Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Copy of Dal Barocco al XX Secolo

Due secoli di storia attraverso l'arte
by

Wagner Bôa Morte

on 23 September 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Copy of Dal Barocco al XX Secolo

Dal Rococo' al
XX Secolo

1739
Viene coniato il termine rococò, dalla parola francese rocaille, conchiglia, per indicare con una sfumatura dispregiativa uno stile eccessivamente decorato, erede del Barocco
Rococò
1715
Muore Luigi XIV di Francia,
zio di Luigi XV, che sarà uno
dei principali estimatori e
diffusori dello stile rococò
Ritratto di Madame Pompadour, Maurice-Quentin de la Tour, realizzato tra il 1748 e il 1755
Dimensione: 177 × 130 cm, Pastello
Musée D'Orsay / Musée du Louvre, Paris France
Il bicchiere d'argento, Jean-Baptiste-Siméon Chardin
Dimensioni: cm. 33 x 41
Canestra di frutta ( Fiscella ),Giovanni Merisi da Caravaggio
Olio su tela di 31x47 cm,1599 Pinacoteca Ambrosiana di Milano
Il Rococò subisce l'eco del grande realismo del '600
1755
Jean-Baptiste du Bos
pubblica la prima edizione delle Reflèxions, trattato in cui teorizza che il sentimento è alla base della produzione della bellezza nell'arte e nella poesia, senza dar troppa importanza alle regole e agli schemi accademici.Questo testo diventerà il manifesto del pensiero Rococò e dell'estetica della sensazione
London, National Gallery
London, Tate Britain
La mattina, episodio appartenente al ciclo 'Matrimonio alla moda',William Hogatrh
Olio su tela ,1744, 68,5 x 89 cm
Data d'inizio vera e propria del Romanticismo italiano è il 1816: nel gennaio di tale anno, infatti, Madame de Staël pubblicò nella Biblioteca Italiana un articolo (Sulla maniera e utilità delle traduzioni) nel quale invitava gli italiani a conoscere e tradurre le letterature straniere come mezzo per rinnovare la propria cultura.
1774
Muore Luigi XV e tramonta
la moda del Rococò
1780
Ascesa dello stile neoclassico, che ha come linee guida il rifiuto categorico delle espressioni artistiche recenti ed il recupero dell'antichita, specialmente quella Greca e Romana.
Questo stile si farà portavoce delle idee della nuova borghesi figlia della rivoluzione francese.
1814-15
Ha luogo il Congersso di Vienna a cui parteciparono le principali potenze europee allo scopo di ridisegnare la carta dell'Europa e ripristinare l'Ancien régime dopo gli sconvolgimenti apportati dalla Rivoluzione francese e dalle guerre napoleoniche
1765
Iniziano gli scavi di
Pompei ed Ercolano
Amore e Psiche,Antonio Canova
Realizzata tra il 1788 e il 1793
Metropolitan Museum of Art, New York
Giovan Battista Piranesi, Arco di Tito, Roma, 1765.
Le sue tavole ,incise con la tecnica dell'acquaforte, sono segnate da un'intonazione drammatica, appaiono improntate ad un'idea di dignità e magnificenza tutta romana, espressa attraverso la grandiosità e l'isolamento degli elementi architettonici,che il Piranesi carica di suggestione, in modo da pervenire ad un sublime sentimento di grandezza del passato antico. Oltre a queste incisioni, la sua fama è dovuta alle ben più note sedici tavole delle Carceri, realizzate dal 1745 al 1750,rappresentanti immagini di architetture fantastiche.
Esse mostrano l'altra faccia della genialità di Piranesi, che qui mette in pieno risalto le sue abilità di architetto, progettando grandi scalinate e possenti , quanto tetri, macchinari.
Ritratto di Johann Joachim Winckelmann che legge l'Iliade,Mengs Anton Raphael. Olio su tela, 63,2x49,5 cm, 1755
Il neoclassicismo, in quanto nuovo classicismo ed in quanto portatore di un'idea assoluta di bello e di arte necessitava di una guida teorica che imponesse quali fossero i modelli da imitare.
