Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Freud

No description
by

Elena Massaro

on 21 September 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Freud

LIBIDO : secondo la teoria freudiana , la libido rappresenta la pulsione principale , dell’uomo ,quella sessuale

ESEMPI: smarrire oggetti , compiere sbadataggini e usare una parola al posto di un’altra

E’ nato nel 1856. Era un medico Viennese che si era dedicato alla cura di malattie mentali , come l’isteria. Fu il primo ad utilizzare l’inconscio per risolvere i problemi psichiatrici, ossia andare a cercare il lato irrazionale dell’' attività psichica che noi non conosciamo ma che è responsabile dei nostri comportamenti.
Freud ,considerato il padre della psicoanalisi,sosteneva che l''inconscio sta alla base dei processi più profondi della nostra vita mentale.

Biografia :
E’ la disciplina sorta con lo scopo di esplorare ciò che va al di là della nostra consapevolezza ,alla ricerca dei motivi più profondi dei nostri desideri , conflitti e comportamenti. La psicoanalisi cerca di portare alla luce le dinamiche dell’inconscio
La psicoanalisi
ID: è un’energia incontrollata , oscura che vuole l’immediata soddisfazione , è presente nei bambini piccoli.


La struttura della psiche :
Io: è il punto d'unione tra il mondo interiore e la realtà esterna
Super-io: è la parte etica e morale delle persone, ciò che detta quello che è giusto e quello che è sbagliato fare, al di là dei nostri desideri
INCONSCIO: E' la parte sommersa della psiche: i suoi scopi sono autonomi e nascosti alla coscienza superficiale. L'inconscio contiene il "ribollire" dei pensieri nascosti al sentire immediato, l''uomo non sente il contenuto dell'inconscio, l'inconscio ha una sua vita autonoma, le forze psichiche in esso contenute lottano e "agiscono" all'oscuro del pensato cosciente.

La psiche è divisa in 3 regioni
:
PRECONSCIO: è il sistema psichico dove i processi psicologici sono momentaneamente inconsci, ma hanno la possibilità di diventare consapevoli e di passare nel conscio.


CONSCIO:ci permette di rimanere in contatto con il mondo esterno attraverso le percezioni
La pulsione di morte (AGGRESSIVITA'):Intesa come “autodistruzione”, dipende dall’individuo e dalle fasi della sua vita.
E' la tendenza che si attua in condotte reali, con lo scopo di danneggiare un altro, demolirlo,costringerlo, umiliarlo, si attua anche verso oggetti, animali. Viene perciò ricondotta da Freud alla pulsione di morte, che si presenta nella psiche assieme a quella di vita. L'aggressività può anche essere rivolta verso se stessi.

La PULSIONE : è uno stato di tensione ed eccitazione verso la soddisfazione di un bisogno: la fame ,il sonno e la sete . Secondo Freud la LIBIDO ( pulsione di vita )rappresenta la pulsione principale dell'uomo,quella sessule.
La pulsione
e la morte

Sigmund Freud
le 3 categorie dei sogni :
Il contrasto tra A e B è importante per le ultime due categorie. Freud sospetta che ci sia una relazione tra la natura confusa dei sogni e la difficoltà a riferire i pensieri sottostanti. Nella prima categoria A e B coincidono. I sogni dei bambini sono di questo tipo, realizzano desideri non soddisfatti. Hanno nessi con la vita diurna. I desideri si sono formati spesso nel giorno precedente, uniti ad emozioni. Negli adulti tali sogni sono brevi di contenuto (ad esempio la reazione allo stimolo di bere), o sogni di convenienza (credo di essermi alzato). In altri sogni la realizzazione di desiderio è espressa indirettamente, e bisogna stabilire nessi cominciando ad interpretare. Ma negli adulti i sogni chiari raramente sono semplici come nei bambini, e spesso celano qualcosa. Generalmente i sogni sono pieni di materiale strano, e nel loro contenuto non c'è traccia della soddisfazione di un desiderio. Ma anche un sogno infantile si può sostituire con una proposizione all'ottativo, mostrando il desiderio come già realizzato. C'è quindi già un lavoro di trasformazione. Un pensiero è sostituito da una rappresentazione al presente. Passaggi nell'arco del sogno: un'esperienza sgradevole fa sorgere il desiderio che si verifichi il suo opposto. Il lavoro onirico comprime e condensa.
I sogni sono una sequenza di immagini,pensieri ,emozioni che avviene durante il sonno, una sequenza più o meno coerente incui spesso le leggi della logica e le regole che giudano la realtà sembrano sospese. Il sogno è involontario nno si può perciò controllare.
Esistono 3 categorie di sogno :
1-Sogni sensati e comprensibili;
2-Sogni coerenti ma sconcertanti;
3-Sogni senza senso o incomprensibili.
LAVORO ONIRICO : è il processo con cui la mente trasforma e rende indiretto un sogno ,nascondendo il suo reale significato.

I sogni :
Il sogno conduce Freud ...

Il sogno conduce Freud a un punto in cui vengono alla luce cose “delicate” sul proprio privato; andando a fondo accade sempre così. Freud distingue tra contenuto manifesto del sogno (sogno manifesto) e contenuto latente del sogno (pensieri onirici latenti). Sostiene che sarà attento a non confondere contenuti manifesti (A) e latenti (B). Esamina il passaggio da B ad A. Sostiene che è un esempio di cambiamento del materiale psichico da un modo di espressione ad un altro che si comprende solo con sforzo.
Freud nel 1899 pabblica l'opera INTERPRETAZIONE DEI SOGNI ,definendoli come manifestazioni dell'inconscio che possono essere decifrate.

