Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La rivoluzione industriale

No description
by

Jacopo Fasano

on 25 January 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La rivoluzione industriale

La I rivoluzione industriale Già dal '500, in Inghilterra,
le recinzioni delle terre comuni favoriscono
la formazione di capitali che permetteranno il primo sviluppo industriale.
Nel '700 Inghilterra paese più ricco: agricoltura, supremazia sui mari, commercio, tratta degli schiavi. Imprenditori investono capitali per modernizzare le industrie. Dalle colonie arrivano materie prime
ma anche domanda crescente di prodotti:
si impone un cambiamento nei modi di produzione (le fabbriche). Per aumentare produzione e ridurre i costi: meccanizzazione. Si usano l'energia idrica e poi il vapore (James Watt, 1769). Fine '700 in Inghilterra:
RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
macchine, carbone, vapore
ricchezza (capitali da commercio)
materie prime
domanda Rivoluzione industriale paragonabile, per importanza, alla rivoluzione neolitica ( introduzione dell'agricoltura).
La fabbrica nasce per ospitare macchinari sempre più grandi. All'inizio energia idrica, poi vapore: vengono messe in città per la disponibilità della manodopera. Nelle fabbriche si adotta la divisione del lavoro per aumentare la produzione. Esempio (Adam Smith) dello spillo. In fabbrica turni lunghi (da 10 a 14 ore), salari bassi (più per donne e bambini). In miniera molti pericoli (grisou), utilizzo di bambini. Fabbriche impiantate vicino giacimenti: nascono nuove città. Quartieri operai malsani: diffusione di malattie varie.
Full transcript