Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Il Gattopardo

No description
by

Elizabeth Kimbell Hall

on 28 April 2010

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il Gattopardo

il gattopardo capitoli 7 e 8 Kimbell Hall i due tipi di morte la morte umana
la morte dell'aristocrazia la morte umana Quando ci incontriamo il principe... “...l’urto del suo peso da gigante faceva tremare l’impiantito e nei suoi occhi chiarissimi si riflesse, un attimo, l’orgoglio di questa effimera conferma del proprio signoreggiare su uomini e fabbricati.” (p. 32) “Non che fosse grasso: era soltanto immenso e fortissimo; la sua testa sfiorava (nelle case abitate dai comuni mortali) il rosone inferiore dei lampadari; le sue dita potevano accartocciare come carta velina le monete da un ducato...” (p. 33) la contemplazione della morte "...chiese a se stesso se la propria morte sarebbe stata simile a quella: probabile si, a parte che la biancheria sarebbe stata meno impleccabile..." (p. 223) "Don Fabrizio quella sensazione la conosceva da sempre. Erano decenni che sentiva come il fluido vitale, la facolta` di esistere, la vita insomma, e forse anche la volonta` di continuare a vivere andassero uscendo da lui lentamente ma continuamente..." (p. 235) la morte di un principe i realizzazioni finale
la scena della morte
l'impatto sulla famiglia "Ho settantatre anni, all'ingrosso ne avro' vissuto, veramente vissuto, un totale di due... tre al massimo. E il dolori, la noia, quanto erano stati? Inutile sforzarsi a contare: tutto il resto: settant'anni." (p. 245) disintegrazione totale dell’aristocrazia in Italia e l'ultima Salina l'ultima Salina il potere di Don Calogero, il sindaco
niente eredi volitivo ("Fabrizietto, il piu` giovane dei Salina, cosi bello, cosi vivace, tanto caro ... Tanto odioso." p. 241)
la disintegrazione della tradizione aristocratica "Perche' il significato di un casato nobile e` tutto nelle tradizioni, nei ricordi vitali; e lui era l'ultimo possedere dei ricordi inconsueti, distinti da quelli delle altre famiglie." (p. 241) ""Se vogliamo che tutto rimanga come e`, bisogna che tutto cambia." (p. 50) l'aristocrazia e la sicilia
Full transcript