Lo spostamento onirico:
l'intensità psichica dei pensieri e delle rappresentazioni si trasferisce su altri pensieri e rappresentazioni che per noi non dovrebbero essere così sottolineati. Spesso l'elemento meno chiaro del sogno risulta essere il corrispondente diretto del pensiero onirico essenziale. Ma ci sono anche sogni comprensibili, senza spostamento. Nei sogni oscuri il fattore spostamento è notevole. Tutti i sogni risalgono a un'impressione dei giorni o del giorno precedente, appena passati. A volte quell'impressione ci sembra triviale, e il contenuto del sogno banale e provocato da impressioni indifferenti. Ma le banalità sono collegate per numerose vie associative, ad elementi di grande importanza a causa del processo di spostamento. L'impressione indifferente che diventa lo stimolo del sogno dev'essere recente, di quel giorno. Se oltre alla condensazione ha luogo lo spostamento, si forma una entità comune intermedia (amile + propilei = propile), condensazione e spostamento simultanei. Il processo di spostamento rende difficile riconoscere i pensieri onirici. Ma essi sono sottoposti anche a un'altra trasformazione. Alla fine il pensiero onirico è trasformato con: spostamento, simbolizzazione, condensazione, costruzione della facciata del sogno.
Tutti isogni sono di comodità,ubbidiscono all' intento di continuare il sogno ,anzichè quello di svegliarsi.Il sogno è il custode,non il perturbatore del sonno. I sogni apparentemente innocenti si rivelano maliziosi ,quando ci si sforza di interpretarli.
L' interpretazione del sogno è la via regia che porta alla conoscenza dell'inconscio nella vita psichica.
E' ovvio che il sogno sia l'appagamento di un desiderio, dato che nulla,all'infuori di un desiderio,è in grado di mettere in moto il nostro apparato psichico.
Il sogno è un fenomeno psichico pienamente valido e precisamente l'appagamento di un desiderio.
Citazioni Freudiane sui sogni
Nel 1901 Freud scrive la "Psicopatologia della vita quotidiana", in cui parla per la prima volta degli errori non voluti, una sorta di manipolazione operata dalla coscienza, dimostrazione della plasticità della coscienza dell’io, indicata come punto centrale della propria teoria psicologica. Tale teoria comporta una serie di considerazioni di tipo etico, morale e metafisico .In questo modo, affermando che l’Io "non è padrone in casa propria", ne deriva che noi non sempre siamo responsabili delle nostre azioni, condizione che sul piano etico comporta uno stato di ingovernabilità.
Psicopatologia dellavita quotidiana :
Dimenticanza di nomi propri :
La dimenticanza del nome si spiega soltanto ricordando l’argomento immediatamente precedente di quella conversazione e si manifesta come perturbazione del nuovo argomento ad opera del precedente. Poco prima di domandare al mio compagno di viaggio se fosse già stato ad Orvieto, avevo conversato con lui delle usanze dei Turchi che vivevano in Bosnia e Herzegovina. Avevo narrato quanto udito da un collega che faceva il medico tra quella gente, cioè che essa soleva mostrarsi fiduciosa del medico e rassegnata al proprio destino. Quando si deve loro annunciare che non vi è rimedio per il malato, ci si sente rispondere: "Herr [Signore], che ho da dire? Io so che se ci fosse salvezza tu la daresti!" in queste frasi cominciamo a trovare le parole e nomi Bosnia, Herzegovina, Herr, che è possibile inserire in una serie di associazioni fra Signorelli e Botticelli-Boltraffio.


I lapsus linguae:
Un uomo di ventiquattro anni ha conservato la seguente immagine del suo quinto anno di vita. E’ seduto nel giardino di una villa su un seggiolino accanto alla zia che si sforza di insegnarli le lettere dell’alfabeto. La distinzione fra ‘m’ e ‘n’ gli riesce difficile ed egli prega la zia di dirgli come si fa a riconoscere quale sia l’una e quale l’altra. La zia gli fa notare che la ‘m’ ha tutto un pezzo, ha un’asta in più della ‘n’. Non vi fu occasione di contestare la fedeltà di questo ricordo d’infanzia, che però acquistò la sua importanza soltanto in seguito, quando si dimostrò atto ad assumere la rappresentanza simbolica di un’altra curiosità del maschietto. Infatti, come allora egli volle conoscere la differenza fra ‘m’ e ‘n’, così più tardi si sforzava di apprendere la differenza tra ragazzi e ragazze, e sarebbe certamente stato contento di avere come maestra proprio quella zia. Scoprì anche, allora che la differenza era analoga, che anche il maschio ha tutto un pezzo in più della femmina, e che quando lo apprese, ridestò il ricordo della corrispondente curiosità infantile.
I lapsus sono le cosiddette azioni «mancate».
Nel linguaggio quotidiano chiamate «lapsus»(errori freudiani) e indicano errori nel compiere certe azioni.
ESEMPI: smarrire oggetti , compiere sbadataggini e usare una parola al posto di un’altra .
Le gaffes : usare una parola al posto di un' altra.Questi errori non sono dovuti a ignoranza o incapacità. Essi rivelano la presenza di un conflitto tra la coscenza e la pulsione rimossa



I lapsus :
Full transcript