Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

FASCISMO IN ITALIA

No description
by

PATRIZIA IANIRO

on 20 June 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of FASCISMO IN ITALIA

FASCISMO IN ITALIA
Mussolini
Benito
29 luglio 1883
1,69 m
A 1883
Forlì
Emilia Romagna
Italiana
Villa Torlonia
Roma
Sposato
Dittatore
1
543
pelato
scuri
---------
IL PRIMO DOPOGUERRA
- lira fortemente svalutata
- costo della vita fortemente aumentato
Il primo dopoguerra fu caratterizzato da una forte crisi:
Grave crisi economica
Crisi della classe dirigente liberale
(es. Giolitti)
-sviluppo enorme di alcuni settori industriali,
-sconvolgimento dei flussi commerciali,
-inflazione.
Agitazioni sociali del “biennio rosso”

Il periodo della storia italiana compreso fra il 1919 e il 1920, caratterizzato da una serie di lotte che ebbero la loro conclusione con l'occupazione delle fabbriche del settembre 1920.
biennio rosso
- nascita del PCI (partito comunista d'italia)
- scioperi
- paura della rivoluzione
Appartenente a una famiglia benestante di origine francese.
La madre gli insegnò a leggere e scrivere; la sua carriera scolastica fu contrassegnata da scarsa disciplina e da poco impegno nello studio.
Frequentò la facoltà di Giurisprudenza e si laureò a soli 19 anni, grazie a una speciale deroga del rettore che gli consentì di compiere gli ultimi tre anni in uno solo.
giovanni giolitti
Sviluppo dei partiti di massa
(socialista, popolare)
filippo turati
don luigi sturzo
Malcontento dei reduci
mito della “vittoria mutilata”
impresa di D’Annunzio a Fiume
gabriele d'annunzio
I SOSTENITORI DEL FASCISMO

I principali sostenitori del fascismo sono:

-Grande borghesia (industriali e proprietari terrieri);
-Piccola e media borghesia, che cercava una
rappresentanza politica;
-Liberali spaventati dall’avanzare dei socialisti e dal
pericolo di una rivoluzione;
-Nazionalisti ed ex combattenti.

LA DITTATURA FASCISTA

Il fascismo è
un'ideologia politica
sorta in Italia nel XX secolo per principale iniziativa di Benito Mussolini, e poi diffusasi, con caratteristiche differenti, in Europa e nel resto del mondo.
1915
1925
1935
Benito Mussolini fonda i “Fasci di combattimento” le cui squadracce attaccano i socialisti in azioni violente

1919
1921
Nasce il Partito Nazionale Fascista

1921 '22
Doppiezza di Mussolini

Squadrismo violento contro i socialisti

Accordi politici coi liberali e con la chiesa

26 ottobre 1922

Il re Vittorio Emanuele III dà a Mussolini l’incarico di formare il nuovo Governo

30 ottobre 1922

Marcia su Roma:

colpo di stato, per assumere il potere con la forza

1922 '24

Governo di coalizione coi liberali, ma il Gran Consiglio del Fascismo di fatto sostituisce governo e parlamento

1922-’24
1919
1921
1921-'22
Nuova legge elettorale

Vittoria fascista alle elezioni

Proteste di Giacomo Matteotti e sua uccisione

“Secessione dell’Aventino” dei parlamentari all’opposizione

1924
LEGGI FASCISTISSIME
- Il capo del governo ha sia il potere esecutivo che quello legislativo;
- sono sciolti tutti i partiti tranne quello fascista;
- i sindaci, eletti dal popolo, sono sostituiti da autorità scelte dal governo;
- sono limitate le libertà personali;
- nascita della polizia politica e del tribunale speciale;
- istituzione del confino
I PATTI LATERANENSI
CONCORDATO STATO-CHIESA
Stipulati l’11 febbraio 1929 tra il governo italiano e la
Santa sede, i Patti Lateranensi chiudono ufficialmente
la ferita dell’annessione dello Stato Pontificio al Regno
d’Italia nel 1870

Benito Mussolini, stipulò l’accordo noto come
Patti Lateranensi.

Il 20 settembre 1870 l’esercito italiano entrava in Roma sancendo così la fine dello Stato Pontificio.
con cui si garantiva al Vaticano la piena indipendenza e uno stipendio annuo
Nel 1871 il parlamento approvò la cosiddetta
Legge delle Guarentigie
, ma Pio IX aveva comunque già scomunicato re, governo e parlamento.
1870:
1871:
1929:
1984:
Revisione del concordato per rimuovere la clausola riguardante la religione di Stato della Chiesa cattolica in Italia
Nuovo Concordato
Venne firmato a Villa Madama, a Roma, il 18 febbraio da:

ll presidente del Consiglio Bettino Craxi, per lo Stato italiano.
IL NUOVO CONCORDATO
Il cardinale Agostino Casaroli, in rappresentanza della Santa Sede
Bettino Craxi
Agostino Casaroli
CARATTERISTICHE DELL’ITALIA FASCISTA
-Dittatura di un partito unico;•

-organizzazioni giovanili e sportive;•


FASCISTIZZAZIONE DELLO STATO
-mito del duce, condottiero dell’Italia.
-riforma della scuola;
-visione conservatrice della società; •

