Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Super-utilizzo

dei materiali ottenuti dalla dismissione delle serre in provincia di Imperia
by

Luca Brusa

on 26 February 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Super-utilizzo

Super-utilizzo Dunque un percorso ecocompatibile come obiettivo per il nostro presente e quello delle generazioni future.
Ambiente inteso non solo come estensione naturale, ma come un “sistema di interrelazioni tra struttura – soggetto - spazio”.

Un materiale o un prodotto si può definire ecocompatibile se terminata la sua vita utile è in grado di essere valorizzato in un processo di riciclaggio o in un secondo uso anche se differente da quello principale. Rifiuti "Si chiama rifiuto qualsiasi sostanza o oggetto derivante da attività umane o da cicli naturali, abbandonato o destinato all’abbandono"
(DPR 915 del 10/9/82). Super-use -Diminuizione del flusso dei rifiuti destinati allo smaltimento finale, viene rimesso sul mercato un bene già usato.

-Aumento del suo ciclo di vita.

-Consumo inferiore delle materie prime e un uso più sostenibile delle risorse. Marcel Duchamp e il "ready-made" dei materiali ottenuti dalla dismissione delle
serre in provinca di Imperia La natura non abbandona quello che non serve più, tutto viene riciclato. I rifiuti sono una causa dell’ uomo. La gestione dei rifiuti / legislazione Fino agli anni Settanta, i rifiuti solidi urbani (RSU) erano raccolti in modo indifferenziato e smaltiti prevalentemente in discariche non controllate. In alternativa allo smaltimento diretto dei rifiuti nel suolo, si utilizzava il trattamento termico o incenerimento. DL n. 22, 5 febbraio 1997, il Decreto “Ronchi”: l'inquinamento prodotto dai rifiuti deve essere fronteggiato diminuendo la quantità totale di rifiuti prodotti e non solo attraverso il semplice smaltimento in discarica. I DL n.36 del 13 gennaio 2006 e il DM 3 agosto 2005 : sono i principali riferimenti legislativi per quanto attiene la classificazione dei rifiuti La UNI EN 13242:2008 : prevede per la realizzazione di opere di ingegneria civile o nella costruzione di strade, l’impiego di materiali provenienti da attività di riciclaggio con particolare riferimento al riciclaggio di calcestruzzi e laterizi. il DL n. 203 dell’8 maggio 2003 (non ancora applicato) : prevede norme affinché gli uffici pubblici e le società a prevalente capitale pubblico coprano il proprio fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo”. "Qualsiasi trattamento porta solo a una trasformazione del rifiuto e/o a un suo trasferimento da uno stato fisico a un altro ma, in nessun caso, a una sua distruzione.” Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma” (legge di conservazione della massa) Quindi, il comportamento più sostenibile in materia di rifiuti è la riduzione a monte, che consiste nel produrne il meno possibile cercando di utilizzare ogni cosa più volte come accadeva in passato. I rifiuti nell'arte Robert Rauschenberg
“Junk Art”
(arte spazzatura) Kurt Schwitters, il Merzbau
un monumento alla spazzatura
(dal 1923) anni Ottanta e Novanta del XX : si diffonde il termine “Trash Art” Riciclaggio:
stabilimenti per riprocessare i materiali.

Superuso: processo di lavorazione eliminato. Earthship 2012 Architecten Soluzioni creative di riutilizzo per realizzare oggetti di design o parti di costruzioni lampade fatte con vecchi vasi di terracotta - Robin Horton Tavolino realizzato con una finestra
Staff RiclicliAmo – Apartment Teraphy.org Soluzioni di super-uso nell'ambito architettonico Serie limitata di lampade realizzate con vecchi termosifoni Salone del mobile di Milano 2011 – Fethi Atakol design utilizzo di antiche finestre come divisorio – Apartment Teraphy.org Patrick Partouche nuove tecnologie e tecniche moderne permettono la riduzione dei costi dell'abitare migliorando al contempo sia i risultati che le condizioni lavorative. La produzione di abitazioni prefabbricate è quindi una soluzione che mira non solo all'abbattimento dei costi, ma anche ad un impatto ambientale ridotto. Green House Container House progetto di ampliamento della propria abitazione. tramite due serre. otto container riciclati e adattati alla richiesta della committenza “Rural Studio” Un programma educativo fondato nel 1993.
Si basa sul mettere in pratica l'attività progettuale a favore di singoli o comunità più bisognose che vengono coinvolte nella progettazione, il tutto a costo zero. Samuel Mockbee Mason's Bend House o Community Center, un piccolo spazio al centro del paese in prossimità della fermata d'autobus case costruite per lavorare in autonomia, riducendo al minimo la dipendenza dai servizi di pubblica utilità e dai combustibili fossili. caratteristiche principali:
• autonomia energetica attraverso l’utilizzo dell’energia solare ed eolica;
• autonomia per riscaldamento/raffreddamento grazie alla costruzione di una considerevole massa termica e ad un sistema di ventilazione interno;
• sistema integrato di recupero e gestione dell’acqua. Un approccio creativo al design recuperato, riciclato, trasformato, caratterizza ogni progetto sviluppato dal team creativo di 2012 Architecten di Rotterdam. Tutti i loro progetti ri-utilizzano materiale di ogni tipo, dai pavimenti di legno ai pneumatici, dagli elettrodomestici ai lavandini in acciaio inossidabile. sistema modulare Cilly, cilindri, pvc di scarto Villa Welpeloo, 2009 edificazione attuale Tra il 1990 ed il 2005, la superficie agricola utilizzata è diminuita del 46%.
Dati provvisori del Censimento dell’Agricoltura 2010 e del 2011 evidenziano un ulteriore calo seguito però da un aumento dell’edificazione.
Si contano ad oggi un 50-60 % di serre dismesse presenti sul territorio, percentuale in continua crescita con il passare degli anni. La situazione attuale Obiettivo dell'architettura di oggi: soddisfare le esigenze di sviluppo della società proteggendo l'ambiente.

