Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina "L'effetto farfalla"

No description
by

Marco Scarfone

on 7 July 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina "L'effetto farfalla"

AUTORE
Pirandello (Girgenti, 28 giugno 1867 – Roma, 10 dicembre 1936) fu un drammaturgo, scrittore e poeta italiano, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934.​

I suoi temi di fondo sono:​

-Il contrasto tra illusione e realtà;​

-Le molteplici sfaccettature della verità, espresse col "sentimento del contrario";​

-L'assurdità della condizione dell'uomo, fissata in schemi precostituiti.

«Il battito delle ali di una farfalla in Brasile, può provocare una tromba d’aria nel Texas?»

Filosofia

"Non c'è nulla che spaventi di più l'uomo che prendere coscienza dell'immensità di cosa è capace di fare e diventare"​

L'uomo ha la possibilità di scegliere attraverso tre stadi dell'esistenza:

L'effetto farfalla

Il futuro è in un battito d'ali
Marco Scarfone Piccolo
5^G Liceo delle Scienze Umane "Contessa Tornielli Bellini"
Esame di Stato 2016
Edward Norton Lorenz
Storia
La grande depressione
Con il termine "grande depressione" si intende la crisi economica mondiale innescata dal crollo della Borsa di Wall Street a New York nell'ottobre del 1929

Le cause della crisi sono:​

1- L'ambiente in cui si è sviluppata, caratterizzato da un forte sviluppo economico e demografico e Wall Street come sede del mercato finanziario mondiale;​

2- La politica, i presidenti dal 1920 al 1932 accentuano il protezionismo e diedero mano libera all'iniziativa privata;​

3- L'economia, caratterizzata da un surplus di offerta di beni, da una ricchezza fittizia creata dal mercato finanziario e dalla facilità di ottenere crediti ​

Tutto ciò porta alla creazione di una bolla speculativa.


Di conseguenza: ​

1- La banca centrale americana suggerisce di non concedere prestiti e la restituzione dei prestiti esteri; ​

2- Sempre più persone ritirano i propri depositi; ​

3- La mancanza di liquidità riduce gli investimenti; ​

4- Il 24 ottobre 1929 milioni di azioni vengono venduti a prezzi sempre più bassi (giovedì nero); ​

5- Il 29 ottobre avviene il crollo della borsa (martedì nero). ​

La crisi si diffuse successivamente in tutti quei paesi che avevano stretti rapporti finanziari con gli Stati Uniti per le riparazioni di guerra.

New Deal

Roosvelt, il nuovo presidente dal 1932, rilancerà l'economia basandosi sulla legge di Keynes, secondo cui è la domanda a creare l'offerta.​

Keynes non proponeva l’abolizione della libera impresa, ma un capitalismo "saviamente governato" dallo stato mirante a guidare il mercato. Questo intervento non deve sostituire i privati nelle attività che possono compiere, ma assumere le decisioni che nessuno vuole prendere.​

Inizia così il New Deal, un piano di riforme economiche e sociali che risolleveranno gli Stati Uniti dalla Grande Crisi.

Kierkegaard
-
Stadio estetico
, colui che vive attimo per attimo, alla ricerca incessante del piacere e sensazioni nuove (Don Giovanni);
-
Stadio etico
, colui che sceglie accettando se stesso ed i propri errori (giudice);
-Stadio religioso,
è una scelta personale senza una giustificazione razionale (Abramo)
La vita pone l'uomo sempre di fronte ad una scelta di molteplici possibilità, nessuna delle quali è garantita, così che ogni scelta comporti la possibilità del fallimento. Tale libertà di scelta crea nell'uomo uno stato di angoscia.
Economia
Sviluppo sostenibile

"Sviluppo che risponde alle necessità del presente, senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie necessità"​

Rapporto Brundtland​

"Lo sviluppo sostenibile è il soddisfacimento della qualità della vita, mantenendosi entro i limiti della capacità di carico degli ecosistemi che ci sostengono"​

Herman Daly


Lo Sviluppo Sostenibile viene definito come l'integrazione di tre dimensioni di sostenibilità collegate tra loro:​
-Sostenibilità economica, ovvero i limiti, le potenzialità e l'impatto della crescita economica sulla società e ambiente;

-Sostenibilità ecologica, ovvero la consapevolezza dell'impatto delle decisioni umane sull'ambiente ​

-Sostenibilità sociale, ovvero la comprensione delle istituzioni e dei ruolo ruoli nel cambiamento e sviluppo di sistemi democratici;

Alla base dello Sviluppo Sostenibile, oltre alle 3 dimensioni, sono presenti 2 elementi:​

-Sostenibilità, consiste nella gestione sostenibile di una risorsa;​

-Sviluppo, non solo economico ma anche sociale.

Progetti per il futuro​

"Trasformare il nostro mondo. L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile"
, il documento adottato dai Capi di Stato in occasione del Summit sullo Sviluppo Sostenibile del 25-27 settembre 2015.​
Esso determina gli impegni sullo sviluppo sostenibile che dovranno essere adottati entro il 2030.

Italiano
Pirandello: "Il treno ha fischiato"
FULCRO NARRATIVO
"
E, tutto il giorno, non aveva combinato niente
. La sera, il capo ufficio, entrando nella stanza di lui, esaminati i registri, le carte: E come mai? Che hai combinato tutt'oggi? (…)​
Belluca lo aveva guardato sorridente, quasi con un'aria d'impudenza, aprendo le mani.
Il treno, signor Cavaliere. Il treno? Che treno?​
- Ha fischiato.​
Ma che diavolo dici?​
Stanotte, signor Cavaliere. Ha fischiato. L'ho sentito fischiare... Il treno? (...) ​
Sissignore.
E se sapesse dove sono arrivato! In Siberia... oppure oppure... nelle foreste del Congo...
Si fa in un attimo, signor Cavaliere! Gli altri impiegati, alle grida del capo ufficio imbestialito, erano entrati nella stanza e, sentendo parlare così Belluca, giù risate da pazzi. Allora il capo ufficio che quella sera doveva essere il malumore urtato da quelle risate, era montato su tutte le furie e aveva malmenato la mansueta vittima di tanti suoi scherzi crudeli.
Se non che, questa volta, la vittima, con stupore e quasi con terrore di tutti, s'era ribellata,
aveva inveito, gridando sempre quella stramberia del treno che aveva fischiato, e che, perdio, ora non più, ora ch'egli aveva sentito fischiare il treno, non poteva più, non voleva più esser trattato a quel modo.
Lo avevano a viva forza preso, imbracato e trascinato all'ospizio dei matti.
.
Full transcript