Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Sigmund Freud

No description
by

Elena Del Tatto

on 16 March 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Sigmund Freud

Il fallo
Il feticismo
L'etimologia della parola viene dalla lingua portoghese
Feitisu;
i mercanti di schiavi usavano questo termine per riferirsi agli indigeni africani che adoravano
feticci,
ovvero oggetti ritenuti sacri dalle popolazioni locali.


Il feticismo secondo Benjamin
La sessualità infantile
Freud delinea lo sviluppo psicosessuale infantile distinto in 5 fasi:
la fase
orale
la fase
anale

la fase
fallica
, che culmina nella risoluzione del complesso di Edipo nel bimbo e del complesso di Elettra nella bimba.
la fase di
latenza
la fase
genitale
fino alla pubertà.
La sublimazione
Il feticismo rappresenta delle energie che si relazionano per ottenere una meta esterna. Questa meta esterna può avere diverse caratteristiche e di conseguenza le energie possono indirizzarsi a mete diverse (arte,scienza,filosofia).
Sigmund Freud
(1856-1939)
Laurea in medicina, specializzazione in neurologia.
Negli anni tra il 1880 e 1886 Freud incontra due neurologi noti, Charcot e Breuer.
I neurologi trattarono pazienti colpiti da
isteria
, quasi esclusivamente femminili, con grossi disturbi fisici e fobie.
Ma perchè si manifestavano queste malattie?
La coscienza delle persone affette da isteria, elimina dalla consapevolezza determinati elementi inaccettabili (per morale o per repulsione): tali elementi però rimangono nell'inconscio e creano i disturbi propri della sintomatologia isterica.
In particolare le rimozioni più tipiche avevano a che fare con la sessualità.
La Sessualità secondo Freud
LA PSICOANALISI DI FREUD
la sessualità e il feticismo

Il caso clinico di Anna O
La nuova concezione freudiana risiedette soprattutto nel non identificare più la

sessualità con la mera attività genitale dell'individuo adulto, ma nello scoprire l'esistenza di una
sessualità infantile
, che si manifesta secondo le caratteristiche peculiari delle evoluzioni dei processi pulsionali della Libido.
'“
Tre saggi sulla teoria della sessualità
”, opera di Freud pubblicata nel 1905 in cui viene descritta la sua teoria della sessualità a partire dagli sviluppi della prima infanzia.
Il bambino è perverso in quanto ricerca il piacere senza alcuna finalità riproduttiva . È inoltre polimorfo, poiché ricerca il piacere attraverso vari organi e tramite diverse zone erogene.
Donna barbuta
, Jusepe de Ribera
L'elemento organizzatore della sessualità umana non è l'organo genitale maschile, ma la
rappresentazione,
un'
elaborazione psichica
costruita su questa parte anatomica del corpo dell'uomo, chiamata fallo.
Per feticismo si intende la parafilia consistente nello spostamento della meta sessuale dalla persona viva nella sua interezza a un suo sostituto; ciò che la sostituisce può essere o una parte del corpo stesso, o una qualità, o un indumento, o qualsiasi altro oggetto inanimato.
Il feticismo è normalmente caratterizzato da una supervalutazione psicologica dell'oggetto sessuale, quindi del feticcio (Sexualüberschätzung).
Il feticista secondo Freud,durante l'azione sessuale, si disinteressa dell'oggetto principale (genitale femminile) per concentrarsi sull'
oggetto accessorio.
La meta, l'orgasmo viene sacrificata non consentendo soddisfacimento sessuale. Il feticista quindi denega il fallo con un oggetto
.
Qualcosa in questo oggetto viene considerato molto forte e motiva la pulsione. Si tratta inoltre di una trasformazione del feticcio da ciò che è vivo a qualcosa di morto.
,


Il
feticcio
non serve soltanto a raggiungere il piacere, ma serve anche a evitare l'angoscia e il dolore che l'individuo maschile prova.

«la pulsione sessuale mette enormi quantità di forze a disposizione del lavoro di incivilimento e ciò a causa della sua particolare qualità assai spiccata di spostare la sua meta senza nessuna essenziale diminuzione dell'intensità. Chiamiamo facoltà di sublimazione questa proprietà di scambiare la meta originaria sessuale con un'altra, non più sessuale ma psichicamente affine alla prima».
Benjamin è stato un filosofo, scrittore, critico letterario e traduttore tedesco.
Tramite delle immagini dialettiche espone il significato di feticismo.
Le prime immagini che propone sono i
Passage
e le
Esposizioni Universali.
Successivamente introduce le figure del
collezionista
e dell
'artista.
I passage sono la prima forma di galleria commerciale coperta, apparsi a Parigi verso la fine del Settecento e gli inizi dell'Ottocento.
Nelle grandi esposizioni universali ottocentesche venivano messi in vendita i prodotti esposti; allo stesso tempo venivano presentati ai visitatori, come si fa in un museo, i progressi scientifici raggiunti.
In questi casi, il desiderio del feticista, il feticcio è la
merce
.
Appare una certa eroticizzazione della merce in senso Marxiano.


Nel feticismo secondo Marx e Benjamin il prodotto domina l’uomo e i rapporti sociali appaiono come semplici rapporti fra cose, autonome rispetto a chi le ha prodotte e dimenticando che le merci sono il frutto del lavoro umano.
Il carattere feticcio della merce (oggetto di adorazione) ha un
valore d’uso
(essa dev’essere utile a qualcosa e ciò dipende dall’uso ossia dal consumo che si fa della merce) e molteplici
valori di scambio
(secondo le altre merci con cui può essere scambiata) che dipendono però da un fattore comune: dalla quantità di lavoro necessario per produrla.
La Libido è l'energia pulsionale orientata sessualmente e agente nell'individuo al di là degli istinti e della sua volontà.
Isteria
è un termine che è stato utilizzato nella psichiatria dell'Ottocento per indicare una tipologia di attacchi nevrotici molto intensi, di cui erano generalmente vittime soggetti femminili.

L'isteria si manifestava con sintomi molto simili all'epilessia, paralisi degli arti, cecità momentanea, perdita di coscienza e della capacità di parlare. Finito l'attacco, seguiva spesso una fase emozionale molto intensa, in cui il soggetto compiva azioni imprevedibili e esprimeva con poche parole o gesti sentimenti molto profondi, in uno stato semi-allucinatorio.
Full transcript