Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

I volgari d'Italia e l'affermazione del fiorentino

Presentazione per il concorso docenti 2013
by

on 31 October 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I volgari d'Italia e l'affermazione del fiorentino

I "VOLGARI D'ITALIA"
E L'AFFERMAZIONE DEL DIALETTO FIORENTINO
Dal latino al volgare
?
Scopri la parola misteriosa:
è un aggettivo, è l'elemento comune di queste immagini...
?
Latino
Volgare
Italiano
LE LINGUE NEOLATINE
Portoghese
Rumeno
Spagnolo
Francese
sermo plebeius
lingua del popolo
Sermo provincialis
lingua delle province
Sermo militaris
lingua dei militari
Sermo rusticus
Lingua dei contadini
Lingue romanze: da "romanice loqui" ossia "parlare come i romani"
Dal 476 caduta dell'Impero romano d'occidente all'813 con il Concilio di Tours, quando esplicitamente si prende atto dell'esistenza di due lingue con opposte finalità comunicative
Laboratorio di lingua
prendere il vocabolario
Parole latine
Parole gotiche
Parole longobarde
Parole franche
I volgari italiani
Verona
Belluno
Capua
Roma
La scuola siciliana
Lingua d'oil
Lingua d'oc
Placito capuano - 960 d.C.
“Sao ko kelle terre, per kelle fini que ki contene, trenta anni le possette parte Sancti Benedicti“,

Trad.
“So che quelle terre, entro quei confini di cui si parla, li ha posseduti per trent’anni l’abbazia di San Benedetto”
Indovinello veronese - VIII/IX sec. d.C.
Se pareba boves, alba pratàlia aràba et albo versòrio teneba, et negro sèmen seminaba

Traduzione
Teneva davanti a sé i buoi, arava bianchi prati,
e un bianco aratro teneva e un nero seme seminava
Affresco nella chiesa di S. Clemente - fine XI sec. d.C.
Sisinnium
Fili de le pute, traite!
Gosmari, Albertel, traite!
Falite dereto colo palo, Carvoncelle!

Sanctus Clemens
Duritia(m) cordis vestri(s)
saxa traere meruistis.
Sisinnio:
Figli di puttana, tirate!
Gosmario, Alberto, tirate!
Fa’ leva di dietro col palo, Carboncello!

San Clemente
Per la durezza del vostro cuore
meritaste di trainare sassi.
Ritmo bellunese - fine XII sec. d.C.
« De Castel d'Ard av li nost bona part.
I lo getà tut intro lo flum d'Ard.
Sex cavaler de Tarvis li pui fer.
Con sé dusé li nostre cavaler. »

Traduzione
Di Castel d’Ardo ebbero i nostri buon partito:
essi gettarono tutto entro il fiume d’Ardo:
E sei cavalieri di Treviso, i più fieri,
con loro condussero i nostri cavalieri.
Firenze
Assisi
Cantico delle creature - 1226
« Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfàno et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature, spetialmente messor lo frate sole, lo qual’è iorno, et allumini noi per lui. Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore, de te, Altissimo, porta significatione.
Traduzione
Jovanotti/Michael Franti – The sound of sunshine
La Magna Curia di Federico II
1230 - 1266
La toscana
Dante teorico della lingua - Convivio e De Vulgari eloquentia
Poeti siculo-toscani (Pisa e Lucca)
Arezzo - Guittone
1260 - 1280
Latino : Volgari = Italiano : Dialetti
VOLGARE
Latino : Volgari = Dialetti : Italiano
Nel nord della Francia si svilluppa la lingua d’oïl: dall’espressione affermativa latina hoc est illud da cui , per successive contrazioni, deriva l’attuale oui. 
In area occitanica si afferma il modello della lingua d’oc : dall’espressione affermativa latina hoc est 
Lingue del Sì
Uso letterario del volgare in Francia (XI-XII sec.)
Lirica trobadorica (dal nome dei trovatori, i poeti che hanno iniziato questa tradizione): tratta prevalentemente il tema amoroso inteso come sentimento di devozione e omaggio alla persona amata, molto vicino alla relazione di fedeltà umile e sottomessa che legava il vassallo al suo signore. La figura oggetto di omaggio è la donna-dama, incarnazione di virtù e saggezza secondo modelli fissi e spesso stereotipati. ll poetare artificioso nasce per allietare la corte e raramente è il risultato di sentimenti reali
Penetrazione in Italia del modello culturale francese
Tra il XII e il XIII sec., il contatto con le letterature in lingua d’oc e d’oil è favorito da:
- Ingresso nel sud d’Italia dei Normanni (Roberto il Guiscardo)
- Passaggio dei pellegrini diretti a Roma e in Terra Santa
- Incremento dei rapporti commerciali tra le città marinare e i comuni più fiorenti con la Francia
Giacomo da Lentini, Ruggieri d'Amici, Odo delle Colonne, Rinaldo d'Aquino, Arrigo Testa, Guido delle Colonne, Pier della Vigna, Stefano Protonotaro, Filippo da Messina, Mazzeo di Ricco, Jacopo Mostacci, Percivalle Doria, Re Enzo, Federico II e Giacomino Pugliese
Pir meu cori alligrari - S. Protonotaro

