Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

L'ITALIA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

No description
by

micaela Felice

on 20 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of L'ITALIA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

L' ITALIA NELLA RPIMA GUERRA MONDIALE
GIUSEPPE UNGARETTI
LO SHINTOISMO
SUPERSOLDATI: LE DROGHE IN TRINCEA
LE CENTRALI IDROELETTRICHE
L' ELETTRICITà
IL FUTURISMO
LA PRIMA GUERRA MONDIALE
GLI STATI UNITI
LUIGI RUSSOLO E IL FUTURISMO
THE FASCISM
PRIMERA GUERRA MUNDIAL
Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandra d'Egitto, dove trascorse la sua infanzia. Dopo vari trasferimenti arrivò in Italia nel 1914, dove fu mandato come soldato sul fronte del carso. Lì cominciò a scrivere le sue prime poesie diventando fondatore dell' Ermetismo, una corrente letteraria che esprimeva ragionamenti sul male di vivere: solitudine, dolore, sofferenza, la morte che incombe, ma anche solidarietà , fratellanza e voglia di pace. Così scrisse "FRATELLI", "VEGLIA", "MATTINA", "SOLDATI" e altro ancora; da queste poesie vennero fuori vari ragionamenti, tra cui competizione tra l' uomo che genera violenza, morte e vendetta, ma dall' altra parte viene fuori che tutti gli uomini sono fratelli in quanto destinati tutti quanti al dolore. Lasciato l' Ermetismo, Ungaretti nel 1928 si avvicinò alla religione cattolica. Così cominciò a dare vita ai nuovi sentimenti di fede, speranza e carità cristiana. Il suo metodo di scrivere cambiò e riprese così la metrica tradizionale, in particolare l' endecasillabo. il suo stile cambiò totalmente, tanto che da scrivere due versi era arrivato a scriverne 70. Morì a Milano nel 1970.
Luigi Russolo nacque nel 1885 e fu un compositore e pittore italiano del novecento. fu, anche, uno dei principali artisti del Futurismo: un movimento artistico che faceva notare lo sviluppo industriale dell' Italia e quindi anche la velocità (cosa che colpiva di più gli artisti). Russolo scrisse un volume chiamato "L' ARTE DEI RUMORI" , in cui si spiegava l' utilizzo dei rumori per fare musica, così creando il NOISE MUSIC (rumorismo). Per creare musica attraverso i rumori, inventò, nel 1913, un nuovo strumento l' INTONARUMORI: un mezzo fonico. 30 intonarumori riuniti formavano un RUMORARMONIO, sufficienti a governare le 6 «famiglie di rumori» dell’orchestra futurista (1: rombi, tuoni ecc.; 2: fischi, sibili ecc.; 3: bisbigli, mormorii ecc.; 4: stridori, scricchiolii ecc.; 5: percosse su metalli, legni, pelli ecc.; 6: voci di bestie e di uomini). Partecipò alla prima guerra mondiale , dove ne rimase mutilato mentalmente. Nel 1918 si trasferì a Parigi dove ci rimase fino al 1930. In quei anni fece concerti con il rumorarmonio, in particolare nel 1927 al Théatre de Madeline di Parigi.
The first world war ended with the Versailles peace. Italy was tired and destroyed. according to the London accordance ,Italy was given Dalmatia and Triveneto, but the american president Wilson , decided to cancel the contract and to give to Italy only the "Triveneto". the governments took advantage from the situation and they didn't keep the accordance to give lands and pension , blaming France, U.S.A., Great Britain. soldiers were sick in the body and mind, because of trenches. soldiers made new political parties when they discovered that the promises weren't maintained. between 1919 and 1922 Italy faced an economic crisis. most of the people was unemployed and the salary wasn't enough. in march 1919, Mussolini founded a new organization called "fasci di combattimento". the program included: let women vote, abolish the monarchy and less working hours. if people wanted to have a job, they had to sign up to Mussolini' s political parties. once they were signed up, they had to do everything Mussolini wanted to. in may 1924 in Italy, there were violence's episodes. only one person, Giacomo Matteotti was brave enough to expose the violence of the fascism. fascists, angry for that, killed Matteoti in June 1924. this homicide was very shocking both for the parliament and for the all people. so in January 1925, to protect his power Mussolini said that he was the leader of the fascism. new laws were made by Mussolini named "fascistissime". the laws were cruel, strict, (for example it was re-introduced the death penalty, the right to strike and so on).
Nel 28 giugno del 1914 l ' arciduca austriaco Francesco Ferdinando e sua moglie sono stati uccisi da uno studente serbo durante una passeggiata in carrozza. L' Austria accusò, con un ultimatum, la Serbia di proteggere l' organizzazione che aveva pianificato l' attentato. La Serbia però, rifiutò e il 28 luglio l' Austria dichiara guerra. In pochissimo tempo il sistema di alleanze difensive era scattato a catena e tutta l' Europa si ritrovò a combattere: triplice alleanza (Austria e Germania) e triplice intesa (Russia, Francia e Gran Bretagna), inoltre si aggiunsero la Bulgaria e l' impero ottomano con la Germania e il Giappone con la triplice intesa. Sembra però che la causa di guerra non fu solo questa, ma contrasti antecedenti tra le due nazioni: Germania e la Gran Bretagna.
L' Italia faceva parte della triplice alleanza, ma non entrò subito in guerra e si dichiarò neutrale. Il governo italiano considerava la triplice intesa solo come un accordo difensivo e il conflitto era iniziato dalla triplice intesa. Inoltre l' Italia non avrebbe guadagnato niente se fosse entrata in guerra con l 'Austria, anzi ci avrebbe guadagnato solo se ci fosse andata contro (per i terreni Trieste e Trento). Durante il periodo di neutralità l' Italia purtroppo si divise in due parti: i neutralisti, contrari a entrare in guerra, e gli intervisti che ritenevano avvantaggioso andare contro l' Austria.
Gli intervisti però decisero lo stesso di intervenire e quindi in accordo con il re Emanuele III, l' Italia firmò il PATTO DI LONDRA, con cui si impegnava a entrare in guerra contra l' Austria in cambio del Triveneto e la Dalmazia.
Il 24 maggio del 1915 l' Italia entrò in guerra. L' Austria preparò subito un armata con il compito di invadere l' Italia e punirla per il tradimento. Così nel maggio del 1916 la strafexpedition (spedizione punitiva).gli italiani riuscirono a fermare gli austriaci in veneto. nel 1917, a caporetto, l ' Italia subì un pesante sconfitta da parte dell' Austria. i soldati italiano abbandonarono il veneto. il generale Cadorna fu sostituito da Armando Diaz, che seppe motivare le truppe per il contrattacco. con l' arrivo degli americani la situazione diventò favorevole per gli italiani, così l' Italia vinse gli austriaci a Vittorio Veneto. il 4 novembre fu firmato dagli austriaci l' armistizio.
finita la guerra le potenze vincitrici si riunirono a Versailles nel 1919. la Germania fu colpevolizzata dello scoppio della guerra e quindi fu costretta a pagare i danni di guerra. l' Italia ricevette il triveneto ma non gli fu assegnata la Dalmazia. il presidente americano Wilson chiese il rispetto dei 14 punti tra cui la trasparenza, l' autodeterminazione dei popoli, la libertà di commercio marittimo e la creazione di un organismo internazionale per dirimere le controversie.

