The Internet belongs to everyone. Let’s keep it that way.

Protect Net Neutrality
Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

la francia

No description
by

Lorenzo Pirozzi

on 25 November 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of la francia

La

fr
an
cia

le coste
Il litorale francese sul Mediterraneo è, nella sua parte orientale, la continuazione di quello italiano della riviera ligure e presenta lo stesso paesaggio montuoso e pittoresco. Dopo il porto di Marsiglia s’incontrano il delta del Rodano e le spiagge, orlate di stagni, del golfo del Leone.
Nel Mediterraneo si trova l’unica isola della Francia: la Corsica, che però, geograficamente appartiene all’Italia.
Le coste francesi dell’Atlantico corrispondono al golfo di Biscaglia, che penetra tra la Francia e la Spagna. Nel loro tratto meridionale, sino alla foce della Loira, esse sono complessivamente basse e uniformi, ma gli estuari della Loira stessa e della Gironda (Garonna) offrono buoni porti: Nantes e Bordeaux.
Dopo la Bretagna, lungo la Manica s’incontra la penisola Cotentin. Fra le due penisole si apre il golfo di Saint-Malo, dove il dislivello fra l’alta e la bassa marea raggiunge i 15 metri!
L'economia
la francia in numeri
i rilievi
Dalle coste del golfo di Biscaglia a quelle della Manica si stende il bassopiano francese, vasto quanto la metà della Francia.
L’altra metà della Francia è occupata da vari sistemi montuosi. I due maggiori sono le Alpi e i Pirenei.
Le Alpi francesi sono rappresentate da quella parte del versante alpino esterno, che corrisponde alle Alpi piemontesi nel versante interno.
Dei Pirenei appartiene alla Francia il versante settentrionale, che raggiunge i 3298 m sul confine franco-spagnolo, mentre la vetta più alta appartiene alla Spagna (Picco di Aneto).
Tra il solco Garonna-Aude e quello del Rodano, si solleva il Massiccio Centrale Francese, un altopiano culminante a 1886 m. La parte settentrionale è coperta di vulcani, mentre la parte meridionale domina la pianura del golfo Leone.
Governo: repubblica presidenziale
Superficie: 543.965 ab.
Densità: 108 ab/Km2
Popolazione: 58.616.000
Capitale: Parigi, 2152000 abitanti
Moneta: euro dal 2002
Lingua: francese
Addetti: 7.2% agricoltura, 31,3% industria, 61.5% terziario
Urbanizzazione:
7,41% della popolazione
Incremento demografico: 0,5% annuo

La Francia ha un’estensione di circa 544000 kmq. Perciò è lo stato più vasto d’Europa, Russia esclusa.
Il territorio francese possiede una forma compatta ben diversa da quella allungata dell’Italia. Il suo contorno è paragonale ad un esagono.
Coi tre lati bagnati dal mare la Francia si affaccia al Mediterraneo, da cui ha avuto origine la sua civiltà; alla Manica, dove fronteggia la vicina Inghilterra; all’Atlantico, che la collega ai paesi più lontani. Coi lati di terraferma, la Francia confina a sud-ovest con la Spagna e con la minuscola Repubblica di Andorra, a sud-est con l’Italia e con la Svizzera. Infine a nord-est, essa confina con il bassopiano germanico, con la valle del Reno e con il Benelux.
La Francia ha un’economia fra le più sviluppate nel mondo, caratterizzata dal rapporto equilibrato tra settore agricolo, industriale e commerciale. L’agricoltura rappresenta un’attività diffusa, praticata con mezzi moderni, in base ai piani agrari avanzati, spesso da aziende organizzate in cooperativa. Naturalmente tutto ciò è favorita dalla fertilità dei campi e dalla grande estensione delle pianure. Numerosi prodotti vengono esportati. Le produzioni maggiori riguardano i cereali e la viticoltura. Notevole è l’allevamento dei bovini e degli ovini. Buona è la pesca, specialmente sulla costa atlantica.
Lo sviluppo industriale è favorito sia dalla ricchezza idrica che produce energia elettrica, sia dall’abbondanza dei minerali del sottosuolo. Le industrie coprono molti settori: dall’alimentare al conserviero, dal tessile al calzaturiero, dal chimico al farmaceutico, dal plastico al profumiero, dal meccanico al metallurgico , dall’industria dei cosmetici a quella della moda e della pelletteria.
Particolarmente diffuso è il turismo, soprattutto a Parigi, la capitale, che per ricchezza di storia e monumenti è una delle mete turistiche più importanti del mondo, e ai castelli della Loira.
L’artigianato offre le belle ceramiche e porcellane di Sèvres e di Limoges, i pizzi della Bretagna, profumi ed essenze d’erbe (la lavanda in Provenza), il sapone di Marsiglia…

