Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Schiavitù oggi

No description
by

irene fulgione

on 27 October 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Schiavitù oggi

Schiavitù moderna
Tratto da "La Stampa" del 18/10/13
" Dopo l’India è la Cina quella ad avere il maggior numero di schiavi, un altro Paese dei Brics dove 2,9 milioni di persone vivono in cattività. Fanno seguito nella classifica della vergogna Pakistan (2,1 milioni), Nigeria (701.000), Etiopia (651.000), Russia (516.000), Thailandia (473.000), Repubblica democratica del Congo (462.000), Myanmar (384.000) e Bangladesh (343.000). Numeri raccapriccianti che non sono estranei nemmeno a società moderne, emancipate e democratiche come gli Stati Uniti, dove circa 60 mila persone vivono in stato di schiavitù."
PRESENTAZIONE DI
FULGIONE IRENE e SILVIA SPADONI
SCHIAVITU' PERI DEBITO:
Riguarda almeno 20 milioni di persone in tutto il mondo. Le persone si indebitanoa causa di un prestito piccolissimo (ad esempio per acquistare medicinali per un figlio malato). Per saldare questo debito, sono poi costretti a lavorare per tutta la vita ricevendo in cambio il minimo per alimentarsi e ripararsi, ma senza poter mai estinguere il debito, che può essere trasmesso a varie generazioni successive.
MATRIMONI FORZATI:
Il matrimonio precoce e forzato riguarda donne e ragazze che vengono fatte sposare senza poter scegliere, e costrette a vivere come serve e spesso sottoposte a violenze fisiche
-Il 2 dicembre è la giornata internazionale per l'abolizione della schiavitù, per ricordare l'approvazione (1949) da parte dell
'
Assemblea generale della Convenzione delle Nazioni Unit
e
per la repressione del traffico di persone e dello sfruttamento della prostituzione altrui.
-La schiavitù esiste ancora oggi nonostante sia vietata nella maggior parte dei Paesi dove viene praticata.
-Essa è proibita dalla
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo
del 1948,dalla
Convenzione Supplementare sull'abolizione della schiavitù
e da pratiche analoghe stilate dall'ONU del 1956.
-Nonostante ciò, ogni anno donne di tutto il mondo sono trascinate nella prostituzione, bambini sono venduti e comprati e uomini vengono costretti a lavorare come schiavi nei latifondi agricoli.
SFRUTTAMENTO SESSUALE:
Sfruttamento commerciale e sessuale. Le persone vengono sfruttate per il loro valore commerciale attraverso la prostituzione, la vendita e la pornografia. Sono spesso rapite, comprate o spinte ad entrare nel mercato del sesso.
TRATTA DI ESSERI UMANI:
Ogni anno milioni di persone vengono uccise per sfruttare i loro organi e dare vita a una rete di commerci illegali.
Statisticamente, gli organi che vengono più frequentemente prelevati nel mercato del traffico illecito sono il rene, il pancreas, il fegato e la cornea.
SCHIAVITU' DELLA MANODOPERA:
Le forme peggiori di schiavitù riguardano gli uomini che lavorano in condizioni di pericolo o sfruttamento. Decine di milioni di persone nel mondo lavorano a tempo pieno, in luoghi bui, scomodi e sporchi, senza diritti, sicurezza e protezione.
ADOLFO MUNERA E IL CASO COCA COLA IN COLOMBIA
Adolfo Munera, assassinato in Colombia nel 2002 insieme ad altri 9 operai in seguito a delle proposte condotte dai lavoratori della fabbrica "Coca Cola".
IL CASO NIKE IN CAMBOGIA
Il 21 maggio, circa 3000 lavoratori - in gran parte donne - bloccarono una strada che conduceva alla fabbrica della Sabrina Garment Manufacturing, chiedendo un aumento di retribuzione di 14 dollari mensili per compensare le spese di trasporto e alloggio.
Al momento i 5000 operai dello stabilimento vengono pagati secondo la retribuzione minima nazionale di 74 dollari al mese.
LO SFRUTTAMENTO DEI BAMBINI NELLE FABBRICHE DI TAPPETI
STORIA DI IQBAL
di Francesco D'Adamo
LAVORO DI MINORI
Erik Ravelo
Full transcript