Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA GLOBALIZZAZIONE

No description
by

giuseppe pirreca

on 16 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA GLOBALIZZAZIONE

Comunicazioni e migrazione
UNIFICAZIONE DEI MERCATI A LIVELLO MONDIALE
LA GLOBALIZZAZIONE
GLOBALIZZAZIONE CULTURALE
GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI
Non voglio che la mia casa sia murata da tutti i lati e le mie finestre sbarrate.
Voglio che le culture di tutti i paesi soffino attorno alla mia casa con la massima libertà possibile.
Ma rifiuto di essere messo in ginocchio da chiunque.
"I do not want my house to be walled in on all sides and my windows to be stuffed.
I want the cultures of all the lands to be blown about my house as freely as possible.
But I refuse to be blown off my feet by any."
Le origini
Liberalizzazione dei Mercati
RIDUZIONE DEGLI OSTACOLI DI ORDINE TARIFFARIO
RIDUZIONE DEGLI OSTACOLI DI ORDINE FISCALE
MERCI E DENARO CHE CIRCOLANO LIBERAMENTE
RIDUZIONE DEGLI OSTACOLI DI ORDINE NORMATIVO
MAHATMA GANDHI
Integrazione della Produzione
Diffusione Tecnologica
lo sviluppo e la diffusione tecnologica

ha accorciato le distanze;

determinato la scomparsa delle differenze tra i gusti dei consumatori ;

ha consentito modelli di produzione omogenei e convergenti;

possibilità di vendere lo stesso prodotto in tutto il mondo e adottare strategie uniformi;



Produzione realizzata non in un'unica sede ma divisa nelle sue fasi
e

c
ollocata in paesi lontani.
Resa possibile dallo sviluppo dei mezzi di comunicazione (viari e telematici) che hanno
accorciato le distanze.
Le multinazionali
COINVOLGIMENTO DI PAESI EXTRA SOCIALISTI O IN VIA DI SVILUPPO CHE IN PASSATO AVEVANO ADOTTATO POLITICHE PIU' RESTRITTIVE
IL colonialismo
GLOBALIZZAZIONE TECNOLOGICA
VANTAGGI
SVANTAGGI
Che cos'è la globalizzazione?
Quando si parla
per la prima volta
di globalizzazione?
Il termine globalizzazione, di uso recente
è stato utilizzato dagli economisti,
a partire dal 1981
per riferirsi prevalentemente agli
aspetti economici
delle relazioni fra popoli e grandi aziende.
Il fenomeno, invece, va inquadrato anche nel contesto dei
cambiamenti sociali, tecnologici e politici
,
e delle complesse interazioni su scala mondiale che, soprattutto a partire dagli anni ottanta,
in questi ambiti hanno subito una sensibile accelerazione.
Globalizzazione è il fenomeno di crescita progressiva delle relazioni e degli scambi
a livello mondiale e in diversi ambiti,
il cui effetto principale è una decisa standardizzazione economica e culturale
tra i popoli e i luoghi del mondo.
In ambito economico una multinazionale è un'impresa, di norma una società che organizza la sua produzione in almeno due paesi diversi.
È detta controllata l'impresa operante in un Paese estero di cui la multinazionale controlla più del 50% delle azioni.
La multinazionalità riguarda due aspetti. Nel primo caso, la dispersione geografica delle attività dell'impresa. Le imprese multinazionali svolgono attività, anche molto varie tra loro (lavorazione, assemblaggio, commercializzazione) in paesi diversi. In secondo luogo, la concentrazione della proprietà, o internalizzazione di tali attività. Un'impresa multinazionale è quando l'attività estera non delegata ad un'impresa locale (esternalizzata) ma svolta direttamente da una controllata dell'impresa stessa.
ESEMPI : cocacola, mcdonald, nestle, ferrero...
La formazione di una societa' internazionale e civile
Sviluppo dei mezzi comunicativi
GLOBALIZZAZIONE GEOPOLITICA
Prezzi controllati
La
competizione
globale incoraggia la creativita' e l'innovazione e mantiene contrallati i prezzi delle materie prime e dei servizi:


la
concorrenza
è sempre un vantaggio per il consumatore finale,a maggior ragione lo è quella globalizzata.
EFFETTI POSITIVI
L'aumento della copertura mediatica attira l'attenzione del mondo sulla violazione dei diritti umani che tendono,ad essere maggiormente rispettati(non sempre e non ovunque,ma, in generale ,siè avuto un miglioramento grazie alla globalizzazione.
ATTENZIONE SULLA VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI
MAGGIORE DIFFUSIONE DELLA TECNOLOGIA
I paesi in via di sviluppo potranno sfrutttare i vantaggi della tecnologia attuale, senza subire le difficoltà associate allo sviluppo della stessa (di cui si è occupato il "Nord" del mondo)
ACCESSO ALLA CULTURA STRANIERA
C'è un maggiore accesso alla cultura straniera in forma di film, musica, cibo, vestito ed altro ancora
IL MONDO HA PIU' SCELTA
gli abitanti di questi paesi vengono aiutai in vari modi
-
missioni, finanziamenti, volontariato

