Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Fonti di energia rinnovabili: sole, vento e acqua

No description
by

Elena Craighero

on 22 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Fonti di energia rinnovabili: sole, vento e acqua

L' energia eolica
Fonti di energia rinnovabili:
Il VENTO
In questa mappa, troverete tutto ciò che riguarda il vento come fonte di energia rinnovabile e tutte le forme di energia nelle quali si manifesta
Ma, scientificamente, che cos'è il vento?
Ma da quanto tempo usiamo il vento come fonte di energia?
I venti si sono rivelati fonti di energia fin dall' antichità, non soltanto per permettere di navigare con le barche a vela, ma anche come forza motrice per i mulini a vento usati per gli scopi più disparati. Su solo alla fine del 1800 che si cominciò a ricavare elettricità dal vento con impianti di piccola potenza. Anche se più tecnologici, gli impianti eolici moderni si basano esattamente sullo stesso funzionamento dei loro predecessori.
Come si fa a trasformare la forza del vento in energia?
L'uomo per ricavare energia dal vento, ha creato delle pale eoliche; queste pale riescono ad intercettare l'energia cinetica presente nel vento e convertirla, attraverso un generatore in energia elettrica. Il principio è analogo a quello utilizzato nelle centrali idroelettriche tanto che si parla di turbine eoliche, dette anche aerogeneratori. Una turbina eolica può essere collocata in terra o in mare. In mare è più efficente perchè soffia più vento.
Da cosa è formata una pala eolica?
Le principali componenti di una turbina eolica moderna sono:
-il
rotore
, costituito da tre pale che messo in moto dal vento, imprime una rotazione a un asse che può essere orizzontale o verticale, con orientamento fisso o variabile;
-il
generatore
, che trasforma l'energia cinetica in energia elettrica;
-la
navicella
, l'involucro che contiene il generatore;
-la
torre
che sostiene sia il rotatore sia la navicella;
-la
fondazione
che ancora al terreno la struttura, dell'aerogeneratore permettendigli di resisterealle oscillazioni e alle vibrazioni causate dalla pressione del vento;
-gli
apparati di servizio
quali il sistema di controllo elettronico, il sistema franante etc...


Le fonti di energia rinnovabili...
L'energia solare
Il sole
In questa mappa troverete tutto ciò che riguarda il sole come fonte di energia e tutte le forme in cui si manifesta.
L'importanza del sole
I raggi del sole sono un'immensa fonte inesauribile di luce e calore della quale l'uomo ha sempre usufruito. Dal sole dipendono:
la temperatura della superficie terrestre
illuminazione durante il giorno
evaporazione dell'acqua da cui si origina il suo ciclo
formazione dei venti
vita delle piante e produzione agricola.
L'energia solare però, ha anche dei limiti:
è diffusa su tutta la superficie terrestre ma non tutte le zone ne ricevono in quantità sufficiente per poterla sfruttare.
è in grado di scaldare un corpo solo fino a certe temperature
l'irradiazione è discontinua a causa dell'alternarsi del giorno e della notte.
L'energia solare è lenergia che rappresenta la fonte primaria di energia sulla terra
Dall'energia solare derivano tutte le fonti di energia

Da questa energia derivano più o meno direttamente le altre fonti enrgetiche disponibili all'uomo come l'energia eolica, del moto onduoso, idroelettrica, biomassa, nucleare, geotermica, e delle maree. Può essere utilizzata anche direttamente a scopi energetici per produrre calore o energia elettrica con varie tipologie d'impianto
Pannello solare termico
I pannelli solari termici permettono di riscaldare l'acqua sanitaria per l'uso quotidiano senza utilizzare gas o elettricità. Si basano su un principio molto semplice: utilizzare il calore proveniente dal Sole e utilizzarlo per il riscaldamento o la produzione di acqua calda che può arrivare fino a 70° in estate, ben al di sopra dei normali 40°-45° necessari per una doccia. Entro certi limiti sono pertanto un efficace sostituto dello scaldabagno elettrico o della caldaia a gas per generare acqua calda per lavare piatti, fare la doccia, il bagno ecc.

COME FUNZIONA
Un pannello solare termico (o collettore solare) è composto da un radiatore in grado di assorbire il calore dei raggi solari e trasferirlo al serbatoio di acqua. La circolazione dell'acqua dal serbatoio al rubinetto domestico è realizzata mediante circolazione naturale o forzata, in quest'ultimo caso il pannello solare integra una pompa idraulica con alimentazione elettrica.

