Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Filosofia - Le leggi, Platone

No description
by

Progetto Francese

on 5 March 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Filosofia - Le leggi, Platone

IDEA DI CLINIA
La costituzione deve avere come fine la GUERRA
Ognuno di noi è in lotta con gli altri e con se stesso
Il vino è solo causa di mali e di impudenza
Libro I
FORME DI GOVERNO NEL PASSATO:
Patriarcato
Monarchia
Politica mista
Confederazione di Stati
Libro IV
Libro II
PLATONE
LE LEGGI
Ultima opera di Platone
Pubblicata in seguito da Filippo di Opunte
Repubblica: modello stato IDEALE

mentre

Leggi: REALTA' storica
Personaggi:

-L'Ateniese (Platone)
-Clinia
-Megillo
IDEA DI PLATONE
Le leggi devono mirare al BENE comune, rappresentato da tutte le virtù e dalla pace
E' più debole colui che si fa dominare dai piaceri che colui che è vinto dalla sofferenza
Grazie al VINO si impara a contrastare l'impudenza
MITO DEL FILO D'ORO:
L'uomo è come una marionetta nelle mani degli dei e viene strattonato in direzioni opposte dai molteplici fili che corrispondono ai vizi, alle passioni e alle virtù.
Solo il filo d'oro, quello della RAGIONE, può guidare l'uomo verso la via del bene e verso la virtù.

TRE TIPI DI CORI:
quello dei fanciulli, guidati dalle Muse
quello dei giovani, guidati da Apollo
quello degli anziani, consacrato a Dionisio

OPINIONE PUBBLICA:
La musica bella è quella che fa divertire
OPINIONE DI PLATONE:
La musica bella è quella che insegna qualcosa
La musica non può essere giudicata dai poeti, ma deve essere guidicata dagli anziani saggi
Libro III
STATO:
Legge: guida
Massa: guidata
ANIMA:
Ragione: guida
Desideri: guidati
MOTIVI FALLIMENTO IMPERO PERSIANO:
Educazione di Cambise e Serse per opera delle madri
Dispotismo e poca libertà
MOTIVI DEBOLEZZA ATENE:
Troppa libertà
VICINANZA AL MARE --> negatività:
La città imita i nemici nelle loro peggiori imitazioni
Non si onora la parte migliore del mondo militare
LE VICENDE UMANE SONO GUIDATE DA:
divinità
sorte
occasione
arte
MITO DI CRONO:
Gli uomini avevano un tempo una vita beata e giusta perchè Crono aveva messo a capo degli uomini i DEMONI
Se una città non viene guidata da un dio ma è sotto il controllo degli uomini ci saranno moltissimi mali
ARISTOCRAZIA:
Il governo deve essere affidato agli uomini migliori MORALMENTE
COME CONDURRE UNA VITA FELICE:
sacrifici agli dei
onore agli eroi
omaggio ai genitori/parenti/amici
Libro IX
La legge è seconda dopo l'epistéme, soccorre la natura umana.
Le leggi devono punire ed educare il cittadino, come un medico che cura un paziente.
Divisione tra ingiustizia e danno; il legislatore non deve guardare all'atto in sè ma a all'indole di chi lo compie.
Ci sono tre tipi di colpe:
-per ira e paura
-per piaceri e desideri
-per ignoranza

Libro X
Discorso sugli dei e lotta alle credenze atee e materialiste.
Gli atei credono che il mondo derivi da tre cause:
natura
arte
caso
Le cose nate prima derivano dalla natura, le altre dall'arte.
Teoria di Platone: l'anima è superiore al corpo, quindi nata prima soprattutto per natura.
L'anima è "il muovere se stesso", quindi governa il cielo e tutti i corpi.
L'anima è una divinità e governa il cielo e tutti i corpi.
Gli dei si occupano di tutte le faccende umane attraverso dei demoni. Le piccole cose concorrono alla perfezione del tutto.
Il comportamento dell'anima in vita determina la condizione nella vita successiva.
Libro XI
Discorso sul commercio: Platone rivaluta la sua condizione. Esso non causa in sè dissidi, ma gli uomini si lasciano tentare dalla bramosia di denaro.
La funzione di commerciante deve essere svolta da chi causa danni minori alla città: i meteci.
Discorso sui testamenti; il testamentario non può decidere a chi affidare il patrimonio, che appartiene alla famiglia.
Non è possibile offendersi tra i cittadini, poichè anche l'anima più educata si trasforma in bestia.
Neanche i poeti comici possono motteggiare i cittadini.
E vietata l'avvocatura
Libro XII
Discorso sugli stranieri e sui viaggi all'estero: bisogna godere di buona fama in altre città e accettare gli stranieri (il mercante, l'appassionato di agoni, l'incaricato pubblico, il saggio)
Discorso sui defunti: un'anima malvagia non può essere aiutata da preghiere. Bisogna piangere il defunto con moderazione.
Lo scopo fondamentale della città è il raggiungimento della virtù.
Le virtù sono quattro (giustizia, temperanza, coraggio, ragione)
Con il metodo dialettico si passa dalle virtù molteplici ad un'unica virtù.
Libro V
Libro VI
Libro VII
Libro VIII
UOMO
Bisogna onorare: 1) gli dei, 2) l'anima, 3) il corpo, 4) le ricchezze
La FELICITA' si raggiunge con una vita virtuosa, mentre il MALE è causato dall'ignoranza
La VITA deve essere temperante, valorosa, assennata e sana

STATO
Lo Stato deve avere 5040 cittadini
La RELIGIONE rimane legata alla tradizione
I cittadini vengono divisi in quattro CLASSI in base al loro patrimonio
Il legislatore indica il limite di povertà e ricchezza
ORDINAMENTO DELLO STATO
Istituzione delle magistrature e nomina dei magistrati
Assegnazione di ogni legge a una magistratura

MAGISTRATI
Devono essere onesti e virtuosi
Essi sono: i custodi delle leggi, gli strateghi, i tassiarchi, i comandanti di cavalleria, i consiglieri, i sacerdoti, gli astinomi, gli agoranomi, gli agronomi, i magistrati della ginnastica e della musica

TRIBUNALI
Due corti: una per i processi privati e una per quelli di Stato
Il popolo deve partecipare

MATRIMONI
Le ragazze devono avere tra i 16 e i 20 anni, i ragazzi tra i 30 e i 35
Non bisogna sposarsi oltre i 35 anni
Il matrimonio deve essere sciolto dopo 10 anni se non si sono avuti figli
EDUCAZIONE
Nel grembo materno i bambini devono essere tenuti in movimento
Dai tre ai sei anni i bambini devono fare giochi in comune
Dopo i sei anni iniziano gli studi
Anche le ragazze possono ricevere un'educazione

DISCIPLINE
Ginnastica: danza e lotta
Musica: canti e danze
Lettere: grammatica
Scienze matematiche: calcoli, geometria, astronomia

DANZE
Di pace
Pirriche
Bacchiche
RELIGIONE
Almeno 365 sacrifici ogni anno
Dodici feste per dodici divinità

AMORE
Tre tipi: tra simili, tra opposti e misto
Condanna degli amori contro natura: incesto, omosessualità e adulterio
Amore finalizzato alla procreazione

ORGANIZZAZIONE PRATICA DELLA VITA
Leggi agrarie
Trasporto dei prodotti
Professioni
Stranieri
Full transcript