Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Rinascimento italiano

No description
by

Francesco Casadio

on 11 March 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Rinascimento italiano

Filippo Brunelleschi (1377-1446)
Donatello (1386-1466)
Masaccio (1401-1428)
Rinascimento a Firenze
1) Abbandonò la scultura dopo la sconfitta nel concorso del 1401 per la decorazione della seconda porta del Battistero.
2) Si recò a Roma con l'amico Donatello, riscoprendo l'arte antica.
3) Ritornato a Firenze, decise di dedicarsi all'architettura.
STORIA
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
1) Ripresa degli elementi archittettonici tipici dell'arte romana, studiati durante il viaggio a Roma.
2) Reinterpretazione della figura del capomastro in architetto.
3) Equilibrio tra linee orizzontali e linee verticali.
4) Semplicità e utilizzo di materiali economici.
5) Studi matematici e prospettici.
STORIA
1) Andò a Roma con Brunelleschi (1402-1404).
2) Tornò a Firenze e diventò lo scultore più importante della famiglia dei Medici.
3) Trascorse gli ultimi anni della sua vita a Padova.
CARATTERISTICHE PRINCIPALI
1) Utilizzo di tutti i materiali scultorei.
2) Ripresa della scultura a tuttotondo.
3) Indipendenza della scultura dall'architetura.
4) Riscoperta della tecnica della fusione a cera perduta.
5) Centralità della figura umana nelle sue statue.
6) Ripresa dell'arte romana del ritratto.
STORIA
1) Fu amico di Brunelleschi e Donatello, dai quali apprese molto.
CARATTERISTICHE
Lorenzo Ghiberti (1378-1455)
Storia
1) Nel 1401 vinse il concorso per la decorazione della seconda porta del Battistero di Firenze.
2) Nel 1420 gli fu assegnata d'ufficio anche la terza porta.
Caratteristiche
1) Preferenza per elementi e caratteristiche gotici.
2) Utilizzo di alcune tecniche rinascimentali (es. prospettiva, stiacciato)
Leon Battista Alberti (1404-1472)
Storia
1)Nacque a Genova da esiliati fiorentini.
2)Finito l'esilio tornò a Firenze e ammirate le opere di Brunelleschi intraprese la carriera di architetto.
3)Scrisse trattati su scultura, architettura e pittura. In quest'ultimo espose i princìpi matematici di prospettiva e luce.
Caratteristiche principali
1)Compromessi col gotico (es. bicromia marmorea)
2)Ripresa del frontone.
3)Utilizzo di forme geometriche come decorazione.
4)Utilizzo della tecnica del bugnato.
1) Applicazione di luce e prospetiva perfettamente matematica.
2) Forte espressività delle figure.
3) Chiaroscuri molto marcati.
Beato Angelico (1395-1455)
Storia
Fu frate dominicano e passò la vita nel Convento di San Marco dove sono conservate quasi tutte le sue opere.
Caratteristiche principali
1) Prospettiva e luce coerenti.
2) Molti elementi gotici (talvolta sproporzione tra le figure)
Filippo Lippi (1406-1469)
Storia
1) Fu frate inverecondo ma dato il suo straordinario apprezzamento da parte dei fiorentini venne tutelato dagli stessi Medici.
2) Fu uno dei principali seguaci di Masaccio.
Caratteristiche principali
1) Utilizzo di colori ad olio
2)Leggere influenze fiamminghe e gotiche.
Paolo Uccello (1397-1475)
Caratteristiche principali.
1) Giochi prospettici e utilizzo di prospettive differenti nella stessa opera.
2) Linguaggio molto stravagante, quasi fiabesco.
3) Molti elementi gotici (es. sproporzione e personaggi di profilo).
Piero della Francesca (1415-1492)
Domenico Veneziano (1410-1461)
Storia
1) Nacque a Venezia nel 1410.
2) La sua formazione artistica avvenne a Firenze.
3) Fu maestro di Piero della Francesca.
4) A causa del poco successo nella città si trasferì ad Urbino.
Caratteristiche principali
1) Considerevoli influenze fiamminghe nei paesaggi.
2) Presenza di alcuni elementi gotici.
Storia
1) Fu allievo di Domenico Veneziano e lo seguì quando si recò ad Urbino.
2) Lavorò alla corte dei Montefeltro con numerosi artisti fiamminghi, dove ebbe molto successo.
Caratteristiche principali
1) Applicazione delle tecniche fiamminghe alle regole matematiche e prospettiche tipiche del Rinascimento italiano.
2) Volti freddi e distaccati, ma non idealizzati.
3) Totale distacco dal Gotico.
Rinascimento ad Urbino
Pedro Berruguete (1450-1504)
Vita e opere
Nato in Spagna, fu un importante pittore fiammingo alla corte dei Montefeltro.
Fece ritratti del duca e dipinse quadri molto apprezzati.
Luciano Laurana (1420-1479) e Francesco di Giorgio Martini (1439-1501)
Vita e opere
Furono gli architetti che si susseguirono nella realizzazione del palazzo ducale di Urbino.
Antonello da Messina (1430-1479)
Storia
1) Nacque a Messina nel 1430.
2) Si trasferì a Napoli alla corte degli Aragonesi, dove fu allievo di Colantonio.
3) Viaggiando per l'Italia imparò ad utilizzare la prospettiva matematica nei suoi quadri, probabilmente anche grazie all'incontro con Piero della Francesca.
Caratteristiche principali
1) All'inizio la sua pittura fu quasi esclusivamente fiamminga.
2) In seguito il suo stile fu caratterizzato dall'affiancamento delle tecniche fiamminghe alla prospettiva ed alla concretezza.
Rinascimento a Napoli
Colantonio (1420 -1460)
Vita e opere
Nato a Napoli, fu maestro di Antonello da Messina.
Fu un pittore fiammingo alla corte degli Aragonesi.
Francesco Squarcione (1397-1468)
Vita e opere
Fu maestro di vari artisti, tra cui Andrea Mantegna, sui quali ebbe molta influenza (es. ghirlande con frutti e balcone con crepa).
Andrea Mantegna (1431-1506)
Storia
1)Nacque a Padova e Fu allievo di F. Squarcione.
2)Potè perndere spunto e imparare dalle opere di Donatello.
3)Andò a Mantova a lavorare presso la corte dei Gonzaga.
Caratteristiche principali
1)Forte plasticità dei corpi ed espressività dei volti.
2)Utilizzo di molte decorazioni "squarcionesche".
3) Utilizzo di prospettiva illusoria per ingannare l'occhio dello spettatore creando giochi di profondità.
Rinascimento a Padova
Rinascimento a Venezia
Venezia fu un centro importante per il Rinascimento e per la sua diffusione grazie al suo ruolo centrale nei commerci internazionali.
Qui vi passarono numerosi e importanti artisti quali Antonello da Messina, Giovanni Bellini e Andrea Mantegna.

Rinascimento a Mantova
Mantova fu un centro importante per il Rinascimento soprattutto grazie alla famiglia dei Gonzaga, che accolse varie personalità artistiche di spicco alla sua corte.
Tra queste si ricordano Andrea Mantegna e Pisanello.

Donatello
Qui Donatello realizzò le sue ultime opere bronzee per la chiesa di Sant'Antonio e per la piazza antistante.
Full transcript