Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Avamposto 42

No description
by

Maria Vittoria

on 22 January 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Avamposto 42

Che cos'è Avamposto42?
<< L’ “Avamposto42” è il racconto di un viaggio, anzi di più viaggi. (...) Avamposto42 vuole essere la casa, il luogo di ritrovo e di tutti coloro che vorranno accompagnarci in questa bella avventura. (...)
Ma Avamposto 42 è anche un viaggio verso il mondo della nutrizione. Noi astronauti (...) sappiamo qual è la chiave fondamentale per mantenerci in salute: alimentarci con il cibo giusto. Ho scoperto su me stessa nel tempo che un po’ di conoscenze e un po’ di consapevolezza nel settore della nutrizione possono orientare le nostre scelte alimentari e fare una differenza sorprendente nel nostro livello di benessere, di vitalità e di salute. >>
Chi è Samantha Cristoforetti?
Avamposto 42
http://avamposto42.esa.int/
Nata a Milano ma cresciuta in provincia di Trento, Samantha Cristoforetti è uno dei sei astronauti ESA (Agenzia Spaziale Europea) della classe 2009. Si è laureata a Monaco in ingegneria meccanica con una specializzazione in propulsione spaziale.
La sua carriera in Aeronautica Militare comincia nel 2001, con la frequenza del Corso Regolare presso l’Accademia di Pozzuoli. Nel 2005, con grado di Tenente, viene inviata alla scuola di volo Euro-NATO dove consegue il brevetto di pilota militare.È stata selezionata come astronauta ESA nel 2009 e ha completato l’addestramento di base nel novembre del 2010. Nel 2011, in qualità di Reserve Astronaut per ESA, ha iniziato il suo addestramento ai sistemi della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), quello per le EVA (le “passeggiate spaziali”) e quello per le operazioni robotiche. Si è inoltre qualificata come primo ingegnere di volo (un ruolo simile a un co-pilota). A Luglio 2012 è stata assegnata alla missione “Futura” dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) a bordo della ISS di cui il volo è avvenuto il 23 Novembre 2014
http://avamposto42.esa.int/futura/samanthacristoforetti/
Alimentazione
nello spazio
Nello spazio gli astronauti si nutrono di alimenti energetici a lunga conservazione realizzati dalla marca Space Food Lab. Questa azienda realizza prodotti semplici con ingredienti sani e maturi, all'interno di questi alimenti si possono trovare sostanze antiossidanti,antibattercihe,antinfiammatori essenziali mantenere in salute il proprio corpo. Gli alimenti sono costituiti da un insieme di sostanze che hanno funzioni diverse all’interno del nostro organismo e che vengono genericamente definiti nutrienti. Questi a loro volta si suddividono in macro e micro-nutrienti a seconda della quantità necessaria ad un corretto funzionamento del nostro organismo.
La "manicure" nello spazio
Cos’è Avamposto42?

Chi è Samantha Cristoforetti?

Alimentazione

Curiosità
Indice
Fiamme spaziali
Gli scherzi che vi gioca il cervello a zero-g
Quando si accende una candela, per esempio, la fiamma si allunga verso l’alto perché viene “allungata” dalle correnti di aria calda che formano e che risalgono verso l’alto. Le correnti si formano infatti come conseguenza del principio di Archimede. Quando una bolla di aria calda si forma, si espande e in questo modo sposta un volume di aria fredda, che ha un peso maggiore di quello della bolla. Ne risulta una spinta verso l’alto che porta la bolla a spostarsi. Poiche’ in microgravità il peso dei corpi viene annullato, anche la spinta subita dall’aria calda verso l’alto viene annullata. Dunque non ci sono quelle correnti che danno alla fiamma terrestre la sua tipica forma. Di fatto le fiamme, in orbita, tendono a essere sferiche.
Il nome
Leggendo il nome del progetto, gli appassionati di fantascienza avranno notato il collegamento: negli ironici libri di Douglas Adams, autore della Guida Galattica per autostoppisti, il numero “
42
" era la risposta alla domanda più importante dell’universo.

Anche questa volta il numero
42
riguarda lo spazio, ma si inserisce in un contesto molto più concreto: Avamposto 42 è il nome del nuovo sito web presentato dall’
Agenzia spaziale italiana ed europea
in collaborazione con l’Aeronautica militare, che affronterà temi riguardanti la
salute
e l’
alimentazione
(tra le stelle e sulla Terra).

Il progetto fa parte della
missione Futura
, a cui parteciperà anche
Samantha Cristoforetti
, la prima astronauta donna italiana dell’agenzia spaziale europea Esa e capitano dell’Aeronautica Militare. Faranno parte dell'equipaggio anche l’americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov.

Blind and Imagined
” si svolge nel laboratorio giapponese JEM e richiede di preparare un gruppo di quattro telecamere chiamate
Elite
, che riprendono uno specifico volume nel modulo. All’interno di quel volume, il soggetto esegue una serie di movimenti e il moto in tre dimensioni viene tracciato con precisione dalle telecamere Elite, grazie a una serie di marcatori riflettenti attaccati al corpo del soggetto: si tratta sostanzialmente di piccole sfere, delle dimensioni di una biglia, con speciali proprietà ottiche. Si fissano su una striscia adesiva e possono quindi essere applicate sulla pelle: ho dovuto metterne un certo numero sulla parte destra del mio corpo, dalla caviglia alla fronte, fra cui diverse sulla mano per la seconda parte del protocollo, in cui dovevo immaginare di lanciare una palla verso un bersaglio con diversi livelli di forza. Nella prima, invece, ho dovuto avvicinarmi per prendere un bersaglio davanti a me, piegandomi all’altezza dei fianchi e delle caviglie, a volte con gli occhi aperti, a volte con gli occhi chiusi.

