Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA CRISI: UN' OPPORTUNITA' ?

tesina maturità
by

Piersilvio Fontanella

on 1 July 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA CRISI: UN' OPPORTUNITA' ?

LA CRISI: UN' OPPORTUNITA' ?
Piersilvio Fontanella 5°I
"Who mooved my cheese ?"
(Spencer Johnson, romanzo/parabola di oggi)
"La crisi è la più grande benedizione per i popoli e le nazioni" (A. Einstein)
"La sola cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa" (F.D.Roosevelt)
LA VOCE DELLA STORIA
"Le crisi economico finanziarie replicano da sempre lo stesso copione: ottimismo ed euforia, speculazione, diffusione del credito, indebitamento, aumento dei prezzi, panico, insolvenza, deflazione, crollo dei prezzi" (Charles Kindleberg)
Firenze 1343-1346
Crac della banca fiorentina dei Bardi e dei Peruzzi
crisi del passato
Inghilterra
Edoardo III (1327-1377): debitore insolvente
Crisi nella società contemporanea

La grande depressione di fine ‘800 (1873-1896)
ha effetti immediati disastrosi, ma imprime accelerazione alle innovazioni tecnologiche,
la carta vincente per le imprese
Dal boom degli anni ruggenti al crollo di Wall Street
Dies horribiles
24 ottobre 1929 (Giovedi nero)
29 ottobre 1929 (Martedi nero)

Il dramma di una famiglia di contadini dell’ Oklahoma, che deve lasciare la propria terra. Da Furore , di John Ford.

John Kenneth Galbraith, (“il grande crollo”, 1955)
e i fattori della crisi:
1. distribuzione del reddito
2. sistema finanziario
3. sistema bancario
4. scelte di politica economica
5. prestiti

Concetti chiave del discorso:
• Individualismo americano
• Spirito d’iniziativa
• Stato arbitro, non giocatore della partita economica > progresso degli Usa
• Paternalismo e Interventismo economico degli Stati europei e frustrazione
dell' iniziativa privata > recupero ritardato dell’Europa

Roosevelt e il New Deal
Discorso inaugurale (4 marzo 1933)
“Questo è soprattutto il momento di dire la verità, l’intera verità, francamente e audacemente. Né dobbiamo indietreggiare di fronte alla necessità di far fronte onestamente alle condizioni odierne del nostro Paese.
Lasciate che io riaffermi in primo luogo che la sola cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa, l’irragionevole, ingiustificato terrore senza nome che paralizza gli sforzi necessari a convertire la ritirata in progresso”.
Il neopresidente traccia le linee guida del suo programma:
a)un vasto piano di lavori pubblici per riassorbire la disoccupazione
b)offrire un migliore impiego della terra per i più adatti all’ attività agricola
c)controllo del sistema bancario, della Borsa e del mercato azionario
d)far cessare la speculazione fatta sul denaro degli altri promesse mantenute : la
nuova “partita” si giocherà proprio su queste iniziative

Hoover e il fallimento della
politica repubblicana
Il discorso dell’ individualismo (1928)
“Quando la guerra finì […] ci trovavamo di fronte alla scelta in tempo di pace fra il sistema americano dell’individualismo assoluto e una filosofia europea fondata su dottrine diametralmente opposte: le dottrine del paternalismo e del socialismo di Stato.
L’accettazione di queste idee avrebbe significato la distruzione dell’autogoverno attraverso l’accentramento del governo. Avrebbe significato il sabotaggio dell’iniziativa individuale e dello spirito di intrapresa, grazie a cui la nostra gente ha raggiunto altezze senza precedenti.
[…] Quando il Partito Repubblicano conquistò il potere, tornò risolutamente alla nostra concezione fondamentale dello Stato e dei diritti e responsabilità dell’individuo. In tal modo […] stimolò lo spirito d’iniziativa, riportò il Governo alla sua posizione di arbitro anziché di giocatore nella partita economica. Per questa ragione gli americani hanno progredito mentre il resto del mondo si è fermato. Se qualcuno studierà le cause del ritardato recupero in Europa, troverà che molto è dovuto alla frustrazione dell’iniziativa privata da un lato, e al sovraccarico di funzioni economiche dello Stato dall’altro.”
John Maynard Keynes
Paul Samuelson (Nobel for economics 1970) on Keynes’ s book : “It is a badly written book, poorly organized; any layman
who, bought
the book was cheated of his 5 shillings. It is not well suited
for classroom use. It is arrogant, bad-tempered, polemical,
and not overly generous in its acknowledgments. It abounds
in mares' nests and confusions. [...] In short, it is a work of
genius. ”.
Libersimo classico
Keynes
Teorie economiche a confronto
• Aumentare le tasse in modo generalizzato
• Alzare i tassi d’interesse
• Lo Stato non interviene nell’economia: il libero
gioco della domanda e dell’offerta ristabilisce
gli equilibri
• Mantenere il bilancio statale in pareggio

• Tassazione progressiva
• Abbassare i tassi d’interesse
• Intervento dello Stato sia con funzioni
di controllo che di creazione di posti
di lavoro
• Aumento del deficit pubblico,
recuperabile con la ripresa dell' economia