- affinchè siano

migliorati le loro condizioni di vita
EFFETTI NEGATIVI
DELOCALIZZAZIONE
Nei paesi dove il controllo fiscale e sociale è meno pressante, potrebbe essere relativamente facile per un'azienda sfruttare i minori
STANDARDIZZAZIONE
C'è il rischio concreto che le diverse culture di tutto il mondo, se pur interragendo comincino a fondersi, andando via via a perdere i contorni che gli sono propri e che ne caratterizzano l'individualità
DIFFUSIONE DELLE MALATTIE
Maggiore diffusione di malattie, cosi come le specie invasive di insetti che coinvolte nei processi di esportazione di merci, potrebbero rilevarsi devastanti in ecosistemi non originari
CIBO SPAZZATURA
Diffusione di grandi catene di cibo spazzatura anche nei paesi meno sviluppati con conseguenze negative per la salute e la cultura del paese.
ATTENZIONE VERSO I PAESI IN VIA DI SVILUPPO
Mentre si dà lavoro alla popolazione di un paese più povero o con maggiori agevolazioni fiscali, si toglie automaticamente occupazione nel paese di origine, dove aumenterà, probabilmente, il numero dei disoccupati
DISOCCUPAZIONE
LAVORO MINORILE
Le grandi organizzazioni occidentali come il FMI e la Banca Mondiale concedono facilmente prestiti ai paesi in via di sviluppo. Tuttavia le regole ferre del mercato dei prestiti (tassi d'interesse) possono rivelarsi un' arma a doppio taglio per i paesi poveri che non possono ripagare il proprio debito;
DEBITI
I prodotti locali
non
riescono a
competere
con quelli esteri;
Si crea dipendenza dagli altri Paesi del mondo. L'Italia dipende:
Francia per l'energia;
USA per la tecnologia
UE per la finanza

DIMINUZIONE DEL POTERE NAZIONALE

a favore di organismi sovranazionali
( prima di prendere decisioni bisogna rispettare ACCORDI internazionali che non sempre sono a proprio vantaggio)
DISAGI ECONOMICI ALL'INTERNO DI UNA NAZIONE
Nell'ottica della geografia, l'inizio del cambiamento globale avviene prima della soluzione industriale quando gli europei si spinsero con le navi in ogni parte del mondo e lo aprono ai traffici planetari.
Il cambiamento globale inizia con le cosidette "scoperte geografiche" e con la "colonizzazione" .

Avvenimenti come :
Caduta URSS
Apertura mercati cinesi
Sviluppo India
Sviluppo Asia Orientale (produzione industriale)

hanno contribuito ad adottare un modello occidentale,
ispirato agli USA e diffuso grazie alle nuove tecnologie
e alla crescita della comunicazione informatica
ORIGINI
McDonald history

Brothers Dick and McDonald opened the first McDonald's restaurant in San Bernardino in 1940,which was barbecue-themed.In 1948 the restaurant changed its focus to hamburger,french fries and milkshakes.
McDonald 's began its true financial turnaround in 1956 with Harry Sonneborn,who started their real estate arm,Franchise Realty Corporation .
FRC purchased store sites and then leased them back to franchisees at a
20%-40% markup ;this mechanism became

the primary moneymaker for the McDonald Corporation.
McDonald's opened its first internazional location in Canada in 1967 ;this was followed by the first locations in Latin America,Asia,Austalia and Europe in the early 1970s.
By 1972 ,McDonald 's totaled over $1 billion in sales and had over 2200 restaurant.The 3000th restaurant opened a short time later in 1974.
McDonald's now serves more than 54 million customers in 120 countries each day
,with over 31000 restaurants worldwide.

Brothers Dick and Mac McDonald opened the first McDonald’s restaurant in San Bernardino in 1940, which was barbecue-themed.
In 1948, the restaurant changed its focus to hamburgers, french fries and milkshakes.

