Loading presentation...
Prezi is an interactive zooming presentation

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Realizzazione di una piattaforma e-learning con Moodle

No description
by

Emanuela Tringali

on 5 September 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Realizzazione di una piattaforma e-learning con Moodle

Project Work
"Realizzazione di una piattaforma e-learning con Moodle"
Comparazione di piattaforme
Perché scegliere un OpenSource ?
Perché scegliere Moodle ?
Cosa ho imparato

Punti di forza

Punti di debolezza

Prospettive future

Conclusione
Resoconto
BRAINSTORM
ELEMENTS
Cubing is a brainstorming strategy outlined in the book, Writing, by Gregory Cowan and Elizabeth Cowan (New York: Wiley, 1980).
"Non ho mai insegnato nulla ai miei studenti;
ho solo cercato di metterli nelle condizioni migliori per imparare"

(Albert Einstein)
Evoluzione della Formazione a Distanza
I generazione:

La scuola per corrispondenza postale (fine '800)

II generazione:

La scuola via etere e via cavo (inizio anni '50)

III generazione:

La scuola in rete telematica (inizio anni '90)

IV generazione:

La scuola nel social web (inizio 2000)
Progetto del mio Moodle
Piattaforme
e-learning
CMI: Computer Managed Instruction
LMS: Learning Management System
CMS: Content Management System
LCMS: Learning Content Management System
2 macro categorie di sistemi:
software di proprietà esclusiva dei titolari dei diritti di sfruttamento economico, con restrizioni sull'utilizzo, sulla modifica, sulla riproduzione o ridistribuzione. Le restrizioni vengono ottenute con mezzi tecnici (cifratura del codice sorgente o pubblicazione del solo codice binario) e mezzi legali (licenze, copyright e brevetti nei Paesi che lo consentono.
software con codice sorgente aperto i cui autori e detentori dei diritti ne permettono e favoriscono il libero studio e l'apporto di modifiche da parte di altri programmatori indipendenti.
Informare non è insegnare.
Il tuo insegnamento insegna veramente o è mero intrattenimento?
Se chi apprende fallisce nel raggiungere gli obiettivi,
il tuo insegnamento è perdita di tempo.
(D. Merrill, in http://cito.byuh.edu/merrill/index.htm)
"Non ho mai insegnato nulla ai miei studenti;
ho solo cercato di metterli nelle condizioni migliori per imparare"
(Albert Einstein)
Proprietari
OpenSouce
Software di proprietà esclusiva dei titolari dei diritti di sfruttamento economico, con restrizioni sull'utilizzo, sulla modifica, sulla riproduzione o ridistribuzione.
Le restrizioni vengono ottenute con mezzi tecnici (cifratura del codice sorgente o pubblicazione del solo codice binario) e mezzi legali (licenze, copyright e brevetti nei Paesi che lo consentono
Software con codice sorgente aperto i cui autori e detentori dei diritti ne permettono e favoriscono il libero studio e l'apporto di modifiche da parte di altri programmatori indipendenti.
www.trinardi.it
Funzioni di un LMS
analisi e valutazione basate su parametri tecnologici, gestionali, commerciali. (Luciani, 2005, CISCO)
3 categorie di piattaforme:
1
Piattaforme per l'erogazione di contenuti e di learning-units da fruirsi in rete e in auto-formazione
- molte commerciali - poche opensource
pregio:
reggono grossi carichi
difetto:
nessuna personalizzazione didattica
2

Piattaforme con prioritaria funzione di collegamento docente-studente
Utilizzo in maniera mista online e offline
- molte opensource - poche commerciali
pregio:
facilità di utilizzo e personalizzazione

3
Piattaforme per appredimento collaborativo
Si assottiglia la differenza tra docente e studente
Viene privilegiato l'uso di forum e chat
pregio:
maggiore facilità di utilizzo

Esistono molte dettagliate analisi di confronto tra piattaforme ma quasi tutte si limitano a fornire dati sulla quantità di funzioni disponibili senza dare indicazioni sulla reale utilità di queste funzioni nei diversi contesti
Nel ricercare i fattori di successo e di crescita del fenomeno dell'e-learning gli studiosi del settore si orientano verso il fattore collaborativo identificabile:
nell'impiego di tecnologie OpenSource come piattaforma di base;
nell'utilizzo dei sistemi Peer to Peer per la ricerca di contenuti;
nella creazione di virtual learning community per gli aspetti organizzativi dell'apprendimento.
In uno dei lavori presentati al convegno Didamatica 2011 sono messe a raffronto le capacità di alcune tra le più diffuse piattaforme di supportare servizi molto utilizzati nel web 2.0 (facebook, chat, blog, wiki, forum) e si può notare come non esista una sostanziale differenza .
R. Pasini, nel 2007, ha effettuato una comparazione tra le diverse piattafomre e-learning assegnando un punteggio da 1 a 5 ad ognuna delle caratteristiche esaminate.
Recenti ricerche su come scegliere la piattaforma più adatta a progetti e-learning hanno preso in considerazione le seguenti caratteristiche:
Solidità e stabilità
Sicurezza dati e controllo accessi
Flessibilità di utilizzo
Aderenza agli standard
Riutilizzo del materiale didattico
Meta tagging
Motore di ricerca
Esportazione e stampa
Personalizzazione grafica
Comunità di supporto e localizzazione
Nella tabella sono messi a confronto 3 diversi tipi di LMS
(Lepori e Rezzonico, 2005)

Ecco le principali ragioni:
indipendenza dal fornitore
interoperabilità e rispetto degli standard
sicurezza e disponibilità del codice sorgente
qualità e affidabilità
riutilizzo del materiale didattico
flessibilità dell'architettura
meta-tagging
motore di ricerca
costi e stabilità a lungo termine
risorse umane
Moodle nasce in Australia nel 1999 grazie agli studi di Martin Dougiamas e apporta un forte contributo alla epistemologia del costruttivismo sociale.
E' oggi il software e-learning più diffuso e utilizzato:
nel Mondo conta più di 100 mila iscritti;
in Italia è utilizzato da 500 Enti formativi e 50 Università
Almeno 11 buoni motivi per scegliere Moodle:

1. E' interamente OpenSource con General Public License (GPL)
2. Ha elevate performances
3. Offre una ricca gamma di funzionalità
4. E' molto stabile anche con notevoli volumi di traffico
5. Permette la gestione di un intero processo formativo
6. Rappresenta un valore aggiunto per la didattica
7. E' uno strumento flessibile e consente l'integrazione con sistemi esterni
8. E' modulare e permette di utilizzare solo i sottoinsiemi di cui si ha bisogno
9. E' continuamente aggiornato grazie ai contributi tecnici e didattici di una vasta comunità
10. E' indipendente dal sistema operativo
11. E' gratuito
Secondo Jonassen gli studenti apprendono in modo significativo se hanno la possibilità di:
investigare
esplorare
scrivere
costruire modelli
costruire comunità
comunicare con gli altri
progettare
visualizzare
valutare
La meraviglia è il primo passo verso la conoscenza
(Aristotele III sec. a.C.)
il bello dell'e-learning
La Scuola di Atene proponeva corsi e lezioni regolari, esercitazioni programmate e lavori collettivi

La modalità formativa di Aristotele rimanda continuamente
a quei dati ricavabili dall'esperienza concreta
La mia piattaforma EM-Learning
Prospettive future
migliorie da apportare dal punto di vista:
funzionale
didattico
estetico
Full transcript