Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Articolo intervista Fabio Geda

No description
by

Mariam El Hayat

on 12 December 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Articolo intervista Fabio Geda

Enaiatollah Akbari e Fabio Geda
€1.25
Friday 28/03/2014
Resto del Carlino
Nel mare ci sono i coccodrilli?
Per Fabio Geda e Enaiatollah ce ne sono anche troppi.

Fabio Geda, la leggerezza di parole di dolore , della storia del giovane Ena


El Hayat Mariam

Della 3 D
Nel mare ci sono i coccodrilli è il libro di Fabio Geda che racconta del passato di Enaiatollah Akbari, un ragazzo afgano che ha vissuto una vera Odissea tra vari paesi fino a fermarsi in Italia. Quella del giovane shiita è una storia triste che ci insegna a vivere ,non cedere mai e non perderla fiducia in se stessi e il vero senso della vita.I ragazzi della scuola Donini Pellagalli , hanno avuto il possibilità di incontrare e intervistare l' autore di romanzi per ragazzi e adulti. Durante l' incontro abbiamo imparato a dare più valore alla nostra unica vita e a saper affrontare i problemi che ci riserva il destino . Purtroppo il protagonista della storia non ha accettato di parlarci delle sue sofferenze, perché per lui é ora di voltare pagina e pensare al futuro più che ricordare con dolore il passato.Noi rispettiamo la sua scelta.La primissima domanda rivolta allo scrittore é il significato del titolo.
La sua voce serena e armoniosa ci ha raccontato che , Enaiatollah ha visto davvero di tutto , ancora prima di imbarcarsi su quel canotto, ma il pensiero suo e dei suoi amici era che nel mare, che non avevano mai visto,ci fossero i coccodrilli.Si nasce tutti con la paura da piccoli , dice Geda, pensiamo che c’é il mostro sotto al letto o l’ omino nero , ma subito intervengono i genitori che ti tranquillizzano aprendoti gli occhi verso la realtà.Ma senza i nostri cari come faremmo a crescere senza timori e problemi, ma Enaiatollah ce l’ha fatta solo mantenendo la fiamma delle speranze accesa.



"Nel mare ci sono i coccodrilli " è uno dei libri che bisogna leggere con attenzione, per il semplice motivo che possiamo trovare, tra le righe, informazioni che nemmeno immaginavamo, sulla vita e sulle esperienze di chi arriva da lontano, dei migranti come Enaiatollah . Potremmo inoltre raggiungere e rafforzare la consapevolezza che ogni genere di diversità, etnica, religiosa, di orientamento politico, vada accettata e mai discriminata.Attualmente hai o non hai non interessa , ora conta chi sei e come ti comporti all' interno di una società piena di problematiche e pretese.La correttezza é alla base di tutto. Noi ragazzi siamo il futuro e la speranza della Terra , perciò cerchiamo di migliorarla con rispetto e l' educazione.Gli adulti invece ci devono guidare verso la strada buona per crescere e diventare cittadini esempio.

Geda , quando gli abbiamo chiesto se si era mai messo nei panni del protagonista e come si sarebbe comportato, ci ha affermato che la nostra mente non potrebbe immaginare quella situazione , e che per provare, bisognerebbe vivere quella triste avventura.Il dolore che ha sopportato Enayatollah é immenso.Facciamo una riflessione profonda su i veri problemi ma non su quelli apparenti .Noi speriamo di avervi trasmesso messaggi e insegnamenti appresi oggi .E' piaciuto molto il libro perché ci ha fatto riflettere sugli attuali problemi sociali, tutti noi , almeno per una frazione di secondi abbiamo sofferto assieme al protagonista che ci ha commossi.Abbiamo imparato a guardare da un'altra prospettiva tutto quello che ci circonda.Se non aiutiamo queste persone come Enayatollah , il minimo che possiamo fare é rispettarle , non infamandole malamente , perché forse sono degli immigrati o puzzano , ma rendendoci conto che sono persone e hanno i nostri stessi diritti.



Full transcript