Esistono due tipi di energia: quella negativa e quella positiva, che tra di loro si attraggono, mentre gli stessi tipi di energie si respingono. In natura i corpi sono tutti neutrali, ma si è scoperto che per strofinio i corpi acquistano uno stato elettrico, quindi risultano carichi di elettricità, cioè hanno una carica.
Questo ci porta a dire che il principio di conservazione della carica elettrica: le cariche elettriche non possono essere ne create ne distrutte, se ne può solo variare la distribuzione.
Sono tre i metodi elettrizzazione:
• PER STROFINIO: quando vengono strofinati due corpi.
• PER CONTATTO: quando un corpo carico elettricamente tocca un corpo neutro, questa elettrizzazione è permanente.
• PER INDUZIONE: quando un corpo già carico elettricamente si avvicina, senza toccare, un corpo neutro. questa azione è temporanea.
Ogni corpo elettrizzato ha un campo elettrico, cioè lo spazio dove fa sentire la sua carica su altri corpi nelle vicinanze.
L' elettricità ci serve a molte cose. per questo percorre distanze enormi fino alle nostre case. Quando l' elettricitàso di elettroni, viene chiamata corrente elettrica. ma cosa fa muovere la corren è in movimento, fluste elettrica ?
Grazie al principio dei vasi comunicanti, facciamone un esempio con l' acqua: tra i due vasi c'è un dislivello, che porta il livello più alto a riempire quello più basso fino ad arrivare allo stesso livello. Dopo di che per far continuare questa azione, c'è un pompa che riporta indietro l' acqua e il ciclo ricomincia da capo. Lo stesso succede con la corrente elettrica. Si avrà quindi due punti con carica elettrica opposta: catodo(polo negativo) e anodo(polo positivo). Nel polo negativo ci sarà un eccesso di elettroni che tenderanno ad andare al polo positivo. Si crea così un flusso di elettroni chiamato appunto corrente elettrica. Il "livello elettrico" di un corpo prende il nome di potenziale elettrico e il "dislivello elettrico" prende il nome di differenza di potenziale elettrico.
Per utilizzare la corrente elettrica nelle case si utilizzano i circuiti elettrici, l' insieme di un generatore( es. una pila) e del filo conduttore collegato ai poli.
Inoltre l' energia generata viene sfruttata da un apparecchio utilizzatore (es. una lampadina). Il circuito per essere completo necessita anche di un interruttore, cioè un dispositivo mediante il quale si posa permettere il passaggio o non della corrente nel circuito:
• circuito chiuso, passaggio della corrente;
• circuito aperte, blocco passaggio della corrente.
A volte può essere necessario inserire più di un utilizzatore(es. due lampadine) e quindi creare un collegamenti . I collegamenti possono essere di due tipi:
 Collegamento in serie: le lampadine sono una di seguito all' altra, sullo stesso filo conduttore. se una lampadine non dovesse funzionare, non funzionerà neanche l' altra.
 Collegamento in parallelo: le due lampadine sono poste su due fili conduttori diversi in modo tale da essere collegate solo agli estremi. così se una lampadina non funzionasse l' altra funzionerà lo stesso.

