Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Come si fa una tesina

per la maturità
by

Marisa Torresani

on 9 June 2017

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Come si fa una tesina

Infine:
evitate, gli errori ortografici! Lasciatevi aiutare dal controllo ortografico automatico del vostro programma di scrittura e rileggete attentamente l’elaborato.
Oltre alla scrittura anche una grafica accattivante può aiutarvi ad attirare consensi. Non usate un font troppo particolare: qui conta più la chiarezza dell'originalità. Scrivete preferibilmente in nero su sfondo bianco.
Citate le vostre fonti, con rimandi corretti e una bibliografia seria.
tesina...
1)
La ‘tesina’ (o ‘percorso pluri-disciplinare’) è un elaborato che sviluppa in maniera approfondita un argomento scelto dal candidato non necessariamente contenuto nel programma dell’ultimo anno scolastico.
2)
La preparazione della tesina non va affrontata frettolosamente nelle settimane che precedono l’esame.
3)
L’argomento che si sceglie deve essere abbastanza generale da essere esaminato attraverso i collegamenti alle diverse discipline. Questo permette anche di catturare l’interesse dell’intera commissione e non solo di uno o due professori.
4)
All'inizio è bene scegliere un titolo : ciò costringe a specificare meglio il percorso.
Ma il titolo è solo un punto di riferimento: potrà cambiare nel corso della ricerca.
5)
Una volta scelto l’argomento che si intende trattare è bene mettere a punto una mappa concettuale che evidenzi:
la ‘visuale’ completa del lavoro
i vari aspetti esaminati
le connessioni fra le diverse discipline.
6)
Nella stesura della tesina si può procedere a raggiera, mettendo al centro l’argomento su cui verte il lavoro. Al tema centrale si legheranno le discipline scelte, proprio come si fa con una ragnatela. Saranno soprattutto i collegamenti che costituiranno il carattere e l’originalità del lavoro.
7)…
L’argomento prescelto può anche derivare da un tema così particolare che non ha fatto parte del curriculum di studi: è possibile sviluppare un'ottima tesina a partire da ciò.
E' bene ricordare però che in questo caso il lavoro è generalmente più impegnativo poiché l’argomento si dovrà inquadrare in un contesto che va studiato ex novo.
Come si fa una
Il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche in forma multimediale, scelti dal candidato.
Rientra tra le esperienze di ricerca e di progetto la presentazione, da parte dei candidati, di lavori preparati durante l’anno scolastico con l’ausilio degli insegnanti della classe…

(art.4 del Regolamento di legge)
Che cos'è
Preparazione
Collegamenti
Titolo
Mappa concettuale
Argomento
Attenzione a...
"
"
Può essere redatto secondo la forma classica dell’elaborato scritto...
Si tratta di una vera e propria prova di metodo: la tesina di maturità sembra avvicinarsi molto di più ad una tesi di laurea, se non nei risultati, almeno negli intenti.
Si presenta come l'approfondimento di un argomento articolato in diversi campi disciplinari da cui non restano esclusi l’attualità, la musica, i fumetti, il cinema..
...ma può anche avvalersi di strumenti multimediali, scelti dallo studente e concordati con i docenti.
...per la maturità!
1)
Cos'è una tesina
2)
Preparazione
3) Argomento
4) Titolo
5)
Mappa concettuale
6)
Collegamenti
7)
Attenzione a...
Si tratta di strutturare un percorso tra le diverse discipline a partire da una tematica che piaccia e interessi.
Perciò è bene creare, fin dai primi mesi di scuola, un’agenda-schedario su cui annotare idee, concetti, letture, citazioni ecc. che potrebbero servire da materiale per il lavoro.
In un secondo momento sarà molto utile approfondire la ricerca anche attraverso Internet, in particolare su siti come Wikipedia, Youtube, L’enciclopedia multimediale di Rai Educational, La storia siamo noi…
Questo evita la dispersione di energie e favorisce l'introduzione intelligente di elementi personali nel proprio lavoro di ricerca
Attenzione però anche al pericolo opposto: che argomenti troppo ampi (libertà, giustizia sociale, la donna, la pace…) portino ad una trattazione superficiale dei temi che si affrontano.
Per evitare queste difficoltà è bene circoscrivere il proprio campo d’indagine. L’importante è che il lavoro nel complesso dimostri la capacità di indagare consapevolmente la tematica individuata.
???????
!!!!!!!!!!!!!!
All’inizio il titolo potrà essere generico (per esempio “La libertà di espressione”), per focalizzare l’area tematica.
Un eventuale sottotitolo servirà a specificare quale aspetto di questo argomento è stato esaminato (per esempio: “La libertà di espressione. La censura nell’Italia fascista”).
Questo lavoro di scelta contribuirà a guidare la ricerca.
provvisorio
definitivo
Il titolo sarà assegnato solo alla fine del lavoro. E nella maggior parte dei casi arriverà quasi spontaneamente.
Idea!!!
2000
2010
2005
2002 March
(cc) image by jantik on Flickr
No!!!
Ideas
Big and....
... small
Si può partire da una semplice “scaletta” e poi trasformarla in un organigramma più complesso che contenga:
una definizione sintetica dell’argomento di partenza
la successione delle discipline con una breve definizione del contenuto delle connessioni individuate
gli eventuali rimandi da una materia all’altra.
Questo lavoro preliminare ha il vantaggio di ricordarci quali sono i nostri obiettivi e costituisce la spina dorsale dell’intera ricerca. Una volta acquisito questo metodo, saremo in grado di affrontare ogni lavoro di ricerca che ci si presenterà anche nel futuro, nel mondo universitario o in quello del lavoro.
LA LIBERTA'
Non è assolutamente necessario far riferimento a tutte le materie previste dal proprio corso di studi: anzi, è consigliabile ridurre il numero di collegamenti (non più di tre o quattro materie) per migliorare la qualità critico-analitica della tesina.
Occorre ricordare che questo lavoro sarà oggetto di un’esposizione orale piuttosto breve, normalmente non più di 15-20 minuti.
Pertanto l’importante non è il , ma la delle materie, affinchè risulti un lavoro realmente pluridisciplinare.
I collegamenti dovranno essere attinenti e, di norma, è sempre bene contestualizzare dal punto di vista storico i temi che si analizzano anche solo con brevi accenni.
Questo consentirà a chi ci ascolta di avere sempre una visione chiara della nostra esposizione e a noi di mostrare che le nostre ricerche sono state attente e documentate.
numero
scelta
La città
nella letteratura europea
del '900
Attenzione anche ai collegamenti fra discipline e contenuti: occorre che abbiano legami forti e significativi tra di loro, senza incorrere in forzature.
La necrofilia
nella letteratura di fine '800
BUON LAVORO!!
evitate
ASSOLUTAMENTE
Full transcript