Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

le materie plastiche

No description
by

F P

on 16 February 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of le materie plastiche

le materie plastiche
TERMOPLASTICHE
COMPOSTI CHE, RISCALTADI A TEMPERATURE MODERATE, RAMMOLLISCONO E
POSSONO ESSERE MODELLATE DAL CALORE. DOPO LA SOLIDIFICAZIONE, POSSONO TORNARE AD ESSERE PLASMABILI RISCALDANDOLE NUOVAMENTE.
TERMOINDURENTI
COMPOSTI CHE, SCALDATI A TEMPERATURE MODERATE, INDURISCONO IN MODO PERMANENTE ASSUMENDO DEFINITIVAMENTE LA FORMA A ESSI IMPRESSA;

POSSONO ESSERE MODELLATE QUINDI UNA SOLA VOLTA.
laminazione e calandratura
stampaggio per compressione
termoformatura
chiudere il cerchio: riciclare la plastica
cosa è la plastica?
nel 1876 una fabbrica di palle da biliardo di NY offrì una somma di denaro a chi avesse inventato un materiale col quale sostituire l'avorio. Il tipografo J. Hyatt vinse inventando la
celluloide
(mescolando una sostanza derivata dalla cellulosa la parkesina e la canfora).
Le materie plastiche sono delle sostanze organiche (cioè formate da molecole che contengono una o più atomi di carbonio) che derivano prevalentemente dal petrolio, ma vi sono anche materie plastiche sviluppate partendo da una matrice naturale.
la prima materia plastica di grande successo fu inventata nel 1905 dal chimico belga Baekland e chiamata bachelite
resine termoplastiche
http://cmapspublic.ihmc.us/rid=1GPQRS3BN-1TK8QF6-RJX/Resine%20termoplastiche.cmap
resine termoindurenti
IL CICLO DELLA PLASTICA lavorazione primaria
le proprietà delle materie plastiche
IL CICLO DELLA PLASTICA lavorazione secondaria
Durante la polimerizzazione possono venire aggiunte altre sostanza, chiamate CARICHE, che hanno la funzione di fornire alla plastica alcune caratteristiche particolari, per esempio un colore. Inoltre si possono anche combinare tra loro più polimeri: da questo momento in poi i materiali subiranno solo cambiamenti di forma. Le
industrie chimiche
di base (petrolchimiche) lavorano quindi i polimeri fino ad ottenere i due tipi principali di semilavorati:
le resine termoplastiche: ridotte in granuli
; e le
resine termoindurenti che vengono trasformate in polveri.
FISICHE:
SOLIDE a temperatura ambiente, sono ottimi ISOLANTI (quindi scarsa conducibilità termica ed elettrica), sono LEGGERE (bassa densità), si DILATANO e si DEFORMANO con l'aumentare della Temperatura.






MECCANICHE:
PLASTICHE: si modellano con facilità e mantengono la forma a loro conferita a Temperatura ambiente (o comunque inferiore ai 100°), resistono a TRAZIONE, TORSIONE, FLESSIONE, COMPRESSIONE e TAGLIO. Resistono bene agli AGENTI ATMOSFERICI.




TECNOLOGICHE :
DUTTILI e MALLEABILI, non richiedono saldature e sono IMPERMEABILI.








il ciclo di produzione di tutte le materie plastiche è identico nelle prime fasi
Tecnologia in azione- De Agostini
la produzione industriale
stampaggio per inizione e per estrusione
con questi processi si ottengono fogli dello spessore voluto.
il polimero allo stato pastoso è posato tra lo stampo ed il controstampo, quindi si avvicinano le due parti, premendo, la resina nel volume vuoto che costituisce la forma
si parte da un foglio di materiale termoplastico riscaldato che assume la forma interna di uno stampo. Si ottiene:
-sottovuoto. la lastra si adagia sullo stampo per aspirazione, copiando la forma dello stampo.
-sottopressione. la pellicol aviene spinta suppo stampo grazie alla pressione esercitata dall'aria.
estrusione e soffiatura
per la produzione di bottiglie e piccoli contenitori:
i prodotti della plastica
clicca e
naviga nella mappa
clicca e
naviga nella mappa
http://cmapspublic.ihmc.us/rid=1GPQRS3BN-Y9LF5R-RKT/Resine%20termoindurenti.cmap
la bioplastica
Prof.ssa Federica Pilotti
http://www.raiscuola.rai.it/articoli/nautilus-bioplastiche-la-chimica-del-futuro/29831/default.aspx
approfondisci!
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ab9b1523-6509-4feb-a232-7bbdf8309c5a.html
Full transcript