Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Com'è fatto un giornale?

PERCORSO STRUTTURATO IN 3 MODULI:1) COM'E' FATTO UN GIORNALE? 2) ALCUNI CONSIGLI PER SCRIVERE UN BUON ARTICOLO 3) LE TAPPE STORICHE PIU' SIGNIFICATIVE DEL CORRIERE DELLA SERA
by

Sara Tonon

on 10 April 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Com'è fatto un giornale?

IMPARIAMO A SCRIVERE UN ARTICOLO DI GIORNALE
COM'E' FATTO UN GIORNALE?
TESTATA
DATA
TITOLO
NOME DEL DIRETTORE
PREZZO
MANICHETTE
LA PRIMA PAGINA
- alto a sx.
- scritto dal direttore (non è firmato)
- scritto da un giornalista famoso (editoriale)
- argomenti: politica o attualità (nella linea editoriale)
- notizia di taglio alto
- la notizia più importante della giornata
- può far scomparire l'articolo di fondo
- dx. articolo di apertura
- 2^ articolo per importanza
PS: la terza pagina è, di solito, dedicata alla cultura
La struttura o gabbia in cui si rinchiudono i contenuti della pagina si chiama
menabò
(termine che deriva probabilmente dall’espressione dialettale “mena i bò”, ovvero “conduce i buoi”, a indicare metaforicamente la funzione di guida all’organizzazione dei contenuti (sopra e a fianco due “possibili” menabò).

PS: si chiama invece
timone
lo schema di un intero giornale, un elenco numerato delle pagine con l’indicazione di tutti i contenuti.
MENABO'
Il problema delle colonne...
Le pagine di un quotidiano
tradizionalmente
erano divise in
nove colonne
,
oggi
prevale una divisione
in sette colonne
. In base al numero di colonne che un articolo occupa si capisce la sua importanza (gli articoli più importanti si estendono per più colonne).
L’espressione "Titolo a nove colonne" è entrata ormai nel linguaggio comune (anche ironico) per riferirsi a una notizia che merita la massima attenzione.
Il giornale “La Repubblica” esce dal 1976 in
formato tabloid
, a
sei colonne
, che è più piccolo e maneggevole di un quotidiano tradizionale a nove colonne. Il formato tabloid è stato via via adottato anche da altri quotidiani come “Il manifesto” e, da settembre 2014, “Il Corriere della sera”.
FORMATO A 9 COLONNE
TITOLO A 9 COLONNE
FORMATO A 7 COLONNE
FORMATO TABLOID (6 COLONNE)
AI TITOLI
IL TITOLO E' L'UNICO ELEMENTO OBBLIGATORIO
LE PAGINE... OLTRE LA PRIMA
Nelle pagine interne => ''testatina'' (indica la sezione del giornale in cui ci troviamo):
- politica interna
- politica estera
- economia e finanza
- sport
- attualità
- spettacoli e cultura
- cronaca locale
Esistono diverse tipologie di articolo, le più diffuse sono:
1) articolo di fondo => funzione di commentare
2) articolo di cronaca => funzione di informare

Esistono diverse tipologie di cronaca:
1) nera (rapine, rapimenti, risse, omicidi, ...)
2) rosa (fatti di costume, gossip, spettacoli, curiosità, ...)
3) cronaca giudiziaria (indagini, processi, ...)
4) cronaca bianca (avvenimenti politici, sindacali, ...)
5) cronaca sportiva
LA REGOLA DELLE 5 W + 1 H
1) WHO?
2) WHAT?
3) WHEN?
4) WHERE?
5) WHY?
6) HOW?
FASE DI PROGETTAZIONE
MASSIMA ATTENZIONE al DESTINATARIO (nel compito in classe potresti sceglierlo tu o potrebbe esserti dato)

1) LEAD (intro)
2) CORPO (dettaglio)
3) CONCLUSIONI (''commento'', indicazioni sugli sviluppi della vicenda, commento da parte di autorità, ...)


