Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA VISIONE DEL MONDO DALL'ANTICHITA' ALLA TEORIA DELLE STRINGHE

Alessandro Crescentini e Lorenzo Quartieri
by

Alessandro Crescentini

on 12 September 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA VISIONE DEL MONDO DALL'ANTICHITA' ALLA TEORIA DELLE STRINGHE

PRIMO MODELLO
Fu ideato da Pitagora di Samo nel VI a.C.
Secondo il suo modello al centro dell'Universo esisteva un fuoco intorno a cui ruotavano tutti i corpi celesti, che seguivano modelli ciclici.
TEORIA GEOCENTRICA
Tolomeo enunciò la teoria geocentrica tra il I e il II secolo.
Secondo tale teoria i corpi celesti ruoterebbero tutti intorno alla Terra.
SCIENZIATI CHE SOSTENNERO IL COPERNICANESIMO
Sostennero la teoria eliocentrica Galileo Galilei, Giovanni Keplero (che enunciò anche le tre leggi) e Ticho Brahe.
PROVE DEl MODELLO ATTUALE
Il primo ad aiutare ad arrivare al modello attuale fu Maxwell con le leggi sulla luce, poi Planck che elaborò la teora dei quanti, Einstein con la teoria sulla relatività ed infine Hubble che enunciò le prove sull'espansione dell'Universo (1929).
LA VISIONE DEL MONDO DALL'ANTICHITA' ALLA TEORIA DELLE STRINGHE
SECONDO MODELLO
Fu ideato da Aristotele nel IV a.C. Secondo Aristotele l'Universo era sferico e al centro si trovava la Terra immobile.
TEORIA ELIOCENTRICA
Niccolò Copernico elaborò questa teoria nel '500, secondo cui la Terra orbiterebbe intono al Sole insieme agli altri pianeti con orbite circolari.
LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE
Tra il 1600 e il 1700 Isaac Newton formulò la legge oggi nota come "legge di gravitazione universale".
IL MODELLO STANDARD: LA TEORIA DEL BIG BANG
Nel 1946 George Gamow enunciò la teoria del Big Bang, secondo cui l'Universo ha avuto origine da particelle dissociate e i nuclei si sarebbero originati da questa materia primaria.
LE SCOPERTE SUCCESSIVE
Nel 1965 Robert Wilson e Arno Penzias scoprirono una radiazione di calore residua dello scoppio del Big Bang.
LA TEORIA DELLE STRINGHE
Questa teoria venne enunciata da Brian Greene, in cui spiegava che l'Universo è a dieci dimensioni e che le molecole sono formate da particelle, i quark, i quali a loro volta sono composti da filamenti.
I MODELLI ALTERNATIVI
L'UNIVERSO STAZIONARIO
Secondo Fred Hoyle, Thomas Gold e Herman Bondi (1946) l'Universo sarebbe in continua crescita, producendo materia che rimpiazzerebbe quella che si allontana per l'espansione cosmica.
L'UNIVERSO CICLICO
Secondo questa teoria la storia si ripeterebbe ciclicamente.
L'UNIVERSO BIDIMENSIONALE
Secondo questa teoria l'Universo si allargherebbe fino alla massima dimensione per poi restringersi ripercorrendo a ritroso l'espansione subita.
GLI UNIVERSI PARALLELLI
Con questa teoria si suppone che esistano tanti Universi che appaiono come bolle di substrato cosmico primordiale in espasione e soggetti a sporadici cambiamenti.
I BUCHI NERI

L'ESPANSIONE DELL'UNIVERSO
Nel 1935 Howard Robertson e Arthur Walker, sulla base dei calcoli di Aleksandr Aleksandrivic Fridman, proposero tre modelli di espansione dell'universo

In principio la distanza tra due galassie è zero, poi cresce fino ad un massimo e infine torna a diminuire fino a zero
In principio la distanza tra due galassie è zero e infine le galassie si separano a una velocità costante
In questo caso le velocità con cui le galassie si allontanano diventando sempre più piccole , senza mai giungere a zero
Grazie agli studi di Sephen William Hawking
e Roger Penrose sui buchi neri, si sta cercando di comprendere la realtà, l'origine e il destino dell'universo e, di dare una risposta alle domande fondamentali dell'uomo.
WERNER KARL HEISENBERG
Il principio di indeterminazione di Heisenberg afferma che:
non è possibile misurare contemporaneamente e con estrema esattezza le proprietà che definiscono lo stato di una particella elementare

Con questo postulato ha inizio la meccanica quantistica
ALBERT EINSTEIN
Con i suoi studi capì che l'universo è formato non da tre dimensioni, come sostenuto dalla meccanica classica, bensì da quattro: la quarta dimensione è il tempo
VISIONE
ORIENTALE DEL MONDO
Secondo i cinesi il mondo era piatto sorretto da una tartaruga.
Per gli indù, tra la tartaruga e la terra ci sono quattro elefanti che simboleggiano i quattro elementi (terra, aria, acqua, fuoco)
MODELLI ANTICHI
Gli antichi iniziarono a studiare l'universo allo scopo di creare un calendario. Furono così edificati diversi luoghi per cercare di capire il movimento degli astri
Stonehenge
Fu edificato tra il 3100 a.C. e il 1600 a.C.
Probabilmente aveva la funzione di calendario
La posizione delle tre grandi piramidi egizie ricorda la cintura di Orione. Secondo recenti scoperte, al tempo degli antichi egizi, altre piramidi formavano l'intera costellazione di Orione.
L'AGO DI CLEOPATRA
Questo obelisco fu eretto nel 1440 a.C.
dal faraone Tutmosis in Heliopolis la cui ombra venne usata per calcolare l'ore, le stagioni e i solstizi.
Egiziani
Full transcript