Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Amore e Psiche nell'arte

No description
by

Beatrice Cappellari

on 30 March 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Amore e Psiche nell'arte

Amore e Psiche nell'arte
La sala di Amore e Psiche prende il nome dalla storia narrata in 22 passi tramite le decorazioni di Giulio Romano. Sembra esserci un parallelo tra la storia di Amore e Psiche, ostacolata dalla madre del Dio (Venere), e quella di Federico Gonzaga e Isabella Boschetti, ostacolata dalla madre del Gonzaga (Isabella D'Este).
Le rifiniture a tempera, le incorniciature a stucco e il realismo e ensualità delle scene danno un carattere sontuoso all'ambiente, destinato ad accogliere gli ospiti più illustri ai banchetti.

Per una visita virtuale della sala di Amore e Psiche:
http://www.palazzote.it/pte/index.php?option=com_content&view=article&id=67&ltemid=231
Amore e Psiche;
Giulio Romano;
Tra 1526 e 1528;
Affresco;
Camera di Amore e Psiche, Palazzo Te, Mantova;
Amore e Psiche;
Perin Del Vaga e aiutanti;
Tra 1545 e 1546;
Affresco;
Sala di Amore e Psiche, Castel Sant'Angelo, Roma;
Storie di Amore e Psiche;
Raffaello Sanzio e allievi (R. Del Colle, G. F. Penni, G. Romano);
1519 circa;
Affresco;
Loggia di Psiche, Villa Farnesina, Roma;
Venere e Amore
di Raffaellino del Colle
Loggia di Psiche
Psiche trasportata da amorini
di Giulio Romano
Venere e Psiche
di Giulio Romano
Concilio degli dei
Banchetto nunziale
Pareti Sud e Ovest
Parete Nord
Parete Est
Camera di Amore e Psiche
Amore e Psiche;
Jacopo Zucchi;
1589;
Olio su tela;
Galleria Borghese, Roma;
Amore e Psiche o Allegoria di Eros e Psiche;
François Gérard;
1798;
Olio su tela;
Museo del Louvre, Parigi;
Cupido e Psiche;
Jacques Louis David;
1817;
Olio su tela;
Cleveland Museum of Art, Cleveland;
Rapimento di Psiche;
William-Adolphe Bouguereau;
1895;
Olio su tela;
Collezione privata;
Agostino Chigi, ricco banchiere, dopo la realizzazione della sua nuova villa, commissionò all'artista Raffaello la decorazione di alcune stanze. Compresa la loggia, utilizzata per feste ed eventi. Raffaello decise così di dare un carattere spettacolare all'ambiente. Trasformò la loggia in una pergola, come se i pergolati e i padiglioni del giardino fossero diventati parte dell'ambiente stesso, grazie all'opera dei suoi allievi. L'intreccio dei festoni vegetali fungevano da divisori tra gli scomparti azzurro-cielo in cui erano raffigurate le scene della storia di Amore e Psiche.
L'ambiente componeva, insieme ad altre sale, l'appartamento privato di Paolo III. La camera deve il suo nome agli affreschi che ne decorano il soffitto ligneo. Le scene della storia di Amore e Psiche sono inquadrate da elementi architettonici e scultorei dipinti, che danno un'aria sfarzosa alla camera.
Sala di Amore e Psiche
Rappresentato il momento in cui Psiche scopre l'identità del suo amante e fa cadere una goccia di olio bollente.
e posture dei personaggi sono innaturali, ma eleganti e raffinate. Jacopo, influenzato dalla corrente artistica manierista, sceglie di rappresentare i personaggi, osserviamo Psiche, in torsione, con la tipica forma ad "S".
Dipinto commissionato dal mercante e collezionista Gian Battista Sommariva. Rappresentato il momento in cui i due amanti sono a letto. Psiche giace nuda e addormentata, accanto a lei il Dio che le sposta il polso per libersi dal suo braccio.
David fa risaltare il contrasto tra l'innocenza di Psiche e Amore che invece osserva lo spettatore con sguardo soddisfatto e malizioso.
Amore porta Psiche in un altro mondo. Ella ha ali di farfalla, che simboleggiano il raggiungimento dell'immortalità. Psiche ha un'espressione serena, il suo corpo è flessibile e morbido. Amore la sorregge con una forte presa. Psiche rappresenta la resa totale di fronte all'amore.
Psiche è sorpresa dal primo bacio di Amore, invisibile ai suoi occhi. I gesti di Eros sono misurati, quasi privi di passione e Psiche ha un viso sereno, ma distaccato. Sopra la testa della giovane vi è una farfalls, simbolo dell'anima. Psiche infatti è la rappresentazione dell'anima umana.
Psiche scopre Amore;
Simon Vouet;
Olio su tela;
Musée des Beaux-Arts;
Rappresentata la scena della lampada, ovvero il momento in cui Psiche, spinta dalla curiositas, scopre la vera identità di Amore. L'artista ha scelto di idealizzare il Dio nel suo aspetto più innocente e indifeso.
Eros e Psiche abbracciati;
Inizi del I secolo a.C.;
Argilla;
Achaeological Museum, Pella;
Cupido rianima Psiche svenuta;
Thorvaldsen Copenhagen;
Marmo;
Amore e Psiche stanti;
Antonio Canova;
Tra 1796 e 1800;
Marmo bianco;
Museo dell'Ermitage, San Pietroburgo;
Gruppo scultoreo che rappresenta la purezza, simboleggiata anche dalla farfalla. Significativo il concetto platonico dell'Amore che scalda l'anima. Il Dio Amore poggia infatti la sua guancia su quella di Psiche.
Amore e Psiche;
Antonio Canova;
Tra 1788 e 1793;
Marmo bianco;
Museo del Louvre, Parigi;
Canova rappresenta il momento che precede il bacio e lo rende eterno grazie al raggiungimento di uno straordinario equilibrio. Questo poichè le due figure sono disposte diagonalmente e divergenti tra loro e si intersecando creando una "x" morbida e sinuosa. L'opera trasmette un erotismo sottile e raffinato. Il punto focale, i volti, sono incorniciati dalle braccia, evidenziando l'attimo.
"
Amore e Psiche
" è una novella scritta da
Apuleio
nel II secolo d.C., contenuta all'interno delle "
Metamorfosi
" (o "
Asino d'Oro
"), la sua opera massima.
C'era una volta un re che aveva tre figlie, tra cui una, di nome Psiche (Anima), talmente bella da rendere invidiosa la dea Venere, che inviò suo figlio, Amore, per punirla. Il Dio però si innamorò della fanciulla e dopo averla salvata iniziò una storia d'amore tra i due, a patto però che Psiche non vedesse mai l'aspetto del Dio. Tuttavia una notte Psiche, spinta dalla
curiositas
che le avevano suscitato le sorelle, si recò nel luogo in cui Amore dormiva e
infranse il patto
, scoprendo la sua vera identità. Il Dio fuggì e Psiche dovette affrontare una serie di prove per riacquistare la sua fiducia e poter entrare nel mondo degli dei per stare con lui.
Full transcript