Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

IL TESTO

No description
by

Nicolò Luisetto

on 27 November 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of IL TESTO

FABULA INTRECCIO
-Riguarda la
storia
;
-è costituita dagli
avvenimenti nella loro successione temporale
(il prima e il dopo)
e logica
(prima le cause poi le conseguenze).
-Riguarda il
racconto
;
-è costituito dall'
ordine in cui gli elementi della storia sono presentati dall'autore
.
Fabula e intreccio a volte
possono coincidere
STORIA

vs

RACCONTO

è semplicemente
il concatenarsi
di eventi
è un'opera letteraria, costruita con parole, frasi, capitoli
Ma come si può alterare
l'ordine cronologico
degli avvenimenti?

ANALESSI
PROLESSI
(o flash-back)
(o anticipazione)
evoca un evento
accaduto precedentemente
anticipa il racconto
di un evento successivo
...diversi tipi di...
INIZIO
FINALE
NARRAZIONE
AD INCASTRO
possono dare origine ad una
INIZIO CLASSICO
vengono presentati i personaggi,
i luoghi, il tempo e i fatti iniziali
(es. fiaba)
INIZIO DAL FINALE
in cui sono presenti
due o più storie collegate
tra loro attraverso alcuni
riferimenti temporali o
di luoghi.
il lettore è "catapultato"
all'interno della storia, nel
pieno svolgimento dei fatti.
INIZIO IN MEDIAS RES
la storia inizia a partire dal momento di spannung, si crea così un effetto di suspens e sorpresa.
FINALE CLASSICO
FINALE APERTO
FINALE A SORPRESA
la storia ha un lieto fine in cui è
stato superato il momento di
massima tensione e si è ristabilita
la tuazione iniziale di quilibrio.
viene lasciato libero pensiero
al lettore su come andranno a
finire i fatti (soggettivo).
avviene un fatto che il lettore
non si aspettava e che sconvolge
l'idea che si era fatto del finale.
LE SEQUENZE
LA STRUTTURA DI UN TESTO NARRATIVO
ESPOSIZIONE
ESORDIO
PERIPEZIE
SPANNUNG
SCIOGLIMENTO
ELLISSI
: saltare una parte di storia e farla capire alla fine
presentazione dei personaggi e della situazione iniziale, che può essere in equilibrio o già confilttuale
è l'avvenimento che, modificando
la situazione iniziale, mette in moto
l'azione vera e propria. Può introdurre
elementi di turbamento dell'equilibrio,
o accentuare un conflitto esistente.
sono gli avvenimenti che modificano
la situazione in cui il protagonista agisce, detrminando un peggioramento o un miglioramento.
è il momento di massima tensione, in cui l'azione culmina o precipita.
si ricompone l'equilibrio spezzato e l'azione si ristabilisce in bene o in male.
Che cosa sono?
E' una porzione di testo
con una sua autonomia
contenutistica e sintattica, riasumibile con un breve titolo verbale/nominale.
SEQUENZE NARRATIVE
SEQUENZE DESCRITTIVE
Sono
statiche
. Dedicate alla
descrizione dei luoghi, degli ambienti, dei personaggi
, non provocano mutamenti nello svolgimento della storia.
SEQUENZE RIFLESSIVE
Contengono le
riflessioni dei personaggi
o del narratore
. Sono anch'esse
statiche
perchè non determinanosvolgimento nell'azione, analizzano gli
stati d'animo dei personaggi
o propongono
commenti circa i loro comportamenti
.
SEQUENZE DIALOGATE
Riportano i
dialoghi fra i personaggi
, che per esempio discutono di un problema, e riproducono in maniera immediata lo svolgersi dell'azione.
Raccontano e quindi
fanno procedere l'azione
dei personaggi e gli avvenimenti in cui essi sono coinvolti;
sono dinamiche
, perchè trasformano una situazione, e
forniscono informazioni necessarie per comprendere la storia
.
MACROSEQUENZA
Un insieme di sequenze, che sviluppano un nucleo tematico e sono connesse tra loro da rapporti logici e temporali.
Ogni macrosequenza permette di individuare la costruzione logica dell'intreccio e
il passaggio da una macrosequenza ad un'altra può essere segnalato da un cambiamento di tempo, luogo, azione o personaggi
.
I PERSONAGGI
Si possono suddividere in base a
Il
PROTAGONISTA
modifica la situazione iniziale, allontanandosi dalla famiglia, per cercare qualcosa che non ha (oggetto del desiderio), per affrontare un compito difficile.
Il protagonista incontra una figura ostile, l'
ANTAGONISTA
, che lo ostacola.
Il protagonista e l'antagonista ingaggiano una
lotta
.
Creature dotate di poteri magici, gli
AIUTANTI
, consentono al protagonista di superare le avversità.
lieto fine:
il protagonista raggiunge il suo scopo.
I PERSONAGGI NELLA FIABA
LA GERARCHIA DEI PERSONAGGI
PERSONAGGI
PRINCIPALI
PERSONAGGI
SECONDARI
COMPARSE
Hanno i ruoli centrali; in particolare il protagonista è il personaggio più importante: è sempre al centro del discorso narrativo e su di lui si concentra maggiormente l'azione.
Hanno un ruolo di secondo piano ma funzionale allo svolgersi dell'azione, quindi possono condizionare lo sviluppo dell'intreccio.
Hanno un ruolo marginale epoco significativo, fanno da sfondo alla situazione, caratterizzano l'ambiente ma non hanno alcuna influenza sullo sviluppo dell'intreccio.
RUOLI E FUNZIONI DEI PERSONAGGI
L'eroe-protagonista entra in relazione con gli altri personaggi:
-egli lotta contro un
antagonista
per...

