Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La Luna

No description
by

Annalaura Di Modugno

on 28 January 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La Luna

La Luna è il Satellite naturale della Terra.
Caratteristiche principali:

La Luna
Annalaura Di Modugno
Massa: 7,35x10^22
Forma: Ellissoide a tre assi
Densità: 3.3 g/cm^3
Gravità: 1/6 di quella terrestre
Perchè la Luna è priva di
Atmosfera
?
Data la bassa accelerazione di Gravità, è presente una bassa Velocità di fuga che non permette di trattenere le molecole le quali finiranno per disperdersi nello spazio. Ciò comporta:

L'impossibilità di riflettere la luce
E quindi il riscaldamento del suolo lunare circa a 110°C
Sbalzo di temperatura, la notte si raggiunge -150°C
Potere riflettente circa il 7%
Il Paesaggio Lunare
Caratterizzato da una vasta presenza di "
Mari
" ovvero aree ampissime a fondo piatto copriti da polveri miste, ceneri e detriti che prende il nome di
Regolite
. I mari coincidono con le parti "scure" rivolte verso i nostri occhi quando osserviamo la Luna. Le parti "Chiare" sono le
terre alte
che coprono circa l'85% del suolo lunare e comprendono:
Altitudini (9000 m)
Crateri e Circhi
Solchi
Curiosi sono i rilevamenti dei
Mascon
(Mass Concentration) nei pressi dei bacini marini.
All'Interno...
Crosta
Mantello
Il Mantello è formato
da una
litosfera rigida
e da
un'astenosfera plastica.
Grazie a strumenti lasciati sul suolo lunare come i sismografi si è scoperta la presenza di
terremoti lunari
che si registrano periodicamente quando la Luna è alla minima e alla massima distanza dalla Terra (Fenomeno analogo a quello delle Maree).
Nucleo non metallico
Come ha avuto origine la Luna?
Le Ipotesi sull'origine lunare sono ben 4:
Ipotesi di Fissione
Durante la formazione del nucleo terreste, il materiale più pesante si sarebbe concentrato verso il centro del pianeta facendo aumentare la sua velocità di rotazione tanto da compiere 1 giro completo in sole 2,6 ore.
La Terra così da Sferoide prese la forma di una "Pera" schiacciata dalla cui strozzatura avrebbe dato origine alla Luna
Ipotesi di Cattura
Ipotesi di Accrescimento
Secondo la quale la Luna si sarebbe formata dopo la in un secondo momento grazie alle polveri, i corpi, ed il resto dei materiali in orbita attorno alla Terra, quindi come la formazione esemplare di ogni pianeta.
Ipotesi di Impatto
Origine dovuta ad un impatto catastrofico tra la Terra ed un corpo orbitante.
Questo impatto gigante avrebbe disintegrato il corpo così come metà del mantello terrestre che finì per creare la Luna grazie alla loro unione. La metà restate, invece, avrebbe inglobato i materiali disintegrati del corpo estraneo.
Ipotesi di Fissione
Cattura
Accrescimento
Impatto
L'ipotesi però spiega la diversa densità lunare ma non l'inclinazione dell'asse lunare e il funzionamento del sistema binario.
Secondo la quale la Luna sarebbe stata inizialmente un corpo indipendente e in un secondo momento passando nei pressi dell'orbita terrestre sarebbe stata catturata, appunto, da quest'ultima secondo le leggi di Keplero.
4 Miliardi
3.8 Miliardi
3.1 Miliardi
4.2 Miliardi
4.5 miliardi di anni fa
Periodo di bombardamento meteoritico
Questà calamità naturale investì tutti i pianeti interni del Sistema solare. Questi innumerevoli impatti scavarono bacini che in alcuni punti riuscirono a sfondare parti di crosta da dove fuoriuscivano imponenti masse di lava.
Seconda epoca di Vulcanismo
La fuoriuscita delle lave, diede inizio alla seconda epoca di vulcanismo. Il raffreddamento di queste formò i basalti che costituiscono le immense superfici dei "
Mari
", e che sono simili alle rocce che constituiscono i fondali oceanici sul nostro pianeta.
Periodo della quiescenza
Esso è l'ultimo stadio della storia della Luna e che attualmente vige.
Ebbe inizio quando la frequenza delle meteoriti nel Sistema solare diminuì così come gli impatti. Ciò permise il raffreddamento e l'aumento di spessore dell'involucro delle rocce fino ad arrivare ad uno spessore della litosfera di circa 1000 km rendendo difficile la fratturazione della crosta di eventuali impatti. Tutt'ora sono presenti piccoli fenomeni meteoritici ma la vitalità del nostro Satellite naturale si è ristretta ad una piccola parte interna tanto da considerare la Luna come un corpo "
morto
"
Origine e separazione della crosta lunare
Poco dopo avvenne la separazione della primitiva crosta lunare. Questa si formò grazie all'aggregazione violena dei frammenti che originarono la luna e che contribuirono al suo riscaldamento. Il
calore
fuse lo strato più esterno dove iniziarono a galleggiare le sostanze più leggere che con il tempo finirono per riscaldarsi e formale la crosta lunare
Prima epoca di Vulcanismo
Questo secondo stadio evolutivo è stato confermato grazie alla comparsa delle Brecce, un tipo di roccia legata alla fusione dell'interno della luna. Probabilmente il raffreddamento di queste rocce lunari sembra essere conseguente a gigantesche eruzioni superficiali e ad un bombardamente meteoritico.
La sua Evoluzione...
Moto di
traslazione
La Luna assieme al nostro pianeta gira attorno al Sole. Con questo ulteriore movimento, la curva descritta dalla Luna nello spazio si complica notevolmente, e viene definita come un ovale sinuoso chiamata
epicicloide.
Moto di
rivoluzione
I moti principali lunari sono:
Moto di
Rotazione
attorno al proprio asse
Moto di
Rivoluzione
intorno alla Terra
Il Sistema Terra-Luna
Moto di
Traslazione
assieme alla Terra intorno al Sole
Il movimento di rotazione ha
una durata di rotazione completa uguale a quella del
moto di rivoluzione. E' per
questo motivo che la Luna
rivolge alla Terra
sempre la stessa
faccia.
La rotazione non è uniforme per la sua forma
Ellissoidale e per le librazioni e librazioni
apparenti.
Senso antiorario
Varia la distanza della Luna da noi
Ellisse orbitale più schiacciato dove la Terra occupa uno dei due fuochi:
Apogeo = 407.000km
Perigeo = 356.000km
(E quindi anche la velocità)
Il piano dell'orbita lunare è inclinato di 5° ed
interseca il piano terrestre in due punti chiamati