Soluzione: secondo utilizzo delle strutture, essendo leggere, costruite con materiali riciclabili e facilmente adeguabili e modulabili, in un ambito totalmente diverso dalla loro normale funzione secondo tecniche di reusing o superuse. il patrimonio delle serre esistente nel comune di Sanremo si estende su circa 200 ettari di cui almeno 100 costituito da serre fisse con struttura metallica, in parte dismesse da anni.
Valore: un centinaio di milioni di euro; andrebbe perduto totalmente con la demolizione di tali strutture. alcuni esempi di serre abbandonate vista di una vallata del comune di Sanremo La serra dal punto di vista costruttivo Classificate a seconda delle loro caratteristiche: tipo di climatizzazione, materiale impiegato per le strutture portanti, tipo di struttura (fissa, mobile), forma, indirizzo colturale. Si possono distinguere i seguenti grandi gruppi che rappresentano attualmente le serre più diffuse:
1) Serre a struttura portante in legno, o legno e metallo, o legno e calcestruzzo, coperte da film plastico flessibile;
2) Serre smontabili in legno o metallo e copertura in pannelli di vetro o di plastica rigida;
3) Serre in acciaio zincato con copertura in vetro o plastica rigida;
4)Serre autoportanti in acciaio galvanizzato e film plastici. Gli elementi che esplicano una funzione strutturale:
1) Fondazioni (rigide, flessibili)
2) Intelaiatura portante principale,
3) Strutture secondarie e di chiusura. Sezione dei profili di uso più comune impiegati come struttura secondaria. (A) profili portavetro, (B) profili portaplastica, (C) correnti di falda o di pareti Particolari dei profili costituenti la struttura principale e quella secondaria di una serra in acciaio schema di differenti tipi di strutture portanti Schema di fissaggio di lastre di vetro alla struttura di una serra. a, profilato in acciaio; b, molla blocca vetro; c, vetro; d, stucco Politecnico di Torino
Facoltà di architettura II
Studente: Luca Brusa
Relatori: R. Giordano / E. Montacchini Conclusioni

Lo studio condotto ha consentito di valutare la fattibilità di un recupero di materiali e componenti provenienti dalla dismissione di serre in stato di abbandono o che necessitano interventi di manutenzione straordinaria. La proposta di riuso dei vetri semplici e delle strutture in acciaio che costituiscono i principali elementi tecnici di una serra comporta una serie di vantaggi diretti e indiretti:

Vantaggi diretti:

Si evita un ricorso alla discarica per rifiuti speciali;
Si allunga la vita utile di materiali e componenti;
Si evita l’estrazione di materie prime e di risorse energetiche necessarie per la realizzazione di nuovi elementi tecnici;
Si evitano lavorazioni per riportare i materiali allo stato grezzo per essere processati di nuovo;
Si ha la disponibilità di poter usufruire di strutture leggere smontabili e rimontabili, facilmente adeguabili e modulabili.

Vantaggi indiretti:
Si contribuisce al miglioramento dell’impatto paesaggistico dovuto alla presenza di serre abbandonate o in parziale disuso.
Si prevede un riuso tal quale in loco, limitando gli impatti dovuti ai processi di trasporto in discarica o presso un centro di trattamento e recupero dei rifiuti.
Si contribuisce alla rinaturalizzazione delle aree dove andremo a smantellare le serre dismesse.
Si recupera il valore monetario delle strutture che andrebbe perduto con la sola demolizione. Obiettivo della tesi

Dimostrare, tramite la logica del super-utilizzo e inquinamento zero,
le possibilità di un recupero dei materiali e delle componenti di rifiuti e prodotti considerati a fine vita utile. DL n. 152, 3 aprile 2006, abroga, aggiornandolo, il decreto legislativo sopracitato, e costituisce la nuova regolamentazione dello smaltimento dei rifiuti in Italia;
Full transcript