In Italia godiamo di un'insolazione media di 1500 kWh/m2 ogni anno. Anche ipotizzando un rendimento medio dei pannelli solari termici, 160.000 mq di pannelli solari installati in una qualsiasi regione italiana farebbero risparmiare in bolletta circa 8 milioni di metri cubi di metano altrimenti utilizzati per alimentare le caldaia a gas o circa 80 Gwh di energia elettrica degli scaldabagno elettrici.


Vento
Acqua
Sole
L'energia idroelettrica
L'acqua
In questa mappa troverete
tutto ciò che riguarda l'acqua come fonte di energia rinnovabile e tutte le forme di energia nelle quali si manifesta.
Effetti sull'ambiente
Le centrali idroelettriche sono tra le
meno inquinanti perché non emettono
fumi e scorie,ma i grandi bacini
idroelettrici possono alterare il clima
circostante, per esempio generando
nebbie persistenti.Inoltre nelle zone
tropicali, la vegetazione che marcisce
all’interno dei bacini idroelettrici,
sviluppa una grande quantità di gas
serra.
In Italia
L’energia idroelettrica è la prima fra le energie rinnovabili sfruttate in Italia. In passato, dagli inizi del
ventesimo secolo fino al dopoguerra,si era molto sviluppata
nello stato italiano, infatti copriva l’80% dell’intero prodotto
energeticonazionale. Oggi copre solo il 15% circa
In Europa, però, l’Italia è tra i maggiori produttori di energia idroelettrica, insieme a Francia e Spagna. Infatti, sparse in tutto il territorio italiano esistono circa 2000 centrali idroelettriche. Attualmente si è resa necessaria la costruzione di mini idroelettrico, poiché si sono quasi raggiunti i livelli massimi di sfruttamento delle risorse e di impatto ambientale. Un impianto mini idroelettrico sfrutta l’energia idroelettrica, ma possiede anche una potenza installata ridotta, che permette l’utilizzo di strutture di minori dimensioni (rispetto ad una normale diga) e più sicure, grazie al minore volume di acqua contenuta nel bacino. Inoltre limita l’impatto sia ambientale che paesaggistico.
Che cos'è
Il ciclo dell'acqua, determinato dall'evaporazione dell'acqua terrestre, dalla formazione di nubi e dalle conseguenti precipitazioni piovose, mette a disposizione dell'uomo una straordinaria fonte energetica rinnovabile, la seconda dopo le biomasse. Alla sua origine c'è ancora una volta il Sole, le cui radiazioni provocano l'evaporazione. Pur calcolando che solo lo 0,33% dell'energia solare ricevuta dalla Terra si traduce in precipitazioni atmosferiche, si tratta comunque di una cospicua quantità di energia. Nell'acqua sono presenti due tipi di energia: potenziale e cinetica.

I parchi eolici in Italia
Se volessimo fare una "classifica" delle regioni, verrebbe fuori così:
1)Sicilia (43 impianti)
2)Sardegna (28 impianti)
3)Puglia e Campania (26 impianti)
5)Calabria (15 parchi)
6)Molise (13 parchi)
7)Basilicata e Abruzzo (12 impianti)
8)Liguria (8 impianti)
9)Toscana (7 impianti)
10) Lazio (4 impianti)
Il Trentino Alto Adige, Piemonte, Veneto "vantano" un solo parco eolico installato.
Questa è la regione che possiede più parchi eolici in tutt' Italia.
Dopo la Sicilia, la Sardegna ha il secondo maggior numero di parchi eolici
La Puglia si classifica al terzo posto in possedimento di parchi eolici
La Campania, a parimerito con la Puglia, ha 26 impianti
La Calabria si classifica al 5 posto (15 parchi)
Lavoro di gruppo di
Craighero Elena
Chimento Ismaele
Popescu Maria
I pro e i contro dell'energia eolica
PRO:
Il vento, come il sole è inesauribile, non produce residui e non inquina;
CONTRO:
Necessita di zone a vento costante ma non troppo forte (si spezzerebbero le pale), deturpa il paesaggio e i costi degli impianti sono alti

Il vento esiste grazie alla non uniformità del riscaldamento solare sulla superficie terrestre. la causa principale dei venti è il differente riscaldamento di varie zone della superficie terrestre e le variazioni di pressione che si generano per tale motivo: se l'aria al suolo diventa più calda di quella circostante, essa tende a salire perchè meno densa. A questo punto l'aria circostante tente a spostarsiverso tale zona pe compensare la differenza di pressione generando così il vento.
Full transcript