Due furono gli studiosi che teorizzarono e spinsero gli artisti del tempo all'utilizzo di elementi del passato: Mengs e Winckelmann. Il primo tracciava un percorso artistico ideale che andava dell'Atene aurea di Fidia attraverso momenti particolarmente significativi della tradizione italiana al nuovo classicismo del suo tempo e di cui lui si sentiva interprete. Il secondo identificava i propri modelli ideali nelle opere di Fidia, Prassitele e degli imitatori romani.
Il neoclassicismo
secondo Winckelmann
Il neoclassicismo
secondo Mengs
TEORIA NEOCLASSICA
Johan Joachim Winckelmann fu uno dei principali teorici del neoclassicimo,nel 1755 pubblicò un trattato intitolato " I pensieri sull'imitazione dell'arte greca " in cui delineava gli elementi dei suo pensiero. La sua visione neoclassica dell'arte si snoda attraverso i seguenti punti:
-Rifiuto delle espresioni artistiche recenti, specialmente dell'estetica della sensazione, fondamento del Rococò e recupero dell'antichità , portatrice di valori sia estetici che etici ( come, ad esempio, la democrazia ateniese )
-Un'opera d'arte, per potersi definire tale, deve portar in sé valori morali, in questo modo non potrà che essere un modello educativo positivo
-Il bello è una qualità immutabile che deve rifarsi a modelli assoluti, che Winckelmann indivdua nell'arte
romana ma principalmente in quella greca, intesa
come luogo dell'equilibrio tra uomo e natura,
-Un'opera d'arte deve possedere le caratteristiche della scultura greca (o per meglio dire, quella che i neoclassici consideravano come tale, ovvero le riproduzioni di periodo romano in marmo bianco )
come la pulizia e la sobrietà nella forma e
l'equilibrio nella composizione.
Anton Raphael Mengspubblica nel 1762 i " Pensieri sulla bellezza nella pittura " dove riprende le teorie già elaborate da Giovan Pietro Bellori e , diversamente da Winckelmann,si sposta sul piano pratico-esecutivo piuttosto che su quello prettamente teorico.
Secondo mengs il bello non esiste in natua e solo l'arte può crearlo, pertanto, attraverso ideali di perfezione artistica, l'artista deve purificare la realtà da ogni imperfezione mediante l'osservazione e l'idealizzazione della natura. Mengs propone inoltre 3 modelli pittorici da seguire per pervenire al concetto assoluto di bello: Raffaello per la composizione ed il panneggio, Correggi per il chiaro-scuro e Tiziano per l'uso del colore. In netto contrasto con l'ideale del rococò, secondo Mengs , l'unico luogo in grado di formare anche teoricamente un artista è l'Accademia e non più la bottega.
Apollo del Belvedere (il nome deriva dal cortile del Belvedere in Vaticano dove un tempo era stata collocata )Leocares
350 a.C. circa, marmo bianco,224 cm
Musei Vaticani e Musei Capitolini, Roma
Johann Heinrich Füssli. La disperazione dell'artista davanti alle rovine antiche. 1778-79. Acquerello. cm. 42X27,2
Mano destra e piede
sinistrodel Colosso di
Costantino a Roma.
330 d.C. circa, marmo
Il giuramento degli Orazi, Jacques-Louis David
1784,olio su tela,330×425 cm
Durante il periodo neoclassico il cristianesimo passa in secondo piano per lasciar spazio alla figura dell'uomo, che vedva la sua massima virtù espressa nell'anticità.
Il soggetto è tratto da una leggenda romana, secondo cui, durante il regno di Tullio Ostilio, per decidere l'esito della guerra tra Roma e Alba Longa, tre fratelli romani (gli Orazi) si dovettero scontrare contro tre fratelli di Alba (i Curiazi). Dei Curiazi non sopravvisse nessuno mentre dei tre Orazi uno riuscì a ritornare sancendo la vittoria di Roma, perché questo, dopo che i suoi due fratelli vennero uccisi dai nemici, incominciò a correre, inseguito dai Curiazi: correndo, riuscì a fare sì che i tre si distanziassero, così che lui, aspettatone uno, lo uccideva e riprendeva a correre inseguito da un altro, lo aspettava e lo uccideva e così via fino ad ucciderli tutti e tre.
