Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Lo Scetticismo

No description
by

Veronica Di Raimondo

on 28 April 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Lo Scetticismo

La lezione di oggi Lo scetticismo Caratteri generali L'uomo non può accedere alla verità ultima delle cose
La più alta forma di intelligenza consiste nel riconoscere ciò Confutazione dello scetticismo Chi sostiene che non esiste verità alcuna, per affermarlo, deve necessariamente sostenere la verità di ciò che afferma, cadendo in palese contraddizione. Pirrone non scrisse nulla, conosciamo le sue dottrine tramite l'esposizione che ne fece Diogene Laerzio. L'unico modo per raggiungere la tranquillità della mente, la pace interiore è un'indagine (skepsis) volta a riconoscere come ugualmente fallaci tutte le dottrine. Per questo lo scetticismo si dedica alla distruzione delle altre dottrine filosofiche, specialmente di quelle a esso contemporanee: lo stoicismo e l'epicureismo. In realtà, gli scettici non negano la verità dei fenomeni, ma le teorie sui fenomeni stessi, cioè la pretesa filosofica di spiegarne la natura profonda. Lo scetticismo, nelle sue forme più raffinate, non presenta se stesso come un Dogma ma come un'Ipotesi (da confermare attraverso l'indagine sempre aperta). Non ci sono cose vere o false, belle o brutte, buone o cattive assolutamente, ma soltanto per convenzione e relativamente.
Sono le abitudini e i costumi degli uomini a rendere buona o cattiva, vera o falsa una cosa. La realtà in sé è inafferrabile e l'unico atteggiamento legittimo è l'epoché di ogni giudizio. L'atarassia Solo lo scetticismo riesce a procurare l'imperturbabile serenità della mente: il sapiente, mettendo tra parentesi le questioni su cui non è possibile decidere, possiede la consapevolezza che né la vita né le cose possiedono un significato assoluto riconoscibile dalla ragione. L'afasia L'unico atteggiamento possibile è quello di non pronunciarsi riguardo ad alcunché L'Accademia - Arcesilao, Carneade I filosofi dell'Accademia platonica trovano un appiglio allo scetticismo nella dottrina di Platone: il mondo sensibile, per il suo carattere mutevole e vario, non può essere oggetto di scienza
la scienza, la conoscenza assolutamente certa, può avere come oggetto soltanto il mondo dell'essere Quindi, non è possibile avere una conoscenza certa delle cose di questo mondo. Arcesilao Nulla si può affermare con certezza, nemmeno la propria ignoranza (Socrate: "So di non sapere") Per quanto riguarda la vita pratica, l'unico criterio di scelta è il buon senso o la ragionevolezza (eulogia), che sta alla base della saggezza. Carneade Se non è possibile individuare un criterio di verità, è possibile indicare un criterio di credibilità che consente di scegliere certe opinioni come più plausibili di certe altre. Tale criterio è soggettivo ed è chiamato "rappresentazione persuasiva" o probabile:
se essa non viene contraddetta da altre rappresentazioni, allora ha un grado maggiore di probabilità, e costituisce il grado più alto di verosimiglianza cui l'uomo possa giungere. Gli Ultimi Scettici - Enesidemo,
Sesto Empirico Enesidemo enumera dieci modi o tropi per giungere alla sospensione del giudizio, che consistono nel riconoscere che le conoscenze variano e fanno apparire lo stesso oggetto diverso da uomo a uomo e da momento a momento. Sesto Empirico Le confutazioni più importanti La deduzione L'induzione Il concetto di causa La teologia stoica è un circolo vizioso (diallele): quando si dice: "Ogni uomo è animale, Socrate è uomo, dunque Socrate è animale"
non si potrebbe porre la premessa "Ogni uomo è animale"
se non si ritenesse già dimostrata la conclusione (ovvero che Socrate,
in quanto uomo, è animale)! non è sicura (i casi non esaminati potrebbero sempre smentirla)!
se si pretende che sia fondata su tutti i casi particolari, il suo compito è impossibile (i casi che si dovrebbero osservare sono infiniti)! La causa produce l'effetto dunque dovrebbe precedere l'effetto e sussistere prima di esso. Ma se sussiste prima di produrre l'effetto, è causa prima di esser causa! Secondo gli Stoici, tutto ciò che esiste è corporeo, dunque anche Dio. ma un corpo o è composto (soggetto a scomposizione) o è semplice (inanimato), il che è assurdo se Dio vivesse, sentirebbe, e se sentisse proverebbe piacere o dolore, ma allora sarebbe mortale
Full transcript