Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Cosa posso conoscere?

Critica della ragion pura Immanuel Kant
by

Silvia Maioli

on 23 September 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Cosa posso conoscere?

Cosa posso conoscere?
Critica della ragion pura
Immanuel Kant
La
Critica della ragion pura
, pubblicata nel 1781, ha lo scopo di indagare i confini dell'umana conoscenza, per delimitare gli ambiti della scienza e della metafisica
L'opera
DOTTRINA
DEGLI
ELEMENTI
DOTTRINA
DEL
METODO
si propone di mettere
in luce le forme a priori
si propone di chiarire
l'uso degli elementi,
ovvero il metodo della conoscenza
Estetica

trascendentale
studia la sensibilità e le sue forme a priori (spazio e tempo)
Logica
trascendentale
studia il pensiero discorsivo
Analitica
trascendentale
studia l'intelletto
e le sue forme a priori
(le 12 categorie)
Dialettica
trascendentale
studia la ragione e le sue forme a priori
(le idee)
intelletto
facoltà in virtù della quale pensiamo attivamente i dati offerti dalla sensibilità
opera mediante:
concetti
rappresentazioni discorsive
giudizi
atti con cui il pensiero
connette i concetti
I concetti possono essere
empirici
puri
contenuti a priori nell'intelletto
CATEGORIE
Sono i concetti basilari della mente che rappresentano le supreme funzioni unificatrici dell'intelletto. Sono i vari modi con cui l'intelletto unifica a priori, nei giudizi, le molteplici intuizioni empiriche della sensibilità.
costruiti con materiali ricavati dall'esperienza
poichè pensare è giudicare, ci saranno tante categorie quante sono le modalità di giudizio
Schematismo trascendentale
A
B
Problema:

perché le categorie, pur essendo forme soggettive della nostra mente, pretendono di valere anche per gli oggetti, ossia per una natura che materialmente, non è l'intelletto a creare?
Chi ci garantisce "di diritto" che la natura effettivamente sia disposta e organizzata secondo i modi con cui la pensiamo?
1.
Soluzione:
2.
l'attività sintetica è la suprema unità fondatrice della conoscenza
l'IO PENSO
3.
4.
5.
l'attività dell'io penso si attua attraverso i giudizi
i giudizi si basano sulle categorie, che sono le diverse maniere di agire dell'io penso
gli oggetti non possono essere pensati senza per ciò stesso essere categorizzati
Come possono essere collegati
la sensibilità e l'intelletto,
che sono tra loro eterogenei?
Esiste una funzione intermedia tra sensibilità e intelletto, che si chiama
immaginazione trascendentale
predispone i dati sensibili attraverso una serie di schemi in modo da applicarvi le categorie
il medium di ogni schema è
il tempo
ESEMPI:
sostanza - permanenza
causalità - successione
reciprocità - simultaneità
necessità - esistenza di un oggetto in ogni tempo
RIVOLUZIONE COPERNICANA
Il soggetto è posto al centro di tutto.
E' l'oggetto che, per essere conosciuto, si deve adeguare al soggetto conoscente.
l'unificazione del molteplice deriva da un'attività sintetica che ha la sua sede nell'intelletto
DUE PROBLEMI DA RISOLVERE...
DEDUZIONE TRASCENDENTALE DELLE CATEGORIE
Io penso
ANIMA
Psicologia razionale
La RAGIONE pretende di applicare le categorie a ciò che è oltre l'esperienza
quindi si inganna
errore:
PARALOGISMO
MONDO
Cosmologia razionale
errore:
ANTINOMIE
DIO
Teologia razionale
critica alle prove dell'esistenza di Dio
uso regolativo delle idee
è il corretto uso delle idee della ragione
Kant
«La ragione umana, anche senza il pungolo della semplice vanità dell'onniscienza, è perpetuamente sospinta da un proprio bisogno verso quei problemi che non possono in nessun modo essere risolti da un uso empirico della ragione»
Da dove partire?
il campo di queste lotte senza fine si chiama METAFISICA
«La ragione umana, in una specie delle sue conoscenze, ha il destino particolare di essere tormentata dai problemi che non può evitare, perché le sono posti dalla natura della stessa ragione, ma dei quali non può trovare la soluzione, perché oltrepassano ogni potere della ragione umana»
I giudizi
1) giudizi analitici a priori
"il triangolo ha tre angoli"
2) giudizi sintetici a posteriori
"questa rosa è rosa"
3) giudizi sintetici a priori
2+2=4
La DIALETTICA è la «logica della parvenza»
DIALETTICA TRASCENDENTALE
=
analisi e smascheramento dei ragionamenti fallaci della metafisica
applicare la categoria di sostanza all'io penso, trasformandolo in una realtà permanente chiamata ANIMA
PROVA ONTOLOGICA (Anselmo/Cartesio)
PROVA COSMOLOGICA (5 "vie" tomistiche)
PROVA FISICO-TELEOLOGICA (Illuminismo)
«la metafisica è un'esigenza naturale e inevitabile della mente umana»
la ragione è naturalmente portata a voler pensare senza dati sensibili, simile a una colomba che, presa dall'ebbrezza del volo e avvertendo l'impedimento dell'aria, immaginasse di poter volare anche senza l'aria
L'idea della totalità dei fenomeni interni
L'idea della totalità dei fenomeni esterni
Totalità di tutte le totalità e fondamento di tutto ciò che esiste
«Questo territorio [la conoscenza scientifica] è un'isola che la natura ha racchiuso in confini immutabili. E' il territorio della verità (nome seducente), circondata da un ampio e tempestoso oceano, in cui ha la sua sede più propria la parvenza, dove innumerevoli banchi di nebbia e ghiacci creano ad ogni istante l'illusione di nuove terre e, generando sempre nuove ingannevoli speranze nel navigante che si aggira avido di nuove scoperte, lo sviano in avventurose imprese che non potrà né condurre a buon fine, né abbandonare una volta per sempre»
Full transcript