(1190-1250)

Pir meu cori alligrari,
chi multu longiamenti
senza alligranza e joi d'amuri è statu,
mi ritornu in cantari,
ca forsi levimenti
da dimuranza turniria in usatu
di lu troppu taciri;
e quandu l'omu ha rasuni di diri,
ben di' cantari e mustrari alligranza,
ca senza dimustranza
joi siria sempri di pocu valuri:
dunca ben di' cantar onni amaduri.
Chiaro Davanzati, Bonagiunta Orbicciani, Brunetto Latini, Monte Andrea, Panuccio dal Bagno, Bondie Dietaiuti, Giacomo da Lèona e tale “Compiuta Donzella"
Tra Bologna e Firenze si sviluppa lo Stil novo: il "dolce"
Guido Guinizzelli, Guido Cavalcanti, Dante Alighieri, Lapo Gianni, Cino da Pistoia
S’eo trovasse pietanza di Re Enzo
originale e toscanizzata
Traduzione
Lettura di 2 brani da De Vulgari Eloquentia (forniti in fotocopia in traduzione):
L’Europa linguistica (I, VIII)
Il volgare di Bologna (I, XV)
Affermazione del fiorentino
Perché il fiorentino si affermerà come lingua letteraria?

Per potenzialità proprie (valore letterario delle scuole poetiche) e valore economico legato all’importanza di Firenze

Per la posizione geografica centrale che lo rende vicino ai volgari sia del nord che del sud

Per la somiglianza al latino
Aggettivo
Sostantivo
Verbo?
Qual è l'evoluzione delle lingue?
Latino : Italiano = Volgari : Dialetti
Il latino nel III secolo d. C.
(Dialetti)
Attraverso i primi documenti in volgare
Redazione siciliana
IV Stanza
Tutti li pinsaminti
chi ’l spirtu meu divisa
sunu pen’ e duluri
sinz’alligrar, chi nu lli s’accumpagna;
e di manti turmenti
abundu in mala guisa,
chi ’l natural caluri
ò pirdutu, tantu ’l cor batti e lagna;
or si po dir da manti:
chi è zo, chi nu mori
poi ch’ài sagnatu ’l cori?
Rispundu: chi lu sagna
in quil mumentu ’l stagna,
nu pir meu ben, ma pir la sua virtuti.

Redazione toscana
IV Stanza
Tutti quei pemsamenti
ca spirti mei divisa,
sono pene e dolore,
sanz’allegrar, che no lgli s’acompangna;
e di tanti tormenti
abomdo en mala guisa,
che ’l natural colore
tuto perdo, tanto il cor sbatte e langna;
or si pò dir da manti:
«Che è zò, ché no mori,
poi c’a’ sangnato il core?»
Rispondo: «Chi lo sangna,
in quel momento stangna
nom per meo ben, ma prova sua vertute».
COMINCIAMO CON UN INDOVINELLO...
HAI TROVATO
LA PAROLA
MISTERIOSA?
In che modo l'italiano discende dal latino
Tutti sappiamo (o dovremmo sapere) che l'italiano nasce dal latino. Pochi sanno in che modo questo è avvenuto. Possiamo porci alcune domande per comporre questo puzzle:
- In che periodo e perché dal latino nascono le lingue volgari?
- Qual è in Italia il ruolo dei dialetti rispetto all'italiano?
Già in epoca imperiale si stava trasformando
Volgari
Full transcript