Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il caso Majorana : Ἀδιάφορα

No description
by

Vittoria Molinaro

on 3 July 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il caso Majorana : Ἀδιάφορα

Il caso Majorana :
l'uomo che sceglie di non essere
« Non c'è nulla che spaventi di più l'uomo che prendere coscienza dell'immensità di cosa è capace di fare e diventare. »


Søren Aabye Kierkegaard
Hai mai pensato di andare via e non tornare mai più? Scappare e far perdere ogni tua traccia, per andare in un posto lontano e ricominciare a vivere, vivere una vita nuova, solo tua, vivere davvero. Ci hai mai pensato?


Luigi Pirandello
, Il fu Mattia Pascal
Samuel Beckett
,
Waiting for Godot
L'ordigno "Fine del Mondo" nella storia
Stanley Kubrick,
Il dottor Stranamore
Cosa avviene in Little Boy?

Probabilmente non sapremo mai
quale sia stata la scelta di Majorana.
Le tesi sono discordanti e l'amarezza
dello scegliere la non scelta fa eco nella sua vicenda. Ma il delinearsi della figura di Majorana come simbolo della scelta, come confine dello scibile, ben descrive una paura lontana, eppure a noi tanto vicina: etica o scienza?
In tale baratro unica possibilità è la FUGA.
1906 - 1928
1928 - 1933
1933 - 1937
1937 - 1938

"Sono nato a Catania il 5 agosto 1906. Ho seguito gli studi
classici conseguendo la licenza liceale nel 1923; ho poi atteso
regolarmente agli studi di ingegneria in Roma fino alla soglia dell'ultimo anno...
... Nel 1928, desiderando occuparmi di scienza pure, ho chiesto e ottenuto il passaggio alla facoltà di Fisica e nel 1929 mi sono laureato in Fisica teorica sotto la direzione di S.E. Enrico Fermi svolgendo la tesi:
La teoria quantistica dei nuclei radioattivi
e ottenendo i pieni voti e la lode. Negli anni successivi ho frequentato liberamente l'Istituto di Fisica di Roma seguendo il movimento scientifico e attendendo a ricerche teoriche di varia indole. Ininterrottamente mi sono giovato della guida sapiente e animatrice di S.E. il prof. Enrico Fermi"
L'incontro con Heisenberg crediamo sia stato il più significativo, il più importante, che Majorana abbia fatto nella sua vita: e più sul piano umano che su quello della ricerca scientifica

Leonardo Sciascia
, La scomparsa di Majorana


Nel 1937 ottiene la cattedra di Fisica teorica presso l'università di Napoli, dove insegna da Gennaio a Marzo del 1938.
Il 26 Marzo Majorana scompare misteriosamente.
E quando, coll’andar del tempo, avrete scoperto tutto lo scopribile, il vostro progresso non sarà che un progressivo allontanamento dall’umanità. Tra voi e l’umanità può scavarsi un abisso così grande, che ad ogni vostro eureka rischierebbe di rispondere un grido di dolore universale…

Bertolt Brecht
, Vita di Galileo
Quanto è diversa una fuga da fermi?
Quanto l'attesa può essere una fuga?
La scomparsa
Domus Galilaeana: “vol.II”, pg. 33
Pubblicazione sulla Teoria simmetrica dell'elettrone e del positrone, con la dedica ad Enrico Fermi
Domanda per la libera docenza in fisica teorica
«E poi tra il gruppo dei “ragazzi di Via Panisperna” e lui, c’era una differenza profonda: che Fermi e “i ragazzi” cercavano, mentre lui semplicemente trovava. Per quelli la scienza era un fatto di volontà, per lui di natura. Quelli l’amavano, volevano raggiungerla e possederla; Majorana, forse senza amarla, “la portava”. Un segreto fuori di loro - da colpire, da aprire, da svelare - per Fermi e il suo gruppo. E per Majorana invece un segreto dentro di sé, al centro del suo essere; un segreto la cui fuga sarebbe stata fuga dalla vita»

