Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Manovre Trust

No description
by

Patrizio Pistonesi

on 17 January 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Manovre Trust

Il Thrust
LE FORZE IMPLICATE
MECCANOTRASDUZIONE
La tensegrita' cellulare e' alla base della meccanotrasduzione.
TENSEGRITA'
FASE 1
TRE FASI ENERGETICHE
Dividiamo la manovra THRUST in tre sequenze, analizzando come cambia l'energia all'interno del sistema (corpo del paziente)
Da: Energia - Alessandro Fanelli
FASE 2
FASE 3
In questa fase l'energia cinetica e' nulla. La zona in disfunzione osteopatica presenta un'accumulo di energia potenziale elastica a causa di un blocco meccanico (restrizione di mobilita')
L'operatore applica forza sul paziente, mentre i tessuti acquistano una notevole energia potenziale elastica. Dopo un primo movimento, l'energia cinetica torna ad essere nulla in una nuova posizione.
[Messa in tensione]
[thrust]
L'operatore sceglie la direzione del thrust e imprime una forza sul punto di applicazione. Il periodo di applicazione e' brevissimo, i tessuti si muovono con grande velocita' e piccola ampiezza. L'energia cinetica e' molto elevata mentre viene scaricata l'energia potenziale elastica. L'operatore riporta in seguito il sistema alla posizione di partenza.
Il buon esito del thrust dipende anche da direzione, verso e intensita' della forza applicata sul paziente.
Anche forza elettrica e forza atomica sono indirettamente coinvolte nel sistema.
Forza elettrica
La forza elettrica e' presente a livello nervoso.

Le recezioni
sensoriali
sono essenziali per l'operatore, il quale deve saper "leggere" il tessuto sotto le proprie mani in modo da compiere al meglio la manovra.
I
propriocettori
del paziente nella zona interessata permettono al sistema nervoso centrale di percepire e mantenere la nuova disposizione dei tessuti.
Da: Le Forze - Leonardo Como
Forza atomica
La forza atomica e' presente nelle reazioni chimiche fra molecole all'interno delle cellule.
Durante la manovra le cellue convertono gli stimoli meccanici in risposte biochimiche a livello del citoscheletro.
Rimanere nel regime elastico!
Le manovre thrust sono molto intense a livello meccanico, i tessuti devono quindi assorbire sollecitazioni molto forti.
Da: Elasticita' e Plasticita' - Patrizio Pistonesi
Per questo motivo l'operatore non deve sbagliare il punto di applicazione, la direzione della forza e la sua intensita'. Rischiera' altrimenti di eccedere il regime elastico del tessuto.
Rischio danneggiamento
In generale, superato il regime elastico si entra in quello plastico, che prevede una deformazione permanente del materiale.
Poiche' il fenomento plastico e' piu' evidente se il periodo di sollecitazione e' lungo, la deformazione plastica dei tessuti non e' un rischio del trust (che ha tempo di applicazione minimo)
Se con il thrust si eccede il regime elastico tissutale si rischia direttamente la
rottura
.
Il THRUST
C.E.R.D.O. fisica e biofisica
Modulo 2 - Gruppo 3B
MariaLaura Benedetti
Leonardo Como
Alessandro Fanelli
Lorenzo Lori
Patrizio Pistonesi
Le manipolazioni osteopatiche thrust sono manovre strutturali dirette.

Hanno come obbiettivo il recupero della fisiologia articolare in caso di restrizioni di mobilita'. Sono caratterizzate da notevole forza, grande velocita' e minima ampiezza.
Integrina
, che permette la trasduzione meccanica delle forze macroscopiche a livello microscopico.
A livello microscopico il fenomeno elastico e' permesso da:
Elastina
, dotata di una grande escursione elastica. E' presente in grande quantita' nei tessuti che necessitano continui cambiamenti di forma (es: polmoni, cute, vasi ..)
Collagene
, limita le possibilita' di distensione dell'elastina fornendo grande resistenza alle trazioni. Evita le lacerazioni.
Durante la manovra le cellule dei tessuti sollecitati presentano variazioni di forma e orientamento

Questa risposta biochimica contribuisce ad assorbire l'azione delle forze esterne
Da: Tensegrita' cellulare - Lorenzo Lori
Grazie ai processi di
polimerizzazione
e
depolimerizzazione
la rete citoscheletrica si estende e si contrae. Poiche' questa rete e'
intracellulare
,
si verifica una risposta
globale
del tessuto alla sollecitazione.
Qualsiasi sia la forza meccanica agente sul nostro corpo, esso risponde come una struttura tensegra in cui ogni cellula si fa carico di una microscopica compressione.
Da: Tensegrita' e meccanotrasduzione - Maria Laura Benedetti
Cessate le forze agenti la cellula mette in atto reazioni molecolari inverse riacquistando la conformazione originaria.
In seguito al thrust i tessuti rispondono quindi in modo elastico, posizionandosi quasi esattamente alla posizione di origine.
Questo piccolo cambiamento rappresenta la
correzione osteopatica
.
Full transcript