Le figure sono dfnita in maniea chiara , lineare e scultorea, conformemente alla teoria neoclassica di Winckelmann. La ricostuzine minuziosa e quasi archeologica dell'ambiente e dell'abbigliamento risponde all'esigenza tipicamente neoclassica di ricreare un ritatto verosimile della società romana
1788
1799
RIVOLUZIONE
FRANCESE
1789
Antoine-Laurent Lavoiser elabora la prima legge di conservazione della massa :" Nulla si crea, nulla si distugge "
Nello stesso anno, il 20 giugno 1789 dopo la chiusura della sala dell'Assemblea degli Stati Generali disposta da Luigi XVI, i rappresentanti del Terzo Stato si riunirono in un'altra sala adibita al gioco della pallacorda dove i deputati giurarono di non separarsi in nessun caso e di riunirsi ovunque le circostanze lo avrebbero richiesto, fino a che la Costituzione francese non fosse stata stabilita e affermata su solide fondamenta.
Ritratto di Lavoiser e sua mooglie, Jaques-Louis David,1788,Olio su tela
259.7 × 196 cm
Giuramento della pallacorda,
Jaques-Louis David, 1791
101.2 × 66 cm
"Consacrazione dell' Imperatore Napoleone e incoronazione dell'Imperatrice Giuseppina
nella Cattedrale di Notre-Dame di Parigi il 2 Dicembre 1804", Jaques-Louis David, 1806-1807, olio su tela, 621x979 cm
Neoclassicismo
Il parasole,Francisco Goya,
1777,olio su tela,152×104 cm
Museo del Prado, Madrid
1827
Muore William Blake, che svolse un ruolo cruciale per lo sviluppo del moderno concetto di immaginazione nella cultura occidentale: « Se le porte della percezione fossero purificate, tutto apparirebbe all'uomo come in effetti è, infinito. »
Grande drago rosso, William Blake
1805-1810,Acquarello,54,6x43,2 cm
La famiglia di Carlo IV , Francisco Goya, 1800-1801,Olio su tela,280 × 336 cm

Muor Carlo IV
di Spagna
1819
Las meninas,Diego Velázquez
1656,olio su tela,318×276 cm
Come Velasquez,che operò per gran parte della sua vita alla corte di Filippo IV di Spagna, Goya fu il pittore di camera di Carlo IV.
Mentre il primo realizzava ritratti quasi idealizzati della famiglia reale, il secondo mette in risalto con violente pennellate i difetti estetici dei personaggi ritratti quasi per risaltare il decadimento morale della società a lui contemporanea. Questo senso di disagio ed estraneamento nei confronti della realtà è espresso nei Caprichos,80 tavole realizzate con le tecniche di acquetinte e acquaforte,un mezzo per condannare la follia universale e la stoltezza della società spagnola in cui viveva. Le critiche sono ad ampio raggio e acide; Goya si scaglia contro la superstizione, l'ignoranza e l'incapacità dei membri della classe dominante
Saturno che divora i suoi figlio,Francisco Goya
1819-1823,Olio su intonaco,146×83 cm
Il sonno della ragione produce mostri,Francisco Goya
1797,acquaforte,21,6×16,2 cm
Fucilazioni del 3 maggio 1808, Francisco Goya,1814,Olio su tela
Romanticismo
Vendemmia, Francisco Goya
1786, cartone incompleto
El perro, Francisco Goya,1819–1823, dipinto ad olio su muro, trasferito poi su tela ,131.5 cm × 79.3 cm

Jean-Auguste-Dominique Ingres
Louise de Broglie, Contesse d'Haussonville,1845,Olio su tela
Frick Collection, New York
Ingres appartiene alla cosiddetta generazione “ perduta”, ovvera quella fosmatasi nel periodo neoclassico, impregnato di alti valori morali ed ideologie rivoluzionarie, ma ben presto oppressa dalla restaurazione, che ebbe inizio con il congresso di Vienna.