Leonardo Sciascia,
La scomparsa di Majorana


Chi era Ettore Majorana?
Tessera universitaria
“Fondo E. Majorana” Domus Galilaeana
I suoi quaderni..
Ottiene l'abilitazione
I programmi del corso..
I consigli ai colleghi, in questo caso a Giovanni Gentile junior
"Il divario tra la forza del sapere predittivo e il potere dell’azione genera un nuovo problema etico. Il riconoscimento dell’ignoranza diventerà allora l’altra faccia del dovere di sapere e quindi una componente dell’etica, a cui spetta il compito di istruire il sempre più necessario autocontrollo del nostro smisurato potere. Nessun’etica del passato doveva tener conto della condizione globale della vita umana e del futuro lontano, anzi della sopravvivenza della specie."
Hans Jonas
,
Il principio responsabilità
Reazioni nucleari
Fissione nucleare
Un nucleo di massa elevata cattura un neutrone e si divide, cioè si fissiona, in due nuclei più piccoli.
Fusione nucleare
La Fusione nucleare consiste nella unione dei nuclei di atomi leggeri per formare atomi pesanti: i due nuclei leggeri, spinti con forza l'uno contro l'altro si fondono, generando un nucleo pesante la cui massa è inferiore alla somma dei due iniziali
Reazioni
esoenergetiche
ed
endoenergetiche



Da sinistra Oscar D'Agostino, Emilio Segrè, Edoardo Amaldi, Franco Rasetti ed Enrico Fermi.
I ragazzi di via Panisperna
A Lipsia arriva il 20 gennaio del 1933. Brutta città, ma gli basta andare all'Istituto di Fisica per scoprirla simpatica.
"Ho avuto una lunga conversazione con Heisenberg che è una persona straordinariamente cortese e simpatica", scrive Majorana.
Perché la sua scomparsa noi la vediamo come una minuziosamente calcolata e arricchita architettura. Una di quelle costruzioni leggere ed aeree che basta "un niente" a farle crollare, ma appunto si reggono perché quel "niente" è stato calcolato
E' tornato in Germania per mettere le sue conoscenze e le sue intuizioni a disposizione del Terzo Reich?
Fuga a Buenos Aires?
Si sarebbe rinchiuso nella Certosa di Serra San Bruno, per sfuggire a tutto e a tutti, dal momento che non sopportava la vita sociale, come afferma Sciascia?
NIENTE
NIENTE
Già nel 1921, parlando delle ricerche atomiche di Rutherford, un fisico tedesco aveva avvertito : "Viviamo su un'isola di fulmicotone"; ma aggiungeva che, grazie a Dio, ancora non avevano trovato il fiammifero per accenderla. Perché undici anni dopo un genio della fisica, trovandosi di fronte alla virtuale, anche se non riconosciuta scoperta, della fissione nucleare, non potrebbe aver capito che il fiammifero c'era già ed essersene allontanato -poiché mancava di buon senso- con sgomento, con terrore?
NIENTE
NIENTE
NIENTE
NIENTE
Fermi ed i suoi collaboratori riuscirono, senza accorgersene, nella realizzazione della fissione (allora scissione) del nucleo di uranio nel 1934. Il fisico Segrè parla di "cecità". -La ragione della nostra cecità non è chiara nemmeno oggi-, dice. Ed è forse disposto a considerarla come provvidenziale, se quella loro cecità impedì a Hitler e Mussolini di avere l'atomica. Non altrettanto accadde agli abitanti di Hiroshima e Nagasaki.
Akihiro Takahashi
"Avevo quattordici anni ed ero uno studente del secondo anno della scuola superiore. Sentii un incredibile rumore ed un'oscurità totale coprì i miei occhi. Dopo un poco ripresi conoscenza. La pelle si eras staccata dalla mia testa e lungo la mia schiena fino alle braccia, alle mani e alle gambe. Guardai in lontananza -Oh no, Hiroshima è sparita-, pensai. "
Michihiko Hachiya
La tragica fine della seconda guerra mondiale
6 Agosto 1945. Ore 8.16 e 8 secondi. Little Boy inghiotte Hiroscima
9 Agosto 1945, strage di Nagasaki
HIROSHIMA

