Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Fiorenzuola, 23/04/2015: BYOD e inclusione: esperienze concrete

2 ore e mezza
by

Anna Rita Vizzari

on 1 April 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Fiorenzuola, 23/04/2015: BYOD e inclusione: esperienze concrete

Alcune situazioni di lavoro
Mondi virtuali per dare mobilità
Cl@ssi 2.0
http://archeodidattica.bibienne.net/page/4/
Alunna sulla sedia a rotelle
Incontro con l'équipe
La risposta del medico è: “Ma certo, perché stando sulla sedia a rotelle ha difficoltà nell’orientamento, non ha la percezione dello spazio".
La soluzione
La procedura
L'alunna, dal pc docente, si muoveva con il mio avatar in ambienti protetti, sotto la mia sorveglianza (Second Life ha restrizioni anagrafiche).
I risultati
Progressivi miglioramenti nelle verifiche di Geografia.
Mondi virtuali come strumento per fare cose che non si possono fare nella vita reale.
Un'esperienza di qualche anno fa
Attiva e partecipe, se doveva completare cartine mute non riusciva a lavorarci.
I passi
Tragitti lineari
Ambienti via via più complessi
Inibizione iniziale
Sempre maggiore dimestichezza
Sempre maggiore orientamento nello spazio.
Stesso dispositivo, diverse modalità.
Intelligenze multiple
Sfruttare i punti di forza degli alunni per compensare e rinforzare i punti di debolezza.
Cl@ssi 2.0
Bridging
Alunno irrequieto
Attività manipolative alla LIM (non c'erano ancora i tablet), gestione delle turnazioni in classe.
Alunna con il sostegno
Acquisizione di notevoli competenze informatiche che le permettevano di fare il
peer tutoring
con i compagni,
Realizzazione di video didattici curati nella forma e nel contenuto.
Classe estremamente variegata
Supporto teorico: Gardner e le IIMM (grazie al corso Erickson di G. Gentili).
Forte bisogno di personalizzazione dei percorsi
Quali prodotti?
La scrivania virtuale
Una visione d'insieme su diverse risorse cliccabili.
Un modello
La scrivania di JFK
Un'emulazione
Scrivanie virtuali per iTEC3
Un modello
http://www.digitalvaults.org/
Un'emulazione
http://linoit.com/users/annaritavizzari/canvases/Agenda%20di%20Luigi%20XIV
Un modello
http://www.anobii.com
http://microsites.jfklibrary.org/presidentsdesk
http://www.lavagnataquotidiana.org/2011/08/frugare-nella-scrivania-di-j-f-kennedy.html
http://itecsestu3.blogspot.it/2012/12/le-scrivanie.html
http://bricks.maieutiche.economia.unitn.it/?p=3437
La Tavola periodica degli elementi più svariati
Per un approccio "naturalistico" basato sulla classificazione.
Un modello
La tavola periodica degli stili di visualizzazione
http://www.visual-literacy.org/periodic_table/periodic_table.html
http://www.lavagnataquotidiana.org/2011/06/tavole-periodiche-degli-elementi-piu.html
Un'emulazione
Tavola periodica degli elementi della frase
http://www.symbaloo.com/mix/tavolaperiodicainfieri
L'Abbecedario di quello che si vuole
Per individuare parole-chiave con contenuti da approfondire.
Un modello
Una semplice immagine che circola da anni su Facebook.
Un'emulazione
Attività a distanza
http://cadeosestuamicivirtuali.blogspot.it/
La bacheca con post-it
Lo scaffale virtuale
Un'emulazione
http://geeksestu3.blogspot.it/p/i-nostri-booklet-su-calameo.html
Scheumorfismo digitale e metafore per la rappresentazione "visuale" dei lavori svolti dai ragazzi. Vediamone alcune.
Il trailer fatto in classe

Usando l'App iMovie:
Tutto il resto è BYOD:
dispositivi differenti, collaborazione pura.
Preferiamo il notebook per...
...le attività più lunghe e impegnative.
Il "Kit di sopravvivenza off-line"
Vantaggi
Raro che un'applicazione sia tanto agevole quanto il software o il webware corrispondente.
Domanda critica:
Ma così alcuni ragazzi si perdono i materiali realizzati nei netbook altrui?
E infatti...
...arrivano dei momenti in cui chi ha tablet o minitablet deve accantonarlo per lavorare collaborativamente con chi ha il netbook.
No!
- o vengono linkati i lavori presenti nel cloud (su Prezi, Mindomo e affini)
- o vengono condivisi i file.
Fondamentale il gruppo
su Facebook o Edmodo, dove:
Studiare prendendo appunti e/o creando mappe mentali
Fare giochi costruttivi
Girare video
di documentazione e per la metacognizione.
Varietà di dispositivi:
risorsa più che intralcio
In pause relax dopo il lavoro.
Doverosa premessa
Privacy e documentazione didattica in certi casi sono inconciliabili: la materia trattata è molto delicata.
Progetti iTEC di EUN
Definizioni concrete delle "learning activities".
Approccio ribaltato
- confronto di respiro nazionale ma anche europeo,
- contatti con figure importanti (Stefano Benni) ed esperti.
BYOD e Inclusione: Esperienze Concrete.
Anna Rita Vizzari
www.lavagnataquotidiana.org
Twitter:
@latiranna

