Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Caviardage di montagna

No description
by

mara beber

on 31 August 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Caviardage di montagna

Caviardage di montagna
Poesia creativa della
SSDPG di LAVIS (TN)
Caviardage realizzati
sulle pagine di
Torneranno le quattro stagioni
di Mauro Corona
1B
Era primavera.
In un giardino cantavano
uccelli di ogni tipo.
Un ruscello faceva ondeggiare
la sua treccia d'argento.
La luna dentro il tempo
fermava qualsiasi tempo.
Era primavera.
Nella radura
catavano uccelli.
Un ruscello faceva ondeggiare
fra i sassi
la sua treccia
d'argento.
Arrivò giugno.
Il sole arrostiva le pietre,
lucide e belle,
che finirono, con pazienza e dolcezza,
nel bene e nel male.

Tornò molte volte
prima di rendersi conto
che l'amica era la primavera.
Tornò la primavera.
C'era nell'aria odori
di primavera.
E l'inverno lungo
passò.
In giro, non c'erano
più neanche marmotte.
Passò l'inverno e tornò
la primavera.
Le marmotte bucarono la neve.
I cuculi si raschiavano la gola
per i primi canti.
L'inverno era stato lungo,
aveva messo fame agli animali
da letargo.
Fine
Germogli del disgelo
si limitarono a guardarsi.
Fece qualche passo,
si fermò, filò via.
l silenzio misterioso aspettò
la marmotta fischiare.
Forse comunicarono, chissà!
E' certo: un'amicizia sostenuta
da dialoghi privi di parole.
L'uomo scelse le piante giuste
dentro il bosco.
Così lo scultore andava avanti a cavare
figure dagli alberi.
Tutto, nel silenzio magico,
diventa misterioso.
Animali sospettosi
e sfuggenti: uomini.
L'incendio si mosse
verso la radura scolpita
e la incenerì tutta.
Gli uomini si fanno catturare
dalle cose eclatanti, meno
belle e meno naturali.
Sono tutti uguali.
Sole.
La guardò come
a voler parlare.
Dopo s'allontanò
e filò via.
Scoiattoli, da un ciliegio
selvatico, tra maggio e
novembre, spiavano la foresta
vicina, che era rimasta.

Intanto avanzò l'autunno.
Gli alberi piansero.
Lo gnomo
difendeva
gli animali
sfortunati.
Si parlarono,
si capirono,
si fidarono,
trascorsero insieme
l'estate, la vita.
Martore, camosci, aquile e poiane,
spesso sono meglio di parole,
gesti e comportamenti.
Arrivò giugno.
Alla marmotta
vennero le lacrime.
Nel bene e nel male.
Full transcript