Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Appunti sulle migrazioni

No description
by

angela t

on 22 November 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Appunti sulle migrazioni

crisi, occupazione guadagni
spread
useful to understand gender relations
historically constant
it is a
pubblic issue, not a private question
Angela Toffanin
Venice, 24 november 2016
angela.toffanin@gmail.com

Narratives of migrant
women
in Italy

www.interno.gov.it/
http://noi-italia.istat.it/
www.meltingpot.org
www.asgi.it
fortresseurope.blogspot.com
www.autistici.org/macerie
www.cestim.it
www.corriereimmigrazione.it
www.lavoce.info


la condizione migratoria
wide,
across women's and men's differences
nel mondo: 232 milioni; un miliardo includendo le migrazioni interne.





In particolare:
Stati Uniti (45.9 mln)
Russia (11 mln)
Germania (9.8 mln)
Arabia Saudita (9.1 mln)
Emirati Arabi Uniti e Regno Unito (7.8 mln)
Francia (7.4 mln)
Canada (7.3 mln)
Australia e Spagna (6.5 mln)
Fonte: Ansa, 2013
Gender violence against women
Why to study gender violence
migranti
ogni Paese è:
origine, transito, destinazione
Nord del Mondo: metà della ricchezza,
1/6 della popolazione
Destinazioni principali: Europa e Asia
Fonte: OIM 2013; ONU, 2013
chi sono i/le migranti in Italia?
Europa: 50,3%, di cui il 27,4 comunitari),
Africa: 22,2 %
Asia: 19,4 %
America: 8%
Oceania: 0,1%

totale residenti: 4.387.721 (7,4%)
circa 1 milione sono rumeni

Dossier Statistico Immigrazione 2013
1. provenienza geografica
che tipo di dati?
chi sono i/le migranti in Italia?
2. minori
Il 24,1% dei soggiornanti stranieri non comunitari sono minori,
nati in Italia o ricongiunti
: 908.539.
I minori comunitari sono oltre 250.000

Nuovi nati da coppie "straniere": 79.894 (14,9%)
nuovi nati da coppie "miste": 26.700


Iscritti a scuola a.s. 2012/13: 786.650 minori,
(8,8% del tot); il 47,2% è nato in Italia
Interventi legislativi in materia di immigrazione (e sanatorie)
Legge 39/90 - Martelli

DL 489/95 - Dini

DPCM 16 ottobre 1998 - Turco Napolitano, istituzione dei CPT

Legge 189/02: Bossi Fini; dai CPT ai CIE; rimozione ospite

Politiche 2004-2007

Decreto Sicurezza 2008: istituzione del reato di clandestinità, limiti ai matrimoni binazionali e all'acquisizione di cittadinanza per matrimonio; ronde; cpt fino a 180 giorni

"Sanatoria" Colf e Badanti" 2009
nelle primarie il 59,4% è nato in Italia, nelle scuole per l'infanzia il 79,9%
ostacoli e opportunità
sessualizzazione
razzializzazione
misconoscimento
del titolo di
studio
riduzione
reti
sociali
riconoscimento "complementare"
erosione autonomia
ingresso mondo del lavoro
riduzione
precarietà
avanzamento
processo riflessivo
allargamento/rinnovamento
reti sociali
allontamento relazioni violente
ridefinizione
dell'
interdipenza
ostacoli al riconoscimento
riconoscimento
Visti 2012 - Dossier Statistico Immigrazione 2013
Visti per lavoro subordinato: 52.328
Visti per famiglia: 81.322
Richieste di protezione internazionale: 17.350
(80,7% accolte)
Soggiornanti per studio: 50.876
Acquisizioni cittadinanza: 65.383
Matrimoni misti: 18.005





Dunque, i/le migranti in Italia sono:
lavoratori/trici

rifugiati;

autonomi
o
subordinati
stagionali
o
fissi
il sistema
delle
quote
... l'entrata "clandestina" per lavoro o per asilo: perchè salire su una bagnarola?
- altre modalità