Nodi.
Ultimo quarto
(o quadratura)
Plenilunio
Primo quarto
Novilunio
(o quadratura)
Le eclissi
Eclissi di Luna
Eclissi di Sole
Si verificano quando la Luna si trova in uno dei nodi durante il
plenilunio.
Si verificano quando la Luna si trova in uno dei nodi durante il
novilunio
. Essendo il cono d'ombra della luna molto più piccolo di quello della Terra, le eclissi di sole sono visibili solo in alcune parti del pianeta.
Entrambi i tipi di eclissi si verificano quando:
La Luna è in plenilunio o novilunio
interseca uno dei nodi
Acquisizioni recenti ed il futuro del nostro satellite.
Dalle analisi geochimiche eseguite sui campioni lunari si riscontra l'analoga del luogo d'origine della Terra e della Luna. Infatti quest'ultima, seppure chimicamente diversa dalla Terra nei suoi materiali possiede la stessa
composizione isotopica
dell'ossigeno dei materiali delle rocce terrestri. La composizione isotopica delle meteoriti, invece, è profondamente divesa. Quindi si sarebbero originate entrambe nel medesimo luogo.
Ipotesi sul futuro della Luna:
La luna si allontanerà dalla Terra fino a 75 raggi terrestri, poi si stabilizzerà.
La Terra incomincerà a ruotare velocissimo, PER L'EFFETTO GRAVITAZIONALE DEL SOLE SUL SISTEMA TERRA-LUNA, la Luna si avvicinerà per la forza di gravità e ne conseguirà la dissipazione dell'acqua degli oceani per il calore subito dall'energia di attrito.
Full transcript