LEAD
NB: gli esempi proposti sono tratti da: F. Salerno,
La tecnica della scrittura giornalistica
, p. 149 e sg.
LEAD NOMINALE
Un altro fine settimana tragico sulle autostrade italiane. Le vittime due coniugi romani G.L., 72 anni, e sua moglie, A.G., 67 anni, morti per una tragica fatalità. Luogo dell'incidente:l'A1 Roma-Napoli, all'altezza dei caselli autostradali di Anagni e Colleferro. Alle 7:15 di ieri mattina, il tragico urto della loro Opel Kadet contro il guardrail
LEAD ENUNCIATIVO
Sono G.L. e A.G. le ultime vittime della strada. i due coniugi romani, rispettivamente 72 e 67 anni, hanno perso la vita sul segmento autostradale compreso tra Anagni e Colleferro dell'A1 Roma-Napoli. Ieri, a bordo di una Opel Kadet, partiti da Firenze, dove risiedevano ormai da tempo, tornavano per trascorrere la vacanza insieme ai parenti residenti in città. L'auto si è schiantata, per motivi imprecisati, contro il guardrail.
LEAD INTERROGATIVO
C'è un modo più assurdo di morire di quello per distrazione mentre si guida in autostrada? Eppure è anche uno dei modi più frequenti. E' capitato a G.L., 72enne e alla moglie, A.G., di 67 anni, entrambi romani. L'incidente è avvenuto all'altezza dei caselli autostradali di Anagni e Colleferro, sull'A1 Roma-Napoli. I due anziani, che tornavano da Firenze, erano diretti a Roma.
LEAD CON PARTICOLARE
La ruota dell'auto capovolta ancora gira quando arrivano le troupe televisve. Intanto due coniugi hanno perso la vita. Si tratta di G.L., romano di 72 anni e sua mogli A.G., 67 anni, protagonisti dell'ultimo tragico fine settimana. Teatro dell'incidente (...)
LEAD CON VIRGOLETTATO
''E' stato terribile. L'auto si è capovolta ed è schizzata nella corsia opposta''. Sono le parole dell'agente della Polstrada che per primo ha raggiunto il luogo in cui due coniugi romani, G.L., 72 anni e A.G., sua moglie di 67 anni, hanno trovato la fine. (...)
LEAD CON MASSIMA UNIVERSALE
''La morte, mistero inesplicabile, di cui un'esperienza quotidiana sembra non aver ancora convinto gli uomini'': lo diceva Benjamin Constant. Sembra una frase solo letteraria, quasi retorica, e invece è una descrizione incisiva di una tragica realtà. (...)
ORA TOCCA A TE!!!
RICONOSCI LA TIPOLOGIA DI LEAD E RISCRIVI LE ALTRE POSSIBILE
POZZUOLO. Due furti in una settimana al campo sportivo di Sammardenchia, fra l’altro nel mirino dei ladri non per la prima volta. A denunciare l’accaduto è il presidente dell’Unione calcio comunale di Pozzuolo, Denni Tion. La prima incursione all’antivigilia di capodanno, quando sono spariti bevande e alimenti destinati al dopo partita per i giocatori.
Fonte: http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2016/01/08/news/campo-sportivo-nel-mirino-due-furti-in-una-settimana-1.12741627
PER RIASSUMERE
SCALETTA PER UN BUON ARTICOLO
1)
LEAD

2)
BLOCCO
:
- CRONACA => continuiamo a ''lavorare'' sulla notizia (eventuali dichiarazioni, posizioni di qualche esperto,...)
- ARTICOLO DI FONDO, EDITORIALE, D'OPINIONE, ...=> iniziamo a commentare la tematica
3)
CONCLUSIONE

QUALCHE SUGGERIMENTO PER UNA CONCLUSIONE EFFICACE
1) CONCLUSIONE A FINALE APERTO (con ulteriori elementi di riflessione per il lettore)

2) CONCLUSIONE-SINTESI

3) CONCLUSIONE AD EFFETTO (aneddoto, immagine si imprimano nella mente del lettore)

