Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

analisi strategica di gaiarine

No description
by

Anxhela Fox

on 28 October 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of analisi strategica di gaiarine

Analisi strategica di Gaiarine
Comune: Gaiarine
Abitanti: 6201
Superficie: 28 kmq
Attrazioni per il tempo libero
FESTE
Attrattori, sport, salute ed escursioni

prevede la valorizzazione ambientale e turistica del corridoio fluviale del fiume Livenza e dei suoi affluenti ed in particolare dei fiumi Noncello e Meduna per l’importante collegamento fluviale alla città di Pordenone.
Il “corridoio fluviale”, o greenway, è finalizzato, in particolare, a mettere in rete le “risorse” ambientali, culturali, turistiche, produttive, sportive, enogastronomiche e fluviali del territorio interessato.
Si tratta quindi di integrare le programmazioni nonché le progettazioni già esistenti e previste nel territorio e non ancora “messe a sistema”, le attività di comunicazione generale ed il coordinamento istituzionale, con il fine di ottimizzare le risorse necessarie per il conseguimento degli obiettivi, nonché per fruire in modo integrato dei Programmi comunitari, nazionali, regionali e locali eventualmente disponibili nelle aree interessate dal progetto.Il progetto si inserisce in una tendenza culturale, già sperimentata in Europa, di dare nuovo significato strategico sia alle aree boscate che ai fiumi, per un miglioramento delle qualità ambientali, attraverso la realizzazione di “quattro corridoi naturalistici” confluenti nella “Litoranea Veneta” e integrati al sistema fluviale europeo.

Piano strategico
- attività per disabili
_ gira Livenza
- creare un collegamento tra le piste ciclabili già presenti in modo da creare un percorso per gli amanti di ciclismo
- creare un evento che caratterizzi il Paese o valorizzare quelli già presenti
- allestire zona pic-nic, organizzare gare e lezioni di pesca nel laghetto carpe diem
- organizzare degustazioni in cantina
- trecking: percorso di visita delle Chiese del comune
- ripristinare le casette di Natale nel periodo ottobre-febbraio
Attrattori ambientali:
Attrattori socio culturali
STORIA
La toponomastica gaiarinese risente degli influssi linguistici germanici. Il nome Gaiarine si ricollega al termine longobardo Gahagi (che significa pressapoco bosco chiuso) ed al suffisso collettivo -ina da cui si può interpretare " luogo dei boschi chiusi ".

Primi ritrovamenti risalgono all'età neolitica
RESTI: le Mutere, forse tumuli tombali o fortificazioni sparse in vari punti della pianura. Quella più visibile ed interessante è situata a Campomolino
Durante l'età romana il territorio gaiarinese faceva parte dell'Agro di Opitergium
Età antica
L'età tardoantica e l'epoca medievale
Le invasioni barbariche del III e IV secolo segnarono il declino dell'impero romano ed anche l'agro opitergino fu smembrato, passando in parte ai Bizantini e in parte ai Longobardi
Ciò portò ad un deciso frazionamento dei poderi
Il paesaggio, in epoca tardomedievale, cominciò modificarsi notevolmente, in relazione alla presenza di possidenti facoltosi e di grandi organizzazioni monastiche.
Il dominio veneziano


Gaiarine, sul finire del Trecento, venne inglobata all'interno della Repubblica di Venezia, che riorganizzò anche l'assetto amministrativo e territoriale di tutta la nuova area conquistata
Nel Cinquecento, affinché ci fossero a disposizione più terreni coltivabili, vennero bonificati un gran numero di paludi ed acquitrini.
Il tracollo finanziario dovuto ai lunghi conflitti cinquecenteschi e secenteschi contro i turchi, obbligò la Serenissima alla vendita dei beni comunali
La maggioranza degli appezzamenti venne così acquistata dai nobili veneziani (Cellini, Tiepolo) e dalla borghesia locale (Pera, Segato, Amalteo)
Dal Settecento ai giorni nostri
Mai come in questa fase la proprietà terriera si accentrò nelle mani di pochi e facoltosi possidenti, che per dare ancora più lustro alla propria posizione, scelsero di erigere sontuose dimore, attorno alle quali si ampliarono i futuri centri urbani.
Con l'Unità d'Italia, le cose iniziarono lentamente a migliorare: Gaiarine fu inglobata nella provincia di Treviso e nel distretto coneglianese
Si avvertirono i primi segnali di miglioramento. Già nel 1958 si potevano contare 174 laboratori di ebanisteria, piccoli centri artigianali che negli anni Sessanta e Settanta si svilupparono e diedero vita quell'industria del legno per cui Gaiarine è nota in tutta Italia.
- Spiaggette del Livenza- ansa Restera
- Mutera di Campomolino
- Chiesa di San Tommaso di Canterbury:
- Chiesa di San Liberale
- Chiesa di San Rocco
- Chiesa di San Tiziano
- Chiesa di San Silvestro
- Chiesa del Cimitero di Albina
8 ville venete schedate dall’istituto regionale ville venete
ATTRATTORI
1- Villa Altan-Sandre a Campomolino
2- Villa Carli-Elena
3- Villa Cappellari oggi Villa Berlese
4- Villa Pera-Riello
5- Villa Cicogna
6- Villa Piovesana
7- Villa Porcia
8- Villa Segato
- La Montagna Sacra
- La Città di Armonia
- Presepe
- Concerto Cantori
- Lucciolata 2014
- Festa della zucca- .
- Gaiarine in festa
- Marcia Gaiarinese
- Festa della Birra
- Estate a Francenigo
- Sagra di S. Rocco con spettacolo pirotecnico
- Sagra dee Teghe
- Cinema all'aperto d'estate'

Attrattori di tipicità ed esperienze
- Agriturismo Richeton
- Trattoria "Baratella"
- MASCHIO BONAVENTURA
- Trattoria "La Barchessa"
- Gianna la pastaia

Laghetto Carpe Diem
- Il progetto “GiraLivenza”
Full transcript