Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Superstizioni e credenze popolari

No description
by

Marcos Rodrigo Domenici

on 26 October 2012

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Superstizioni e credenze popolari

Qual è il confine fra superstizioni e scaramanzia? Superstizioni, magie e antiche credenze popolari Entrambi, credo, sono meccanismi di difesa e di rassicurazione attraverso i quali individui e gruppi sociali ipotizzano giustificazioni dei loro fallimenti e delle loro incertezze. Gli italiani in Patria o all’estero sono superstiziosi. C’è da dire, poi, che l’Italia è un paese di superstiziosi per eccellenza: guai a rompere uno specchio o incrociare un gatto nero! Nella maggior parte dei casi, si usa pensare che le superstizioni più comuni abbiano origine religiosa: niente di più sbagliato, visto che la Chiesa ha (quasi) sempre condannato questo genere di credenze. Naturalmente, essendo gli Italiani dei gran mangioni, non potevano di certo mancare le superstizioni legate al cibo ed alla tavola. Il divieto di mangiare mele il giorno di Natale, perché ricorderebbero il pomo della discordia. Ritenere che portino male le posate incrociate sul piatto, in quanto sembrano rievocare la crocifismaleaugurante il sedere a tavola in 13, perché ricorderebbe l’ultima cena di Gesù con gli Apostoli.sione di Gesù. È maleaugurante il sedere a tavola in 13, perché ricorderebbe l’ultima cena di Gesù con gli Apostoli. La più comune, quella che tutti conoscono e rigorosamente rispettano, è quella legata al sale: rovesciare il sale sulla tavola, soprattutto di martedì, porta male e per scongiurare questa azione maleaugurante, non c’è altro modo che gettarsi un pizzico di sale dietro le spalle. Altra credenza diffusa era quella di non passare mai la saliera tenendola in aria, bensì posandola sul tavolo: ognuno poi la prenderà con la sua mano. Vediamo altre superstizioni ! Vederne una che passa, o anche solo sentire la sirena che suona per strada, porta male. Devo prepararne uno per gli ospiti nel bagno: se io e un amico usiamo lo stesso, litigheremo sicuramente. Quando arriva questo momento, le donne devono guardare in faccia un uomo e un uomo dev’essere la prima persona con cui parlano. Non prendere impegni importanti oggi. In particolare, se è il 17 non prendere l’aereo, non andare dal dottore… niente! Anche riguardo l'origine del 17 sfortunato sussistono diverse ipotesi: una delle più avvalorate riconduce la credenza al latino in quanto il numero 17 si scrive XVII, che anagrammato diventa VIXI (ho vissuto, quindi "sono morto"); La sfortuna del 17 potrebbe essere di origine biblica: nella Genesi (7,11) è indicato che il Diluvio universale ebbe inizio il 17 del 2º mese nell'anno seicentesimo della vita di Noè. Romperne uno porta sette anni di sfortuna: la tua anima se ne va via con lui. Trovarne uno porta molta fortuna (ma devi andare in campagna per trovarlo). Bisogna metterlo sulla porta, per tenere lontana la sfortuna. Vederne uno che ti attraversa la strada porta una jella nera! Se ne metti uno sul letto, porta male. Mettilo in testa, e basta. Aprirlo in casa porta malissimo! (Cinque anni di sfortuna, minimo). Vederne un gruppetto che cammina per strada porta male: arrivano cattive notizie. Incontrare per la strada un carro funebre senza la bara. La spiegazione è chiaramente la possibilità per chi lo veda di riempirlo presto. Quando quattro persone si salutano stringendosi la mano, si ritiene di cattivo auspicio formare una croce con le braccia;
Full transcript