Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Humanus. homo. humanitas

No description
by

susanne lenz

on 13 September 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Humanus. homo. humanitas

Humanitas
Origine ed evoluzione del concetto
humanus
homo
humanitas
"
Homo ego sum, homo tu es
. Ita me amabit Iuppiter / neque te derisum advenio neque digno puto".
(Plauto,
Trinummus
)

"
Homo sum
, humani nihil a me alienum puto".

(Terenzio,
Heautontimorumenos
)
Cicerone
La base della
"societas et communitas hominum"
"[...] Ut si unum quodque membrum sensum hunc haberet ut posse putaret se valere si proximi membri valetudinem ad se traduxisset
debilitari et interire totum corpus necesse esset
, sic si unus quisque nostrum ad se rapiat commoda aliorum detrahatque quod cuique possit, emolumenti sui gratia,
societas hominum et communitas
evertatur necesse est [...]."

"[...] Così come se ciascuna delle membra del corpo avesse la sensibilità di ritenere di poter essere in forze se trasferisse a sé il vigore del membro più vicino,
sarebbe inevitabile che l'intero corpo ne venisse debilitato e ne morisse
, allo stesso modo se ciascuno di noi sottrae per sé i beni degli altri e strappa a ciascuno ciò che può per il proprio giovamento, è inevitabile che
la società e la comunità umana
vengano sovvertite [...]."

(
De officis, 3, 21-22
)
Seneca
"
membra sumus corporis magni
"
"Hoc nempe ad homine exigitur,
ut prosit hominibus
, si fieri potest, multis, si minus, paucis, si minus, proximis, si minus, sibi".

"Questa cosa appunto è pretesa dall'uomo,
che giovi agli uomini
, se può essere fatto a molti, se no, a pochi, se no, ai più vicini, se no, a se stesso".

(
De Otio
, 3,5)

"[...]Cum possim breviter hanc illi formulam humani
offici
tradere: omne hoc quod vides, quo divina atque humana conclusa sunt, unum est;
membra sumus corporis magni
. Natura nos
cognatos
edidit, cum
ex isdem et in eadem
gigneret
; haec nobis amorem indidit mutuum et
sociabiles
fecit. Illa aequum iustumque composuit; ex illius constitutione miserius est nocere quam laedi; ex illius imperio paratae sint iuvandis manus. Ille versus et in pectore et in ore sit:
"Homo sum, humani nihil a me alienum puto"
Habeamus
in commune
: in commune nati sumus.
Societas nostra lapidum fornicationi simillima est
, quae, casura nisi in vicem obstarent, hoc ipso sustinetur".

(Seneca,
Epistulae morales ad Lucilium
, 95, 51-53)
Menandro
Una visione ottimistica della natura umana
"[...] Bisogna avere sempre vicino qualcuno che ti possa dare un aiuto. Ma, per Efesto, sono stato messo fuori strada dal vedere il modo di vivere degli altri, i loro calcoli, l'attenzione rivolta esclusivamente al guadagno.
Non avrei mai pensato che ci fosse tra tutti una persona capace di fare il bene altrui
[...]".
(Atto IV, vv. 711-726)
"[...] Perciò ti consiglio, finché sei signore dei tuoi beni, di comportarti con generosità, padre mio, di soccorrere tutti, di arricchire per mezzo tuo quante più persone ti sia possibile. [...]
Vale molto di più un amico manifesto della ricchezza nascosta che tieni sotterrata
".
(Atto V, vv. 797-812)
Il Neorealismo
L'impegno verso l'
uomo
"Più che come un'opera mia lo leggo come un libro nato anoni-mamente dal clima generale di un'epoca, da una
tensione

morale
, da un gusto letterario che era quello in cui la nostra generazione si riconosceva, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale".

"[...] Esprimere che cosa?
Noi stessi, il sapore aspro della vita
che avevamo appreso allora, tante cose che si credeva di sapere o di essere, e forse veramente in quel momento sapevamo ed eravamo".

(I. Calvino,
Il sentiero dei nidi di ragno
, Prefazione)
La disumanizzazione
"
Voi
che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case;
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e i visi amici:

considerate se questo è un uomo
,
che lavora nel fango,
che non conosce pace,
che lotta per mezzo pane,
che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna
senza capelli e senza nome,
senza più forza di ricordare,
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d'inverno.

Meditate che questo è stato
:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore,
stando in casa, amdando per via,
coricandovi, alzandovi;
ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca
i vostri nati torcano il viso da voi."