McDonald’s began its true financial turnaround in 1956.
In 1963, McDonald’s began marketing to families and children . Other familiar McDonald menu items such as the Filet-O-Fish, the Big Mac, Egg McMuffin, Quarter Pounder and Happy Meal were introduced in the 60s and 70s.

McDonald’s opened its first international location in Canada in 1967; this was followed by the first locations in Latin America, Asia, Australia and Europe in the early 1970s.
McDonald’s now serves more than 54 million customers in 120 countries each day, with over 31,000 restaurants worldwide.
With $22.8 billion in revenues in 2008, the fast food company remains a force.
GLOBALIZATION AND FOOD
McDONALD HISTORY
La
F
.
I
.
F
.
A
.
For the Game,For the World
Federazione Internazionale delle associazioni calcistiche,nota con l'acronimo F.I.F.A è la federazione internazionale che governa gli sport del calcio,del beach soccer e del futsal(calcio a 5).
La federazione fu fondata a Parigi nel 1904 ed ha sede a Zurigo(Svizzera).
L'attuale presidente è Blatter.La F.I.F.A. ha il compito di organizzare tutti
gli eventi intercontinentali e mondiali dei tre sport in questione.
L'organo supremo della F.I.F.A. è il congresso,un'assemblea composta dai rappresentanti di ciascun membro associato e si riunisce con cadenza annuale. Solo il congresso può apportare modifiche allo statuto della F.I.F.A. e nominare il Presidente ,il Segretario Generale e gli altri membri del Comitato Esecutivo(organo decisionale della F.I.F.A).
Oltre al Comitato Esecutivo la F.I.F.A. può contare anche su altre organizzazione come la Commissione arbitrale, Commissione disciplinare.
Sviluppatosi in Jamaica,un'isola delle Antille e presto diffusosi negli attigui U.S.A. e U.K.,il Reggae è uno dei più importanti generi di musica leggera. Si tratta di una musica sincopatica
con un canto teso e fervido,vicino al gospelcon, il basso che sovente guida la melodia,mentre la chitarra accompagna e la batteria applica ritmi africani.
Il più famoso rappresentente del Reggae è Bob Marley (45-81) che divenne l'alfiere del riscatto economico e sociale della Jamaica.
Infatti , Marley e i suoi "wailers"mescolavano elementi religiosi e rivoluzionari "rasta" con crude accentuazioni polemiche di
natura sociopolitica. In molte sue canzoni ,inoltre,Marley ha esposto i principi che regolano la religione "rasta",credenza
reputata il proseguimento del Cattolicesimo.
Exadus ne è un esempio e, come molti spiritual, trae spunto dall'Antico Testamento per dire che come gli Ebrei sono riusciti a liberarsi dal faraone così un giorno i jamaicani di professione"rasta"riusciranno a rientrare nella loro terra d'origine da vincitori.
Il reggae viene considerato il padre del REP.


U.S.A is a federation of 50 states:48 are in the mainland and the other two lie in the northwest of Canada(Alaska) and in the Pacific Ocean(Hawaii).
Alaska is the biggest land in U.S.A. but California is the most populated.
U.S.A. border Mexico in the South and Canada in the North.
The capital of U.S.A. is Washington D.C..
The landscape of U.S.A. is varied: there are mountains (Rocky Mountain and Acchiapian Mountain), lakes, desert, forest, plains and rivers (Missouri and Mississipi).
In U.S.A. the major language are spanish and english (official language).
LE CHAMPAGNE ROSE'

S'obtient en ajotant à l'assemblage une pointe de vin rouge.Servi frappé ,il constitue,avec son arôme fruitè ,la boisson idéale pour une soirée d' été.
Ultimi decenni dell'Ottocento
Fenomeno parallelo allo sviluppo industriale, un nuovo movimento colonialista,(ricordiamo prima quello nel periodo delle scoperte geografiche) dovuto alla necessità di nuove risorse economiche e soprattutto il desiderio di fama e gloria internazionale.
Nazioni colonizzatrici
U
.
K
. :Africa australe,Sudan,Egitto,India
e paesi confinanti ed Oceania.
Francia
:Africa nord-settentrionale,Madagascar
e Indocina.
Portogallo
:Angola e Mozambico.
Italia
:Libia e Corno d'Africa(Somalia ed Eritrea)
Olanda
:Isole Indiane.
U
.
S
.A.:Filippine,Isole Antille e Canale di Panama.
Giappone
:Isola di Formosa,Corea e Manciuria.
Cause economiche

Controllo Mercati nazionali
materie prime
LE BLANC DE BLANCS

Champagne très leger,n'est èlaboré qu'à partir de
cépage chardonnay qui,en 1982,atteignit une maturité parfaite.