Ingres si mantiene fedele ai precetti di Winckelmann, che interiorizza e fonde con i grandi maestri del passando, dando così vita ad una classicità contemporanea. Nelle sue opere, come ad esempio nel ritratto della Contessa di Haussonville , sono visibili echi della Gioconda e di Pontormo, specialmente per l'uso dei colori. La composizione del quadro è calibrata nelle sue varie parti anche grazie alla posizione della spalla quasi raffaellesca.
La zattera della medusa,Théodore Géricault
1819,olio su tela,491×716 cm
Nello stesso anno La zattera della Medusa fu mostrato al pubblico per la prima volta al Salon di Parigi, sotto il generico titolo di Scène de Naufrage.I critici si divisero in due: chi rimase affascinato dall'orrore e dalla disperazione del quadro e chi espresse il proprio scontento per una tale presa di distanze dal neoclassicismo, il cui precetto di bellezza idealizzata veniva ribaltato dal crudo realismo di Géricault
1816
e
Ermitage Museum,
Saint Petersburg
Amore e Psiche seconda versione (1800-1803),Antonio Canova, marmo bianco
Le tre Grazie ,Antonio Canova
1813 - 1816,Marmo,182 cm
Francisco Goya, Ritratto dell'attrice Antonia Sarate (1746-1828), olio su tela
Muore Ludwig van Beethoven,
questa data segna l'inizio del romantitcismo in musica
1831
Viene esposta al Salòn di Parigi il quadro di Eugéne Delacroix “ la Libertà guida il popolo”.Il dipinto rappresenta la lotta per la libertà di varie classi sociali, incitate da una figura femminile che incarna la Libertà. Questa donna, rappresentante Marianne, ricorda la Venere di Milo, scoperta nel 1820, ed è un omaggio a questo ritrovamento. Ella indossa il berretto frigio, simbolo di libertà, stringe nella destra la bandiera repubblicana francese e nella sinistra un fucile. Come Géricault, segue uno schema piramidale e i corpi ricordano certe posizioni de La zattera della Medusa.
1862
Victor Hugo pubblica
I miserabili (Les Misérables)
Ritratto di Luigi XV , Maurice-Quentin de La Tour, 1748
Dimensione: 60 × 54 cm ,Pastello
Realismo ed Impressionismo
Jhon Everett Millais
Ofelia, olio su tela, 1851-2
Ecce Ancilla Domini, Dante Gabriel Rossetti, 1850 , 72x41 cm, olio su tela
William Turner, Tempesta di neve ( l'esercito di Annibale attraversa le Alpi )
1812 , olio su tela
William Turner (1775-1851) e il principale interprete, in Inghilterra, dell’idea romantica di natura. Viaggio in- stancabilmente in tutta Europa e fu celebrato dai suoi contemporanei.Egli ha rappresentato una natura imponente, spesso spaventosa, sempre legata a fenomeni grandiosi, a eventi biblici o storici dai risvolti eroici o drammatici. Egli ha abolito il disegno, per privilegiare unicamen-te gli effetti di luce e colore: le forme divengono sfo- cate, fino a dissolversi, confondendosi con gli stessi elementi naturali; gli spazi non sono piu misurabili, ma intuiti attraverso le suggestioni evocate dal colo- re e dagli effetti atmosferici. Turner ha applicato una concezione simbolica del colore, associando le tinte calde e luminose alla positivita, la gamma del blu-vio- letto-nero al dramma e alla disillusione.