La reazione alla crisi : provvedimenti europei
• Fu applicata in generale una intransigente politica
protezionistica
• In Inghilterra : svalutazione della sterlina
• In Francia e in Italia si ricorse alla deflazione
• In Germania e in Italia si diede inizio ad una
politica autarchica, mirante cioè all’autosufficienza
Il punto di vista di Mosca fra critica e prudenza
Crisi del '29: decadenza naturale dello stato capitalista.
Il frutto maturo anzi marcio del capitalismo cadrà da solo, senza bisogno di rivoluzioni antiborghesi.
Mosca sceglie la via della prudenza, cosciente di non avere mezzi finanziari militari adeguati per sfidare l’ occidente
Il punto di vista di Mosca fra critica e prudenza
Crisi del '29: decadenza naturale dello stato capitalista.
Il frutto maturo anzi marcio del capitalismo cadrà da solo, senza bisogno di rivoluzioni antiborghesi.
Mosca sceglie la via della prudenza, cosciente di non avere mezzi finanziari militari adeguati per sfidare l’ Occidente
Crisi del presente
Crisi americana del 2007-2008
2013 : Grecia, Spagna, Italia ("devil' s burden")
E' possibile uscire dalla crisi ?
Giuliano Amato
La crisi ha un duplice volto: significa difficoltà, ma anche opportunità.
La crisi distrugge superati modelli di business
Le recessioni producono modelli di “distruzione creativa”
Salto di molte ditte dallo stato di "laggards" a quello di "leaders"
McDonald's punta su nuove proposte dietetiche e su sistemi di computer per consentire agli outlets di calibrare i prezzi sulla situazione economica locale
IBM ha istituito sessioni di braingstorming online per spremere idee dagli utenti (innovation jams)
Un libro di speranza e innovazione :
"Crescere insieme" di Bernardo Bortolotti
L’ etica dell economia: crescere insieme per dire no alla spirale dei ricchi sempre piu ricchi e dei poveri sempre più poveri
Sottoaccusa il crescente debito pubblico
Proposte per un capitalismo etico : il sistema di governance duale tedesco, il progetto di Big society, istituzione di trust
I giovani protagonisti del cambiamento

LA VOCE DELLA FILOSOFIA
L’ INTERPRETAZIONE MARXISTA DELLE CRISI DEL MONDO CAPITALISTICO-BORGHESE
Caduta tendenziale del saggio del profitto
Nascita dell' industria meccanizzata
Anarchia e fragilità di un sistema fondato sul profitto individuale
Crisi di sovrapproduzione
Distruzione dei prodotti eccedenti e delle forze produttive
SUPERAMENTO DEL CAPITALISMO
Missione storico-universale del proletariato
Strumento tecnico della trasformazione rivoluzionaria: socializzazione dei mezzi di produzione
Abbattimento Stato borghese e temporanea dittatura del proletariato
Società comunista : senza divisione del lavoro, senza proprietà privata, senza classi, senza Stato
Il Big Crash (1929)
• La corsa agli armamenti consentì di diminuire il
numero di disoccupati
VOCE DELLA LETTERATURA
VERGA E IL PROGRESSO :
UN RAPPORTO AMBIVALENTE
poetica verista
teoria del progresso
punto di vista dei vinti
poetica ideologica
PREFAZIONE AI MALAVOGLIA : poetica dell' impersonalità, figlia del pessimismo
Narrazione : studio "sincero e spassionato"
L' osservatore non ha il diritto di giudicare
La forma deve essere inerente al soggetto
Progresso paragonato a una "fiumana" che travolge tutto
Lotta per la vita e selezione naturale
Lo scrittore dichiara di interessarsi ai vinti, ossia le vittime del progresso. Anch' egli è un vinto
Dietro la scelta dell' impersonalità e dell' eclissi dell' autore sta una concezione negativa dell' esistenza
Dante e Manzoni, maestri dell' umanità, trasmettono valori e conducono battaglie ideologiche per un mondo migliore.
Verga, non sorretto da alcuna speranza, si limita a riprodurre la realtà così com' è
un progetto parzialmente fallito: i romanzi mai nati
Duchessa di Leyra, L' onorevole Scipioni, L' uomo di lusso
Tecnica verista inadeguata per la rappresentazione delle classi più elevate
Per il narratore verista il Ciclo non può che arrestarsi al Mastro-don Gesualdo
VOCE DELL' ARTE
GRANDE CRISI E ARCHITETTURA FASCISTA
Pianta ottogonale di Littoria
Scuola elementare a Littoria
Casa del fascio, Aprilia
ARCHITETTURA CHE MUTA
Palazzo EUR, Roma, Marcello Piacentini
Monumento alla Vittoria di Bolzano
PRESENZE ARCHITETTONICHE FASCISTE A PIACENZA
LA CASA DEL BALILLA
DAS WIRTSCHAFTSWUNDER

FAKTOREN

• Die starke Motivation der Bevölkerung zum Wiederaufbau
der Nation und der Wirtschaft
• Eine gute Infrastruktur
• Die ersetzung der Reichsmark mit der Deutsche Mark
• Starke Zunahme des Welthandels
• Allgemeine große Nachfrage nach deutschen
Exportprodukten.
L' architettura degli insediamenti di fondazione riflette la complessità del panorama architettonico italiano degli anni Trenta
Full transcript