Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La fase letteraria al cinema

Come si arriva a scrivere una sceneggiatura? attraverso un percorso
by

Maria Elena Arcangeletti

on 13 April 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La fase letteraria al cinema

La fase letteraria di un film
La sceneggiatura
La tappa finale del processo di ideazione,
e il punto di partenza per la realizzazione del film
Le strutture di drammaturgia
I modelli di sceneggiatura
Conclusion
La sceneggiatura è il film su carta. E' il risultato di un procedimento complesso e da non sottovalutare!
Fase letteraria
IDEA DRAMMATICA
SOGGETTO
SCALETTA
TRATTAMENTO
E’ l’esposizione del contenuto del film sotto forma di racconto sintetico
(telegramma di 25 parole)
IDEA DRAMMATICA
E' quello di cui parla il film, il cosiddetto...
story concept
high concept
Una narrazione “forte”, dominata dall’intreccio, con una linea d’azione rigida e un
conflitto evidente
tra un eroe e un antagonista.
low concept
Una
narrazione
“debole”,
incentrata sul personaggio
, con uno sviluppo ambiguo, tutto interno alla psicologia del protagonista
esempio: film ACTION
esempio: film DRAMMATICO
Occhio!
Prima di procedere con le riprese, c'è una fase, più o meno lunga, detta letteraria. E' fondamentale e troppo spesso sottovalutata. Più è curata la fase letteraria migliore sarà il film!
Il soggetto
La storia racchiude
tutti gli eventi di una narrazione
, sia quelli
mostrati
dal film, sia quelli
presunti
e
dedotti
La lunghezza
La lunghezza del soggetto può andare dalle 3 alle 10 cartelle
Fonti del soggetto
Il soggetto può essere tratto da
fonti diverse
:
- quando è tratto da fonti letterarie preesistenti si parla di
soggetto derivato
,
- se è stato pensato e scritto per il grande schermo di parla di
soggetto originale
.
Eventi raccontati dal soggetto
Il soggetto è la STORIA (o
fabula
), narrata sotto forma di
breve racconto letterario
e contiene le indicazioni principali sugli vicenda:
Il
protagonista
e i
personaggi
principali (motivazione, conflitto, obiettivo)

La localizzazione
spazio-temporale

Il
tempo
della storia (inizio, centro e fine), secondo un
ordine causale e cronologico
(senza
flashback
e
flashforward
)
Una cartella = 1800 battute
30 righe per 60 battute (compresi gli spazi)
La scaletta
La
scaletta
segna la fase di passaggio dal ”momento” letterario della storia a quello della costruzione del film
in sostanza...
la scaletta è il
progetto della sceneggiatura
, il momento in cui il soggetto si amplia fino a raggiungere le dimensioni virtuali del film
Nella scaletta l'ordine temporale non necessariamente coincide con quello cronologico della storia, ma
descrive l’ordine in cui vengono presentati gli avvenimenti nel film
E’ lo scheletro del film, un
elenco degli eventi
o nuclei drammatici, numerati progressivamente,
secondo l'
ordine di presentazione sullo schermo
soggetto:
racconto cronologico e letterario
scaletta:
elenco progressivo secondo l'ordine in cui vedremo le scene nel film
serve a verificare che l’ordine temporale degli avvenimenti sia efficace
Ordine temporale
Il trattamento
E’ il racconto in prosa dell’intera storia, scena dopo scena
Con il trattamento, lo sceneggiatore crea un
mondo narrativo
, che
precede la scrittura
per il cinema
è il momento dell'evocazione
abbandonando il linguaggio del cinema, nel trattamento si
approfondisce la biografia dei personaggi, la loro interiorità, il loro stato d’animo
Il trattamento è il
soggetto romanzato
il racconto in prosa dell'intera storia, un approfondimento sotto forma di
cartelle singole (per l'ambientazione, per ogni personaggio)
unico lungo testo, (nel soggetto derivato è il romanzo da cui è tratto)
Queste informazioni, necessarie allo sceneggiatore per creare un “
universo poetico
”, verranno poi selezionate, accorciate e sintetizzate in fase di sceneggiatura
La sceneggiatura è una forma di “
confine
”, fatta di
PAROLE destinate a diventare IMMAGINI
, concepita in funzione della dimensione visiva.
E’ una “
storia raccontata per immagini
” (Syd Field), che non è più un’opera letteraria ma non è ancora un film.
2 scuole di sceneggiatura
1.Empirica e manualistica, di scuola
statunitense
2.Creativa e improvvisatrice, tipicamente
europea

