Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Infanzia!

No description
by

Martina Boschetto

on 24 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Infanzia!

Il Fascismo
La denominazione fu ispirata alla figura di Giovan Battista Perasso detto "Balilla", il giovane genovese che secondo la tradizione avrebbe dato inizio alla rivolta contro gli occupanti austriaci.
Education in Britain
Education in Britain is compulsory between the ages of 5 and 16, and is classified into primary – till the age of 11 – and secondary – given mainly at comprehensive schools or the more selective grammar schools.
Many students, however, stay on until 18 to complete A levels or further vocational study and take GNVQs .
The two main examinations are general Certificate of Secondary education (GCSE), which is usually taken at the age of 16 and the General Certificate of Education at Advanced Level (GCE – A level) taken by 18-year-olds who are aiming to enter higher education or professions.
"... La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato.
La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione."
"Tutti i grandi sono stati bambini, ma solo pochi se ne ricordano"
Il lavoro: Art. 37
L'obiettivo era quello di costituire futuri soldati pronti a credere, obbedire e combattere.
I diritti del bambino, 1959


1. Il diritto all’uguaglianza, senza distinzioni di razza, religione, nazionalità o sesso.

2. Il diritto ad una particolare tutela per un sano e normale sviluppo fisico, intellettuale, morale, spirituale e sociale.

3. Il diritto di avere un nome e una nazionalità.

4. Il diritto ad un’alimentazione, ad un tetto e a dei servizi sanitari adeguati.

5. Il diritto ad un’assistenza particolare, se handicappati.

6. Il diritto di essere amati, compresi e protetti.

7. Il diritto ad un’istruzione gratuita, al gioco e allo svago.

8. Il diritto di essere tra i primi a ricevere soccorso in tempi di calamità.

9. Il diritto ad essere tutelati dal rischio di abbandono, di crudeltà e di sfruttamento nei loro confronti.

10. Il diritto ad essere protetti dalla discriminazione e ad essere allevati in uno spirito di fratellanza, di pace e di tolleranza universali.

"Valentino" di G. Pascoli
L'ONB venne suddivisa per età e per sesso:
Corpi Maschili:
Figli della lupa
Balilla
Balilla Moschettieri
Avanguardisti
Corpi Femminili:
Figlie della lupa
Piccole Italiane
Giovani Italiane
Giovanni Pascoli
Il Fascismo è un'ideologia politica sorta in Italia nel XX secolo da Benito Mussolini e poi diffusasi in Europa e nel resto del mondo.

E' un movimento di carattere nazionalista, autoritario e totalitario.
Il nome fascismo deriva da Fasci di combattimento fondati nel 1919 da Mussolini.
Opera Nazionale Balilla
Per Pascoli, il fanciullo non è una condizione anagrafica, ma è una condizione interiore. Essa rappresenta quella natura pura e ingenua, candida e innocente, che, nella psicologia di un individuo, può conservarsi anche in età avanzata; l'individuo cresce e invecchia, ma il fanciullino rimane piccolo dentro di lui, e piange e ride senza perché. L'importante è non soffocare definitivamente questa voce, che ancora vibra nella parte dell'anima rimasta, appunto, fanciulla.
La scuola: Art. 3
"... è compito della Repubblica rimuovere gli otacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'uguaglianza di tutti i cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'efettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzaxzione politica, economica e sociale del Paese."
La scuola: Art. 33
"L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.
La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.
E` prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale.
Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato."
La scuola: Art. 34
“La scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.
I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio,assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.”

Tappe dell'obbligo scolastico:
• 1859:la legge Casati, istituisce una scuola elementare articolata su due bienni e obbligatoria nel 1º biennio.

• 1877 – Legge Coppino: introduce l'obbligo scolastico nel primo triennio delle elementari dopo averle portate a 5 anni. Definisce le sanzioni per i genitori degli studenti che non adempiono a tale obbligo.

• 1911 – Legge Orlando: prolunga l'obbligo scolastico fino al dodicesimo anno di età, ma rimane solo sulla carta, in realtà quasi tutti i bambini abbandonano la scuola dopo i primi anni.

• 1923 - La riforma Gentile porta l'obbligo dello studio a 14 anni di età, ma anche questa rimane lettera morta.

1948 - Nella Costituzione della Repubblica italiana viene stabilita l'istruzione pubblica, gratuita e obbligatoria per almeno 8 anni, ma ancora una volta la realtà è ben diversa per molti ragazzi italiani.

• 1962 - Viene approvata la legge n. 1859 del 31 dicembre 1962: essa istituisce la scuola media unificata che permette l'accesso a tutte le scuole superiori.

• 1999 – L’obbligo scolastico viene innalzato a 15 anni.

• 2007 – L’obbligo scolastico viene innalzato a 16 anni.
Full transcript