-nazionalismo
propaganda
•Propaganda fascista, specialmente con i nuovi media (radio,cinema, ecc)
-Corporativismo
Nascono “corporazioni” fasciste delle varie categorie di lavoratori per superare i contrasti tra classi sociali.
-Legame con la grande borghesia industriale e agraria.
INTERVENTO DELLO STATO IN ECONOMIA
INTERVENTO DELLO STATO IN ECONOMIA
Autarchia
Sviluppo agricolo
Bonifica delle terre
Aumento demografico
1935-’36
L’Italia diventa un impero
I SIMBOLI DEL FASCISMO
L’UNIFORME: CAMICIA NERA E FEZ
LA NUOVA NUMERAZIONE DEGLI ANNI A PARTIRE DAL 1922 = I anno dell'era fascista
IL LINGUAGGIO SOLENNE E RETORICO e L’USO DEI MOTTI
L’USO DI PAROLE ITALIANE AL POSTO DI QUELLE STRANIERE (es. chauffeur diventa “autista”, tennis diventa “pallacorda”)•
L’USO DEL VOI AL POSTO DEL LEI
LA CROCE CELTICA
IL SALUTO ROMANO
lei
voi
I PATTI LATERANENSI
Sono gli accordi firmati l’11 febbraio 1929 da Benito Mussolini e dal cardinal Pietro Gasparri.
Questi patti sanciscono la definitiva risoluzione delle controversie tra Stato e Chiesa fin dalla “questione romana”.
I Patti Lateransi furono firmati all’interno della Chiesa di San Giovanni in Laterano, quindi presero il nome di: “Lateranensi”.
Disputa che fu dibattuta durante il Risorgimento relativamente al ruolo di Roma, sede del potere temporale del Papa ma anche capitale d’Italia.
(
)
CHE COSA SONO ?
IL NOME:
il matrimonio religioso come equivalente al matrimonio civile
la sovranità della Chiesa sullo Stato indipendente della Città del Vaticano
la religione cattolica veniva riconosciuta come «sola religione dello Stato»da insegnare obbligatoriamente nelle scuole
CHE COSA RICONOBBE L'ITALIA CON I PATTI LATERANENSI ?
si stabiliscono nuove condizioni affinché il matrimonio religioso possa essere riconosciuto come unione civile.
LA REVERSIONE
PREVEDEVA CHE :
la religione cattolica non è più considerata religione di Stato, l’insegnamento dell’ora di religione è facoltativo
viene introdotto l’
8 per mille
a favore della Chiesa cattolica
Formazione di movimenti nazionalisti e violenti come quello fascista
Il Duce iniziò a dare importanza al cinema come mezzo di comunicazione di massa dichiarando pubblicamente di ritenerlo “l’arma più forte dello stato”.
Nel 1934 venne istituito il Sottosegretariato di Stato per la Stampa e la Propaganda, trasformato poi in Ministero per la Stampa e la Propaganda, nel 1935. Infine venne rinominato Ministero della Cultura Popolare nel 1937.
La funzione principale del ministero consisteva nel controllo delle pubblicazioni e la censura dei documenti considerati pericolosi per il regime, ma operava anche nel settore cinematografico, promuovendo la produzione di film propagandistici.
"Duce Chiamaci!
Duce, Duce, chiamaci!
La voce degli eroi,
la grande voce dei martiri,
risponderà con noi: Presente!
E con i vivi marceranno i morti
che all'appello del Duce
saran tutti risorti:
e i morti e i vivi sotto le bandiere
grideranno compatti
compatti alle frontiere: presente!
Duce, Duce Chiamaci
Duce, Duce, Chiamaci!
Dai cieli della storia
risponderà la limpida
voce della vittoria: Presente!
Quaderni scolastici
Si definisce nazionalismo quell'insieme di idee, dottrine e movimenti che sostengono l'importanza del concetto di identità nazionale e di Nazione.
BALILLA
Questo termine deriva dal soprannome dato a
Giovanni Battista Perasso
, detto Balilla, un ragazzo che nel 1746, scagliando un sasso contro un ufficiale, diede inizio alla rivolta dei Genovesi contro gli Austriaci e che divenne perciò simbolo di patriottismo.
Dal 1926 fu istituita l'Operazione Nazionale Balilla (ONB) che aveva il compito di occuparsi dell'educazione dei bambini da 6 a 14 anni.
Sono leggi introdotte da Mussolini e chiamate così perché diedero pieni poteri al duce
Partito
Nazionale
Fascista
Filippo Turati è stato un politico e giornalista italiano, tra i primi e importanti leader del socialismo italiano, e tra i fondatori a Genova, nel 1892, dell'allora Partito dei Lavoratori Italiani.
Don Luigi Sturzo è stato un presbitero e politico italiano
I Fasci di combattimento era un movimento politico fondato a Milano da Benito Mussolini il 23 marzo 1919 erede diretto del Fascio d'azione rivoluzionaria del 1914. Il 10 novembre 1921 si trasformò in Partito Nazionale Fascista.
(PNF)
Giacomo Matteotti è stato un politico socialista e antifascista italiano.
(misura di prevenzione prevista dall'ordinamento giuridico italiano. Era un provvedimento che poteva essere proposto dalle autorità di polizia ed imposto anche senza la necessità di un processo regolare e di una condanna per un reato effettivamente previsto nel codice penale ed effettivamente commesso.)

Anche la scuola venne fascistizzata esercitando un rigido controllo sugli insegnanti e sui libri scolastici.
Ogni giorno gli scolari dovevano fare gesti fascisti per rafforzare le loro conoscenze in tale ambito.
Condizione di un paese che mira all’autosufficienza economica, nell’obiettivo di produrre sul territorio nazionale i beni che consuma o utilizza, limitando o annullando gli scambi con l’estero.
Full transcript