Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

1.

No description
by

Francesco Pirone

on 18 January 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of 1.

Strutturalismo e pragmatismo
Cento anni di teoria sociale francese
Strutturalismo genetico
Pragmatismo francese
Per una sociologia pragmatica
Repertori di giustificazioni
Il nuovo spirito del capitalismo
Esempi di campi di ricerca empirica
Antinomia
Soggettivismo Vs Oggettivismo
Strutturalismo genetico:
concetti chiave
Orientamenti teorici generali
Lo strutturalismo: principi generali e autori di riferimento
Soggettivismo
Doxa
Studi sulla riproduzione delle diseguaglianze
Tradizione filosofica del pragmatismo americano
Forme di giustificazione a disposizione degli attori sociali
Studio della struttura sociale e normativa del capitalismo contemporaneo
Caratteristiche generali dello strutturalismo
Teoria Olistica del significato
Focalizzazione sull'invariante
Natura latente delle strutture sociali
Capacità coattiva delle strutture sociali
Il significato dei segni, dei concetti e delle pratiche dipende dalla struttura in cui sono immersi
Preferenza per lo studio delle strutture sociali che risultano relativamente più stabili
Le strutture sociali relativamente stabili sono le forze sociali cruciali per l'attribuzione di significato ai fenomeni osservati
Esiste uno strato più profondo al di sotto dei fenomeni osservati
Le azioni e pensieri delle persone sono limitati e determinati dalle strutture sociali
Il ricercatore deve individuare i paramentri che pongono limiti alle scelte degli individui
Emile Durkheim (1859-1917)
Alcuni concetti chiave
Prospettiva olistica per spiegare la società: il tutto non è la semplice somma delle parti, ma una realtà a sé
Analogia con l'evoluzione naturale della società: solidarietà meccanica e solidarietà organica
I fatti sociali come realtà reificate: esteriori, coattivi, generali
Approccio metodologico: i fatti sociali devono essere spiegati esclusivamente attraverso altri fatti sociali. La società non è un aggregato di fenomeni psicologici
Ferdinand de Saussure (1857-1911)
Alcuni concetti chiave
Visione olistica del linguaggio: il significato dei concetti individuali dipende dalla loro relazione con il tutto
Il linguaggio non è nomenclatura: lingue diverse strutturano il mondo in maniera differente e i confini semantici cambiano nel corso del tempo
Le parole sono la parte esecutiva del linguaggio, mentre il significato delle stesse dipende alle proprietà strutturali condivise
Natura arbitraria del segno e convenzionalità del linguaggio: pubblico-collettivo, necessario che non può essere scelto dall'individuo
Il linguaggio ha natura relazione: principio di differenza, rapporti associativi, rapporti sintagmatici
Claude Lévi-Strauss (1908-2009)
Alcuni concetti chiave
Programma di ricerca antropologico: individuare i caratteri strutturali universali che accomunano tutte le società
Una delle caratteristiche universali è quello del modo in cui costruiscono ed organizzano il mondo esterno
Esempi di ricerca sulle strutture relazionali sottostanti i fenomeni culturali superficiali: opposizioni binarie e lo studio dei miti
Pierre Bourdieu (1930-2002)
Luc Boltanski
(1940-vivente)
Programma di ricerca orientato a legare i concetti strutturalisti con fenomenologia sociale
Le lotte per il potere sono centrali nella vita sociale
Le lotte non sono eclusivamente economiche ma operano spesso a livello simbolico
Valorizza teoricamente l'importanza della conoscenza pratica condivisa:
ruolo centrale dell'esperienza
Costruire un approccio teorico capace di trascendere l'opposizione tra la prospettiva strutturalista e quella orientata sull'iniziativa individuale (agency-orientated)
Per una teoria della pratica
Oggettivismo
Ricerca delle strutture indipendenti sottostanti la conoscenza, i concetti o i propositi degli individui
Ricerca del modo in cui le persone concettualizzano o esperiscono il mondo e agiscono in esso
Critiche di Bourdieu
Il soggettismo non riesce a spiegare in che misura la cornice mentale delle persone e le loro pratiche obbediscono a costrizioni sociali
L'oggettivismo non tiene conto che la vita sociale è la realizzazione concreta di attori consapevoli, oltre all'assunzione di ruoli e adempimento delle regole
Superamento dell'opposizione attraverso due assunti metodologici:
- Oggettivazione partecipante
- Sociologia riflessiva
Habitus
Campo
Le conoscenze che gli individui impiegano per affrontare le attività quotidiane, senza che venga trasformata in conoscenza discorsiva:
Mondo dato per scontato al di là della riflessione
Schema generativo di disposizioni tacitamente acquisito dall'infanzia e di natura durevole che fornisce il "senso pratico":
L'habitus cambia a seconda dell'estrazione di classe
Aree della vita sociale in cui, tramite strategie, si svolgono le lotte per la conquista di beni e risorse rilevanti:
- teoria dei capitali (economico, sociale, culturale, simbolico)
- strategie come consapevoli realizzazioni, sulla base del retroterra costituito dalla doxa preriflessiva
Studi sull'antropologia economica
Critica della globalizzazione liberista
Focalizzazione sull'attività pratica, sull'azione diretta sulla realtà
La conoscenza e l'azione sulla realtà sono due attività inseparabili
Esempio nella sociologia francese:
Bruno Latour: rapporto oggetto-soggetto, tra oggetti materiali e interpretazioni umane, oggetti come "portavoce" che estendono la portata dell'interpretazione al di là della contingenza
Filosofia politica normativa + scienza sociale empirica
Studio dei diversi ordini di discorso (cités) che forniscono giustificazioni morali nelle controversie quotidiane e nelle situazioni problematiche
Ogni ordine è governato da un principio dominante
Le cités: mercato, ispirazione, sfera pubblica, ordine familiare, ordine civile, industria
In ciascuna citès gli individui sono consapevoli di ciò che conta, del valore di una cosa e della posizione ralativa all'interno di un ordine specifico
Oggetto della ricerca:
- Meccanismi di costruzione di valore
- Gestione delle controversie
Approccio critico: analisi della evoluzione delle forme disponibili di giustificazione nelle aree del lavoro e del management
Il nuovo spirito del capitalimo ha la rete come ordine di giustificazione: transizione dallo spirito gerarchico e centralistico allo spirito flessibile e altamente mobile
Il capitalismo ha incorporato le critiche:
a) falsità e oppressione
b) disuguaglianza ed egoismo
Sviluppo di ordine di giustificazione rivolto alle reti di persone che su progetti multipli, flessibili e collaborativi
Full transcript