Il futurismo è un movimento artistico che si creò all' inizio del novecento, quando l' Italia si industrializzò. Il futurismo è un movimento che tendeva a far notare lo sviluppo del paese, infatti gli artisti erano attirati delle cose nuove tra cui la velocità dei mezzi di trasporto e l' energia elettrica. Per i futuristi per esempio un automobile era più bella di una scultura classica. Di questo movimento ne fecero parte Umberto boccioni, Giacomo Balla e Carlo Carrà. Nelle loro opere è costante la rappresentazione del dinamismo: il soggetto non è mai fermo, ma in movimento. Del dinamismo ne fanno parte quadri come "La città che sale", "Nuotatrici", "Bambina che corre sul balcone".
Il dipinto "la città che sale" è dedicata al lavoro e al progresso sociale. Molto probabilmente boccioni si era ispirato ai grandi lavori di trasformazione della periferia di Roma. In questo quadro il pittore vuole darci l' effetto della frenesia di un cantiere edile. Per dare appunto l' effetto della velocità boccioni non delinea chiaramente i soggetti, anzi li sovrappone. Le cose non sono viste da una sola angolazione, ma da più, come se lo spettatore fosse immerso in quella confusione. Ogni figura inoltre è scomposta in tante pennellate che sulla tela creano dei vortici.


Gli Stati Uniti sono bagnati a ovest dall' Oceano Pacifico, a est dall' Atlantico e a sud si affacciano sul Golfo del Messico. Nell' aspetto fisico il territorio statunitense è diviso i tre regioni:
 la regione orientale;
 la regione centrale;
 la regione occidentale.
Gli USA hanno una particola rete fluviale. Il fiume principale è il Mississippi con il suo affluente principale il Missouri. Tra altri affluenti di destra troviamo il Minnesota, l' Arkansas e il Red River. Da sinistra invece troviamo l' Ohio.
Numerosi sono anche i laghi, tra cui i cinque Grandi Laghi: Superiore, Huron, Erie, Ontario, Michigan. Essendo il territorio statunitense molto ampia sono presenti varie tipologie di clima, dal clima sub-polare a quello tropicale.
Gli Stati Uniti nell' antichità era abitati da popolazioni chiamate "pellerossa" o "indiani". Dal 1607 fino al 1783 gli stati uniti sono stati colonializzati dall' Inghilterra. Nel XX secolo presero parte a entrambi le due guerre mondiali. Nel 1945 crearono l' ONU e nel 1949 la NATO.
La distribuzione della popolazione non è omogenea, infatti la maggior parte delle persone vivono nelle megalopoli del nord, del sud e nella regione dei -Grandi Laghi. La lingua ufficiale è l' inglese e la religione più praticata è quella protestante. La capitale degli Stati Uniti è Washington. Altre città principali sono New York, centro economico, finanziario, commerciale e considerata città simbolo degli USA ; Los Angel, la seconda città più dopo New York e sede della più importante industria cinematografica del mondo; San Francisco e Las Vegas, capitale mondiale del gioco d' azzardo
Il territorio statunitense è molto fertile e giovano e gli Stati Uniti sono i primi al mondo in tutti i settori dell' economia. Quasi il 50% del suo suolo è utilizzato per l' agricoltura e l' allevamento. La silvicoltura produce grandi quantità di legname . La pesca è al primo posto per la quantità di pescato. le immense risorse del sottosuolo includono petrolio, gas naturale, carbone, ferro, rame, bauxite, metalli preziosi, uranio e sali. L' energia prodotta è di origine nucleare, idrica e geotermica. Il terziario è il settore più sviluppato e all' avanguardia, gli stati uniti sono i secondi al mondo per il paese con più turisti. I trasporti si servono di strade e ferrovie, di una fitta rete fluviale e del trasporto aereo.