(Primo Levi,
Shemà)


The Last Man
"Men are infinitely malleable. Or perhaps you have returned to your idea that proletarians or the slave will arise and overthrow us? [...] They are helpless, like animals.
Humanity is the Party
".
"Then what is it, this principle that will defeat us?" "I don't know.
The Spirit of Man
".
"If you are a man, Winston, you are
the last man
. Your kind is extinct; [...]
You are the guardian of human spirit
. You shall see yourself as you are. Take off your clothes".
"Gli uomini possono essere manipolati in tutti i modi. O forse sei tornato alla tua vecchia idea secondo cui i proletari o gli schiavi si solleveranno e ci rovesceranno?
[...] Essi sono inermi, come gli animali.
L'umanità è il Partito.
"E allora cos'è questo principio che ci sconfiggerà?" "Non lo so.
Lo Spirito dell'Uomo
".
"Se è vero che sei un uomo, Winston, tu sei
l'ultimo uomo
. La tua specie si è estinta; [...]
Tu sei il difensore dello spirito umano
. Adesso vedrai quello che sei veramente. Spogliati".

(George Orwell,
1984
)
La reazione all'
offesa
"
Uomini si è soltanto quando si resiste agli offensori del mondo senza chiedersi altro che il dovere di resistere
, perché è così e non può essere altrimenti."
"
Ma l'offesa in se stessa? E' altro dall'uomo? E' fuori dall'uomo
? Noi abbiamo Hitler oggi. E che cos'è? Non è un uomo? Abbiamo i tedeschi suoi. Abbiamo i fascisti. E che cos'è tutto questo? Possiamo dire che non è questo anche, nell'uomo? Che non appartenga all'uomo?"
"Vorrei vederlo fuori dall'uomo il fascismo. [...]
Potrebbe fare quello che fa se non fosse nell'uomo di poterlo fare?
"

(Elio Vittorini,
Uomini e no
)
La proposta di una
nuova cultura
"Questa cosa, voglio dirlo subito, non è altro che la cultura:
lei che era stata pensiero greco, ellenismo, romanesimo,
cristianesimo latino e medioevale, umanesimo [...] Non vi
è nulla commesso dal fascismo che questa cultura non avesse insegnato ad esecrare da tempo."
"Pensiero greco, pensiero latino, pensiero cristiano di ogni
tempo, sembra che non abbiano dato agli uomini che il modo di
travestire e giustificare, o addirittura rendere tecnica la barbarie dei fatti loro".

La società non è cultura perché ha in sé l'eterna rinuncia del "dare a Cesare" quello che è di Cesare e perché i suoi principi sono soltanto consolatori |...|.
Potremo mai avere und cultura che sappia proteggere l'uomo dalle sofferenze invece di limitarsi a consolarlo?
(Elio Vittorini, Una nuova cultura)
Una nuova
"cultura humana"
"La

dignità
è una parola-chiave che ha caratterizzato la ripresa del secondo dopo guerra. La nostra storia recente si contraddistingue per l'indubbia centralità della dignità umana contro le molteplici violenze e discriminazioni, che neppure in Europa sono mancate nel corso dei secoli."
"[...] contraddistinto da un ricco incontro, le cui numerose fonti lontane provengono dalla

Grecia

e da
Roma
, da substrati celtici, germanici e slavi, e dal cristianesimo che li ha plasmati profondamente, dando luogo al concetto di persona."
"Ritengo perciò che sia quanto mai vitale approfondire oggi
una cultura dei diritti

umani

che possa sapientemente legare la dimensione individuale, o, meglio, personale, a quella del bene comune, a quel noi-tutti formato da individui, famiglie e gruppi intermedi che si uniscono in comunità sociale."

(Papa Francesco,
Discorso all'Europarlamento di Strasburgo,
25 novembre 2014)
Commedia
Plauto e Terenzio
"
Io sono un uomo, tu sei un uomo.
Così mi amerà Giove / né sono venuto per deriderti né penso che tu ne sia degno".

"
Sono un uomo
, penso che nulla di ciò che è umano mi sia estraneo."
"Poichè posso brevemente trasmettergli la regola del
dovere dell'uomo
: tutto ciò che vedi, dal quale sono racchiuse tutte le cose divine e umane, è una sola cosa;
siamo membra di un grande corpo
. La natura ci ha dato alla luce come
fratelli
, poichè ci ha generato
dai medesimi principi e per le medesime finalità
; questa ci infuse un sentimento di reciproco affetto e ci fece predisposti a vivere in società. Quella compose l'equità e la giustizia; dalla sua legge è più degno di commiserazione provocare danno che subirlo; dal suo comando le nostre mani siano pronte per coloro che hanno bisogno di aiuto. Quel famoso verso sia nel cuore e sulle labbra:
"Sono un uomo, penso che nulla di ciò che è umano mi sia estraneo"
Mettiamo ogni bene
in comune
: siamo nati per una vita in comune.
La nostra società è similissima a una costruzione in volta di pietra
, che, è destinata a crollare se le pietre non si sostenessero vicendevolmente, da questa stessa cosa è sostenuta."
humanus
urbanus
Full transcript