Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Studio Ghibli

No description
by

Valter Grosso

on 27 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Studio Ghibli

Lo straordinario successo tra pubblico e critica di Nausicaä della Valle del Vento diede l’impulso per la creazione dello Studio Ghibli.

Tokuma Shoten fondò lo Studio insieme ai registi Hayao Miyazaki e Isao Takahata nel 1985.


Storia
Studio Ghibli
La storia dello Studio Ghibli, però, è iniziata più di trent’anni prima: Miyazaki e Takahata si incontrano e lavorano alla Toei Animation, uno studio di produzione di film di animazione per il cinema che poi cominciò a produrre soltanto cartoni animati per la tv (tra cui la serie Heidi, in onda nel 1974).
Gli inizi...
Insoddisfatti dei limiti del piccolo schermo, desideravano fare qualcosa di più: creare un’animazione di altissima qualità, che esplorasse la profondità della mente umana e illustrasse le gioie e i dolori della vita e delle emozioni.

La filosofia dello Studio Ghibli: "mai, per nessun motivo, sacrificare la qualità".
Perchè?
Durante la Seconda Guerra Mondiale, i piloti italiani in Nord Africa chiamavano "Ghibli" un vento caldo del deserto proveniente dal Sahara, così come i loro aeroplani da ricognizione. Hayao Miyazaki, che ha da sempre una passione per i velivoli, ha deciso di usare questa parola come nome per il nuovo studio: “Facciamo soffiare un vento caldo nel mondo dell’animazione giapponese!”.
Il nome
Miyazaki capisce che per realizzare film di qualità è indispensabile una base operativa fissa, un’organizzazione ben salda: propone perciò la costruzione dello Studio 1.

E' l’inizio della seconda fase dello Studio Ghibli.

L’alta qualità, il perfezionismo dei registi.
I temi rimandano sempre all’attualità.
Continuità dei lavori dello Studio
Marketing
Le ragioni del successo
Verso la metà degli anni ’90 i film cominciano a essere tradotti e portati nelle sale cinematografiche occidentali. Nel 1996 Disney propone una partnership con Ghibli che include la distribuzione di tutti i film dello Studio nel mondo.
Educazione
Miyazaki ha una concezione piuttosto pessimista della società in cui vive.

Egli intende mostrare con i suoi film un'alternativa alla vita urbana.

Fondamentali sono il tema della vita rurale, la libertà e la ribelione.
Infanzia
La maggiorparte dei lungometraggi ha come protagonisti dei bambini o adolescenti che affrontano le difficoltà della vita.

Vengono dotati di particolare coraggio, innocenza, purezza, fantasia e forte affinità con la natura.

La critica li definisce "superbambini".
Guerra
Miyazaki è un convinto antimilitarista e pacifista.

Il tema è affrontato in modo estremamente crudo, realistico, violento.

Vediamo la fame, la povertà, la malattia, la morte.

Il punto di vista è quello degli innocenti.
E' vista come terribile, portatrice di distruzione, ma anche come insensata, stupida, frutto della sola sete di potere dell'uomo.

Distrugge il mondo e la natura.
Ambientalismo
Miyazaki e Takahata hanno sempre ritenuto che l'uomo e la natura debbano convivere, coesistere in simbiosi.

La situazione socio-economica giapponese dalla conclusione del secondo conflitto mondiale fino ad oggi non è affatto rassicurante in questi termini.
Nemmeno i bambini hanno più un vero legame con la natura, ed è ciò che più affligge gli autori.
Miyazaki: "L'uomo merita l'apocalisse".
Nei film troviamo una forte critica alla speculazione edilizia, l'urbanismo, il consumismo, il disboscamento sconsiderato, le discariche abusive.
Il tema è controverso e così viene presentato.
Aspetto tecnico
E' certo che lo Studio Ghibli è in grado di trasmettere messaggi attraverso le proprie produzioni grazie al forte impatto sul pubblico e sulla critica locale e mondiale.

La filosofia del mantenere la qualità come priorità assoluta ha dato frutti a dir poco inaspettati.
Colonna sonora
Dettagli
Personaggi e trama
Prima ancora del pubblico, i film conquistano la critica:

"Il mio vicino Totoro" vince la maggior parte dei premi cinematografici giapponesi, e di "La tomba delle lucciole" si parla come di una vera opera d’arte.
Film lunghi tre ore che scorrono come 20 minuti grazie a trame fluenti, conivolgenti e personaggi (primari, secondari e comparse) caratterizzati sino ai più minimi dettagli.
Affidata nella maggiorparte dei casi al maestro Hisaishi, la colonna sonora è uno dei punti più forti delle opere firmate Ghibli. Curata in ogni dettaglio, la musica accompagna i gesti, i dialoghi immergendo lo spettatore nelle dinamiche della vicenda.
I critici definiscono la cura nei dettagli tipica dei disegnatori dello studio Ghibli come "maniacale". Oggetti, volti, macchine, paesaggi: ogni fotogramma è curato come un'opera d'arte.
Full transcript