LE CHAMPAGNE BRUT
Moins dosé que le sec,lui même moins dosé que le demi-sec, alors que le brut sauvage ,ou brut zéro,est non dosé.
La Champagne
(symbole du luxe depuis le XVIIème )
SOLS ET CLIMAT

Climat tempéré et sols calcaires font le finesse du champagne.
Des coteaux calcaires orientés parfois à l'est et au nord lui donnent l'acidité nécessaire avant l'ajout de la liqueur de dosage qui décidera de sa douceur.

La mondialisation est un processus d’ intégration économique conduit par les pays de la Triade (États-Unis, Europe et Japon) et les pays émergents.
Avec la mondialisation il y a un intégration a niveau mondial des modèles communs,
dans le domaine de l’économie (libéralisme),
dans la politique (démocratie),
et des valeurs et de la culture (droits de l’homme).
La mondialisation est favorisée par la circulation plus rapide des informations, des idées et des personnes.


Les 3 facteurs à l’origine de l’économie de la mondialisation sont:
1. le développement de l’échange international dans le cadre du system capitaliste, croissance du marché mondiale.
2. la libéralisation des échange: voulue par le Gatt. Il rende plus facile les commerce.
3. les problèmes d’environnement: parce que la pollution est très augmenté.
La Mondalisation
La majeure partie des exportations du pays pauvres son constitué pour produits primaires.
Chaque pays tend à se spécialiser dans une certaine production et importer les produits qu’il ne peut pas produire de manière concurrentielle. Les pays riches tentent à abandonner l’industrie à cause du coût du travail et de faire construire leur produits dans autres pays.
Les investisseurs institutionnels (banques, compagnie d’assurance etc.) sont en premier plan.
Les grandes bourses contrôlent les flux financiers. Mais les pays riches sont avantagé au contraire des pays pauvres. Les paradis fiscaux sont une autre destination privilégiée parce que il n’y a pas beaucoup des taxes.
Contenuto
Paesi aderenti
Nel 2004, più di 120 Paesi avevano aderito al trattato, fino all'adesione e ratifica della Russia nel 2004, considerata importante poiché questo paese produce da solo il 17,6% delle emissioni. Ad ottobre 2009 gli stati che hanno aderito e ratificato il protocollo risultano 184.

I Paesi in via di sviluppo, al fine di non ostacolare la loro crescita economica frapponendovi oneri per essi particolarmente gravosi, non sono stati invitati a ridurre le loro emissioni. L'Australia, che aveva firmato ma non ratificato il protocollo, lo ha ratificato il 2 dicembre 2007.
Descrizione
Il 4 febbraio 1991 il Consiglio ha autorizzato la Commissione a partecipare, a nome della Comunità europea, ai negoziati della convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, adottata a New York il 9 maggio 1992.
Dopo lunghi lavori preparatori, l’11 dicembre 1997 è stato adottato a Kyoto il Protocollo di Kyoto.
La Comunità europea ha firmato il protocollo il 29 aprile 1998. Il trattato è entrato in vigore il 16 febbraio 2005, dopo la ratifica anche da parte della Russia.
Perché potesse entrare in vigore, si richiedeva che fosse ratificato da non meno di 55 nazioni firmatarie e che le nazioni che lo avessero ratificato producessero almeno il 55% delle emissioni inquinanti.
Premesso che l'atmosfera terrestre contiene 3 milioni di megatonnellate (Mt) di CO2, il protocollo prevede che i Paesi industrializzati riducano del 5% le proprie emissioni di questo gas. Con il protocollo di Kyoto, se ne dovrebbero immettere 5.850 anziché 6.000, su un totale di 3 milioni. 174 Paesi hanno ratificato il protocollo o hanno avviato le procedure per la ratifica.
Questi Paesi contribuiscono per il 61,6% alle emissioni globali di gas serra.

Europa: L'Unione europea è la principale sostenitrice internazionale, poiché essendo ad un livello economico molto alto cerca il più possibile di sostenere questo protocollo.
Italia: Il 16 marzo 2012 è stato attuato da Corrado Clini il "Fondo rotativo per Kyoto" da 600 milioni di euro per finanziare. Grazie all'iniziativa, secondo i dati ufficiali diffusi a fine 2012, nell'anno «sono stati finanziati 588 progetti proposti da caserme, ospedali, amministrazioni locali, scuole, musei e poli industriali
In verde gli stati che hanno firmato e ratificato il trattato, in blu gli stati che lo hanno firmato ma non ancora ratificato. Gli Stati Uniti hanno firmato ma hanno poi rifiutato di ratificare il trattato.
CONDIZIONI
Europa ed Italia
IL PROTOCOLLO DI KYOTO
ONU
O.N.U.