Le forme della sceneggiatura
La sceneggiatura può essere scritta in diversi modi
all'italiana
alla francese
all'americana
all'italiana
alla francese
all'americana
Per scrivere una buona sceneggiatura non ci sono metodi sicuri
ma esistono dei modelli che possono aiutarci a riordinare le idee e a "strutturarle" in maniera organica e funzionale...
Una mappa per orientarsi e lavorare sulle strutture drammaturgiche di sceneggiatura
https://www.mindomo.com/mindmap/0e8fe482d63e467e836beae0ac4e2e22
Per creare il nostro personaggio, affinché sia efficace dobbiamo cercare di approfondirlo il più possibile...
Come?
Scheda da compilare

PERSONAGGIO :
DATA E LUOGO DI NASCITA :
FRATELLI E/O SORELLE( DATE E LUOGHI DI NASCITA) :
GENITORI ( DATE E LUOGHI DI NASCITA ) :
MADRE (provenienza sociale, genitori, fratelli e/o sorelle, livello di istruzione, esperienze):
PADRE (idem):
LIVELLO DI ISTRUZIONE DEL PERSONAGGIO:
ESPERIENZE DI LAVORO DEL PERSONAGGIO:
INDIRIZZO E OCCUPAZIONE ATTUALI DEL PERSONAGGIO:
PRINCIPALI AMICI E CONOSCENTI DEL PERSONAGGIO:
CASA O APPARTEMENTO DEL PERSONAGGIO (Com’è e come sembra):
AMBIENTE DI LAVORO DEL PERSONAGGIO (Com’è e come sembra ):
DESCRIZIONE FISICA DEL PERSONAGGIO (Inclusi altezza e peso):
CHE TIPO DI MACCHINA HA IL PERSONAGGIO (se ce l’ha)?
QUAL E’ IL SUO GUARDAROBA?
NOME E INDIRIZZO DEL MEDICO, DENTISTA, AVVOCATO DEL PERSONAGGIO:
IL PERSONAGGIO HA PROBLEMI DI SALUTE?
QUANDO E’ STATO DAL MEDICO L’’ULTIMA VOLTA E PERCHE’?
DOVE FA LO SHOPPING IL PERSONAGGIO? ( Qualche negozio in particolare? Pasticceria per esempio?)
Esempi di domande da porsi.

1. Qual è il cibo preferito del vostro personaggio? Quale cibo invece odia?
1. Qual è il suo amico o parente del cuore, il colore preferito, il posto da visitare, lo sport, il gioco, l’abbigliamento, l’autore, il film , lo show televisivo, l’attore?
2. Cosa gli piace ( o gli piaceva ) e cosa odia ( o odiava ) a scuola?
3. Livello di reddito del personaggio. Dove tiene i soldi? Che se ne fa?
4. Che voce ha il personaggio?
5. Che attore o attori potrebbero interpretarlo?
6. Il vostro personaggio dorme bene? Se sogna, che sogni fa?
7. Rapporto del personaggio con la pulizia di casa. Come si pulisce gli abiti il personaggio? Da solo o li manda in lavanderia?
8. Il personaggio ha un animale? L’ha mai avuto? Che tipo di animale e cosa gli è successo?
9. Il personaggio come si giudica? Quali aspetti del suo carattere apprezza e quali no?
Lo storyboard
Lo storyboard è la
versione disegnata della sceneggiatura
, il primo passo per tradurre le parole della sceneggiatura in immagini, definendo i
piani
, le
angolazioni di ripresa
, le
posizioni
e i
movimenti dei personaggi
, i
movimenti di macchina
ma soprattutto il
montaggio della sequenza
.

Lo storyboard accompagna o precede la sceneggiatura tecnica.
Per Hitchcock, a questo punto il film può dirsi concluso.

http://www.hitchcockmania.it/filmografia/storyboard.htm
oppure
cosa vedo
cosa sento
numero della scena, luogo, tempo
(descrizione ambiente, movimenti dei personaggi, espressioni o gesti particolari....)
(dialoghi, rumori, suoni diegetici ed extradiegetici, voice over....)
nota bene!
la descrizione è a tutta pagina
la descrizione è a tutta pagina
i dialoghi sono centrati
...e come ci vengono le IDEE ???
Non c'è una ricetta....
ci vuole.....
CURIOSITA'!!!
Le idee sono dappertutto, basta cercarle
leggendo i giornali...
andando in metro...
curiosando on line...
chiacchierando con gli amici...
l'importante è avere il cervello acceso!
Full transcript