessione tipicamente moderna delle macchine tuttofare e l'ipnosi robotica di ascendenza settecentesca
materiali: metalli, maschere di carnevale di cartapesta, legno e motori
= messa a nudo dell'eloquenza delle avanguardie ( NO strombazzamenti, proclami, meccanismi di diffusione e linguaggio criptico e autoreferenziale)
moto delle macchine armonioso e leggero
capacità di combinazioni poetiche
https://cafegolem.wordpress.com/2012/05/13/poesia-tristan-tzara/
''Sogno causato dal volo di ape''

inconscio che comunica la puntura dell'ape
Gala
Full transcript