4) CONCLUSIONE INTERROGATIVA
ALCUNE CARATTERISTICHE DELLO STILE
periodi brevi (. e ,) => chiarezza
moderare l'uso delle subordinate
prediligere la forma attiva più che la passiva
prediligere la forma + più che la -
non usare la doppia negazione
ridurre al minimo incisi e parentesi
usare poche sigle ed abbreviazioni poco note
non collocare preposizioni semplici o articolate messe l’una dopo l’altra (ad es. “con delle”)
scegliere parole precise
evitare le ripetizioni (a meno che non voglio creare un effetto preciso)
attenzione all'uso di aggettivi e avverbi
ALCUNI CONSIGLI PER SCRIVERE UN BUON ARTICOLO
UN PO' DI STORIA DEL GIORNALISMO
Il giornalismo moderno ebbe inizio anche grazie...
-
stampa a caratteri mobili di Gutenberg

- inizio => sperimentò la stampa su fogli singoli e libretti contenenti testi di grammatica latina
-
ma
a partire dal 1450 circa si dedicò a un progetto molto più ambizioso: stampare il libro più diffuso dell'epoca ‒ forse di ogni tempo ‒ la Bibbia
- la Bibbia veniva venduta in fogli ripiegati, e successivamente rilegata in base al gusto del proprietario
- non si sa esattamente quante furono le copie stampate, ma probabilmente furono circa
180 quelle su carta
, più altre su supporti più lussuosi (per l'epoca si trattava di una tiratura straordinaria)
- la stamperia di Gutenberg rimase attiva a Magonza fino al 1465 circa

Inghilterra, '700
- 1785 un imprenditore londinese fondò il
Daily Universal Register
, che nel 1788 mutò il nome della testata in
The Times
- dichiarava di non essere "ristretto a una classe sociale, né al servizio di un partito" => folto pubblico di lettori
- fine del Settecento il giornalismo inglese =>
'quarto potere'
dal deputato inglese Edmund Burke nel 1787
- essa è diventata di uso comune => '900 TV 'quinto potere'
Anni 30 dell' '800, USA
Penny press
Grazie a:
- diminuzione del costo della carta
- sostegno della pubblicità
i giornali poterono essere stampati in un maggior numero di copie e distribuiti a un prezzo più basso.

Prima
della Penny press => i quotidiani erano venduti per abbonamento e riservati a politici e uomini d'affari

Ora
:
- i giornali venivano distribuiti per strada dagli strilloni e nelle edicole diventando accessibili a tutti
- l'informazione riguardava ogni aspetto della vita quotidiana e comprendeva la cronaca cittadina, la cronaca nera (delitti, furti, rapine) e quella mondana.
Prodotti della Penny press
1) 1833,
The New York Sun
di piccolo formato (4 pgg. su 3 cll.)
It shines for all
2) 1859,
N.Y. Tribune
intervista (la fonte è prova dell'obiettività e dell'attendibilità del giornalista
3) 1851,
N.Y. Times
1857 => 2 penny (8 pg. a 6 col.)
4) 1883,
N.Y. world
(
Pulitzer
)





Il famoso premio Pulitzer
- nel 1903 P. destinò una forte somma per una scuola di giornalismo alla
Columbia University di New York
- il premio P. nasce da un lascito di 500.000 dollari alla Columbia Univ.
- i premi sono
annuali
(i primi furono dati nel maggio 1917) e si assegnano sotto il controllo della Scuola di giornalismo e degli azionisti di quella università
-
8 per il giornalismo
, 5 per la letteratura e, dal 1943, 1 per la musica.

