Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Speranza post terremoto

No description
by

Francesco Solera

on 26 April 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Speranza post terremoto

Com'è cambiata la mia speranza? Come sono cambiate le mie speranze dopo il terremoto? NON LO SONO! THE END Credo che questa sarebbe la risposta più sincera per molti: ormai le cose sono tornate come prima del terremoto... è quasi tutto sistemato e la preoccupazione della gente si concentra ora solo sui propri problemi personali, l'affanno quotidiano delle nostre giornate non lascia spazio alle esigenze dell'altro... ma non è sempre
stata così... a causa del terremoto tutti abbiamo infatti sperimentato per alcune settimane, un grande senso di comunione e fraternità! ci interessavamo di più
ai problemi degli altri ci sforzavamo di essere
più empatici eravamo più disponibili
e meno "tornacontisti" nonostante la paura, ci siamo
scoperti capaci di grande generosità! Com'è stato possibile??? ... ognuno ha riconosciuto nel
problema dell'altro anche il suo
più grande problema! dal dizionario dei
G e GG di AC solidarietà: scegliere di ritmare il passo del proprio cammino con quello di chi ci sta di fianco,
facendosi carico delle sue preoccupazioni e delle sue speranze. SIAMO STATI SOLIDALI! cosa succede quando non è più automatico che i nostri problemi e quelli degli altri siano gli stessi? siamo ancora capaci di essere solidali? ... questo desiderio di condivisone diventa allora qualcosa che occorre cercare, occorre sognare, sperare... ha bisogno di uomini capaci di intraprendenza che abbandonino le loro piccole preoccupazioni per fare spazio agli altri nel loro cuore... è un po' come la storia di un pirata dei vecchi tempi! uomini coraggiosi che abbandonano i loro villaggi sulla terra per salpare alla ricerca di grandi avventure e grandi tesori! Intanto è diventata qualcosa di concreto, poiché ho vissuto ciò che desidero: che la gente abbia a cuore la storia degli altri. Speranza non è più una parola solo bella, ho visto che desidero e spero qualcosa che è possibile! ... è concreta Ho capito che qualsiasi sia la tua speranza... devi cercarla - dopo due mesi dal terremoto ognuno era tornato a farsi i suoi. Se vogliamo ancora tenere alto quel senso di comunione che si era creato, siamo noi che dobbiamo impegnarci e spenderci! ... è sfuggente Ho capito che se vuoi fare spazio ai bisogni degli altri, devi mettere da parte un po' i tuoi capricci e questo spesso significa rinunciare alla "bella vita"! ... è costosa ... è pregata o si rischia di perdercisi dentro! Ci sono alcuni strumenti che sono necessari
quando ci si avventura
alla ricerca di un tesoro! ... è condivisa! come ogni grande avventura, va condivisa con una buona ciurma di amici... desiderare qualcosa di serio non è una cosa semplice, le amicizie spirituali mi aiutano a capire quando sto andando nella direzione sbagliata - mi sento sempre le spalle coperte!
Full transcript