Jhon Constable, la cattedrale di Salisbury vista dai giardini del vescovo, 1823, Olio su tela
Il congresso di Parigi inaugura la stagione della seconda rivoluzione industriale che sarà la cornice storica di un nuovo movimento che, partito dalla Francia , si diffonderà in tutta l'Europa occidentale: il Realismo. Le manifestazioni sempre piu clamorose del progresso tecnologico portano a un diffuso atteggiamento di ottimismo, ma anche di smarrimento davanti ai cambiamenti sempre piu incalzanti e alle conoscenze sempre piu analitiche, che mettono in crisi i valori tradizionali. Il realismo, in effetti, riflette, a volte esalta, ma spesso contesta questo mondo nuovo. Nello stesso anno Gustave Courbet, considerato il più rappresentativo di questo neo-nato movimento, espone al Salon di Parigi il suo celebre quadro "Le ragazze sulla riva della Senna"
1856
1859
Charles Darwin pubblica il libro " L'origine della specie" dove espone la sua teoria dell'evoluzione delle specie animali e vegetali per selezione naturale agente sulla variabilità dei caratteri ereditari
La Libertà che guida il popolo,Eugène Delacroix ,1830,olio su tela ,260×325 cm
Ragazze sulla riva della Senna,
Gustave Courbet,1856, olio su tela
Museé de Petit Palais
"Un giorno di pioggia", Gustave Caillebotte. La grande metropoli industriale (Londra, ma soprattutto Parigi)diventa centro di ogni attivita economica e culturale.La vita parigina e fertile di soggetti poetici e meravigliosi. "Il meraviglioso ci avvolge e ci bagna come l’atmosfera; ma non lo vediamo. Il nudo, cosa cosi cara agli artisti e tanto necessaria al successo, e frequente e indispensabile non meno che nel mondo antico: a letto, nel bagno, nell’anfiteatro. I mezzi e i motivi della pittura sono del pari vari e copiosi: ma c’e un elemento nuovo, che e la bellezza moderna....Il vero pittore sara colui che sapra cogliere il versante epico della vita attuale e farci capire, con il colore e il disegno, come siamo grandi e poetici con le nostre cravatte e i nostri stivali."
Charles Baudelaire, Dell’eroismo della vita moderna, in Salon, 1846
1862
Il chimico francese Louis Pasteur inventa il procedimento della pastorizzazione che deve a lui il suo nome.Nello stesso anno viene coniato il termine "macchiaioli" da un recensore della «Gazzetta del Popolo» che così definì, quei pittori che intorno al 1855 avevano dato origine ad un rinnovamento antiaccademico della pittura italiana in senso verista
1861
ISTRUZIONI PER I SUOI ALLIEVI, DA UN CARTELLO AFFISSO ALLE PARETI DELLA SUA AULA 1) Non fare quello che faccio io 2) Non fare quello che fanno gli altri 3) Anche se tu facessi quello che fece Raffaello, non esisteresti: e un suicidio 4)Fai quello che vedi, che senti, che vuoi.Gustave Courbet, Il manifesto del realismo, 1861
1889
L'Esposizione universale del 1889 si tenne a Parigi dal 6 maggio al 31 ottobre. La sede era il Campo di Marte, vicino alla Senna. L'evento, che cadeva nel centenario della Rivoluzione francese, è ricordato in particolare per la costruzione della Torre Eiffel, chiamata così dal nome del suo progettista, l'ingegnere Gustave Eiffel.
1880
Questo movimento culturale si basa in maniera assoluta sulla scienza, le leggi della quale sono certe ed immutabili, applicata a tutti i settori. Si pone quindi un problema nella conciliazione della letteratura e della filosofia con la scienza. Tentativo di soluzione a questo problema lo ha esposto Zola con il suo Romanzo Sperimentale; un tipo di romanzo basato su fondamenti scientifici che deve impadronirsi dei meccanismi psicologici per poterli dirigere, proprio come la scienza deve far diventare l'uomo padrone dei fenomeni naturali. Il romanziere deve quindi rendere possibile la direzione dei fenomeni sociali per progredire maggiormente.
Zola non ha idea di quali siano le leggi che regolano la mente umana, ma ipotizza che queste si basino sull'eredità del singolo individuo. Per esprimere questo concetto Zola prende in esame la classi sociali Francesi (in particolare le più povere) per dare un riferimento reale della situazione, studiando, sempre dal punto di vista del romanziere borghese, gli atteggiamenti, le parole, la vita della società presa in esame.