Le Nazioni Unite sono state fondate il 24 Ottobre 1945 da 51 nazioni per preservare e mantenere salda la pace nel mondo tramite questa intesa internazionale.
Adesso gli stati aderenti all'O.N.U. sono circa 192 paesi, quasi l'intero globo, ad eccezine della Cina e della Città del Vaticano.
L'O.N.U. è sorta dopo la seconda guerra mondiale, per evitare un altro simile disastro che ha causato, pensate, circa 50 milioni di morti.

I principi fondamentali dell'O.N.U. sono:
1)Difesa dell dignità umana;
2Uguaglianza fra i pop0li ;
3)Mantenere i trattati di pace e del diritto internazionale.

Le Nazioni Unite non sono un governo e non legiferano. Esse tuttavia forniscono i mezzi per aiutare a risolvere conflitti internazionali e formulano politiche appropriate su questioni di interesse comune.
IL SEGRETARIATO
ORGANO DI
COORDINAZIONE
CONSIGLIO DI SICUREZZA
ORGANO ESECUTIVO
PRENDE DECISIONI PER MANTENERE LA PACE E FERMARE LE GUERRE. E' COMPOSTA DA 5 MEMBRI PERMANENTI (Stati Uniti, Francia, Cina,Inghilterra e Russia)
ASSEMBLEA GENERALE
è composta da rappresentanti di tutte le Nazioni Unite, con scopo consultativo,ma in casi di indecisione del Consiglio di Sicurezza diventa organo esecutivo
CORTE INTERNAZIONALE DI SICUREZZA
Composa da 15 giudici di nazionalià diversa, risolve dispute tra stati membri dell'Onu
Aia - Paesi Bassi
Il protocollo di Kyoto propone una serie di obiettivi:
rafforzare o istituire politiche nazionali di riduzione delle emissioni (miglioramento dell’efficienza energetica, promozione di forme di agricoltura sostenibili, sviluppo di fonti di energia rinnovabili, ecc.);
cooperare con le altre parti contraenti (scambi di esperienze o di informazioni, coordinamento delle politiche nazionali attraverso i diritti di emissione, l’attuazione congiunta e il meccanismo di sviluppo pulito).
Almeno un anno prima del primo periodo di impegno, gli Stati contraenti istituiscono un sistema nazionale di stima delle emissioni di origine umana e dell’assorbimento dai pozzi di tutti i gas ad effetto serra.
New York
SEDE
Ban ki Moon
CONTENUTO
ADESIONI
Sottosviluppo


La situazione d'arretratezza economica,sociale ,tecnologica in cui versa uno stato,un'area geografica è definito sottosviluppo della stessa.
E' quindi la mancata od insufficiente crescita di un'organismo qualunque.
Il sottosviluppo si basa su quattro punti fondamentali e portanti.





FAME
ANALFABETISMO
INGIUSTIZIE
SOCIALI
DIPENDENZA
ECONOMICA
Tante
maschere

nessuna

personalità
Luigi Pirandello fu tra i più importanti autori della
letteratura europea del Novecento.
Nella sua poetica ricorrono spesso tematiche di grande rilievo quali:
la convinzione umana di possedere una sola personalità, definita e precisa che è solo illusioria;
l'"io" non esiste, esiste una maschera che dipende sempre dal punto di vista di chi la guarda;
la famiglia e l'ambiente di lavoro sono trappole, in quanto impongono maschere rigide;
l'uomo consapevole di essere intrappolato entra in una condizione di smarrimento, solitudine e dolore profondo, l'unica via di fuga è l'immaginazione che conduce alla pazzia.