Lo shintoismo è l' unica religione che viene praticata in una sola nazione il Giappone. Lo shintoismo si compone di: miti, pratiche e credenze religiose e rituali. Questa religione non ha un fondatore certo, nacque del timore che gli elementi naturali come il sole, l' acqua, gli alberi incutevano l' uomo. Così a ogni fenomeno si accostava una divinità (kami). Nei luoghi dove si percepiva la presenza di una divinità si costruivano templi (jinia) che poi diventavano luoghi sacri. Questi templi si distinguono per il loro ingresso(torii), costituiti da due pali che sostengono una trave orizzontale, dove ci si purifica prima di entrare. Al loro interno i templi non contengono statue, ma reliquie sacre. Immagini, suoni e profumi servono per armonizzare e pacificare la mente dell' uomo. I riti sono momenti importanti per i giapponesi: tutto viene benedetto, messo sotto protezione o purificato. La purificazione può avvenire grazie all' acqua, al fuoco, al vento, al sale o alla sabbia; di solito la purificazione avviene prima di qualche cerimonia religiosa o qualche avvenimento importante. Le feste sono legate al raccolto e al ciclo della natura e sono spesso caratterizzate da danze, musica, preghiere e canti. La più grande festa è quella dell' anno nuovo, dove le persone si recano nei santuari per pregare e chiedere le loro benedizioni per il nuovo anno.
Per diventare sacerdoti bisogna frequentare dei seminari. Dopo la seconda guerra mondiale il sacerdozio è stato aperto anche alle donne. In origine tutto il sapere religioso veniva tramandato oralmente, ma dopo il VIII secolo si mise per iscritto.

Il primo impianto idroelettrico d' Italia fu quello di Isoverde (Genova); importanti centrali idroelettriche furono successivamente realizzate a Paderno sull'Adda (1898) ed a Vizzola sul Ticino (1901).
Nel 1914 il 74% della potenza elettrica installata era di origine idrica. Durante la prima guerra mondiale, venendo a mancare altre fonti energetiche, un ulteriore sforzo eccezionale fu richiesto alla produzione idroelettrica, che raddoppiò negli anni 1915-1918.
La centrale idroelettrica trasforma l' energia idraulica di un corso d' acqua, naturale o artificiale, in energia elettrica. Lo schema funzionale comprende l' opera di sbarramento, una diga, che intercetta il corso d' acqua creando un bacino. Attraverso canali e galleria di derivazione, l' acqua viene convogliata in vasche di carico e, mediante condotte forzate, nelle turbine, attraverso valvole di immissione e organi di regolazione della portata secondo la domanda d' energia. L' acqua mette in azione le turbine e ne esce finendo poi nel canale di scarico, attraverso il quale viene restituita al fiume. Direttamente collegato alla turbina è montato l' alternatore, che è una macchina elettrica rotante in grado di trasformare in energia elettrica l' energia meccanica ricevuta dalla turbina. L' energia elettrica per poi essere sfruttata nelle case, viene mandata al trasformatore mediante il quale si aumenta la tensione di volt così evitando la dispersione di corrente elettrica. Purtroppo ha dei vantaggi e svantaggi: utilizza una fonte rinnovabile e gratuiti, non è inquinante e ha una buona produzione; purtroppo si può costruire solo dove ci sono condizioni ambientali adeguate e il costo di realizzazione dell' impianto è elevato.
Riguardo le turbine ne esistono tre tipi:
• turbina Pelton
• turbina Francis
• turbina Kaplan

L'uso delle droghe a fini palliativi era ampiamente fuori controllo durante la prima guerra mondiale.