i trasporti
I francesi hanno capito da tempo che lo sviluppo della rete delle comunicazioni è alla base della cresciuto industriale. Hanno così costruito autostrade che consentono di attraversare tutto il Paese velocemente. Hanno adottato un treno supe veloce, il TGV (Train Gran Vitess), che consente di spostarsi da Parigi a Marsiglia in tempo record. Per le trasvolate oceaniche la Francia dispone del Concorde, l’aereo supersonico che attraversa l’Atlantico in due ore. I trafori sotto le Alpi, per esempio quello del Monte Bianco, e ora quello lungo circa 50 Km sotto la Manica, che collega la Francia con la Gran Bretagna, avvicinano tutta l’Europa. La vastissima rete di canali è navigabile dal Mediterraneo all’Atlantico, e si unisce alla rete del Reno.
La Forma di Governo Semi-Presidenziale è caratterizzata dal fatto che il Capo dello Stato, denominato Presidente, è eletto direttamente dal popolo e dura in carica per un periodo prestabilito.
Il Presidente è indipendente dal Parlamento, perché non ha bisogno di alcuna fiducia, tuttavia non può governare da solo, ma deve servirsi di un Governo, da lui nominato, che deve ottenere la fiducia del Parlamento.
In tale Forma di Governo troviamo, quindi, il Presidente della Repubblica ed il Primo Ministro, il quale fa parte di un Governo che deve avere la fiducia dal Parlamento, mentre il Presidente trae la sua legittimazione direttamente dalla volontà popolare.
Questo sistema consente diversi equilibri della Forma di Governo, cha vede da un lato la prevalenza del Presidente, al quale spetta il potere di indirizzo politico, dall’altro del Primo Ministro e della sua maggioranza parlamentare.
La tipica Forma di Governo Semi-Presidenziale a Presidente forte la troviamo in Francia, mentre Forme di Governo Semi-Presidenziali a prevalenza del Governo sono adottate dall’Austria, dall’Irlanda e dall’Islanda.

la forma
di governo

il terziario
Le recenti riforme sull’immigrazione e l’integrazione – fatte nel 2006 e nel 2007 – volevano promuovere un’immigrazione “scelta” e un’integrazione riuscita, e adattare il flusso migratorio alle capacità di accoglienza del paese e ai suoi bisogni economici.
Il sistema giuridico francese è organizzato attorno a due tipi principali di permesso di soggiorno: uno temporaneo, della durata massima di un anno legato alla situazione specifica dello straniero, e uno a lungo termine, decennale e rinnovabile: prevede che chi ne fa richiesta abbia la residenza da almeno 5 anni e abbia ottenuto il “contratto di accoglienza e integrazione”, che prevede una formazione linguistica e civica.
La legge prevede uno speciale titolo di soggiorno per gli stranieri che hanno un contratto di lavoro per determinate attività professionali o per stranieri la cui professione è richiesta in specifiche zone che presentano difficoltà di reperimento di mano d’opera. Uno dei problemi relativi all’immigrazione maggiormente sentiti in Francia è l’accoglienza degli stranieri per ricongiungimento familiare, su cui la legge del 2006 è intervenuta prevedendo disposizioni più restrittive: le risorse economiche dello straniero che lo richiede devono essere pari almeno al salario minimo garantito e il legame va dimostrato con un test sul DNA.
Il rifiuto di un permesso di soggiorno o del suo rinnovo può non essere motivato. L’immigrazione clandestina è sanzionata penalmente con un anno di carcere e una multa e può prevedere l’interdizione dal territorio francese per un periodo fino a tre anni.
L'immigrazionamento