-raggiungere un
oggetto del desiderio
e...

-nella sua ricerca viene favorito da
aiutanti
oppure ostacolato da
oppositori
.

-il personaggio che stabilisce a chi andrà l'oggetto del desiderio ha il ruolo detto del "
destinatore
"
-il personaggio che ottiene l'oggetto del desiderio è il "
destinatario
".
PRESENTAZIONE DEI PERSONAGGI
Presentazione diretta
le caratteristiche del personaggio
sono descritte:
-dal narratore esterno
-dal personaggio stesso
-da un altro personaggio
Presentazione indiretta
il lettore ricava le
caratteristiche del personaggio
attraverso le sue azioni,
i suoi discorsi,
i suoi comportamenti.
Presentazione mista
le caratteristiche del personaggio emergono:
-in parte da una
presentazione diretta
-in parte da una
ricostruzione attraverso azioni, discorsi, comportamenti
LA CARATTERIZZAZIONE
FISICA
IDEOLOGICA
SOCIALE
CULTURALE
PSICOLOGICA
(sesso, nome, età, aspetto
fisico, lineamenti, espressione,
abbigliamento)
(sfera dei sentimenti e
tratti del carattere)
(valori e disvalori,
concezione della vita)
(ambiente da cui
proviene, abitudini)
(attività, professione,
sfera delle conoscenze)
La descrizione fisica di un personaggio può
comunicare una serie di informazioni sulla sua personalità. Il ritratto fisico ci fornisce implicitamente quello morale del personaggio, caratterizzato in tutto il romanzo con pochi tratti psicologici fondamentali e sostanzialmente statico.
L'atteggiamento del personaggio può essere condizionato dai codici di comportamento dell'ambiente da cui proviene.Il personaggio può integrarsi nell'ambiente a cui appartiene o sentirsi a disagio.
L'autore può integrare il ritrato psicologico di un personaggio presentandone le abitudini e la concezione della vita.
LE PAROLE E I PENSIERI
AUTORE
NARRATORE
LETTORE
-Quando la narrazione è
MIMETICA
(narratore nascosto);
-si dice, invece,
DIEGETICA
, quando il narratore si introduce nel testo con il suo punto di vista e i suoi commenti.
I PENSIERI DEI PERSONAGGI
SOLILOQUIO
-scritto in 1a pers.
-il lettore conosce i pensieri del personaggio senza la necessità di interventi del narratore
-il narratore non ordina i pensieri del personaggio
MONOLOGO INTERIORE
-scritto in 3a pers.
-tipico dei racconti psicologici o in cui si vuole approfondire un personaggio
-il narratore non interviene
FLUSSO DI COSCIENZA
-scritto in 1a pers.
-sono i pensieri, le emozioni, e le sensazioni dei personaggi che vengono riportati, dando così voce al subconscio umano (non sono presenti legami logici o sintattici tra le varie proposizioni)
LE PAROLE
DEI PERSONAGGI
Discorso diretto legato
-la distanza narratore-lettore è minima
-ci sono dei verbi di dire che introducono
-scritto in 1a persona