Gli anni del successo
Nel 1929 fu insignito del titolo di Accademico d'Italia e nel 1934 ricevette il premio Nobel per la Letteratura, nel frattempo era in stampa l'ultimo romanzo
Uno, nessuno e centomila.
Tutte le sue produzioni teatrali furono raccolte in volumi intitolati
Maschere nude
mentre le novelle in
Novelle per un anno.
La giara, scritta nel 1906, fa parte della raccolta pirandelliana Novelle per un anno. Convertita nel 1916 in una commedia teatrale, venne rappresentata a Roma nel 1917, ricorrendo all’uso del dialetto agrigentino per i dialoghi tra i vari personaggi. La novella, una delle più celebri e fortunate dell'autore de Il fu Mattia Pascal, sviluppa molti dei punti cardinali della poetica di Pirandello: l'attenzione per situazioni paradossali e al limite del grottesco, la focalizzazione su personaggi caratterizzati da una fissazione maniacale (qui don Lolò Zirafa, ma possiamo pensare anche a Vitangelo Moscarda di Uno, nessuno e centomila), il ricorso ad una soluzione "umoristica" per sciogliere le intricate vicende narrate, come si nota anche ne La patente.

La novella vede protagonista don Lolò Zirafa, un uomo ricco e ossessionato dalla brama del possesso, che vive nella perenne e logorante diffidenza nei confronti del prossimo. Spinto dalla convinzione che chiunque desideri derubarlo, sottraendogli la "roba" cui ha consacrato un'esistenza, trascorre il suo tempo denunciando malcapitati, e dissipando il suo denaro in processi persi in partenza. Anche il legale di don Lolò, che pur si arricchisce grazie alla nevrosi del suo cliente, arriva al punto di non sopportarlo più.

Un giorno don Lolò acquista una giara molto grande per contenere l’olio della nuova raccolta, ma il contenitore si rompe inspiegabilmente a metà. Il ricco Zirafa si vede costretto a rivolgersi quindi all’artigiano Zi’Dima, di cui ovviamente però non si fida. A causa della sua sospettosità perenne, don Lolò non si accontenta del metodo che l’artigiano gli propone per riparare la giara (e cioè, utilizzare un portentoso collante), e lo costringe ad aggiungere una saldatura di ferro. Così Zi’Dima, dopo essersi lamentato della pochissima fiducia riposta nelle sue capacità di artigiano, deve entrare nella giara per portare a compimento il lavoro aggiuntivo voluto da don Lolò. Non calcola però il ristretto collo del contenitore; a lavoro terminato, si rende conto di essere rimasto goffamente intrappolato all’interno della giara stesso, e che l’unico modo per uscire dalla sua prigione di terracotta, è quello di romperla, rovinando così definitivamente il contenitore di don Lolò. Quest’ultimo, dal canto suo, afferma di voler essere risarcito per il danno che verrà fatto alla sua proprietà (o alla sua “roba”, per esprimersi in termini verghiani). L’artigiano rifiuta categoricamente, dicendo che nella giara si trova benissimo e non ha nessuna fretta di uscire, e ribattendo che non si sarebbero trovati in questa situazione se don Lolò non avesse insistito per l’inutile saldatura aggiuntiva.

Il ricco Zirafa va su tutte le furie, e preso da un impeto di rabbia, infrange la giara con un calcio: Zi’Dima si trova così libero senza aver compiuto alcun atto lesivo nei confronti della proprietà di don Lolò, che esce così sconfitto dalla contesa, senza giara e senza risarcimento
Nato ad Agrigento nel 1867 è stato uno dei massimi rappresentanti del Decadentismo che si basava sui seguenti principi:
1)Mancanza di fiducia nella ragione e nella scienza;
2)Esaltazione della propria personalità;
3)Senso di crisi ed angoscia;
4)Isolamento rispetto alla società circostante.
L.PIRANDELLO, figlio di un ricco borghese dirigente di alcune miniere di zolfo, ha frequentato le università di Palermo,Roma e Bonn (Germania) dove si laureò in lettere .
Ritornato in Italia si stabilì a Roma e lì iniziò la sua attività letteraria, formando anche una compagnia al Teatro dell'Arte di cui assunse il ruolo di direttore artistico.
A Roma sposò la figlia del socio in affari del padre da cui ebbe 3 figli.
Nel 1903 l'allagamento della miniera del padre provocò il dissesto economico di tutta la famiglia e la moglie il cui equilibrio psichico era già instabile ebbe una crisi che sprofondò in pazzia
irreversibile.
Pur
avendo
una vita appartata continuò a scrivere e
nel 1934 gli fu assegnato il premio Nobel per la Letteratura.
Nel 1936 mentre seguiva le riprese di un film tratto dalla sua opera "Il fu Mattia Pascal", morì.
LA VITA
Per mantenere la famiglia, dopo il fallimento, Pirandello intensificò le sue collaborazioni con i giornali, non smise di scrivere romanzi
(Il fu Mattia Pascal)
e soprattutto opere teatrali, che vennero rappresentate dal 1910 con crescente successo, ma il succcesso più grande arrivò dal celebre dramma
Sei personaggi in cerca d'autore.
Terminata dunque la scarpata e abbandonato il pesante carico ai suoi piedi Ciaula rimane sul margine dell'entrata e alzando lo sguardo al cielo stellato, rimane sconcertato nell'ammirare un fenomeno inatteso: il paesaggio notturno magico, pervaso da un'aura argentea emanata dall'intensa luce della luna che, come in una visione teofanica, permeava tutta la natura intorno a lui.
La novella "Ciaula scopre la Luna", scritta da Luigi Pirandello nel 1907, appartiene alla raccolta "Novelle per un anno" e tratta della storia di un giovane cavatore di zolfo siciliano che viene letteralmente abbagliato dalla luce lunare che per i lunghi trent'anni della sua vita aveva dato per scontato.
Il protagonista della novella è detto Ciaula, dal dialetto siciliano "cornacchia", a causa della sua abitudine di ripetere continuamente il verso dell'animale. Ciaula è un caruso di circa trent'anni con dei problemi mentali che lo rendono preda delle percosse e dei soprusi dei suoi compagni minatori.
Una sera il capo della miniera, Cacciagallina, insoddisfatto del lavoro prodotto in giornata forza i suoi dipendenti a continuare durante la notte convincendone soltanto due, il veterano Zi' Scarda e Ciaula.