80 000 morti
38 000 feriti
13 000 dispersi
80% di edifici distrutti
NAGASAKI

60 000 vittime
Tamiki Hara
Lettera da Hiroshima
"Improvvisamente ricevetti un colpo sulla testa e tutto diventò oscuro davanti ai miei occchi. Gettai un grido ed alzai le braccia...Il mio primo grido, io l'avevo inteso come se fosse stato gettato da qualcun altro"
Si suiciderà nel 1951
"All'improvviso fui abbagliato da un lampo di luce, seguito immediatamente da un altro. La scena che un momento prima mi era apparsa
così luminosa e gaia di sole, si oscurò... un poco alla volta gli oggetti presero consistenza.
Scorgevo le sagome incerte di altre persone, alcune delle quali avevano l'aria di spettri che camminassero...brancolando con le mani stese in avanti.
Come pareva piccola Hiroshima, adesso che le sue case erano sparite!"
Ma era veramente necessario usare la bomba atomica?

La bomba atomica: UNA NUOVA ERA
ESOENERGETICHE
Produzione di energia
ENDOENERGETICHE
Assorbimento di energia
L'altro volto della bomba
Da Harry Truman,
Dichiarazione ufficiale sul lancio della bomba atomica (6 Agosto 1945).
Abbiamo speso due miliardi di dollari nel più grande azzardo scienztifico della storia, ed abbiamo vinto. Ma la cosa meravigliosa non è la dimensione dell'impresa, la sua segretezza né il suo costo, ma le conquiste dell'intelligenza scientifica.

Fu per risparmiare al popolo giapponese una totale distruzione che fu emesso l'ultimatum del 26 luglio a Potsdam. Se essi non accettano le nostre condizioni possono attendersi una pioggia di rovine dall'aria che una simile non si è mai vista sulla terra.

L'energia atomica può divenire un potente ed energico strumento per il mantenimento della
PACE
.
Responsabilità dei governanti e dello stesso progresso scientifico, che sfugge al controllo degli scienziati
Da Robert Junk,
Gli apprendisti stregoni
Il presidente Truman scrive nelle sue memorie di aver deciso il lancio della bomba pronunciando un "sì". Ma il generale Groves afferma: "In verità egli non fece altro che non dire no. Ci sarebbero voluti dei nervi ben forti per dire no." Se neppure il presidente degli Stati Uniti osò arrestare quell'ingranaggio, molto meno c'era da attendersi dai quattro scienziati atomici dello scientific panel, i quali mai si erano opposti con decisioni ai piani dei loro superiori.

Fecero"soltanto il loro dovere".

Appello per la pace
lanciato nel 1955 da Albert Einstein, Bertand Russell ed altri scineziati di tutto il mondo.
Da Albert Einstein,
Idee e opinioni
Nella tragica situazione cui l'umanità si trova di fronte, noi riteniamo che gli scienziati debbono riunirsi a congresso per accertare i pericoli determinati dallo sviluppo delle armi di distruzione di massa e per discutere una risoluzione nello spirito del progetto annesso.

Parliamo in questa occasione non come membri di questa o quella nazione, continente e fede, ma come esseri umani, membri della specie umana di cui ora è in dubbio la continuazione dell'esistenza.
Albert Einstein's letter
The science during the Second World War
Albert Einstein
Old Grove Road
Peconic, Long Island
August 2nd, 1939

F.D. Roosevelt
President of the United States
White House
Washington, D.C.
Sir:

Some recent work by E. Fermi and L. Szilard, which has been communicated to me in manuscript, leads me to expect that the element uranium may be turned into a new and important source of energy in the immediate future. Certain aspects of the situation which has arisen seem to call for watchfulness and if necessary, quick action on the part of the Administration. I believe therefore that it is my duty to bring to your attention the following facts and recommendations.