http://www.ilpost.it/2015/04/20/live-pulitzer-2015/

In Italia
- il
1^ giornale
italiano risale al
1664
, la Gazzetta di Mantova (divenuta più tardi quotidiano e tuttora edita)
- il
primo quotidiano
italiano, il Diario Veneto, apparve nel
1765
a Venezia
- dal 1859 sino alla fine del secolo nacquero centinaia di quotidiani (taluni di breve durata)
- fra quelli che riuscirono ad affermarsi:
Venezia, Il Gazzettino (1887)
Bologna, Il Resto del carlino (1885)
Trieste, Il Piccolo (1881 e divenuto un focolaio d’italianità)
Firenze, La Nazione (1859)
Genova, Il Secolo XIX (1886)
Torino, La Stampa (1895)
Milano, il Corriere della sera (1876, primato del giornalismo italiano)
Napoli, Il Mattino (1892)
Palermo, Il Giornale di Sicilia (1860)
Roma, L’Osservatore romano (1861, espressione del pensiero del Vaticano) + Il Messaggero (1878) + La Tribuna (1883) + l’Avanti! (1896, primo g. socialista)
Approfondimento: Il Corriere della sera
EUGENIO TORELLI
- napoletano trapiantato a Milano
- garibaldino
- fondatore => 5-6 marzo 1876 (la data non è casuale!!)
- 1^ num. => solo quattro pagine:
1^ pag., l’editoriale di presentazione del nuovo quotidiano a firma del suo direttore
2^ pag., la politica
3^ pag., la cronaca nera milanese e le notizie brevi d’agenzia
4^ pag. era infine destinata alla pubblicità
- gli strilloni ne vendettero in piazza della Scala e nelle altre vie centrali di Milano circa 15mila copie, nei giorni seguenti le vendite del Corriere si assestarono sulle 3mila copie
- costavano 5 centesimi l’una nel centro urbano di Milano, 7 centesimi fuori città
- si chiamò “Corriere della Sera” per il fatto che effettivamente usciva verso sera, intorno alle quattro o le cinque del pomeriggio
Alcuni stralci dell'articolo di presentazione firmato da Torelli:

Pubblico, vogliamo parlarci chiaro. [...]Vuoi che si dica pane al pane e non si faccia un trave d’una fessura. Sai che un fatto è un fatto ed una parola non è che una parola, e sai che in politica, più che nelle altre cose di questo mondo, dalla parola al fatto, come dice il proverbio, v’ha un gran tratto. Noi dunque lasciamo da parte la rettorica [sic] e veniamo a parlarti chiaro.
Bava Beccaris ''fa saltare'' Torelli
- 1898, pacifico sciopero (donne, anziani e bambini) per l'aumento del prezzo del grano => pane
- 20.000 militari in assetto di guerra vs. 40.000 civili armati di fame e che si difendevano con pietre
- generale Bava Beccaris => ordina di aprire il fuoco (''il macellaio di Milano'')
- re Umberto I ''premia'' B.Beccaris => Croce di grande ufficiale dell'ordine militare dei Savoia + seggio in Parlamento
Luigi Albertini
- nuovo direttore di 29 anni
- vuole dare al giornale un'impronta internazionale:
fitta rete di corrispondenti ed inviati => reportage di guerra e di viaggio (Gabriele D'Annunzio)
importanti commentatori => Luigi Einaudi (Presidente della Repubblica 1948-1955)
1904 => trasferimento in Via Solferino
apice della tiratura:
- 75mila copie (1900)
- 275mila copie (1911)
- 350mila copie (1913)
- 600mila copie (1920)
- diventa senatore
- 1922, Marcia su Roma => ''camicie nere'' intimano ad Albertini di appoggiare la loro scalata alla conquista del potere => sospende le pubblicazioni per un giorno in segno di protesta => discorso critico in Senato di Albertini
Assassinio Matteotti: punto di rottura fra Albertini e Mussolini
Dopo il delitto:
- Albertini nega la fiducia al governo Mussolini
- il Corriere mette in luce i legami tra gli autori del delitto ed ambienti vicini al Duce
- l'obiettivo di Mussolini è disfarsi di Albertini




mette alle strette la famiglia Crespi
i fratelli Albertini vengono estromessi dalla direzione del Corriere (1925) => Corriere fascista
Pier Paolo Pasolini
(Bologna, 5 marzo 1922-Roma, 2 novembre 1975)
-
1973-1975
collaboratore del Corriere con i suoi pezzi controcorrente
''Scritti corsari''
Mentre ascolti l'intervista di Biagi a Pasolini, focalizza l'attenzione su:
1) la parola successo
2) la parola TV
3) i ''toni'' della conversazione
Nel 1981 scoppia lo scandalo P2...
Due perdite importanti...di chi ricerca la verità!
Il Corriere oggi
Per riassumere
http://www.lastoriasiamonoi.rai.it/video/il-corriere-della-sera/2773/default.aspx

Parole chiave

- Propaganda 2

- Licio Gelli, Il Gran Maestro, Il Venerabile

- Piano di Rinascita

- + iscritti (di ogni colore politico e non solo)

- tessera 523 => Angelo Rizzoli




Ascolta con attenzione!!!
Full transcript