Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

ANGELICA DELLA MORA - 3ELSA - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

No description
by

Angelica Della Mora

on 29 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of ANGELICA DELLA MORA - 3ELSA - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

Terreri marginali,
producono di meno
causa mancanza di concimi. INSTABILITA' e SOLLEVAMENTI POPOLARI:
-CITTA': diminuisce la quantità di grano
e aumentano i prezzi
-CAMPAGNA: occorre denaro per l'affitto e per
il grano quindi chiedono prestiti che vengono
pagati con lavoro gratuito Porta alla fine del
Sistema Feudale
e al controllo del Re
e dei suoi funzionari La Peste Nera
arriva in Europa CAMBIO TECNICHE E VALORI DELLA GUERRA
-Nel Medioevo: i cavalieri combattevano in campo aperto, faccia a faccia, secondo valori e regole d'onone.
-Nella guerra dei cento anni: gli inglesi iniziarono ad usare l'arco (prima utilizzato solo per cacciare). La gente comune veniva specializzata nel suo uso e addestrata alla guerra di massa. L'arco permetteva di combattere a piedi, a distanza e di colpire il cavallo. Gli arcieri venivano pagati in denaro sonante, oro e argento. RISPOSTA ALLA CRISI CAMPO AGRICOLO CAMPO MANUFATTURIERO ANDAMENTO DELLA POPOLAZIONE A PARTIRE DAL 1280 Contesto crisi XIV-XV secolo:
-epidemie di peste
-carestie
-Guerra dei Cent'anni (susseguirsi di guerre intervallate da paci dal 1337 al 1453 tra Francia e Inghilterra) Conflitto tra i POTERI FEUDALI e il RE DI FARNCIA
La guerra dei cent'anni va vista come un momento fondamentale del processo di costruzione della monarchia nazionale francese. Prima:
-lo stato era un MOSAICO DI ENTITA' con la loro autonomia
-re era al vertice di una serie di RAPPORTI DI FEDELTA'-BENEFICIO
Dopo:
-il re non riconosce alcun potere independente e possiede un potere nettamente superiore dei nobili
-dottrina di STATO (unità politica, culturale e territoriale) sul potere del RE (gestisce completamente lo stato) CONSEGUENZE DELLA PESTE SULLA MENTALITA' COLLETTIVA GIOVANNA D'ARCO Giovanna d'Arco nasce nel 1412 nel villaggio di Domrémy in Francia, secondogenita di una modesta famiglia di contadini. E' un periodo triste per la Francia: gran parte della nazione è sotto la dominazione inglese a seguito del rovinoso esito della guerra dei Cento Anni. Inoltre proprio quella regione è stravolta da una guerra civile che vede gli Armagnacchi schierati con gli inglesi contro i Borgognoni. In questo quadro il controllo della città di Orléans, sulla riva della Loira, diventa decisivo. Avendo negli occhi il ricordo della morte violenta della madre e della sorella, Giovanna, a 17 anni, riesce a farsi ricevere da Carlo VIII, erede al trono di Francia. Ottenuta la guida dell'esercito, Giovanna ingaggia scontri cruenti, nell'ultimo dei quali ottiene la vittoria sugli inglesi ad Orléans. L'anno successivo, dopo che Carlo VIII, fattosi incoronare nella cattedrale di Reims, dimostra di voler seguire non più le vie della guerra ma quelle diplomatiche, Giovanna viene fatta prigioniera e venduta ai nemici inglesi. Ha solo diciannove anni, quando viene accusata di stregoneria, processata, indotta a confessare e poi, di fronte alla ritrattazione, bruciata viva sul rogo. Venticinque anni dopo viene dichiarata innocente. Nel 1920 è proclamata Santa da Papa Benedetto XV° Premesse:
Nel 1294 il re francese Enrico IV il Bello
aveva tentato di far valere i suoi diritti
superiori sui due grandi feudi del regno:
-Il ducato di Guienna, con la città di
Bordeaux e parte dell'Aquitania
-La contea di Fiandra, uno dei più importanti
poli manifatturieri, formalmente soggetta ad
un feudatario francese, il conte di Fiandra,
ma economicamente legata all'Inghilterra,
che sosteneva le autonomie delle città di
Ypres, Gand e Bruges Le città mercantili delle Fiandre volevano
liberarsi dall'autorità del conte.
Nella battaglia di Courtrai del 1302 la
fanteria cittadina di Ypres, Gand e Bruges,
sostenuta dagli inglesi, sbaragliò i cavalieri
francesi
Nel 1328 la corona francese riuscì a
soffocare con forza la ribellione contro il
conte, ma la contesa rimase aperta e, dietro
ad essa il contrasto tra i re di Francia e di
Inghilterra per il controllo di una regione Battaglia di Crécy Massima espansione dell'Impero Mongolo Nel 1368 la dinastia cinese mongola fu rovesciata dai Ming. Il frazionamento degli altri tre khanati mongoli era già cominciato prima di questa data, con il risultato di rendere insicure le vie terrestri del commercio. Nello stesso periodo, dopo aver occupato tutta l'Asia Minore, i turchi ottomani cominciaroni a conquistare le regioni balcaniche, infliggendo alcune gravi sconfitte agli eserciti cristiani. Le scorrerie dei tatari di Tamerlano in Asia Minore rinviarono di mezzo secolo la caduta di Costantinopoli. Giovanna D'arco - Fabrizio De Andrè A causa della peste emerse una nuova classe borghese agiata, che con le sue richieste modificò radicalmente il mercato e con esso il settore manufatturiero. Analisi dell'organizzazione manuratturiera del XV secolo Consegueze della riorganizzazione manufatturira Spostamento della produzione dalla città alla campagna Aumento della qualità rispetto alla quantita del prodotto I centri di produzione vengono delocalizzati nelle campagne per usufruire di:
-manodopera a basso costo
-libertà decisionale rispetto ai regolamenti corporativi La principale conseguenza alla peste fu quella di concentrare il potere di acquisto nella mani dei sopravvissuti all'epidemia.
Come principale effetto della diminuzione demografica duvuta alla peste osserviamo un esponenziale aumento dei salari che provoca una domanda di mercato di prodotti di maggiore qualità.
Assistiamo quidni ad un continuo rinnovamento di una classe di acquirenti di beni di lusso. Venezia Genova In particolare le compagnie dei Bardi e dei Peruzzi Piccola era glaciale Possiamo quindi concludere affermando che la crisi ha portato ad una rottura ma al tempo stesso un'evoluzione in campo politico ed economico.
Full transcript