COCAINA
L’uso della coca cominciò a diffondersi in Europa soltanto negli ultimi anni del XVIII secolo. Tra il 1859 e il 1860, isolato il suo principio attivo in un laboratorio tedesco, la sostanza venne immessa sul mercato con il nome di Cocaina.
Lo psichiatra Sigmund Freud, allora giovane assistente degli Ospedali Universitari di Vienna, fu responsabile della diffusione della cocaina, in quanto egli ne elogiò in un suo trattato gli effetti antidepressivi, euforici ed energetici. Alla sua diffusione seguirono anche numerose morti di medici e malati, deceduti dopo averne fatto uso, tanto che il più autorevole specialista della dipendenza da droghe, il professor Emil Erlenmeyer, accusò Freud di aver dati il via al terzo flagello dell’umanità, dopo l’alcool e morfina.


Sempre alla fine di quel secolo, in Germania si concentrarono maggiormente sul potenziale di prestazione della cocaina e i medici militari prescrivevano la sostanza come mezzo per potenziare le capacità di prestazione, tanto che nella prima guerra mondiale i soldati tedeschi ne fecero un uso massiccio.
Durante la guerra la cocaina era molto diffusa nella società, nonostante le restrizioni messe in atto in diversi paesi negli anni immediatamente precedenti il conflitto. A Parigi si poteva acquistare più o meno liberamente nei caffè, a Londra si trovava facilmente nei night club. In Inghilterra prostitute e soldati erano considerati due gruppi particolarmente dipendenti da questa droga. Un’aggravante, per le autorità inglesi: la produzione era quasi esclusivamente nelle mani di aziende tedesche.
La cocaina fu messa al bando dapprima negli Stati Uniti nel 1914, mentre solo nel 1920 fu vietata anche in Germania. Secondo ricerche storiche l’élite nazista al potere sarebbe stata sempre ben rifornita di cocaina.


In Olanda c’era una fabbrica di cocaina. Si trovava ad Amsterdam.
Quella era la fabbrica di cocaina più grande al mondo. Le cifre di vendita aumentarono enormemente durante la Prima Guerra Mondiale. L’uso di cocaina a scopo medico a quei tempi era molto limitato. Dentisti e oculisti la usavano come anestetico, ma tutto qui. E poi tutti sapevano che quella roba era pericolosa. Quindi perché una così grossa produzione? In Germania si erano fatte delle ricerche sugli effetti della cocaina sui soldati. I rapprto scritti di questi test erano esultanti.
La cocaina veniva testata sistematicamente sui soldati , da Theodor Aschenbrandt, uno scienziato tedesco. Nel suo studio del 1883, descriveva come la cocaina aumentasse la resistenza dei soldati tedeschi e come ne diminuisse fame e paura, rendendo il loro lavoro molto più semplice. In pratica, li rendeva dei soldati migliori.
La Fabbrica Olandese di Cocaina vendeva droga, durante la guerra, a tutte le nazioni. Tutti: dagli inglesi, i tedeschi, i francesi, fino ai canadesi. C’erano un sacco di Paesi coinvolti nella guerra, e milioni di soldati da tutto il mondo che combattevano nelle trincee. La neutrale Olanda vendeva cocaina a tutti loro. È un fatto bizzarro, uno pezzo sporco di storia olandese che è stato praticamente coperto.
L’Olanda ha incassato una somma di denaro incredibilmente alta, vendendo cocaina agli stati in guerra fra loro. È uscita dalla Prima Guerra Mondiale come la nazione più ricca insieme agli Stati Uniti.

IL Vino Mariani
Nel 1863 il dottor Mariani subito immise sul mercato la bevanda, commercializzata con il nome di "Vino Mariani", che si diffuse e divenne famosa in tutto il mondo. Fu un successo enorme che gli valse la celebrità.
Infatti in un'epoca di arretratezza della medicina, i "vini medicinali" erano fra i rimedi più diffusi.
Tecnicamente, il “Vino Tonico Mariani alla coca del Perù” era preparato macerando 60 grammi delle "migliori foglie di coca" provenienti dal Perù, per 10 ore, in un litro di "fine Bordeaux";
In poco tempo la "Ditta Mariani" aprì sedi e succursali a Parigi, Londra e New York. Sebbene
Il Tonico Mariani alla coca fu anche precursore della Coca-Cola. Esso ne aveva infatti ispirato la creazione, nel 1885, da parte del medico e farmacista americano John Stith Pemberton di Atlanta (Georgia). Questa bibita la si conosce oggi senza alcool a causa del proibizionismo imposto, nel 1886, dallo stato della Georgia, mentre la cocaina ne è stata ufficialmente eliminata soltanto dal 1905, ma traccia di tale sostanza vi rimarrà, anche se in dosi infinitesime, fino al 1929, per poi venire progressivamente eliminata man mano che si scoprivano tutti i danni che essa provoca.
In Italia il Vino Mariani venne vietato agli inizi del Novecento, in Francia, dove si trovava la sede principale, la ricetta originale fu autorizzata fino al 1910.