-consente al lettore di individuare più facilmente chi sta parlando
-non ci sono verbi che introducono
i dialoghi
-scritto in 1a persona
Discorso diretto libero
Discorso indiretto legato
-presenza di verbi che introducono
-scritto in 3a persona
-distanza tra narrato e lettore è massima
Discorso indiretto libero
-scritto in 3a persona
-assenza dei verbi introduttivi
-sembra di essere dentro alla testa del personaggio
-difficoltà nella distinzione personaggio-narratore
-lo sono tutti i flas-back
AUTORE,
NARRATORE
, LETTORE
Il narratore a volte si rivolge direttamente nell'opera a un destinatario chiamato
narratario
, come se fingesse di averlo davanti a se (es. Promessi Sposi)
AUTORE IMPLICITO
: è l'idea che un lettore si fa dell'autore reale di un testo (può non coincidere con la realtà)
LETTORE IMPLICITO
: è l'idea che si fa l'autore di chi sarà il pubblico (lettori) au cui sarà prevalentemente diretta la sua opera.
NARRATORE
INTERNO
ESTERNO
-è un TESTIMONE;
-è il PROTAGONISTA
PALESE
NASCOSTO
racconta i fatti in terza persona, con tono distaccato, senza mai intervenire direttamente e senza dare propri commenti, è INVISIBILE al lettore.
racconta la vicenda in terza persona, ma interviene apertamente, a volte anche in prima persona, per giudicare, interpretare e commentare i fatti secondo le proprie idee.
se sono presenti
più narratori
distinzione dei narratori per "gradi"
es. nei Promessi Sposi:
-narratore grado 1
-narratore grado 2
se narra gli avvenimenti
da molti anni prima
io narrante
(narratore)
io narrato
(protagonista)
AUTOBIOGRAFIA
: unico caso in cui autore e narratore coincidono
TUTTA QUESTIONE DI
PUNTO DI VISTA
...

NARRATORE
esterno
interno
adotta
può adottare
FOCALIZZAZIONE
ZERO
FOCALIZZAZIONE
ESTERNA
FOCALIZZAZIONE
INTERNA
FOCALIZZAZIONE
INTERNA
il narratore è
ONNISCENTE
(ne sa di più dei
personaggi). Può
adottare il suo
punto di vista, o
quello di un perso-
-naggio, o ancora
quello di nessuno.
il narratore ne sa
come uno dei perso-
-naggi o più. Ha perciò
una conoscenza
parziale dei fatti. La
focalizzazione interna
può essere: fissa(punto
di vista 1 pers.), variabile
(più punti di vista) o
multipla (nello stesso
momento punti di vista
di più personaggi).
è la stessa cosa
che vale per la
focalizzazione
interna del narratore
esterno.
il narratore ne sa
meno dei personaggi.
Il punto di vista è
quello di un narratore
esterno nascosto, che
descrive solo ciò che
appare evidente nel
luogo e nel momento
nei quali osserva la
vicenda.
SPAZIO
e

TEMPO

LO SPAZIO
1. La storia è ambientata in
luoghi reali
, che possono essere descritti con precisione geografica, o in "
mondi fantastici
" semplicemente indicati?
2. Prevalgono spazi
aperti
o
chiusi
?
tipico dei racconti
di azioni e di
avventura, rappre-
-senta di solito una
promessa di felicità.
ad es. lo spazio
chiuso della casa può indicare il rispetto dei valori morali della famiglia.
-i luoghi hanno un
significato simbolico
?
-ci sono "
coppie opposte
", alto-basso, chiuso-aperto?
-lo spazio è
elemento importante
nella storia o è solo di contorno?
Gli eventi di una storia possono
essere collocati in tre diversi periodi
rispetto a quando quest'ultima è scritta:
-nel
PASSATO
(che può essere il tempo imprecisato delle fiabe);
-nella
CONTEMPORANEITA'
;
-nel
FUTURO
.
LA DURATA NARRATIVA
TEMPO DELLA STORIA
TEMPO DEL RACCONTO
è l'arco di tempo che gli avvenimenti occupano.
è la sua rappresentazione narrativa, ossia lo spazio che l'autore attribuisce agli avvenimenti nel testo dedicando a ciascuno una certa quantità di parole, righe o pagine.
il
TEMPO DELLA STORIA
e il
TEMPO DEL RACCONTO difficilmente coincidono
, proprio perchè il narratore può riferire più o meno estesamente le vicende.
da questo si determina il
RITMO NARRATIVO
All'interno di ogni racconto o romanzo, quindi, il rapporto fra tempo della storia (TS) e tempo del racconto (TR) varia e questo produce effetti sul ritmo perchè l'uso delle diverse forme della durata narrativa lo rallenta o lo accellera.
ELLISSI
TR=0 TR minore TS
SOMMARIO
TR minore di TS
SCENA
TS=TR
RIFLESSIONE
DIGRESSIONE
DESCRIZIONE
TS=0 TR è maggiore TS
alcuni fatti non vengono narrati. Il racconto procede molto velocemente e il ritmo è sostenuto.
il racconto procede più velocemente dello svolgimento dei fatti perchè in poche righe sono sintetizzati più avvenimenti.
il tempo del racconto coincide con quello occupato dai fatti. Storia e racconto sono in equilibrio, il ritmo della narrazione è moderato.
il tempo del racconto si dilata rispetto a quello della storia, poichè quest'ultima rimane sospesa (non succedono fatti, ma sono presenti lunghe descrizioni o riflessioni): il racconto procede con lentezza.
RITMO VELOCISSIMO
RITMO VELOCE
RITMO MODERATO
RITMO LENTO
Full transcript