Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Energie non rinnovabili

No description
by

Alice Paglia

on 23 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Energie non rinnovabili

Energie non rinnovabili
Alice Paglia
Estrazione:
Il petrolio
Sketches
Che cos’è:
Il petrolio è un liquido denso e oleoso di colore variabile dal nero al giallo bruno, con peso specifico inferiore a quello dell’acqua (sulla quale galleggia). Il petrolio non si usa direttamente ma viene "frazionato" nei suoi componenti cioè benzina, gasolio, kerosene, gas… .
Il petrolio ha origine da cumuli di sostanze organiche che si sono trasformate in sostanze oleose. La formazione è iniziata molti milioni di anni fa e ha richiesto due fasi principali:
Le energie non rinnovabili sono:
Il petrolio
Il carbone
Il gas naturale
L'uranio
FORMAZIONE DEL PETROLIO, i plancton presenti in mari interni, lagune e golfi sono stati ricoperti da sabbie e argille che si sono trasformate in rocce sedimentarie, il plancton sottratto al contatto con l’aria si è trasformato in idrocarburi;
FORMAZIONE DEI GIACIMENTI, mentre si formavano gli idrocarburi, gli strati rocciosi subivano grandi sconvolgimenti, le gocce oleose di idrocarburi si spostavano verso l’alto e fermavano contro la roccia, qui si sono accumulate e hanno formato un giacimento di petrolio.
Che cos'è :
Il carbone è una roccia di color bruno o nero abbastanza leggera, di peso inferiore alla roccia comune che deriva da grandi cumuli di alberi e altri tipi di vegetali, che hanno subito un processo di carbonizzazione. La formazione è iniziata molti milioni di anni fa e ha richiesto tre fasi principali:
Il carbone
crescita di grandi foreste in zone paludose, (gli alberi sono molto fitti più o meno come nella foresta amazzonica oggi);
sprofondamento del terreno e copertura delle foreste con strati di sedimenti (il terreno sprofonda lentamente, gli alberi sono sommersi dalle acque e sono coperti dal fango portato dai fiumi che si trasforma in roccia,e che copre e comprime la massa vegetale);
decomposizione del legno e carbonizzazione (gli alberi, molto lentamente, subiscono una trasformazione: i batteri del sottosuolo divorano l’idrogeno e l’ossigeno presenti nel legno, alla fine resta solo il carbonio).
1
2
3
Questo processo si ripeterà altre volte formando sempre più strati di carbone separati tra loro da strati di roccia sterile.
Estrazione:
Oggi il carbone viene estratto nelle miniere a cielo a aperto o in galleria.
MINIERA A CIELO APERTO
La miniera a cielo aperto si utilizza quando il giacimento è abbastanza vicino alla superficie del suolo (fino a 100 m circa), di grande estensione o di grosso spessore. La crosta rocciosa che copre i filoni viene sbancata con ruspe, poi inizia l’estrazione del carbone con grossi escavatori.
MINIERA IN SOTTERRANEO (GALLERIA)
Quando i filoni di carbone si trovano a grandi profondità si usa la miniera in sotterraneo, che riduce il sottosuolo a una specie di groviera. In superficie c’è la torre di manovra sul pozzo principale e le montagne di roccia sterile estratta. Sotto terra a mezzo kilometro o più di profondità, ci sono pozzi, gallerie e molte squadre di minatori, (in alcune gallerie serve la ventilazione forzata).
Come viene impiegato:
Ai tempi della rivoluzione industriale il carbone venne usato per far funzionare la macchina a vapore, più avanti il carbone servì anche a raggiungere le elevate temperature necessarie a produrre il ferro. Oggi il carbone è usato soprattutto nelle centrali termoelettriche per produrre energia e in piccola parte, nei forni delle acciaierie.
Prima di estrarre il petrolio è necessario accertarsi se in quel luogo ce n’è e in quale quantità grazie a un pozzo ad un pozzo esplorativo che è appunto una trivellazione. Quando i pozzi esplorativi confermano la presenza di vasti giacimenti, sul territorio nasce un campo petrolifero, questo è composto da:
l’albero di natale che permette l’erogazione del petrolio
la pompa di estrazione che serve a far risalire il petrolio quando la pressione naturale diventa insufficiente
il centro decantazione dove il petrolio viene trattato
le cisterne di raccolta dove viene messo il petrolio
Come viene impiegato:
Dal petrolio si possono ottenere molti prodotti, da alcuni dei più diffusi combustibili (la benzina, il gasolio e altre sostanze dette derivati del petrolio) a molte delle materie plastiche utilizzate dall'uomo.
Svantaggi:
La presenza del petrolio e quindi dell'industria petrolifera ha grandi impatti sociali e ambientali: l'estrazione in alcuni casi può danneggiare l'ambiente, mentre la ricerca e l’estrazione del petrolio disturbano l'ecosistema marino circostante, inoltre possono accadere incidenti durante il trasporto via mare in grado di produrre perdite anche molto grandi con gravissime conseguenze per l'ambiente circostante (fondali e coste).
Trasporto e distillazione:
Il petrolio dalle cisterne viene immesso nelle tubazioni dell’oleodotto che lo portano direttamente alle raffinerie, spesso però l’oleodotto arriva ad un porto, dove viene caricato sulle petroliere che lo trasportano alle raffinerie di destinazione.
Arrivato alla raffineria (grande impianto dove avviene la distillazione frazionata) viene separato dagli idrocarburi grazie appunto alla distillazione.
Che cos'è:
Il gas naturale è un gas incolore e inodore, che pesa circa la metà dell’aria, ed è formato da metano.
Il gas naturale
La ricerca del gas non è distinta da quella del petrolio, ma esiste un’unica attività di ricerca degli idrocarburi. Solo dopo la perforazione dei pozzi esplorativi è possibile accertare il tipo di giacimento: può essere solo di gas o di gas associato al petrolio nei giacimenti petroliferi. Anche l’estrazione è simile al petrolio: appena lo scalpello fora una cupola che contiene il gas, esso risale nella tubazione verticale, spinto dalla pressione in superficie, alla testa del pozzo viene messo il complesso di valvole che ne regola il flusso.
Ricerca ed estrazione:
Trasporto:
Il gas naturale viene trasportato attraverso un tubo detto gasdotto o metanodotto, lungo la rete del metanodotto ci sono anche le centrali di stoccaggio. Il gas dopo essere stato portato allo stato liquido viene trasportato anche sulle navi metaniere.
Come viene impiegato:
Il gas si presta a molti impieghi per residenza,industria,autotrazione materia prima e centrale a gas.
Che cos’è:
L’uranio è un elemento chimico ed è un metallo bianco-argentato tossico e radioattivo che deriva dall’uranite (minerale). L’uranio contiene due tipi di elementi: l’uranio 238 che è l’uranio comune non fissile e l’uranio 235 che è radioattivo. Con l’uranio si può fare la bomba atomica.
L'uranio
Come viene impiegato:
L'uranio può essere
usato in due modi:
nel reattore nucleare
di una centrale
elettrica o nella bomba
all'uranio.
Full transcript