- la domanda per il potenziale rifugiato:
in Italia: ingresso per turismo -> visto!
ingresso clandestino

in campi profughi: Resettlement Policy

- "se lo facessimo, saremmo sommersi dai profughi" -> DUNQUE:
ostacoli in ingresso come meccanismo di selezione

- "l'Europa deve aiutarci": MA
l'Italia è sotto la media europea nell'

Se anche cambiassero gli accordi di
investire di più
accoglienza per i richiedenti asilo

Dublino, l'Italia per PIL e n. abitanti dovrebbe
sistema
delle quote;
legame Pds - Contratto
di lavoro
sanatoria per 650.000
accordi di Dublino
L'accordo di integrazione
10 marzo 2012 - art. 4 bis del 'Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero ' (Dlgs 286/1998)

regolamento emanato con D.P.R. n.179 del 14 settembre 2011

è un accordo fra lo Stato italiano ed il cittadino straniero che entra in Italia

16 crediti; entro due anni -> 30

Come acquisirli?
acqusizione di determinate conoscenze (lingua italiana, cultura civica e vita civile in Italia)
svolgimento di determinate attività (percorsi di istruzione e formazione professionale, titoli di studio, iscrizione al servizio sanitario nazionale, stipula di un contratto di locazione o di acquisto di una abitazione, apertura di un'attività produttiva…)

processi di discriminazione e razzializzazione
difficoltà d'accesso al lavoro e segmentazione del mercato del lavoro

difficoltà d'accesso alla casa (acquisto e mutuo, affitto),

istruzione

solo 6 regioni hanno ratificato l'accordo per il superamento delle diseguaglianze d'accesso tra migranti e italiani/e

ambito giuridico - istituzionale:
erogazioni di welfare, in particolare: bonus bebè, contributo affitto, prestazioni
sanitarie per disabili;
accesso alle libere professioni, al pubblico impiego, al servizio civile,
titoli di studio.

amministrazioni locali

razzismo quotidiano, discriminazioni culturali, mondo dello sport
legge EU
97/2013
per cittadini ue, familiari,
rifugiati
svalutazione
professionale
Percorsi migratori di alcune donne latinoamericane
residenti in Veneto
occupazioni
5 P
11,9 miliardi -
13,3 miliardi =
1,4 miliardi
fonti:
ricongiunti;
studenti/affari/motivi religiosi...
Gender violence and recognition
Come?
36 racconti biografici;
osservazioni in 8 famiglie, in feste familiari e ‘pubbliche’
21 interviste a testimoni privilegiate in Argentina e Brasile

ignoravo, prima dell'incontro,
se le donne coinvolte nello studio avessero subito violenze:
non vittime
,
ma
soggetti capaci
di costruire progetti e
negoziare riconoscimento
in diversi ambiti, attraversando molti confini

GV represents an economic and social cost, for the whole society
BUT:
it is
NOT
an "emergency"
Istat 2015:
1970's

(Strauss, 1974, Gelles, 1974, 1980; Steinmetz, 1977)
GV è AVVALLATA IMPLICITAMENTE ED ESPLICITAMENTE DA UN INSIEME DI VALORI RELATIVI AL GENERE, DI CREDENZE, DI NORME, DI ISTITUZIONI sociali che risultanto socialmente situate

può assumere significati diversi a partire dalle modalità in cui è vissuta, ma anche dalle norme sociali in cui comportamenti violenti sono situati, e da quelli che infrangono

differences...
1990'-2000's
"violence against women"
means
any act of
gender-based violence

that results in,
or is likely to result in,
physical, sexual or psychological harm or suffering to women,
including threats of such acts,
coercion or arbitrary deprivation of liberty,
whether occurring in public
or in private life
(General Assembly – United Nation, 1993)
People think hat violence against women is only beating. But it is also this, violence related to injury ... to diminish (...) It is a larger violence of a slap. Lack of respect, isn’t it? (Mara, 43 years old, Brazilian, graduated, unemployed)


