Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

I colori

No description
by

Denise Bruno

on 29 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I colori

A nera,
E bianca
,
I rossa
,
U verde
,
O blu
:
vocali,
Io dirò un giorno le vostre nascite latenti:
A, nero corsetto villoso di mosche splendenti
Che ronzano intorno a crudeli fetori,

Golfi d'ombra; E, candori di vapori e tende,
Lance di fieri ghiacciai, bianchi re, brividi d'umbelle;
I, porpora, sangue sputato, risata di belle labbra
Nella collera o nelle ubriachezze penitenti;

U, cicli, vibrazioni divine dei verdi mari,
Pace di pascoli seminati d'animali, pace di rughe
Che l'alchimia imprime nelle ampie fronti studiose;

O, suprema Tromba piena di strani stridori,
Silenzi attraversati da Angeli e Mondi:
- O l'Omega, raggio viola dei suoi Occhi!
I tetri colori del totalitarismo
La vista
La vista è uno dei cinque sensi; precisamente, è quello mediante il quale è possibile percepire gli stimoli luminosi e, quindi, la figura, il colore, le misure e la posizione degli oggetti. Tale percezione avviene per mezzo degli occhi. Questi organi sono contenuti nelle orbite oculari, due cavità del cranio ai lati della radice del naso, disposte simmetricamente rispetto alla linea mediana del corpo.
Lo spettroscopio
Lo spettroscopio è uno strumento usato in chimica e fisica per l'osservazione e l'analisi della radiazione elettromagnetica emessa da una sorgente. Può essere a prisma, se utilizza un prisma ottico, o a reticolo, se viene usato un reticolo di diffrazione.
L'occhio distingue le lunghezze d'onda della luce tramite quella diversificazione della sensazione che si chiama colore. Se giungono sulla retina, sommate insieme, radiazioni di lunghezze d'onda diverse, il meccanismo psicofisico della visione non consente di distinguere le singole radiazioni componenti: la sensazione è quella di un colore risultante
Kandinskij
Nato il 4 dicembre 1866 da una famiglia borghese di Mosca
Conseguì la laurea in Giurisprudenza, ma abbandonò la cattedra per dedicarsi alla pittura
Contatto con la musica fondamentale per la sua esperienza di pittore
1896, Monaco, intraprende studi più approfonditi in campo artistico e viene a contatto con il clima avanguardistico
1909 fonda una nuova associazione di artisti e in questo periodo la sua arte è molto influenzata dall'espressionismo
1910 avviene la svolta verso la pittura astratta
I

c
o
l
o
r
i

Il daltonismo
Il daltonismo consiste in una cecità ai colori, ovvero nell'inabilità a percepire i colori (del tutto o in parte). È un difetto di natura prevalentemente genetica. Tuttavia, può insorgere anche in seguito a danni agli occhi, ai nervi o al cervello e persino in seguito all'esposizione ad alcuni composti chimici.


Si definisce daltonica la persona che non riesce a distinguere luci di diversa lunghezza d'onda.

Spettro
Se tra una sorgente di luce policromatica e la fenditura di uno spettroscopio si interpone un gas o un vapore più freddo rispetto alla temperatura della sorgente, si osserva che lo spettro continuo della sorgente è solcato da una serie di righe scure: le lunghezze d'onda mancanti corrispondono a quelle assorbite dagli atomi della sostanza interposta.
La pittura, secondo Kandinskij, deve essere astratta, abbandonando l’imitazione di un modello. Solamente una pittura astratta, cioè non figurativa, dove le forme non hanno attinenza con alcunché di riconoscibile, liberata dalla dipendenza con l’oggetto fisico, può dare vita alla spiritualità.
L’artista affronta la pittura astratta attraverso tre gruppi di opere, che anche nelle loro denominazioni indicano il legame dell’arte di Kandinskij con la musica: "impressioni", "improvvisazioni" e "composizioni".
Impressioni sono i quadri nei quali resta ancora visibile l’impressione diretta della natura esteriore
Improvvisazioni, quelli nati improvvisamente dall’intimo e inconsciamente
Composizioni quelli alla cui costruzione partecipa il cosciente, definiti attraverso una serie di studi.

Nella prima fase i suoi quadri si componevano di figure molto informi mischiate senza alcun ordine geometrico. Anche i colori erano molto vari, mischiati tra loro, ottendendo infinite varietà cromatiche intermedie. Nella nuova fase, coincidente con il suo insegnamento al Bauhaus, i quadri di Kandinskij assumono un ordine molto più preciso. Si compongono di forme dalle geometrie più riconoscibili e dalle tinte più separate tra loro.
di emissione
di assorbimento
Una sostanza gassosa a bassa pressione portata ad alta temperatura o sottoposta a scariche elettriche emette luce. Se con uno spettroscopio si analizzano queste radiazioni luminose, si osserva uno spettro formato da una serie di righe nette di colori diversi su sfondo nero .
"Vocali" di Rimbaud
Piramide dei colori nei lager
Camicie
nere
: fascismo
Biennio
rosso
Camicie
brune
: nazismo
Bolscevismo bianco
The colours in the poems
La propaganda nei
regimi totalitari attraverso i colori
Full transcript