Emile Zola, pioniere del filone naturalista, pubblica il suo romanzo Nanà, nono del ciclo dei "Rougon-Macquart"
1874
Nadar,fotografo francese pseudonimo con cui è conosciuto Gaspard-Félix Tournachon,nel suo studio di Boulevard des Capucines a Parigi nell'aprile del 1874, ospitò la prima mostra collettiva dei pittori impressionisti, contribuendo alla nascita della loro fama. Fu criticato insieme a loro di un'arte pesante, di uno schiaffo all'arte ufficiale. I pittori erano Monet, Manet, Sisley, Pissarro, Morisot, Degas, Cézanne e Renoir
Postimpressionismo ed Avanguardie Storiche
Honoré Daumier, Il vagone di terza classe, 1864, olio su tela
Grenouillère, olio su tela(73x92 cm) di Claude Monet, 1869
Punti cardine della corrente Realista
Il dato reale deve essere trascritto in maniera il piu possibile imparziale ed obbiettiva e la soggettivitadell’artista deve essere ridotta al minimo: occorre elaborare un linguaggio adeguato, che eviti le barrieretra il momento della percezione e quello della rappresentazione
I modelli accademici, funzionali al continuo colloquio con il passato caro sia al Neoclassicismo che in fondo anche al Romanticismo, tendono a proporre schemi che deformano e edulcorano la realta e devono essere usati in maniera creativa, magari provocatoria, o abbandonati: lo stile degli artisti del passato non e adatto ad esprimere la contemporaneita in modo efficace.
Solo la realta empirica e materiale puo essere realmente rappresentata e l’arte non deve creare mondialternativi, ma contribuire a capire e cambiare il mondo reale: sara quindi la vita contemporanea il soggetto privilegiato e l’arte ha la funzione importante di contribuire a spiegare e cambiare la realta sociale concreta
Il brutto e il triviale devono essere rappresentati, non ci puo essere una discriminazione di soggetti in base alla loro “dignita”: la gerarchia dei generi tradizionali non e piu valida
Bal au Moulin de la Galette, Pierre-Auguste Renoir,olio su tela di (131 x 175 cm) 1876
Lezione di ballo, Edgar Degàs, 1875, olio su tela
Ritratto di Emile Zola, Eduard Manet, 1868 olio su tela
1886
Ultima mostra impressionista, a Parigi, che vide la partecipazione di Paul Gauguin e Georges Seurat. Nello stesso anno viene coniato il termine Neoimpressionismo (Pointillisme)termine usato da FELIX FENEON sulla rivista l’Art moderne per definire la nuova versione della pittura impressionista lanciata da Georgers Seurat nel nuovo spazio espositivo della Societe des Artistes Independents
Nello stesso anno il termine Ecole impressioniste venne coniato da Louis Leroy
1910
Il termine Postimpressionismo viene coniato da ROGER FRY in occasione della mostra londinese Manet and the Post – impressionist
Esposizione a Parigi al Cafe des Arts della scuola di Pont- Aven,un gruppo di pittori capeggiati da Paul Gauguin e Emile Bernard, ai quali si unì occasionalmente anche Vincentvan Gogh, che prendevano il nome da un borgo della Bretagna, dove si rifugiarono per evadere dal caos pariginoalla ricerca di esperienze artistiche arcaiche, popolari e spontaneee
1905
1918
BELLE EPOQUE
Manifesto dei grandi magazzini Mele, 1910, Marcello Dudovich
1914
Prima Guerra Mondiale
1906
Programma del gruppo di artisti Die Brucke, xilografia di Ernst Ludwig Kirchner per una mostra organizzata a Dresda, 1906
1909
La prima pagina del quotidiano pariogino Le Figaro con il Manifesto dei pittori futuristi, 20 febbraio 1909
Frontespizio del saggio I pittori cubisti di Guillaume Apollinaire, 1913
1913
1912
Frontespizio dell’almanacco Der Blaue Reiter pubblicato a Monaco a cura di Wassili Kandinskj e Franz Marc, 1912
Nello stesso anno viene completata la costruzione della Casa Milà ( o Pedrera) a Barcellona, opera dell'architetto spagnolo Antoni Gaudí
Olympia, Eduard Manet,1863
Firenze