At work ... they show you're worth very little, or are you a servant or a kind ... you belong to the employer. Also ... for having sex (Fernanda,
32 years old, Paraguayan, baby sitter)
We were very much in love (...) My money? He told me: "I keep them myself, I know how it works here." There were beautiful days, and days of hell. He destroyed me a little. I’ve not freedom even to speak. No. always "shut up, because you're brazilian, what do you think? ... You're a woman, what do you pretend to know?". (Lori, 42 years old, Brazilian, beautician -i.s.)
VAW is supported, both implicitly and explicitly, by a set of cultural meanings related to gender, beliefs, norms and social institutions
(Russo, Pirlott 2006; Koss et al., 2003)



Gender violence can be considered as such when the origin and the justification of violence can be identified in stereotyped gender identity on which asymmetrical relationships are built, formed by herarchies of difference
Italy:
rehabilitating
marriage,
honour killing
Theoretical background
...& possibilities for doxa suspension (Waquant, 2014), due to migration experience (Perrotta, 2014)
Struggle for recognition (Honneth, 1996)

Symbolic violence (Bourdieu, 1977, 1998; Thapar Björkert, 2005)


Sociology of emotion (Hochschild, 1979, 2006



Everyday life (Jedlowski & Leccardi, 2003)

Intersectionality (Crenshaw, 1989; Mason, 2002)
Love and violence, romantic love as "narrative" (Kipnis, 2005, Town& Adams, 2000, Walker & Goldner, 1995, Schäfer 2008, Yuste et al., 2014)
from “selective inattention”
to “high priority social issue”
the rise of the Feminist movement
new practices of research
increased sensitivity to violence by social scientists and public opinion
VAW is a public issue, not a private one;
space for the voice of women in the public arena;
shifting the standpoint from:
the
responsibility
of women
to the
social and subjective responsibilities of men
;
protections of moral
to
suffering
of individuals.
the
perpetrators
of violence to the women
(Russell, 1975; Martin, 1976; Dobash, Dobash, 1979)Katz, Mazur, 1979)


The topics receiving most attention were
sexual violence

and
domestic violence
/ violence in intimate relationships
(Hanmer, Itzin, 2000),
but also violence in the workplace (Mac Kinnon, 1979)
and in colleges (Koss, Gizycz, Wisniewski, 1987).

women’s strategies of resistance to violence and
how women reacted to violence (Walker, 1979; Browne, 1987).

These researches challenged the studies on family violence that overshadowed gender asymmetries.

rape in marriage
Russel (1975),
Martin (1976),
Dobash & Dobash (1979)

In Italy
6 788 000 women have been victims of violence
31.5% of women aged 16-70.
20.2% has been victim of physical violence;
21% of sexual violence
5.4% of rape and attempted rape:

Women separated or divorced are those far more exposes to physical or sexual violence (51.4% vs. 31.5% relating to all other cases)


Current and former partners are those who commit the most serious crimes. 62.7% of rapes is committed by the current or the former partner while the authors of sexual assault in the majority of cases are unknown (76.8%).

Feminist patriarchal theory
(Firestone, 1970; Millet 1970;
Dobash, Dobash, 1978)
when and how they matter?
Combahee River Collective 1982, Mohanty, 1984, Wyatt, 1985; Hart 1986; Crenshaw, 1989;
Mason, 2002...
class
sexual orientation
race
age
gender
socio-cultural
belongings
1980's
studies on violence and migration
Bograd 1999; Jonshon, Ferraro, 2000;
Menjavar, Salcido, 2002; Sokoloff, Dupont 2005;
Nixon, Humphreys 2010
specific vulnerability that women can suffer
as a woman
and
a migrant
Full transcript