La narrazione si blocca per un istante e l'autore si concentra sulla descrizione del vecchio lavoratore, che inizia nel delineare la sua strana immagine mentre piega la testa e storce il labbro e si conclude con la spiegazione del suo fare e della storia dello scoppio della mina che oltre al suo occhio gli aveva sottratto anche il figlio per il quale ancora piangeva e raccoglieva le lacrime che derivavano dalla sua perdita, suscitando dapprima una sensazione comica nel lettore seguita poi da una riflessione amara, caratteristica dello stile pirandelliano.

Zi' Scarda prosegue il suo lavoro aiutato da Ciaula che aveva il compito di trasportare il pesante carico di blocchi di zolfo fin sopra alle gallerie, nel buio della notte, all'aperto. Ciò lo induce a pensare a cosa lo avrebbe aspettato al di fuori dei cunicoli della miniera e assalito dalla paura del buio più assoluto e dal profondo senso di vuoto dell'ambiente circostante, riesce a terminare la salita, stremato.
In realtà il buio in sé non lo aveva mai terrorizzato, essendo abituato a vagare a tentoni nel mezzo delle viscere della cava, più grazie alla memoria che alla vista. Esisteva però un episodio importante che lo aveva segnato sin da piccolo, condizionando la sua capacità di uscire allo scoperto nella notte: lo scoppio assordante di una mina che aveva mutilato il suo compare lo aveva fatto fuggire e rifugiare in un antro segreto al buio. Perdendo la cognizione del tempo rimase in quel posto forse per minuti, forse per ore, forse per giorni.


U
.
S
.A.
0
L'Analfabetismo è l'incapacità, dai sei anni in su, di leggere e di scrivere nella lingua che si parla.
Non equivale a ignoranza, poiché l'analfabeta, può possedere a volte una cultura superiore a quella di chi sedette sui banchi della scuola; ma dell'ignoranza e del corteggio di pregiudizi e d'errori che l'accompagnano, è senza dubbio il più saldo puntello. La storia degli sforzi diretti a porvi rimedio si confonde con la storia dell'istruzione popolare, e rappresenta il maturarsi d'una più chiara coscienza del valore che la cultura assume nell'economia spirituale dell'individuo e dello stato.
Violazione dei diritti altrui, siano essi sanciti dalla legge o semplicemente riconosciuti dalla ragione e dalla morale;

Carattere di ciò che è contrario all'equità e all'imparzialità iniquità;

