Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina casualità (giusta)

No description
by

arianna biancucci

on 15 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina casualità (giusta)

"Il fu Mattia Pascal"
(1904-1921)
The theme of casualness in relation to the new psychological studies and the new literary techniques.
Teoria del "CLINAMEN"
"Serendipity": Casualità
...the end!
"La più grande preoccupazione di Lucrezio sembra quella di evitare che la materia ci schiacci. Al momento di stabilire le rigorose regole meccaniche che determinano ogni evento, egli sente il bisogno di permettere agli atomi delle
deviazioni

imprevedibili
dalla linea retta,tali da garantire la libertà tanto alla materia quanto agli esseri umani"
I.Calvino "La leggerezza"
Il pianeta scoperto da un musicista che amava le stelle
URANO ("Georgium sidus")
William Herschel
(1738-1822), individuò, nel
1781
, con un telescopio di sua costruzione, un corpo che sembrava avere la forma di un disco e che si muoveva tra le stelle nel corso dei giorni: inizialmente pensò che si trattasse di una cometa, ma ben presto capì che quell’insolito oggetto era un
pianeta
, il primo non visibile a occhio nudo.
Tito Lucrezio Caro (94 a.C.-50 a.C.)
"Perciò ancora di più è necessario che un poco declinino i corpi: nè più di un minimo, perchè non sembri che ipotizziamo movimenti obliqui, e ciò i dati di fatto smentiscono. E infatti vediamo che è chiaro e palese che i corpi pesanti, per quanto è in loro, non possono avanzare obliquamente, quanto cadono giù dall'alto, per quanto tu possa osservare. Ma che essi proprio per nulla dalla linea retta
declinino
, chi è che possa osservarlo egli stesso?"
"quare etiam atque etiam paulum inclinare necessest
corpora; nec plus quam minimum, ne fingere motus
obliquos videamur et id res vera refutet.
namque hoc in promptu manifestumque esse videmus,
pondera, quantum in <se> est, non posse obliqua meare,
ex supero cum praecipitant, quod cernere possis;
sed nihil omnino <recta> regione viai
declinare
quis est qui possit cernere sese?"
T.Lucrezio Caro, "De rerum Natura", II, 243-250
Wilhelm Conrad Röntgen
(1845-1923), le sera del 8 novembre 1895, stava eseguendo uno dei suoi soliti esperimenti sui raggi catodici. A causa del suo daltonismo, spense tutte le luci del laboratorio, quando all' improvviso, la sua attenzione fu catturata da un foglio di carta, rimasto
per caso
sul suo tavolo, divenuto
luminoso
. Prese degli oggetti e li mise sulla traiettoria dei raggi. Vide che una loro immagine (contenuto e struttura interna)restava impressa sulla lastra fotografica.
Quella sera Röntgen scoprì i
raggi x
.
La scoperta casuale di un fisico daltonico
Raggi X:
La prima radiografia medica eseguita da Röntgen il 22 dicembre 1895 alla mano sinistra della moglie Anna Berthe. È visibile anche l'anello.

Urano
Settimo pianeta del sistema solare
Tipo
: gioviano
Composizione
: roccia e ghiaccio
Atmosfera
: idrogeno, elio e metano
Teperatura media
: -170°
Particolarità
: asse di rotazione quasi giacente sul piano orbitale
Periodo di rivoluzione
: 84 anni
Rotazione retrograda (come Venere)
Presenza di anelli e satelliti
La clamorosa e
fortuita
vincita alla roulette di Montecarlo e la notizia della propria morte, permettono a Mattia Pascal di liberarsi dalla "
forma
" impostagli dalla società. Egli, immerso nel
flusso continuo della vita
, in una realtà dominata dalla legge dell'
irrazionalità del caso
vuole, invece, foggiarsi una nuova
identità fittizia
.
Nasce così Adriano Meis.
Il caso irrompe prepotentemente nelle vicende
umane
Luigi Pirandello (1867-1936)
La declinazione casuale degli atomi che ammette l'esistenza del libero arbitrio
"Non potevo sparare a un uomo ferito, così l'ho lasciato andare... Avessi saputo allora cosa sarebbe diventato quel caporale! Ora, davanti a tutti questi morti e feriti di Conventry, Dio sa quanto mi dispiace averlo risparmiato"

Gli eventi casuali che cambiarono la storia
Sono queste le parole di Henry Tandey, un soldato inglese, che risparmiò, durante la prima guerra mondiale, un caporale tedesco ferito e sanguinante.
Era Adolf Hitler.
Hitler, da cancelliere, trovò il nome del soldato inglese e, imbattendosi
casualmente
nell'immagine del quadro del pittore italiano
Fortunino Matania
, raffigurante Tandey in azione nella battaglia di Menin dell’ottobre 1914, ne richiese una grande copia direttamente ai Green Howards.
La seconda guerra mondiale si concluse con il bombardamento su Hiroshima e
Nagasaki
, causato dalle truppe americane.
Quest'ultima città fu scelta
casualmente.

Perchè Kyoto e Kokura furono scartate?
Autumn Rhythm: Number 30,1950, olio su tela, New York, The Metropolitan Museum of Art
L'equilibrio tra progettazione e casualità
Jackson Pollock
1912 - 1956

"Mi allontano sempre più dagli strumenti tradizionali della pittura: cavalletto, tavolozza, pennelli… Preferisco stecche, spatole, coltelli e sgocciolamento di pittura fluida, o un impasto denso di sabbia, frammenti di vetro e altri ma­teriali non-pittorici. Quando sono nel mio quadro, non sono cosciente di quello che sto facendo. È solo dopo, per una sorta di “presa di coscienza”, che vedo con chiarezza ciò che ho fatto. Non ho paura di operare cambia­menti, di distruggere l’immagine e così via, perché la pittura gode di una vita propria. Io cerco di lasciarla emergere. Solo quando per­do contatto con il quadro il risultato è caotico. Altrimenti c’è pura armonia, un rapporto flui­do di dare e avere, e il quadro riesce."
Pollock utilizzava la tecnica del
dripping
, spargendo
casualmente
la vernice sulla tella poggiata a terra, schizzandola, lasciandola gocciolare oppure spremeva direttamente il colore dal tubetto.
James Joyce
1882-1941
Molly Bloom recollects flashes of different situations, without any logical connection among them.
"Ulysses"
Dublin. Three people. One day.
“I said yes a will sermon”, Penelope, episode 18
The lack in punctuation ( a way to express the inconsequentiality of Molly’s thoughts).
The use of interior monologue and the combination of random words completely disconnected from each other.
Full transcript