Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'albero e la crisalide

No description
by

Marta Bettucci

on 26 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'albero e la crisalide

L'albero e la crisalide
Le reazioni e il lutto
lo CHOC
la NEGAZIONE (il rispetto dei tempi e lo stare vicini sono le cose più utili)
la RICERCA della persona scomparsa, nei luoghi in cui era solito vederla
il SENSO DI COLPA dove si alternano confusione e rabbia
la PAURA
Il "viaggio" nella fiaba
e
nel dolore
non mentire su che cosa è successo, non raccontare "storie"
ma narrare fiabe
Come spiegare che cosa è successo
è utile a bambini e adulti di fronte alla morte avere lo spazio e la possibilità di manifestare le proprie emozioni:
quasi tutti i viaggi delle fiabe presentano tre condizioni e due passaggi:
analisi morfologica
nelle fiabe il protagonista fa sempre un viaggio, può essere di due tipi:

di sola andata
di andata e ritorno
Diversi modi per/di percepire la morte...
"possibilizza le possibilità"

l'uomo che vive nella prospettiva della morte è colui che tiene presente la voce della coscienza
paradossalmente, voler evitare a un bambino il dolore può corrispondere al portargli via l'unica cosa che gli resti in quel momento:
Supportare e sopportare
"Nel fenomeno del lutto, della rottura di un attaccamento, non si piange il presente, la realtà, ma tutto ciò che avrebbe potuto essere, e tutto ciò che è avvenuto e di cui ci si pente, che si vorrebbe modificare, se si potesse"
Conclusioni
condividere i sentimenti
accettare e far accettare la tristezza
permettere e canalizzare le manifestazioni di rabbia
accogliere la rabbia e contenerla, evitando di stroncarla o abolirla
non lasciare avanzare il senso di colpa ma ascoltare le paure e le preoccupazioni
è necessario riaversi:
dare conforto a un altro può "spostare" temporaneamente l'attenzione dal proprio dolore, anche se vuol dire farsi carico di quello dell'altro...
è difficile spiegare cosa è successo...
... è importante dare una stessa versione dell'accaduto al bambino
... è opportuno cercare un posto e un momento adatti dove ci sia tempo per parlare, ma anche per ascoltare e per consolarsi a vicenda
nella nostra società si tiene poco in considerazione quanto sia importante manifestare il lutto per poterlo superare
piangere è uno sfogo utile
i piccoli hanno energie positive che, se non vengono intralciate, diventano risorse creative...
la Morte nella sua personificazione è una delle figure più radicate nell'immaginario collettivo
Fiabe italiane
Cenerentola
Biancaneve
Bamby
Il re leone
le fiabe esprimono in modo simbolico un conflitto interiore e poi suggeriscono come può essere risolto
funzione catartica
l'identificazione coi personaggi e la partecipazione emotiva al racconto sono possibili perché le fiabe parlano il linguaggio della fantasia... che è lo stesso del bambino
a differenza di tutti noi, nella fiaba i personaggi hanno un carattere non ambivalente
i bambini come i filosofi cercano di dare delle soluzioni ai primi ed eterni interrogativi dell'uomo
cammino
circolare
il luogo di ritorno del protagonista può essere lo stesso della partenza ma diversa la sua condizione quando vi fa ritorno
anello a spirale
è un cerchio che non si chiude
può continuare il suo cammino
fenomenologia
hegeliana
sei anelli successivi:
coscienza
autocoscienza
ragione
spirito
religione
sapere assoluto
la coscienza naturale deve essere superata e rovesciata per cogliere la verità
che non può essere colta all'inizio, in stato di natura...
all'inizio, c'è sempre un luogo, una casa da cui partire...
.... per scoprire che il sé era già dentro di noi occorreva un viaggio particolare...

come compito e non come dato
...
come sintesi e non come tesi
è la nostra possibilità più vera
assunzione di responsabilità
scelta...
... scegliere se stesso e assumere su di sé il peso della propria finitezza anticipando la morte, riconoscendo le proprie possibilità...
... decidere di rimanere nella dimensione rassicurante dell'inautenticità...
il suo dolore
Kandinskij ha scritto: "il colore è un mezzo per esercitare sull'anima un'influenza diretta. Il colore è un tasto, l'occhio il martello che lo colpisce, l'anima lo strumento dalle mille corde".
appassionato e attento lettore della fiaba che attinge le sue origini nel Medioevo russo e tedesco
anche la POESIA aiuta...
"Ci sono eventi come quello della morte, del dolore o dell'amore, che superano la nostra capacità di pensare razionalmente per cui scrivere è un tentativo di accostarsi profondamente a essi"
in genere i bambini alternano momenti di crisi ad altri di apparente normalità
dare supporto significa non sostituirsi...
chi muore muore di nascosto...
"Nel nostro tempo si è proibito il tema della morte come nel secolo scorso quello del sesso. La contingenza, la finitezza, la fragilità, la sofferenza e la morte - come la sconfitta, come ogni tipo di perdita- non fanno parte del quadro mentale dell'uomo occidentale. Sono avvenimenti secondari, estranei. Sono diventati temi proibiti, difficili".
mancata risoluzione del lutto...
L'albero e la crisalide di
Bachir Lazhar
permanere presso la dimora d'origine
distaccamento
difficoltà della lontananza e i pericoli del viaggio
trovare quello che si cerca e il conseguente ritorno
raggiungere la dimora finale
Giovanni Pascoli
Virginia Woolf
una persona è buona o è cattiva, mai entrambe le cose
... oppure...
come dire la morte ai bambini
Full transcript