Il sistema energetico francese è spesso citato con vanto poiché totalmente autosufficiente in quanto impiega l’avanguardia del nucleare. Quell’energia a basso prezzo e a portata di mano che l’Italia ha rifiutato con il blocco alla produzione di energia nucleare stabilito dal referendum nel 1987 e che ora deve acquistare dalla Francia.
Infatti quest’ultima, durante i periodi di scarsa richiesta di energia – come le ore notturne – riesce a vendere il surplus di energia verso i paesi confinanti, garantendo un’offerta a basso costo
Tuttavia è bastato l’arrivo del freddo a creare intoppi all’intero sistema energetico francese, dimostrando l’incapacità del nucleare di far fronte ai picchi di consumo invernali. In Francia le centrali nucleari forniscono il 78% dell’elettricità ma non hanno capacità di adattamento dinanzi alle variazioni dei consumi. Tutto ciò avviene perchè l’energia dell’atomo riesce ad offrire una produzione costante ma non riesce a rispondere alle emergenze. Questo comporta, in caso di ondate di gelo come quelle degli ultimi giorni, di non riuscire a rispondere alla domanda di elettricità.ato, ad esempio diffondendo ad ampio raggio l’uso di sistemi di riscaldamento elettrici.
Inoltre il basso costo dell’energia pagata in bolletta ha generato un impiego dell’energia sconsiderhe la Francia passi da esportatore a grande importatore di energia elettrica durante le emergenze.
Nelle giornate più fredde il Paese si è trovato a dover fare arrivare dall’estero 9.600 MW al giorno, sfiorando i suoi limiti d’importazione, con una punta massima di consumo pari a 91.300 MW. Inoltre 10 reattori su 58 risultano ad oggi fermi per manutenzione. E intanto il picco di spesa energetica potrebbe portare, proprio in questi giorni, la Bretagna al black out.
É così smentita la favola dell’energia nucleare francese efficiente che viene esportata: proprio la Francia importa ogni anno più elettricità dai suoi vicini – Italia compresa – di quanta ne esporti. Sortir du nucléaire sottolinea: «Il sistema nucleare che è stato imposto alla popolazione è sia molto pericoloso che molto fragile. Lontano dal permettere l’indipendenza energetica della Francia, rende il nostro Paese interamente dipendente dall’estero».