EROINA
L'eroina fu sintetizzata in laboratorio dalla morfina attorno al 1895. Si credeva che non producesse effetti indesiderati di dipendenza, e come tale fu abbondantemente commercializzata al principio del 900 dalla BAYER ad esempio in preparati contro la tosse. L'eroina infatti, come molti narcotici, ha un effetto inibente l'attività delle mucose.


ECSTASYS

L'ecstasy venne sintetizzata per la prima volta agli inizi del 900 dalla società farmaceutica tedesca Merck che cercava una sostanza che facesse dimagrire. Venne chiamata Mdma ma non fu mai messa sul mercato. Durante la prima guerra mondiale venne somministrata ai soldati in trincea per poter loro permettere di sopportare meglio la fame, il freddo e di affrontare il nemico.

OPPIO E CANNABIS
Assedio di Kut al-Amara (attuale Iraq), 7 dicembre 1915-29 aprile 1916: con le riserve alimentari quasi esaurite, per evitare la dissenteria e altre malattie i soldati britannici cercano di tenersi in piedi con pillole di oppio o cure casalinghe, come un miscuglio di olio di ricino e chlorodyne, analgesico al gusto di menta i cui principi attivi sono oppio, cannabis e cloroformio .


España e Italia comparten la posición de partida de la neutralidad, hasta que, en 1915, Italia decidió ir a la guerra con las potencias de la Entente: Francia, Rusia y el Reino Unido.
Este movimiento sorprendió al Rey de España Alfonso XIII, que esperaba jugar un papel importante como mediador en una futura conferencia de paz.
Sin embargo, España, incluso más que Italia, se encontraba en un estado de atraso económico: su ejército estaba mal organizado y que no siempre va a ser tomada en serio por otras naciones para una posible alianza.
Sin embargo, la neutralidad de España en la Primera Guerra Mundial, aseguró a la nación de un cierto período de bienestar.
De hecho, la neutralidad de España durante la Primera Guerra Mundial fue explotada por la burguesía y los terratenientes del país, que se enriquece de manera significativa con las órdenes de los alimentos, las materias primas estratégicas, productos industriales, vendiendo a las dos partes en el conflicto.
Pero para entender realmente las razones de la elección de la posición de neutralidad de España, es necesario revisar las últimas décadas de la historia política de antes.España se convirtió, entre el siglo 15 y 16, una gran potencia en Europa y en todo el mundo, gracias al imperio colonial construido en el Nuevo Mundo después del descubrimiento de América.
Desde el comienzo del siglo 17, sin embargo, la ciudad experimentó un declive económico profundo y progresivo, social, cultural y político
El período de 1874 a 1898, finalmente trajo a España la tranquilidad política, gracias a una estructura parlamentaria democrática estable, y un progreso socioeconómico innegable.Se instaló un equilibrio político sustancial basado en la alternancia pacífica en el poder de los dos partidos, también gestiona a través del uso de las elecciones amañadas, intromisión política de grandes terratenientes, el clientelismo.Pero en 1898, después de una guerra de guerrillas sin fin en la colonia, el tema de Cuba comò resultado de la guerra contra los Estados Unidos, perdido en un par de semanas, y obligó al abandono de los últimos restos del inmenso imperio colonial: Cuba, Puerto Rico y Filipinas.El resultado fue un grave perjuicio económico, pero mucho más grave fue la moral.
El reinado de Alfonso XIII (1902-1931) vio, por un lado, la disminución gradual del sistema parlamentario, y por el otro la profundización de la inestabilidad política y social, con huelgas, disturbios y dura represión, que culminó en la "Semana Trágica" de Barcelona, en 1909.
Mientras Europa vivava el drama de la Primera Guerra Mundial, los generales españoles, olvidando la lección de Cuba , buscaban prestigio en otra guerra colonial infeliz en Marruecos, y, ayudado por el rey, se encontró con una larga fuga de los hombres y de dinero.
Full transcript