Rotonda di Palmieri,Giovanni Fattori,1866,olio su tavola
12×35 cm,Galleria d'Arte moderna, Firenze
Claude Monet,Impressione,1872,olio su tela,48×63 cm,Musée Marmottan Monet, Parigi
Impressionismo, Caratteri generali:
l’obiettivo degli impressionisti e di ispirazione nettamente realista: registrare l’impatto visivo immediato delle forme, dei colori e della luce, senza interpretazioni, senza diaframmi intellettuali, senza rielaborazioni accademiche,per questo, seguendo l’esempio dei paesaggisti romantici come John Constable e Camille Corot come quello dei pittori della scuola di Barbizon, preferirono il lavoro en plein air, con tele di piccolo formato eseguite con rapidita, senza progetto e senza elaborazione grafica, il contrario esatto del grande quadro da Salondi stampo realista e anche la scelta dei generi e dei soggetti, tutti di ambientazione contemporanea, tutti calati nella vita moderna urbana, paesaggi, vedute, nature morte scene di genere, ma anche temi nuovi, tutti trattati senza nessun intento moralistico o di denuncia: il soggetto e comunque sempre e solo un pretesto, perche la pittura impressionista si concentra esclusivamente sui procedimenti tecnici.La tecnica pittorica, al di la delle differenze individuali, e rapida, libera, sintetica, concentrata sui valori della luce e del colore piuttosto che su quelli della forma: la pittura impressionista mantiene comunque l’impianto spaziale e luminoso della tradizione figurativa moderna, che elabora in maniera inedita e creativa.
A
VAN
GUAR
DIE

ESPRESSIONISMO
-Fauves (Parigi)esecuzione improvvisata, forme ridotte ed essenziali, colore pieno e squillante, messaggio vitale e positivo
-Die Brucke (Dresda)forme aspre, abbreviate, volutamente prive di grazia e ispirate allo schematismo primitivo, delimitate da contorni appuntiti e sbavati e campite di colore appiattito, spesso acido e cupo, steso in maniera bruta
-Der Blaue Reiter (Monaco)arte come espressione di cio va al di la della materia, che non si percepisce attraverso i sensi, del contenuto spirituale anche delle forme piu semplici e quotidiane, con colore vivido e irrealistico, forme libere ed evocative
La danza,Henri Matisse,1910
Olio su Tela,260×391 cm,Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo
Marzella,Ernst Ludwig Kirchner,1910,olio su tela,75×59 cm,Moderna Museet, Stoccolma
Vasilij Kandisnkij,composizione VI,1913. Olio su tela,195x300cm. San Pietroburgo. Ermitage
FUTURISMO
Non si rappresenta un soggetto , ma si rende la sensazione dinamica della realtà, che è sottoposta al continuo movimento che è la sua vera essenza,attraverso le linee di forza e le superfici curve che le forme e lo spazio tracciano incontrandosi e valorizzando il gesto, l'azione e la comunicazione degli stati d'animo
Forme uniche della continuità nello spazio,Umberto Boccioni,Museum of Modern Art,1,11 m x 88 cm, 1913,Bronzo
CUBISMO
Costruzione di un'immagine autonoma rispetto alla realtà sensibile , basata su quello che la mente rielabora in base all'esperienza visiva ed alla memoria, dove appaiono simultaneamente.
ANALITICODIVERSE ANGOLAZIONI DEL SOGGETTO, FINO A FRANTUMARLOla moltiplicazione dei punti di vista porta a una fitta scomposizione delle forme e dello spazio circostante, con un colore spento e semplificatoSINTETICOle superfici si ampliano e le forme si appiattiscono, stilizzate, arrivando il colore si differenzia, perde la sua vibrazione e diventa uniforme, la profondita spaziale si riduce fino alla totale bidimensionalita a tarsia, viene introdotta la tecnica del papier colle
Les Demoiselles d'Avignon
Pablo Picasso,1907,Oil on canvas,243.9 cm × 233.7 cm,Museum of Modern Art
Pablo Picasso, Uomo con il mandolino,
581x800 cm,1911 Parigi
Visione dopo il sermone, Paul Gauguin, 1888,olio su tela
Full transcript