In the course of the last four months it has been made probable through the work of Joliot in France as well as Fermi and Szilard in America--that it may be possible to set up a nuclear chain reaction in a large mass of uranium, by which vast amounts of power and large quantities of new radium-like elements would be generated. Now it appears almost certain that this could be achieved in the immediate future.

This new phenomenon would also lead to the construction of bombs, and it is conceivable--though much less certain--that extremely powerful bombs of this type may thus be constructed. A single bomb of this type, carried by boat and exploded in a port, might very well destroy the whole port together with some of the surrounding territory. However, such bombs might very well prove too heavy for transportion by air.

The United States has only very poor ores of uranium in moderate quantities. There is some good ore in Canada and former Czechoslovakia, while the most important source of uranium is in the Belgian Congo.

In view of this situation you may think it desirable to have some permanent contact maintained between the Administration and the group of physicists working on chain reactions in America. One possible way of achieving this might be for you to entrust the task with a person who has your confidence and who could perhaps serve in an unofficial capacity. His task might comprise the following:

a) to approach Government Departments, keep them informed of the further development, and put forward recommendations for Government action, giving particular attention to the problem of securing a supply of uranium ore for the United States.

b) to speed up the experimental work, which is at present being carried on within the limits of the budgets of University laboratories, by providing funds, if such funds be required, through his contacts with private persons who are willing to make contributions for this cause, and perhaps also by obtaining co-operation of industrial laboratories which have necessary equipment.

I understand that Germany has actually stopped the sale of uranium from the Czechoslovakian mines which she has taken over. That she should have taken such early action might perhaps be understood on the ground that the son of the German Under-Secretary of State, von Weizsacker, is attached to the Kaiser-Wilhelm Institute in Berlin, where some of the American work on uranium is now being repeated.

Yours very truly,

Signature
Albert Einstein
Prometeo ruba il fuoco
, 1817, nell'interpretazione di
Heinrich Friedrich Füger
Poco prima di svanire nel nulla spedì alcune lettere ad amici e familiari in cui manifestò l'idea di volersi togliere la vita. Dunque, queste missive potrebbereo essere servite per portare a termine un piano ben diverso e molto più complicato: quello di ricominciare la sua vita altrove, magari oltreoceano, dove nessuno lo avrebbe mai riconosciuto. A proposito di ciò, è singolare la vicinanza che Majorana stesso sentiva con un altro grande pensatore del '900, il conterraneo Luigi Pirandello che lo scienziato annoverava tra i suoi scrittori preferiti.
Nel suo primo successo, "
Il Fu Mattia Pascal
', Pirandello fece inscenare al protagonista proprio un finto suicidio che gli permetterà di fuggire da una vita ormai stretta per ricominciare sotto una nuova identità.
Preparandosi a "una" morte o "alla" morte, preparandosi a una condizione in cui dimenticare, dimenticarsi ed essere dimenticato con la delicata accortezza o la vocazione di non intricarsi con "gli altri", di guardare alla loro vita e ai loro sentimenti con l'occhi di un entomologo; accortezza o vocazione di cui mancò del tutto Mattia Pascal
Le reazioni esoergoniche ed endoergoniche nel metabolismo cellulare
La vita di una cellula dipende dalle trasformazioni chimiche che avvengono al suo interno, tramite reazioni chimiche coordinate e integrate che nel loro complesso prendono il nome di
metabolismo
Esso è costituito da due fasi: catabolismo e anabolismo
Il primo
rilascia
energia, mentre l'anabolismo
richiede
energia
Dal punto di vista energetico, le reazioni cataboliche sono principalmente
esoergoniche
.

