Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il regime fascista italiano un totalitarismo

No description
by

Christine Faivre

on 31 March 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il regime fascista italiano un totalitarismo

Il regime fascista italiano un totalitarismo
(1925-1936)

"Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato"

Benito Mussolini discorso a Milano, il 28 ottobre 1925.
Il controllo della politica : creare il consenso
Una dittatura personale : "Il Duce ha sempre ragione"

> culto della personalita + propaganda
Una sola ideologia : quella fascista
La represione dell'opposizione
Uso della forza
Il controllo dell'Economia:Obbiettivo l'autarchia
Lo Stato imprenditore :
costuzioni di infrastrutture ( rete stradale e ferroviarie) , edifici pubblici e case popolari, bonifica di zone paludose









Il protezionismo :
PIanificazione dell'economia :
es: la battaglia del grano


Conquista di un'Impero
La propaganda al servizio dell'ideologia fascista:
periodici, arte,Cinema,
manifestazioni sportive e scenarizazione

Uso della forza :
poilzia politica : OVRA
esercito
La fascitizzazione della sociéta
Educazione
Lavoro
Religione
Vita quotidiana
Corporazione
Carta del lavoro
Leggi fascistissime 1925 + legge elettorale 1928
Nessuno strumento propagandistico fu trascurato per conquistare il consenso, a cominciare dalle più giovani generazioni

Il futurismo Ciò che il futurismo rifiutava era il concetto di un’arte elitaria e decadente, confinata nei musei e negli spazi della cultura aulica. Proponeva invece un balzo in avanti, per esplorare il mondo del futuro, fatto di parametri quali la modernità contro l’antico, la velocità contro la stasi, la violenza contro la quiete...

Mentre la strategia politica del fascismo riprendeva modelli classici su cui impostare la sua equiparazione con l'impero romano, le opere degli artisti che facevano parte delle varie ramificazioni del movimento chiamato Secondo Futurismo con a capo Filippo Tommaso Marinetti, rispecchiano i temi celebrativi di un'arte ufficiale ispirata da inclinazioni belliciste e da un diffuso culto per la figura e personalità del Duce. Indicativo di questa tendenza è il dipinto di Ernesto Thayaht, Il grande nocchiere del 1939 raffigurante Mussolini come un grande robot.

Il fascismo : un Totalitarismo imperfetto?
Full transcript