Azione che concretamente viola i diritti altrui e l'equità.
A norma dell’art. 9 della suddetta legge infatti, “si considera dipendenza economica la situazione in cui un'impresa sia in grado di determinare, nei rapporti commerciali con un'altra impresa, un eccessivo squilibrio di diritti e di obblighi. La posizione di dipendenza è valutata tenendo conto anche della reale possibilità per la parte che abbia subito l'abuso di reperire sul mercato alternative soddisfacenti”. Sul piano sanzionatorio, poi, l'’abuso della posizione economica dominante è punito con la nullità dei patti attraverso i quali esso è esercitato.
ITALIA
Libia - Corno d'Arica (Somalia ed Eritrea)
U
.
K
. Africa meridionale,Sudan,Egitto,Oceania,India e paesi confinanti.
FRANCIA
Africa nord-settentrionale - Madagascar - Indocina.
PORTOGALLO
Angola - Mozambico.
GIAPPON
E
Manciuria - Corea - Isola di Formosa.
U
.
S
.
A.
Filippine
.
BELGIO
Indie Olandesi.
Dopo qualche anno - siamo già alla fine degli anni Settanta - si passa ai muri. E il disegno diventa più complesso e articolato.
L’arte del graffito risponde ad un’autentica esigenza espressiva, alla rivendicazione di un proprio diritto alla parola.
Il graffito contrappone all’impersonalità e all’oggettività dello stile adottato dai “bianchi” una modalità espressiva cromaticamente aggressiva.
Una sua opera vale tra i centocinquanta e i novecento milioni di lire. Nessuno meglio di lui simboleggia la parabola artistica e sociale del graffitismo anni Ottanta. Peter Pan dell'arte, rapper dello sberleffo, antidivo e imprendibile pittore americano della new wave artistica newyorkese, Haring sintetizzava il suo modo di essere dicendo "un muro è fatto per essere disegnato, un sabato sera per far baldoria e la vita è fatta per essere celebrata". Protagonista di un modo di vita "esagerato", stroncato a 32 anni dall'Aids, questo giovane e gracile artista viveva in un universo visionario - naif e violento - fatto di ominidi in frenetico movimento, un bestiario fantastico, popolato di piramidi e dischi volanti. Il suo "radiant baby", un infante aureolato di raggi, abitava scene fantastiche con astronavi, strani strumenti offensivi e simboli arcaici, dalla piramide alla croce. La storia di Haring comincia nel 1958 a Kutztown, Pennsylvania. Nasce in una famiglia della middle class protestante e cresce con la televisione, i fumetti di Disney e i Peanuts di Shultz. A diciotto anni si trasferisce a Pittsburgh dove frequenta l'Ivy School of Art. Ma la scuola gli sta stretta e dopo sei mesi comincia a viaggiare seguendo il suo gruppo rock preferito, i Grateful Dead. Nell'autunno del '78 si trasferisce a New York, la sua terra promessa, e si iscrive alla School of Visual Art. Si appassiona agli scritti di Umberto Eco e Roland Barthes, segue corsi di semiotica, sperimenta la tecnica del videotape, si lancia alla scoperta della "libertà creativa e sessuale newyorkese". Partecipa alle collettive alla Times Square Show, quelle che lanceranno la generazione dell'East Village.
Il Graffitismo
Le pareti ed i convogli della metropolitana diventano il supporto ideale per i colori industriali utilizzati per rappresentare i colori della vita, accesi e sbiaditi al tempo stesso, a volte sovrapposti gli uni agli altri come manifesti sui pannelli.
I muri sono decorati con un linguaggio grafico fatto di immagini e parole - slogan politici, frasi erotiche, richiami ermetici - tracciate con bombolette spray, che danno vita ad un intreccio tra le forme d’arte più disparate.
I turisti europei colpiti da questo fenomeno lo importano in Europa.
Nell'America fine anni Sessanta un ragazzo di New York in meno di un anno gira tutto lo Stato lasciando, con il nome d'arte "Taki 183", circa 300 mila firme. Qualche mese dopo Taki è lanciato agli onori delle cronache dal New York Times che pubblica un articolo intitolato "Chi è Taki?".

La moda di lasciare la propria firma inizia così.





I graffiti iniziano così, con una scritta semplice, solo il contorno di lettere.

Tutta la creatività si concentra nella rappresentazione dell'alfabeto.
Il popolo dei graffitisti nasce così dalla periferia del South Bronx.
I "tags" (così vengono chiamate in gergo le firme dei graffitisti) si sviluppano soprattutto nelle metropolitane dove transitano un gran numero di persone. E' subito chiaro che il graffito è strettamente legato alla metropoli e al disagio metropolitano infatti molti artisti anonimi avevano scelto i grandi spazi lasciati vuoti dal degrado urbano o dalle strutture d'uso della città (metropolitana) per esprimere una loro idea di plasticità e decoro.
KEITH HARING
"
Un muro è fatto per essere disegnato
,
un Sabato sera per
far baldoria
e
la vita per

essere celebrata
.
"
Keih Haring
THE END
THE END
Full transcript