Compiti autentici più che prodotti
Collaborazione e condivisione in presenza e online.
L'acronimo
Bring
Your
Own
Device
"Porta il tuo dispositivo"
La cornice scolastica (ed extra-)
Comunicazione studenti-famiglie-docenti che abbatte i confini spazio-temporali.
Documentazione con blog (contenenti embed o link delle risorse realizzate con i vari webware) e microblog (per la diretta).
Preferiamo/usiamo il tablet per...
Preferiamo/usiamo lo Smartphone per...
Mostrare lavori
come ricostruzioni 3D su Minecraft o cose lasciate a casa per motivi d'ingombro/peso (plastici, per esempio).
Far ascoltare musica
Quando i ragazzi conoscono brani che richiamano i contenuti trattati.
Twittare
Tutti hanno almeno lo smartphone, tutti possono contribuire contemporaneamente: inclusione tecnologica.
Documentare
i processi
Scattando foto o registrando video
Non più dalle tecnologie al progetto bensì dal progetto (learning story articolata in learning activities) alle tecnologie.
Ulteriori aperture verso l'esterno
Tutti hanno almeno un dispositivo.
Fare esperienza di movimento nello spazio mediante una simulazione su Second Life.
Avatar, nostro alter ego virtuale.
Ambiente 3D che richiama i videogiochi.
Ora si può usare il mondo virtuale dell'Indire.
http://www.scuola-digitale.it/ed-mondo/progetto/info
Anna Rita Vizzari
Circolo virtuoso
Tutti hanno qualcosa da dare e da chiedere, in loop.
Esperienza di richieste "avanzate" da parte di alunni con il sostegno su cose che in altri contesti avrei visto mesi dopo: problem posing e problem solving.

Attività 1: creiamo dei gruppi equi-eterogenei
Nota per me --> link per il docente:
http://teamup.aalto.fi/?class_key=fioreviz&teacher=1428841911850
1) Digita questo url:
http://teamup.aalto.fi/?class_key=fioreviz
2) Scegli un numero-studente e scàttati una foto per identificarti.
3) Ora concordiamo le vostre caratteristiche per creare i gruppi.
3) digitare il codice della room: vizzanna (la teacher deve attivare il quiz prima)
2) student login
1) App Student o http://www.socrative.com
4) inserire il proprio nome
5) rispondere alle domande.
(utile per: fare quiz, giochi e verifiche)
Mettendo le mani avanti...
Potremmo avere delle difficoltà (tecniche o di connessione) che accadono anche in classe.

Significa che questo laboratorio sarà realistico: docente e alunni collaborano nella gestione dei problemi.

E, poiché le tecnologie devono aiutare e non ostacolare, le si possono anche accantonare momentaneamente.
Laboratorio qui e ora
Step dell'Attività
Step dell'Attività
Attività 3: facciamo il quiz finale
Attività 2: creare un archivio o un visual portfolio
1) App Pearltrees
2) Login (anche con account passe-partout)
Step dell'Attività
Fra noi
Verso l'esterno
Esperienze
Dopo Cl@ssi 2.0,
abbiamo lavorato in modalità BYOD.

Un BYOD proposto dai genitori prima che sapessimo che si chiamava così.
Gli scenari didattici per un BYOD collaborativo..
Un modello
Sempre http://www.digitalvaults.org/
Un'emulazione
L'archivio virtuale
http://www.pearltrees.com/vizzanna
3) Creare scatole e riempirle.

Costruzione collaborativa alla LIM
Lavori di gruppo in disordine creativo
Presentazioni di gruppo
Mobile learning all'esterno
Simulazione di colloquio di lavoro
La mia prima attuale
Una presentazione nella presentazione: approfondimento teorico-pratico sulle IIMM
Caratteristiche
Non adozione Geografia
Machinima per spiegare processi e fenomeni
Mappe e presentazioni collaborative
- Creata su richiesta, per la prima volta
- Presenza di 2 docenti di Sostegno.
- Quasi tutti gli alunni dotati di device (i mancanti forniti in comodato con gli avanzi di Cl@ssi 2.0).
- Sperimentazione della non adozione del libro di testo.
Sito alternativo (Geocompetenze) con materiali miei o degli alunni.
Plastici "reali" e plastici virtuali (su Minecraft)
Questione delle autorizzazioni per le interviste a terzi.
Questione dello "sbobinare" in modo lineare per alcuni alunni.
Full transcript