L’esperimento mira a studiare
l’adattamento sensoriale-motorio nello spazio.

Come adatta il vostro cervello la sua strategia per controllare il movimento e l’equilibrio in questa condizione molto aliena dell’assenza di peso?

Qualsiasi comprensione si ottenga del funzionamento del cervello potrebbe nel tempo aiutare a curare persone con disturbi neurologici o lesioni.
http://avamposto42.esa.int/blog/diario-di-bordo/single/l3-gli-scherzi-che-vi-gioca-il-cervello-a-zero-g/
http://avamposto42.esa.int/blog/fiamme-spaziali/
Non esistono delle regole che impongano o, al contrario, vietino di sopprimere il ciclo mestruale durante una missione nello spazio. C'è chi fa semplicemente un uso “classico” della piccola anticoncezionale di fatto sopprime già il proprio ciclo mestruale. Le perdite durante la settimana di interruzione (o di placebo), non sono una vera mestruazione, ma un cosiddetto sanguinamento da sospensione.
Se si decide invece di avere un regolare ciclo mestruale a bordo, non è certo un problema. Ci sono stock di prodotti igienici e la “scocciatura” mi sembra davvero minima.
Che ne dite di tagliarsi le unghie nello spazio? Come vi assicurate di non perdere nella cabina un pezzo di unghia tagliata, che potrebbe finire negli occhi di qualcuno?
Mi è stato raccontato che lo si fa vicino a una griglia di ventilazione di ingresso, ma non ero convinta al 100% che sarebbe andato liscio. A ogni modo, sono lieta di riferire che ha funzionato alla grande. Ho trovato una griglia di ingresso con una maglia molto fitta e un flusso d’aria vigoroso e mi sono tagliata le unghie con cura proprio lì davanti e, infatti, tutti i pezzi sono andati nella direzione giusta e si sono attaccati alla superficie della griglia. Alla fine ho dovuto solo passare l’aspirapolvere.
http://avamposto42.esa.int/blog/diario-di-bordo/single/l13-l14-di-asciugamani-e-weekend-nello-spazio/
Innanzitutto ogni astronauta e’ seguito prima, durante e dopo la missione da un team medico per assicurarsi che la sua salute sia sempre al meglio.
Prima della partenza l’equipaggio vive, per precauzione, le ultime due settimane prima della partenza in quarantena in un’area apposita. Le visite sono ridotte al minimo necessario e ogni persona, dal personale ai familiari, e’ sottoposta a controlli medici prima di ottenere il permesso di entrare nella zona riservata. Anche un banale raffreddore potrebbe essere un problema…
Esiste poi a bordo una buona farmacia e una serie di strumenti che permettono di fare ” telemedicina” con il medico della missione che è a terra. Ovviamente se la situazione è talmente grave da richiederlo, si deve interrompere la missione e rientrare; una cosa del genere non è però per fortuna mai accaduta soprattutto perché tutti gli astronauti sono tenuti talmente sotto controllo che è difficile che sfugga qualcosa prima del volo.
E se si sta male...?
La missione "Futura"
Si chiamerà: “Futura” la missione di Samantha Cristoforetti.
Il nome è stato scelto in seguito al concorso lanciato il 4 novembre dall’ Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Esa e Aeronautica Militare. L'iniziativa 'Dai un nome alla Missione di Samantha Cristoforetti' aveva come obiettivo di invitare il grande pubblico a contribuire all'ideazione del nome ufficiale della Missione ISS 42/43, rispondendo all'annuncio di Samantha Cristoforetti e di Luca Parmitano. Tra le oltre mille proposte arrivate, in base ai criteri di originalità, creatività e agli aspetti del volo spaziale indicati da Samantha Cristoforetti nel suo annuncio, Futura è stato il nome più proposto.

I macronutrienti sono le sostanze di cui il corpo ha un grande bisogno perché apportano energia e materia prima per la costruzione e riparazione dei tessuti. Ne fanno parte sostanze come i glucidi e lipidi ed elementi come ossigeno, idrogeno e acqua.
Sono detti "macro" perché vengono assunti in quantità maggiore rispetto ai micronutrienti. Infatti l'unità di misura utilizzata per queste sostanze è il grammo, mentre per i micronutrienti occorre utilizzare il milligrammo. Anche l'acqua è un macronutriente ma spesso non viene considerato come tale.
I micronutrienti, invece, sono necessari in piccole quantità e si suddividono in vitamine e minerali sono generalmente assunti in quantità inferiori al grammo giornaliero. Anche i micronutrienti sono presenti nei normali alimenti, ma una dieta non equilibrata possono causare problemi e malattie dovuti alla carenza di uno o più micronutrienti.
I Micronutrienti
I Macronutrienti
E ora ecco alcuni video...
Curiosità
Nelle seguenti slide abbiamo approfondito alcune curiosità formulate dai seguaci di Samantha, i quali le hanno posto delle domande a cui ha risposto nel blog dell'Avamposto42 (nella pagina "Chiedilo a Samantha")
http://avamposto42.esa.int/blog/categoria/futura/samanthacristoforetti/chiedilo-a-samantha/
Ciclo mestruale a bordo
Full transcript