il nucleare
personaggi
celebri
Luigi XIV re di Francia, detto il Grande o il Re Sole . Tra 17° e 18° sec. la Francia di L., il Re Sole, divenne la maggiore potenza europea. Sue grandi ambizioni furono di fare della Francia un paese fortemente unito sotto il controllo della Corona e di ridurre l'Europa sotto la sua egemonia: riuscì parzialmente nel primo scopo e fallì nel secondo.
IL RE SOLE
. - Pittore. Di famiglia agiata, dovette tuttavia superare dure difficoltà per l'incomprensione del padre che ostacolò la sua vocazione; il carattere diffícile e le continue disillusioni nel rapporto con la cultura e la critica ufficiale lo portarono a una vita isolata, dedita esclusivamente e caparbiamente alla ricerca artistica. Durante gli studî secondarî, a Aix, coltivò con entusiasmo accanto al disegno i suoi interessi umanistici e strinse una profonda amicizia con E. Zola
Cézanne, Paul
Voltaire - Scrittore e filosofo (Parigi 1694 - 1778). Nato da famiglia borghese, ricevette un'eccellente educazione umanistica al collegio Louis-le-Grand tenuto dai gesuiti. Precocissimo autore di versi leggeri e arguti, accolto presto per le sue doti di spirito in circoli eleganti e libertini, il successo (1718) della tragedia Œdipe gli aprì l'accesso all'alta società. Attivissimo (nel 1723 uscì, semiclandestina, La ligue, ou Henry le Grand, che nell'ed. di Londra del 1728 assunse il titolo di Henriade), col senso sicuro del proprio utile particolare
La questione delle nozze Gay in Francia
La Francia ha una grande storia, la Francia ha rappresentato, per tanti anni la storia stessa. Per narrare la sua storia basta partire dalla caduta dell’ Impero Romano sino all’avvento del Regno dei Franchi; o all’avvicendarsi nel regno francese. La società moderna si basa sui principi che si sono sviluppati da questo Paese. Senza dubbio, infatti, i momenti storici maggiori, quelli che dalla Francia sono poi arrivati oltre i suoi confini, sono in particolare due: lo scoppio della Rivoluzione Francese nel 1789 e l'avvento di Napoleone nel decennio successivo. La Rivoluzione Francese ha cambiato il mondo intero, sviluppando e tramandando i suoi ideali (Liberté, Égalité, Fraternité) a tutti noi, fino ad arrivare oltreoceano. Napoleone Bonaparte, il grande conquistatore, viene ricordato non solo per il genio delle sue battaglie e conquiste ma anche per aver gettato le basi dei moderni sistemi giuridici con il suo Codice Napoleonico. La Francia è stata anche una serie di Repubbliche. Dalla Prima Repubblica del 1792 si è arrivati, dopo una serie di tentativi falliti, alla proclamazione, nel 1958 con Charles De Gaulle, della repubblica presidenziale, nota come Quinta Repubblica. La storia della Francia è fatta da persone, da figure che riescono a sopravvivere nel tempo, personaggi che sono diventati immortali come Carlo Magno,Luigi XIV, Maria Antonietta, Robespierre, Napoleone. Personaggi che stanno a metà tra storia e mito, eroi che hanno scritto la storia del mondo intero.
la storia

Il territorio francese è pieno di fiumi ma tra questi i più importanti sono :

-Senna -
Si tratta di un fiume di pianura, lento, poco abbondante ma regolare nel
suo livello. Situato nella parte centrale e settentrionale della Francia.
La maggior parte della Senna è navigabile e la maggior parte dei
suoi affluenti convergono nella conca parigina. Di tutti gli affluenti si
distingue solo, per caratteristiche, l’Yvonne.
-Loira -
Si trova nella parte nord occidentale della Francia ed è un fiume
abbondante e molto irregolare, a causa delle variazioni di regime. Le sue
piene sono molto violente e pericolose.
-Garonna -
Come la Loire la Garonna è un fiume impetuoso e violento, con
diversi scenari : un torrente che scende dai Pirenei fino a Toulouse, inseguito
riceve le acque del Bacino dell’Aquitania, e poi si mescola con la Dordogna
nel largo estuario della Gironda.
- Reno -
Lungo 1300 km, si trova nella parte orientale della Francia e serve
da frontiera con la Germania, per la lunghezza di 180 km.

i fiumi
Honoré de Balzac (Tours, 20 maggio 1799 – Parigi, 18 agosto 1850) è stato uno scrittore, drammaturgo, critico letterario, saggista, giornalista e stampatore francese, considerato fra i maggiori della sua epoca.

È considerato il principale maestro del romanzo realista francese del XIX secolo.

Scrittore prolifico, ha elaborato un'opera monumentale - la Commedia umana - ciclo di numerosi romanzi e racconti che hanno l'obiettivo di descrivere in modo quasi esaustivo la società francese contemporanea all'autore o, come ha detto più volte l'autore stesso, di "fare concorrenza allo stato civile".
Honorè de Balzac
Full transcript