Determinano un rilascio di energia sotto forma di..
Al contrario, le reazioni anaboliche sono prevalentemente

endoergoniche
, non spontanee ed avvengono grazie alla partecipazione di..
A T P
Adenosintrifosfato
Tali reazioni vengono regolate e coordinate all'interno di
VIE METABOLICHE

A loro volta, quest'ultime si dividono in
vie cataboliche
o
anaboliche
, seguendo rispettivamente l'appartenenza al metabolismo degradativo o sintetico
ESEMPI DI PROCESSI CATABOLICI NEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI:
Glicolisi
Via dei pentosi fosfati
Glicogenolisi
ESEMPI DI PROCESSI ANABOLICI NEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI:

Gluconeogenesi
Glicogenosintesi
Tra le vie cataboliche, la più diffusa ed antica è quella della
glicolisi
che può essere considerata la principale via catabolica dei carboidrati e si svolge in tutte le cellule. Durante la glicolisi il glucosio, combustibile cellulare per eccellenza, o altri carboidrati vengono degradati e ossidati a piruvato.

Essa è solo una piccola ed iniziale parte di quella che, nel suo complesso, viene a chiamarsi
respirazione cellulare.
Time as a void, a series of identical, repetitive days, which the characters must fill somehow, as they are waiting for something or somebody to save them.
The play replicates the impossibility of change
Can wait be an escape from time and from what surrounds us?
Sometimes you haven't to go to another place,
to escape from the world.
Il
Δαίμων
in Apuleio e Plutarco
«Tutto questo non è proprio di uno che cambia opinione a causa di presagi e starnuti, ma di un uomo guidato verso il decoro da una formazione e da un controllo superiori» .
Chi confonde il segno con cui il démone si manifesta con il démone stesso agisce allo stesso modo «di chi dicesse che a ferirlo è stato un dardo e non l’arciere con un dardo, oppure che il peso è misurato dalla bilancia e non da chi lo misura per mezzo della bilancia. Infatti l’azione non appartiene allo strumento, ma al proprietario di esso che lo usa per l’azione; ed è uno strumento pure il segno usato da ciò che segnala qualcosa»

ΓΝΩΘΙΣΑΥΤΟΝ
Δαίμων
"Sed dum bono tanto percita saucia mente fluctuat, lucerna illa sive perfidia pessima sive invidia noxia sive quod tale corpus contingere et quasi basiare et ipsa gestiebat, evomuit de summa luminis sui stillam ferventis olei super umerum dei dexterum."



Apuleio
, Metamorfosi V, 23.
Qual è il valore del singolo individuo? Fino a che punto può spingere la sua iniziativa individuale e dove è necessario che si arresti in nome della collaborazione sociale?
Edvard Munch
,
Sera sulla via Karl Johann a Oslo
Vittoria Molinaro
V A Liceo Classico "A. Lombardi"
Il risveglio dell'etica
La bioetica ha avuto il merito, per parafrasare una celebre espressione di Bergson, di "risvegliare il filosofo che sonnecchia in ogni uomo", riaprendo alcune delle questioni decisive che alcuni pensavano di poter risolvere affidandosi all'impersonale figura del progresso

A. Pessina
,
Bioetica. L'uomo sperimentale
Nell'antichità...
La trigonometria è una parte della matematica che ha trovato un ampio utilizzo nel campo dell’aviazione. Essa servì in particolar modo ai piloti degli aerei nella prima guerra mondiale per calcolare e stimare rapidamente le distanze dal punto d’atterraggio e la relativa quota, man mano che si avvicinavano al luogo preciso su cui dovevano atterrare. Le funzioni trigonometriche furono anche un importante mezzo di navigazione per circumnavigare ostacoli in totale sicurezza.
MATEMATICA E GUERRA
Teoremi sui triangoli rettangoli
Full transcript